Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Festa del Corpo 2011: La città brucia, la nobiltà balla.


Polizia Penitenziaria - Festa del Corpo 2011: La città brucia, la nobiltà balla.

Notizia del 15/05/2011

in Anche le Formiche nel loro piccolo si incazzano

(Letto 3594 volte)

Scritto da: Agente Furioso

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


E anche quest’anno abbiamo celebrato l’Annuale della Polizia Penitenziaria.

Sotto l’Arco di Costantino, monumento alla glorificazione dei grandi condottieri romani, si è consumata davanti alle telecamere della RAI la cerimonia del 194° compleanno del Corpo.
TANTI AUGURI A TUTTI I COLLEGHI E VIVA LA POLIZIA PENITENZIARIA !
...
Ma chi era il festeggiato ?
Schierate sotto il palco delle autorità, a fianco dell’arco trionfale, tre compagnie in uniforme: due di vice commissari (in sciarpa e sciabola) ed una del GOM (in uniforme tattica).
E, quindi, dov’era rappresentato il collega che lavora in sezione, quello che traduce il detenuto o che lo piantona all’ospedale?
Dov’era la guardiacarcere ?
Ancora una volta, chi ha avuto (usurpato) la responsabilità di organizzare la cerimonia ha fatto la scelta sbagliata o, meglio, quella che gli faceva più comodo.
E, così abbiamo schierato reparti che rappresentavano soltanto una minima parte del Corpo (400 in totale i Funzionari, 600 complessivamente il Gom) lasciando orfani di rappresentanza i restanti trentottomila colleghi, quelli che sono la vera spina dorsale della Polizia Penitenziaria.
Del resto, non potevamo aspettarci altrimenti considerato chi, come e perché, ha organizzato l’evento.
Sotto la solita regia del ViceCapoVicario (dirigente generale penitenziario) l’organizzazione, la pianificazione, la gestione e l’amministrazione della Festa del Corpo della Polizia Penitenziaria è stata affidata ad un dirigente penitenziario  e a un dirigente educatore.
Questi sono coloro che hanno deciso chi, come, dove,  quando e perché, doveva partecipare alla Festa della Polizia Penitenziaria.
Al di là di una comunque (per fortuna) sufficiente visibilità agli occhi dell’opinione pubblica, che ci ha almeno risparmiato figuracce mediatiche, osservatori più attenti, con l’occhio da addetto ai lavori, hanno rilevato le solite defaillance dell’organizzazione.
Innanzitutto, si è persa l’unica vera conquista degli ultimi anni: la diretta televisiva. Ci è rimasta una sintesi differita su RAI 3, che speriamo di non perdere anch’essa il prossimo anno.
Prima conseguenza, la scarsissima presenza nei TG che in pochi e marginalmente hanno ripreso la notizia dell’evento.
Il comando dell’intero schieramento (quasi un battaglione) è stato affidato ad una giovane funzionaria con meno di cinque anni di servizio, la qualifica di commissario (capitano) e, ovviamente, una esperienza commisurata all’età e all’anzianità di servizio.
Stesso discorso per l’organizzazione sul campo e la direzione del personale inquadrato che è stato affidata a tre funzionarie (in servizio al Dap) con gli stessi requisiti di età, anzianità e qualifica della comandante dello schieramento.
Durante la cerimonia, sono state numerose le defezioni per mancamento tra le fila dei funzionari schierati (qualcuno sostiene almeno una ventina) che hanno lasciato parecchi spazi vuoti tra i reparti.
Se le defezioni tra i reparti schierati possono essere considerate indipendenti dalla volontà dell’interessato, altrettanto non si può dire degli abbandoni del posto in tribuna che, sempre a dire di attenti osservatori, sono state in egual misura numerose tra i funzionari in uniforme.
Spiace, come al solito, constatare la convinzione dei dirigenti responsabili dell’organizzazione di non dover render conto a niente e nessuno delle scelte che fanno e delle decisioni che prendono.
Noi crediamo che non dovrebbe essere così...
Vorremmo  sapere, ad esempio,  perché hanno deciso di non rappresentare tutti i poliziotti penitenziari alla Festa del Corpo e vorremmo sapere, soprattutto, perché nessun poliziotto penitenziario ha preso parte all’organizzazione della propria festa.
Vorremmo sapere perché queste persone vogliono per forza decidere per noi. Vorremmo sapere che c’azzecca un dirigente educatore con il Corpo.
Vorremmo sapere perché sono più di dieci anni che la stessa persona sovrintende allo staff organizzativo.
Noi, semplicemente, vorremmo organizzarci da soli la nostra Festa!
E, invece, sono più di vent’anni che nel Palazzo d’Inverno la Nobiltà continua a ballare mentre, fuori, la città brucia.
Viva la Polizia Penitenziaria.
(Abbasso chi vuole comandare in casa nostra.)
 
L’Agente Furioso

Scritto da: Agente Furioso
(Leggi tutti gli articoli di Agente Furioso)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni
Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso
Tre Poliziotti penitenziari feriti da un detenuto con forbici affilate appositamente
Carceri italiane ed edilizia penitenziaria: al massimo si da una ritinteggiata
Nuovo carcere a Nola: in scadenza il bando per la realizzazione
Chiso l''OPG di Montelupo Fiorentino: consiglieri comunali accusano sprechi e disagi
Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada
Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


condivido in toto tutto lo scritto dell'agente furioso ,ero presente alla festa ,come rapresentande della associazione ,ANPPE, di Benevento, effettivamente ,e stata una festa di facciata ,non si smentisce mai la vecchia, e obsoleda amministrazione penitenziaria

Di  luigi  (inviato il 18/05/2011 @ 22:13:32)


n. 4


Furioso ha ragione da vendere, altrochè. Ed Antico continua a guardare il dito anzichè la luna... Come in politica c'è chi ha l'ossessione di Berlusconi, così nella polizia penitenziaria c'è l'ossessione di Capece. Ed entrambi, molto bravi, governeranno ancora a lungo perchè i colleghi (così come gli elettori italiani) sono più intelligenti di quanto pensano alcuni

Di  Vero eretico  (inviato il 16/05/2011 @ 13:51:54)


n. 3


Caro Agente Antico (che puzzi di entourage "dei pressapoco gli stessi" lontano un miglio), forse non mi lamentavo perchè comunque lui era un collega, uno di noi ?
Eppoi la tua memoria è corta, molto corta (diciamo tre o quattro anni?) perchè qualche tempo addietro non c'erano direttori ed educatori che decidevano tutto.
Caro il mio Agente Antico (se sei veramente un collega) quanto vale il tuo "non vedo, non parlo, non sento" ?

Di  L'Agente Furioso  (inviato il 15/05/2011 @ 20:45:26)


n. 2


Condivido in toto quanto scritto da Furioso. Le ragioni a mio parere vanno ricercate dalle qualità degli attuali Commissari (vecchi e nuovi) che non hanno manico per imporsi. Un vecchio MARESCIALLO degli AGENTI DI CUSTODIA, sarebbe capace di ottenere di piu e di mandare a pascolare tutti questi impiegati.

Di  io  (inviato il 15/05/2011 @ 19:43:39)


n. 1


Chissà perchè quando l'organizzazione e lo schieramento erano affidati a Monsieur Sciabolone (ora in pensione) l'Agente Furioso non si lamentava... mah!... eppure gliorganizzatori erano pressapoco gli stessi... Poveri noi!...

Di  Agente Antico  (inviato il 15/05/2011 @ 17:55:54)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.146.176.30


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

4 Riordino, organici dirigenziali: tra eccessi e sottodimensionamenti dei dirigenti della Polizia Penitenziaria

5 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

6 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

7 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

8 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

9 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

10 Anche i mafiosi hanno fame





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Poliziotto penitenziario travolto da auto mentre era in moto: è ricoverato in gravi condizioni

5 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

6 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

7 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

8 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

9 Bidognetti, il capoclan dei Casalesi, comunicava dal 41-bis con messaggi nascosti

10 Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada


  Cerca per Regione