Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
Firenze Sollicciano … tanto tuonò che NON piovve


Polizia Penitenziaria - Firenze Sollicciano … tanto tuonò che NON piovve

Notizia del 14/06/2018

in Anche le Formiche nel loro piccolo si incazzano

(Letto 338 volte)

Scritto da: Interventi ricevuti

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Le carceri sono una polveriera, un luogo in cui si gestisce, allo stesso tempo, il disagio umano più miserevole ed una collettività violenta e riottosa alle regole.

Le carceri sono allo sbando, colpa di una politica che le ha rese sempre più vicine ad asili nido e sempre più lontane dai quei luoghi in cui si garantisce, con autorevolezza e nel rispetto della legge, la sicurezza nazionale.

Il personale di Polizia Penitenziaria vive quotidianamente questo dramma e soffre una condizione di disagio lavorativo mista all’impotenza di dover subire atteggiamenti in cui, talvolta, la mortificazione fa più male del dolore fisico che si prova a ricevere un pugno in sezione.

C’è un sindacato nel capoluogo toscano che tutto questo lo sa bene e per questo motivo  si fa in quattro per aiutare i lavoratori, con tutti i mezzi possibili e tutti  i sistemi consentiti.

Sì, perché quando  le condizioni  del lavoratore ti stanno a cuore, anche se magari non sei portatore sano  di grossa voglia di  lavorare, lotti contro tutto e tutti per contrastare i prepotenti, quelli che ogni giorno si presentano in servizio con un solo obiettivo: rovinare la giornata al prossimo … solitamente il più debole.

L’unico obiettivo di questi rappresentanti è dare voce ai più deboli, far valere le loro ragioni e ripristinare l’ordine, la sicurezza e la disciplina.

Qual è il segreto del bravo Paladino della Giustizia e del sostenitore dei diritti del lavoratore?

Sicuramente rendersi visibile agli altri (lavoratori) perché questi possano incontrarlo e chiedere il suo intervento e la sua protezione.

Occorre, però, trovare il luogo migliore, la piazza virtuale, il posto in cui tutti, per un caffè o un cappuccino, si trovano a passare.

Ed è qui che il bravo Paladino edifica una sorta di seconda casa, un ufficio distaccato, nel quale poter accogliere, seduto a un tavolino, le doglianze del collega bisognoso.

Naturalmente, maggiore sarà la sua permanenza in questa sede distaccata, maggiori saranno i problemi di cui potersi far carico.

E così, il collega bisognoso fa la sua apparizione fugace, giusto il tempo di bere un caffè  per confidare l’ultima vessazione;

Il Paladino, invece, resta lì il più a lungo possibile, pur di aiutare la maggior parte della gente.  

Altro importante strumento che un buon rappresentante dei lavoratori deve necessariamente avere a disposizione è un gruppo fidato di collaboratori, anch’essi lavoratori, di quelli che stanno in mezzo alla gente, con la base, e che con la base discutono dei problemi e delle doglianze.

In tal modo, potrà rappresentare al Capo tutto quello che non va … perché lui se ne faccia carico. Naturalmente, un buon collaboratore deve essere persona credibile, seria, di esempio  sul  lavoro. Immaginate un rappresentante dei lavoratori spesso assente per malattia o che abbandona il servizio quando questo non è di suo gradimento.

Sarebbe un rappresentante poco credibile, certamente da non prendere ad esempio, uno al quale difficilmente ci si rivolgerebbe per far tutelare un diritto negato.

La condizione di disagio e le malefatte dei mobbizzatori devono, però, essere portate a conoscenza del maggior numero di persone, affinché tutti sappiano quali e quante ingiustizie vengono commesse nel giglione fiorentino.

E allora l’”ufficio distaccato” non basta più, occorre uno strumento che  dia voce al Paladino, che sia accessibile a tutti, anche a coloro i quali, magari poco interessati alle beghe di corte, possono leggere, commentare, esprimersi su fatti e persone che nemmeno conoscono.

Ma si sa … quando c’è di mezzo la tutela del lavoratore, tutto è permesso.

Arriva, infine, il momento in cui il Paladino deve raccogliere i risultati dei suoi immensi sforzi, il giorno in cui, cioè, si raccoglie il frutto delle giornate trascorse al servizio degli altri (lavoratori), dove il virtuale deve fare spazio al reale.

A quel punto, quando sembra che la pentola a pressione del malcontento stia per esplodere, il Paladino convoca tutti quelli che hanno dovuto subire le angherie del “Padrone”, per presentare a costui il conto e cacciarlo via tra due ali di folla oceanica che lo scherniscono e lo sbeffeggiano.

E invece?

Il povero Paladino si ritrova solo, contornato da un numero di seguaci che si possono contare sul palmo di due mani, (forse) ancora una volta, a far proclami sul peso specifico dell’aria.

Qual è la morale di questa storia?

I problemi ci sono. E sono tanti.

Ma per risolverli occorre dare il  buon esempio.

Perché la gente non è stupida e non accetta di ricevere tutela da chi, nei momenti difficili è altrove, a godersi i propri privilegi inviolabili.

Allora è inutile tuonare e gettare fango quotidianamente su chi lavora, e lavorando sbaglia, perché sono tuoni che non portano mai pioggia.  

 

 

 


Scritto da: Interventi ricevuti
(Leggi tutti gli articoli di Interventi ricevuti)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Carcere di Taranto: Nessuno tocchi caino, ma di abele chi si preoccupa?”
Porta droga per il fratello: Scoperto dalla Penitenziaria e ora è dietro le sbarre con lui
Cassazione: detenuti per mafia non possono scrivere ad associazione per diritti carcerati
Caos al carcere di Prato: detenuto picchia agente, fuoco nelle celle
Stancanelli (Vice Pres. Comm. Giustizia): nuove strutture carcerarie e nuove assunzioni nel campo delle forze dell''ordine
I nuovi Presidenti della Commissione Giustizia: nominati Giulia Sarti e Andrea Ostellari
Carla Spagnoli (Presidente Movimento per Perugia):lo Stato aiuti la Polizia Penitenziaria.
Venezia, sesso in carcere con le detenute: medico patteggia 18 mesi di reclusione


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.225.31.188


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

2 Carceri: procuratore aggiunto Potenza Basentini verso guida Dap

3 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

4 Ma col Ministro Orlando c’era un progetto, a tavolino, per depotenziare la Polizia Penitenziaria?

5 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

6 Tempo di bilanci per il Ministero della Giustizia

7 In sezione comme a la guerre

8 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

9 Firenze Sollicciano: bubbole, fandonie e fanfaluche

10 La favoletta dell’autoconsegna di Siracusa e le fake news di certe paginette facebook





Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Non gradisce la sistemazione in cella, detenuto aggredisce agente della Penitenziaria

3 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

4 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

5 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

6 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

7 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

8 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

9 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria

10 Ariano Irpino:Si sono offerti in ostaggio per salvare i loro colleghi


  Cerca per Regione