Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Formazione ed aggiornamento del Corpo di Polizia Penitenziaria: privilegiare corsi dal taglio sia teorico che pratico


Polizia Penitenziaria - Formazione ed aggiornamento del Corpo di Polizia Penitenziaria: privilegiare corsi dal taglio sia teorico che pratico

Notizia del 12/09/2016

in Le Opinioni

(Letto 3558 volte)

Scritto da: Agente Sara

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Un tema che necessariamente deve rimanere al centro dell'attenzione è la formazione e l'aggiornamento del personale del Corpo di Polizia Penitenziaria.

Almeno così dovrebbe essere, per poter garantire ai poliziotti un aggiornamento costante degli strumenti a propria disposizione, al fine di fronteggiare meglio gli eventi che, di volta in volta, possono presentarsi nella realtà penitenziaria.

Le giornate di formazione ed aggiornamento non sono soltanto momenti di "stacco" con la quotidianità, ma vere e proprie occasioni di confronto tra tutto il personale di Polizia Penitenziaria, impiegato nelle varie articolazioni.

Ecco, si deve parlare sempre di formazione ed aggiornamento verso il personale impiegato nelle varie articolazioni, perché così assume maggiore efficacia allorquando tutto il personale viene ad essere coinvolto, contribuendo a garantire sempre più una conoscenza omogenea nelle diverse realtà.

Perché la Polizia Penitenziaria non può e non deve essere il risultato frammentato di una formazione ed un aggiornamento differenti da realtà a realtà, perchè in tal modo non si raggiunge nulla di costruttivo, anzi, tutt'altro....

Inoltre, ancor di più, risulta essere "azzeccata"  la formazione che riesce a toccare con mano quella quotidianità che si ripropone in istituto privilegiando, in particolare, corsi che si sviluppano in duplice chiave: teorica e pratica, rilevandosi di conseguenza un bagaglio importante di strumenti da utilizzare al momento opportuno.

A tal proposito, mi viene da richiamare alla memoria il corso di difesa personale (metodo MGA) che in passato è stato rivolto, in più edizioni, agli uomini e alle donne del Corpo in servizio presso gli istituti.

Un percorso che ha avuto particolare successo tra i partecipanti, proprio perché ad una formazione teorica si é scelto di affiancare, di pari passo, una formazione pratica per fornire le principali nozioni di tecniche operative quali ammanettamento, perquisizioni, barricamenti, disarmo, resistenze passive, difesa da aggressioni effettuate con varie modalità ... eccetera.

Questo è solo un esempio, purtroppo gli eventi critici rappresentano un tema costante, nella realtà penitenziaria, ed ecco perché tale tema rimane importante da affrontare, costantemente, attraverso una formazione sia teorica che pratica.

Si pensi a lezioni volte a focalizzare il modus operandi migliore da adottare in specifiche situazioni come il piantonamento di un detenuto aggressivo; il tentativo di suicidio da parte di un ristretto; come gestire una situazione di alta criticità quando un detenuto minaccia gesti autolesionistici; ovvero la messa in atto di protocolli operativi in particolari situazioni come eventi sismici, incendi, oppure in eventi critici come i gravi disordini messi in atto dalla popolazione ristretta per protesta e, ancora, ampliare le conoscenze dei poliziotti sulle diverse tematiche attuali che possono influenzare il sistema carcere; e si potrebbe proseguire ad oltranza, anzi proprio durante questi corsi, spesso, parlando tra colleghi c'è chi esprime la propria opinione su quale tipologia di corso potrebbe essere interessante e, sopratutto, utile. Opinioni importanti proprio perché rispecchiano le necessità di tutti i giorni.

Una cosa é certa, qualsiasi corso teorico e pratico che effettivamente si applica sul campo, non rimane silente nel percorso di ognuno, anzi diventa uno strumento da mettere da parte che potrà sempre tornare utile al poliziotto penitenziario in servizio.

Investire nella Polizia Penitenziaria é quanto di più essenziale perché nel carcere, come nelle varie articolazioni, ci sono gli uomini e le donne a dare sempre il meglio di sé per fronteggiare le situazioni che si presentano e per loro ogni investimento è la migliore scelta che si possa decidere di fare!!!!

 

 


Scritto da: Agente Sara
(Leggi tutti gli articoli di Agente Sara)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotti Penitenziari aggrediti da un detenuto nel carcere di Busto Arsizio
Ndrangheta: boss impartiva ordini dal carcere de L’Aquila. 12 arresti
Torino IPM. Evasione sventata dalla Polizia Penitenziaria
Biella, agente di Polizia Penitenziaria Aggredito da un Detenuto
Evasione da Sollicciano: due dei tre evasi erano stati arrestati qualche giorno prima
Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento
Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata
Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


Corsi di formazione, aggiornamento...
Ne esistono? Sono pubblicizzati?
Il corso antiterrorismo per dire... Son venuto a sapere che esisteva circa 3 mesi dopo la sua conclusione, distrazione mia? Poca sensibilizzazione dell'evento?
Non voglio scomodare parole grosse come "parità di accesso" ma quantomeno si rende il personale conscio delle opportunità formative?

Parliamo di MGA... E' un metodo di autodifesa che richiede un esercizio continuo, costante, di svariati anni (intendendo con tal numero quantomeno 7-8 di fila, 3 volte a settimana almeno 2 ore a lezione) per avere una certa naturalezza nella sua attuazione.
Diverso sarebbe per la boxe, in 5-6 mesi si può apprendere una certa guardia, qualcosina a livello di uscita dai colpi e delle risposte.
Ovvio poi che lì entrano in campo più che scelte tecniche, su quale sport sia maggiormente assimilabile ed applicabile, scelte politiche su cosa vada meglio nel 2016.

Io più che corsi fatti tanto per, vorrei dei corsi che dessero professionalità in base all'incarico.
Sei al nucleo traduzioni? Corso scorta, tiro operativo etc
Sei alla matricola? Corso matricola.
Corsi obbligatori, non sognati,aspirati e magari raggiunti dopo anni di richieste,peripezie e ceri accesi.

E così via per ogni tipologia di mansione.

Dimenticando quegli inutili corsi da 20-30 ore in lingue straniere (specialmente l'arabo) che servono solo a far scena. Se per imparare una lingua occorrono in media 5-6 anni di applicazione, come si fa in 30 ore a saper qualcosa che vada oltre il saluto?

Vorrei una formazione specifica nel riconoscimento di sostanze stupefacenti per gli addetti colloqui e magazzino, corsi di polizia giudiziaria per coloro che (in qualche carcere e regione) sono impiegati in tal senso.

Walkie Talkie per chi lavora in sezione, perché se ti viene incontro un detenuto con un'arma rudimentale puoi non avere la possibilità di arrivare al telefono. Puoi non avere il tempo o la lucidità di comporre il numero col cordless (per chi ha il cordless).

Vorrei corsi riservati alle mansioni. Utopia?

Di  Utopia anno 2016  (inviato il 12/09/2016 @ 10:41:49)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.163.158.163


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

3 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

4 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

5 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

6 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

7 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

8 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

9 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

10 Diventa anche tu Capo del DAP!





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

5 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

6 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

7 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

8 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni

9 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

10 Bidognetti, il capoclan dei Casalesi, comunicava dal 41-bis con messaggi nascosti


  Cerca per Regione