Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Funzionari al workshop sul braccialetto elettronico


Polizia Penitenziaria - Funzionari al workshop sul braccialetto elettronico

Notizia del 04/07/2014

in Mondo Penitenziario

(Letto 3238 volte)

Scritto da: Mario Salzano

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


I comandanti di reparto, i direttori ed i responsabili degli U.E.P.E. della regione Toscana hanno partecipato ad un workshop tenutosi a Firenze, nella giornata del 12 giugno, sul braccialetto elettronico. L’incontro è stato organizzato dal P.R.A.P. della Toscana in collaborazione con “Itasforum”, Centro Studi per la Sicurezza.

A fare gli onori di casa il Provveditore Regionale, Carmelo Cantone che ha condiviso con i numerosi ospiti, tra cui il sottosegretario alla Giustizia on. Cosimo Maria Ferri, il Prefetto di Firenze Luigi Varratta, il Presidente del Tribunale di Sorveglianza Antonietta Fiorillo le problematiche e le prospettive di questo nuovo modo di fare sicurezza.

Di braccialetto elettronico, o meglio di mezzi elettronici di controllo si parla oramai dal 2000, quando il decreto n. 341 (antiscarcerazioni), modificato dalla legge 19 gennaio 2001 n. 4, ne propose l’applicazione. Già in quella occasione si pensò all’uso del braccialetto elettronico sull’onda di una situazione di emergenza che, ai giorni nostri non pare essere terminata. Sin da quei primi momenti si percepirono una serie di difficoltà che solo in parte hanno trovato soluzione nel corso di questi anni. La consapevolezza di tali difficoltà è, d'altronde, percepita nello stesso titolo del workshop: “il braccialetto elettronico: l’adeguamento dell’Italia alle sperimentate prassi in ambito europeo e internazionale”, quasi a voler sottolineare la perenne rincorsa della Pubblica Amministrazione ad una esigenza di “adeguamento”, di rientro nelle regole che l’Europa, in specie in questi ultimi anni impone all’Italia in tema di detenzione e di esecuzione della pena.

Nel corso di questo lungo periodo di inerzia, tuttavia, le spese per la fornitura del servizio e, più in generale, i costi legati al braccialetto elettronico non si sono mai arrestati: circa una decina di apparecchi (a fronte dei 2000 programmati) sono stati applicati nel corso dei circa quattordici anni dalla entrata in vigore della legge, al punto che, come giustamente evidenziato da uno dei responsabili del Centro Studi per la Sicurezza “Itasforum” - che ha esposto il funzionamento del sistema, anche da un punto di vista delle problematiche ad esso sottese - ogni braccialetto applicato nel corso di questi anni è costato più o meno quanto un più prezioso bracciale di Bulgari! “Un sistema ancora troppo costoso e non ancora a punto”, come ha anche affermato in una recente audizione il capo della polizia, il prefetto Pansa.

Il sottosegretario alla Giustizia ha evidenziato che tale sistema di fare sicurezza deve diventare la regola da seguire e non più l’eccezione, soprattutto dopo la legge 146 del 2013 (svuotacarceri), e non solo per coloro che vengono sottoposti a misure cautelari ma anche per i detenuti che fruiscono di permessi premio, di misure alternative alla detenzione ed in caso di reati di particolare allarme sociale.

I problemi maggiori che sono emersi nel corso dei lavori del convegno riguardano i sistemi di trasmissione, ancora troppo poco affidabili, almeno rispetto ai più tecnologici sistemi utilizzati in altri paesi d’Europa. Una tecnologia «base», quella utilizzata per i nostri braccialetti elettronici, che utilizza un segnale radio che dal braccialetto va ad una «consolle» appositamente installata nella casa della persona da vigilare. Quando i due apparecchi non «dialogano» più allora scatta l’allarme. Altri apparecchi in uso in Europa hanno almeno il g.p.s. per stabilire l’esatto punto dove si trova una persona, ma in Italia questo passo non è stato ancora attuato.

In generale, la nuova normativa sulle carceri è vista con favore perché, come affermato dal presidente del Tribunale di Sorveglianza, inizia ad affrontare le problematiche in maniera strutturale.

Il problema della esecuzione penale, sempre più legato al sovraffolamento carcerario, deve essere affrontato ponendo una particolare attenzione anche al di là delle ordinarie modalità custodiali che, allo stato attuale, sempre con più difficoltà rispondono ai dettami della Costituzione.

L’auspicio, da operatore penitenziario (ma sento di partecipare il pensiero e le aspettative di numerosi miei colleghi) è che le problematiche sottese all’utilizzo su ampia scala del braccialetto elettronico trovino a breve soluzione, attraverso un miglioramento delle tecnologie di funzionamento del sistema, una completa “messa a punto” delle modalità di sorveglianza e di pronto intervento in caso di necessità, la creazione di buone prassi e, certamente non da ultimo, una sensibile riduzione dei costi di gestione. Il contraltare a tutto ciò non potrà che essere un deflazionamento di presenze all’interno degli istituti penitenziari e la possibilità di poter iniziare ad agire per progetti e non più sulle emergenze cui far indifferibilmente fronte entro scadenze prestabilite.

In conclusione, ho percepito il coinvolgimento dei direttori penitenziari e dei comandanti, oltre che dei direttori degli U.E.P.E., come un importante segnale di partecipazione ed inclusione, da parte del Provveditorato regionale, ad uno dei temi più delicati di questo particolare momento storico per l’Amministrazione Penitenziaria. L’auspicio è che ognuno, attraverso la propria professionalità ed il suo contributo di esperienza e buon senso possa cooperare al meglio per la buona riuscita di un progetto che non rappresenta soltanto una nuova modalità di esecuzione della pena ma anche e soprattutto il presupposto per attività programmatiche di breve e lungo periodo.

 


Scritto da: Mario Salzano
(Leggi tutti gli articoli di Mario Salzano)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini
Andrea Orlando: il carcere di Sassari migliore della media nazionale, un carcere di qualità
Tre detenuti devastano una cella di Orvieto e feriscono un Poliziotto penitenziario
Porta hashish al figlio nel carcere di Viterbo ma viene scoperta dai cinofili della Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


A Pasquì...concordo!
Pensa te...ho sollevato tra gli altri, il caso dell'esoso costo ed antieconimicità dei braccialetti elettronici direttamente all'allora commissario straordinario per il piano carceri dott. Ninni Sinesio (amico della Cancellieri) durante un convegno.
Che dire...ci sono troppe controindicazioni che puntualmente vengono tramandate, ma prima o poi tutti i nodi verranno al pettine e magari ci scatta qualche avviso di garanzia
Ciao Pasquì

Di  John Malkovich  (inviato il 16/04/2015 @ 14:27:07)


n. 3


Tante volte qualcuno dimenticasse con chi dobbiamo convivere...

Il Ministero dell’Interno nega l’accesso ai contratti con Telecom sui braccialetti elettronici per “ragioni di segretezza”. Il Deputato del M5S, Andrea Colletti, della commissione Giustizia, sta seguendo questa incredibile storia. La storia del mega-appalto da 80 milioni di euro (in dieci anni) per l’utilizzo dei braccialetti elettronici sui detenuti ai domiciliari che il Governo ha sottoscritto con Telecom Italia senza alcuna gara pubblica!

http://www.imolaoggi.it/2015/04/15/braccialetti-elettronici-appalto-senza-gara-da-80-milioni-a-telecom-negati-chiarimenti/


Di  PASQUINO  (inviato il 15/04/2015 @ 21:12:40)


n. 2


La farsa dei braccialetti, che costano allo Stato (quindi a tutti noi), una cifra spropositata, corrisposta a Telecom.
Senza entrare nei particolari, (Cancellieri, Figlio&co), i braccialetti potrebbero essere controllati con il "sistema Tetra", che è dotato anche di localizzatore satellitare, sfrutta tecnologia militare ed è molto più preciso.
HA UNA SOLA CONTROINDICAZIONE, SAREBBE PRATICAMENTE GRATIS.....
Mi sembra evidente, che utilizzare le video conferenze, sia economicamente troppo favorevole per lo Stato.

Pensare male, è peccato, ma spesso ce se indovina!!!

Di  PASQUINO  (inviato il 07/07/2014 @ 09:27:47)


n. 1


Non saprei proprio come giudicare questo nuovo strumento. Spero risulti efficace e quindi utilizzabile al più presto.
Intanto leggo di un ultimo caso di "udienza rischiosa". Un detenuto ha occultato una lametta all'interno della bocca, il tutto avvenuto nel tribunale di Piacenza.
Si moltiplicano sempre più le difficoltà per le "traduzioni per Giustizia".
Quando finalmente si utilizzeranno le videoconferenze? Cosa ne pensa il SAPPE di quest'ultimo strumento tecnologico che ci farà risparmiare soldi,tempo,Personale da impiegare e....salute?
Grazie
http://www.sappe.it/rewrite/public/19775-piacenza.-detenuto-all-udienza-armato-di-lametta%2C-agenti-intervengono.asp

Di  Favorevole  (inviato il 04/07/2014 @ 22:34:58)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.146.179.146


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

5 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

2 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

3 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

4 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

5 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

8 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Cinque posti da procuratore DNA a Roma: concorrono anche Alfonso Sabella, Francesco Cascini e Calogero Piscitello


  Cerca per Regione