Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Giovanni Tamburino come il Marchese del Grillo: Perchè io so' io ...


Polizia Penitenziaria - Giovanni Tamburino come il Marchese del Grillo: Perchè io so' io ...

Notizia del 14/11/2012

in Il Pulpito

(Letto 4757 volte)

Scritto da: Giovanni Battista De Blasis

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


I toni e i modi con cui Tamburino si rivolge a noi sindacalisti ricordano un po’ quel “io so’ io ...” con cui il marchese del Grillo sancì la distanza tra lui e il popolino romano.

Ovviamente, con tutte le proporzioni del caso. Il capolavoro di Mario Monicelli è storia. Alberto Sordi impersonò alla perfezione il marchese Onofrio del Grillo, nobile alla corte di Pio VII che, nella Roma papalina del 1809, spende le giornate nell’ozio più totale, tra bettole e osterie, senza alcun rispetto per niente e nessuno, trattando chiunque con sufficienza, legittimato dalla superiorità del suo ruolo.

A lui tutto è concesso.

Giovanni Tamburino è, senza dubbio, un ottimo Magistrato. E’ competente, serio, disponibile, cortese, signorile e preparato.

Rispetto a tanti altri dirigenti e magistrati che sono passati al Dap potrebbe sembrare un gigante, e tanto vale anche al confronto con l’attuale classe dirigente.

Forse per questo il Capo del Dap tratta gli altri con distaccata sufficienza, con sobria superiorità, con elegante menefreghismo.

Sembra avere quei modi gentili dei vecchi saggi che nascondono la saccenza con l’educazione.

“Me dispiace... ma  io so’ io e voi non siete un cazzo!” è forse una delle battute più note di Alberto Sordi.

La battuta, tratta dal film Il Marchese del Grillo, è pronunciata da Onofrio del Grillo all’indirizzo di alcuni popolani arrestati insieme a lui dalla polizia, per spiegare perché solo lui viene immediatamente rilasciato dopo aver rivelato la sua nobile identità.

La battuta, la scena e l’episodio rendono perfettamente l’idea di una Roma papalina e aristocratica dove, appunto, avevano credito soltanto il clero e la nobiltà, mentre il resto del popolo “non contava un cazzo”.

Del resto, l’intero film descrive la Roma dello Stato Pontificio di inizio ottocento quando, ancora, la parola di un nobile aveva un peso ed un valore maggiore di quella di qualsiasi altro cittadino.

Memorabile, in tal senso, anche la scena del falegname ebreo al quale il Marchese del Grillo, soltanto per un suo capriccio, decide di non pagare il lavoro fatto: “Aronne Piperno, tu sei giudeo e i tuoi antenati hanno costruito la croce su cui morì Gesù Cristo ... Posso esse ancora incazzato pe’ sto fatto?”.

Non a caso la vicenda giudiziaria conseguente al rifiutato pagamento si concluderà, contro ogni evidenza dei fatti, con il riconoscimento, da parte del Tribunale, del diritto del Marchese a non pagare e, addirittura, con la condanna del povero falegname ebreo.

Ebbene, nel personaggio del Marchese Onofrio del Grillo, calato in quel contesto di Stato Pontificio pervaso da profonde prevaricazioni sociali, intravedo in un certo qual modo profonde analogie con il Presidente Giovanni Tamburino e la sua gestione del dipartimento dell’amministrazione penitenziaria. Perlomeno per quello che riguarda la gestione della Polizia Penitenziaria e le relazioni con i sindacati del Corpo.

Personalmente, infatti, ho sempre percepito nell’atteggiamento del dottor Tamburino tutti gli aspetti di un novello Marchese del Grillo e del suo caratteristico “io so’ io e voi non siete un cazzo”.

Fin dai primi scambi di opinioni ho preso coscienza dell’assertività del suo dire e, soprattutto, della assoluta mancanza di spazio per il diritto di replica.

In buona sostanza, il dottor Tamburino dà l’impressione di chi ha già deciso e sta semplicemente assolvendo allo sgradito compito di spiegare a fastidiosi interlocutori quello che sta facendo o, il più delle volte, quello che ha già fatto.

Peccato, però, che non siamo “davvero” nella Roma papalina, abbiamo voce per parlare e mezzi di comunicazione per diffondere quello che diciamo.

E abbiamo già detto, ma ripetiamo, che il Presidente Tamburino sarà pure nobile e aristocratico ma non è immune da critiche e da censure soprattutto quando inciampa su provvedimenti discutibili e confutabili.

Mi riferisco, ad esempio, alla “Operazione Rieti” carcere a custodia attenuata dove il Grande Capo ha deciso di sperimentare la vigilanza dinamica e il patto coi detenuti, eclatante esempio di inefficienza e cattiva amministrazione.

In questo caso, appunto, il Presidente Tamburino ha dato esempio della sua protervia e del suo dirigismo inaudita altera parte : inizialmente dispone l’invio di trenta unità di Polizia Penitenziaria. prelevate da vari istituti, a Rieti fino al 30 aprile 2012 per essere poi sostituite da altrettanti uomini provenienti dal Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria.

Prima sperequazione: le unità provenienti da altri istituti penitenziari senza alcuna indennità, le unità provenienti dal Dap con trattamento economico di missione.

Successivamente, Tamburino decide di prorogare il servizio provvisorio delle trenta unità provenienti dal altri istituti, senza però revocare l’invio dell’ulteriore personale dal Dap.

Seconda sperequazione: a Rieti si arriva ad avere più agenti che detenuti; rapporto 0,68 a 1 (a Viterbo sezione alta sicurezza c’è un rapporto 0,35:1).

Ottobre 2012: il Grande Capo, oltre il termine inizialmente previsto del 30 settembre, impone un ultimo ulteriore invio di personale dal Dap a Rieti, salvo poi disporre il distacco di un Ispettore da Rieti al Dap per esigenze del suo palazzo.

A causa della pressione della Corte dei Conti che con una relazione ad hoc denuncia troppo personale della Polizia Penitenziaria distolto dagli istituti, il Presidente Tamburino dirama un comunicato con il quale conferma la propria politica di recupero del personale ai compiti istituzionali.

Risultati della gestione Tamburino da febbraio (data del suo insediamento) ad oggi, assegnati al Dap: 6 Commissari, 10 Ispettori, 3 Sovrintendenti, 11 Assistenti e 9 Agenti.

Media 5 poliziotti al mese.

Davvero niente male come media per chi ha voluto mandare per forza trenta uomini del Dap a Rieti per “dare una mano al servizio di istituto”.

Per non parlare poi delle dinamiche vigilanze e dei pacta sunt servanda mutuati dal diritto canonico.

Francamente, spero che passino in fretta questi cinque mesi che ci separano dalle elezioni politiche perché, sommati ai tre mesi necessari per nominare un nuovo Capo del Dap, sono davvero tanti da sopportare sotto l’autocrazia di Sua Eccellenza il Presidente Giovanni Tamburino.


Scritto da: Giovanni Battista De Blasis
(Leggi tutti gli articoli di Giovanni Battista De Blasis)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 9


Stiamo invecchiando in attesa di un miraggio ( vomitevole) il nostro tanto e guadagnato atteso trasferimento.. ma a nessuno gli e ne frega nulla ai vertici !il loro chiodo fisso è il detenuto , celle aperte , ecc .. è più semplice farsi arrestare e portare in galera per poi in breve tempo ottenere un trasferimento , che farsi 15 ,20 anni fuori casa con dignità , onestà e spirito di sacrificio ...mai gratificato ! questa è la realtà!! grazie !

Di  PEPPE INDIGNATO  (inviato il 03/12/2012 @ 13:44:41)


n. 8


per GIOVANNONI : Ben venga che la dottoressa stiano a cuore i problemi del corpo . Mà .... oggi c'è domani no , come lo sono i suoi predecessori destinati a cambiare in continuazione le loro poltrone . Per cui anche se ve ne fosse l'intenzione a cambiare le cose non ne avranno il tempo , oppure impediti da sostituzioni burocrate ecc.. NE abbiamo esempio dal giorno in cui è avvenuta la riforma , negli anni quanti capi si sono insediati ... risultato ? facciamo il passo del gambero o meglio , uno avanti e due dietro ... questo è il volere di quel colui .... che la polizia penitenziaria debba rimanere tale ...

Di  PEPPE INDIGNATO  (inviato il 16/11/2012 @ 23:18:03)


n. 7


Lo dico pubblicamente la Presidente Dr.ssa Simonetta Matone è una delle poche persone all'interno del Dipartimento che ascolta i problemi del personale ed è vicina agli appartenenti della Polizia penitenziaria.
Cari signorotti scendete dal piedistallo e prendete esempio!!!!!!!

Di  maurizio giovannoni  (inviato il 16/11/2012 @ 22:04:44)


n. 6


... non c'è speranza se non ci stacchiamo dal D.A.P . FINE

Di  PEPPE INDIGNATO  (inviato il 16/11/2012 @ 18:27:49)


n. 5


credo , che non vi sono commenti da fa ; tranne quello di dire che prima quella gente che ricropono incarichi alti"prima di aprire bocca devono accertarsi che il cervello è seriamente inserito e funzionante". per evitare di dire cose che offendono gli onesti servitori dello Stato.

Di  silvio larossa  (inviato il 16/11/2012 @ 11:18:13)


n. 4


Ma di tutto ciò i vari sindacati cosa fanno???????
Stiamo veramente al colmo, basti vedere al DAP, ogni ufficio si autogestisce.
Le regole sono stabilite dai direttori dell'ufficio alla faccia di chi dovrebbe gestire in maniera uniforme tutte direzioni generali.
Forse il capo con i vice capi hanno altri impellenti impegni da soddisfare, mentre i generali del disciolto corpo AA.CC. vivacchiano e raggruppati in se stessi sotto quale direttive? Ma non era per lo Stato un momento difficile per l'economia e si costringono le famiglie a fare i sacrifici alla faccia di lauti stipendi senza alcun incarico a questi signori dirigenti?????
Allora caro Presidente Tamburino la invito a verificare all'interno del suo palazzo questi signori che lei forse ignora.Sarebbe grave se l'opinione pubblica venisse investita di questi sprechi, quando il collega non riesce a concludere il mese con i soldi dello stipendio e a volte colto dalla disperazione mette in atto fatti estremi. E' inutile intervenire dopo con le solite commissioni d'inchiesta che non servono ormai a dare di nuovo la vita ad una persona, ma solo a farsi pubblicità e la speranza di uscire dal palazzo con un incarico superiore verso altri lidi (cara dr.ssa Matone valuti!!!!!)

Di  maurizio giovannoni  (inviato il 15/11/2012 @ 00:57:16)


n. 3


-- tamburrella o tamburriamo??

Ancora a fossalizzarci su questi altri e superiori manager d'amministrazione.
Ricordo a me stesso che il mister tamburrino è espressione di una politica che rasenta e ha toccato il baratro, ci meravigliamo poi del nostro capo ???
Tanto i 500mila euro all'anno li guadagna lui , la polizia penitenziari ahai voglia di prendere ceffoni sberle e ricoveri ospdelaieri che sommate alle varie CMO presenti sul territorio altro non sono espressione di "BUONA AMMINISTRAZIONE " del signor magistrato , presidente, dirigente, capo dap, capo polizia penitenziaria ecc.....ecc.... ecc......eccc...
Ragion per cui , per quale motivo dare tutta questa soddisfazione sul sito ?
Perchè non facciamo casino al dipartimento , a via arenula ......in miniera non ce la fACCIMAO PIù!!!!!
TANTE BELLE COSE .............ricordo che ai e nei palazzi di noi non ce ne frega un beata m......a a nessuno !
la polizia Penitenziaria è calpestata da tutto e da tutti anche alla luce del fatto che siamo sempre fuori dalla DIA , dalle procure, senza personale , straordinario con tagli verticali eccc.......

Di  il cinico  (inviato il 14/11/2012 @ 17:43:18)


n. 2


Una targa gigante d'oro , la dovrebbero fare a tutti i colleghi che giornalmente lavorano in condizioni estreme , si legge di Lucca che fa le traduzioni con la fiat punto , e che se i colleghi vengono aggrediti , nessuna denuncia ai detenuti che hanno mandato i colleghi all'ospedale , si legge del sovraffollamento delle carceri Italiane , della grave carenza di organico nazionale , dl mancato rispetto della legge ex 626 , delle strutture fatiscenti .

A questi colleghi che giornalmente sopperiscono ai problemi dell'aminstrazione , DEVE essere fatta una targa D'oro per ringraziarli infinitamente per quanto giornalmente h 24 fanno .

E non hanno poltrone di pelle , e stipendi milionari ..

Di  max  (inviato il 14/11/2012 @ 16:15:00)


n. 1


Sulla porta dell'ufficio di " Sua Eccellenza il Grande Superiore Direttore" capo di Fantozzi , vi è eposta una targa che riporta tutti i titoli e le onoreficienze guadagnate sul campo. Targhe simili troverebbero la loro naturale dimora in altre porte , con l'unica differenza che Fantozzi guadagna lautamente per far ridere la gente........ altri, sempre lautamente............. per farla piangere .

Di  cairo74°  (inviato il 14/11/2012 @ 11:42:58)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.146.179.146


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

3 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

10 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione