Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Gli autisti senza “casco” e la solita indifferenza del D.A.P.


Polizia Penitenziaria - Gli autisti senza “casco” e la solita indifferenza del D.A.P.

Notizia del 31/01/2011

in Nuvola Rossa

(Letto 4424 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


 

Il drammatico incidente automobilistico di Roma del 21 gennaio scorso, avente protagonista negativo un Ducato del NTP adibito a trasporto disabili ripropone il problema, da troppo tempo non affrontato, dei poliziotti penitenziari patentati e della mancanza di una pur minima polizza che copra i danni a terzi e che copra anche i danni al guidatore; insomma una polizza assicurativa completa, la famosa polizza “casco” che il nostro Dipartimento, forse, anzi sicuramente, per mancanza di denaro non garantisce agli autisti dei mezzi.
    Il problema degli autisti e della scarsità di personale abilitato a portare i mezzi dell’amministrazione (sia categ. B che D) è stato nel tempo sollevato dai Coordinatori di tutti i Nuclei d’Italia, ma non ha avuto alcuna risposta concreta da parte dei vertici, tranne che per l’abilitazione provvisoria alla guida di alcuni agenti.
   Da tempo non si fanno corsi per patentati D ma il Dipartimento chiede sempre se qualcuno, nel frattempo, ha avuto 800 euro da spendere per prendersi la patente D all’esterno e poi commutarla per abilitare il singolo alla guida dei mezzi (sempre il solito discorso della mancanza di fondi). Da tempo non si commutano più patenti B.
   Nel frattempo il Codice della Strada è stato ritoccato 3 – 4 volte e credo nessuno o pochissimi tra gli autisti dei Nuclei ha partecipato all’aggiornamento – che doveva essere obbligatorio quanto meno per gli autisti ma credo, che non sia partito nessun corso; ma su questo punto gradirei delle smentite se sbaglio.
   Solo per questo, chi in questi anni è stato alla guida dell’Ufficio Centrale delle Traduzioni, non facendo mai una riunione dei Coordinatori a livello nazionale, dicevo, solo per questo, andrebbe rimosso immediatamente dal suo dorato posto; ma questo non accadrà mai. Siamo in Italia e nessuno si dimette dal suo incarico (Berlusconi e Fini docet)
   E intanto gli autisti dei Nuclei, salvo rare eccezioni, si avvicinano inesorabilmente ai 45 anni, età per la quale sarebbe opportuno testare annualmente le capacità di guida. Età a rischio. Ultimamente ricordo il caso di un autista 47 enne che ebbe una ischemia cerebrale; fortunatamente non era alla guida. Altri, dopo essere stati fuori per alcuni mesi per il solito “stato ansioso” al rientro hanno ripreso a guidare. In altri Nuclei per mancanza di autisti patente D, quelli rimasti vengono impiegati in veri e propri tour de force che mettono a serio rischio le capacità del guidatore.
   In alcuni casi, gli autisti dei Provveditorati, alfine di far risparmiare tempo e denaro agli uffici effettuano delle missioni massacranti in barba alla normativa vigente, guidando per ore e ore senza fermarsi pur di rientrare nella stessa giornata in sede
  Qualche volta mi è capitato, percorrendo le autostrade della mia regione, di vedere qualche Furgone zigzagare pericolosamente, e sorpassandolo, suonando il clacson per far svegliare l’autista che aveva avuto un colpo di sonno, un microsecondo di sonno, vedere le facce stravolte dei colleghi che, a loro volta dormivano con la testa spiaccicata sul vetro.
   Se poi alla stanchezza e alla scarsità di autisti, aggiungiamo il vetusto stato dei mezzi, il quadro diventa allarmante. Qualcuno adesso dirà che esagero e che dico cazzate. Fate voi. Però è notizia di tutti i giorni grazie ad internet ( prima era più difficile sapere le notizie) di ruote che si staccano durante il viaggio, mezzi che prendono fuoco in autostrada, copertoni che scoppiano, motori che fondono, ed altro; sintomi di un settore malato, ormai al collasso, statico perché i sindacati locali non vogliono la rotazione al fine di coltivare il proprio orticello di tessere
   In regioni come la Sicilia non ci sono più da anni autisti giovani perché non c’è ricambio di personale. E in una situazione tragica come questa, gli eroici autisti dei Nuclei non hanno una polizza assicurativa che li metta a riparo da eventuali danni ma, come succede in tanti casi, al più piccolo sinistro l’Amministrazione si premura di mettere in mora l’agente,….poi si vedrà. Io credo che valga la pena per qualche sindacato intestarsi la battaglia per le polizze casco; in caso contrario gli autisti dei Nuclei dovrebbero ripensare seriamente alla loro collocazione e riflettere sull’opportunità di mantenere una patente, di fare sacrifici, di addossarsi rischi enormi (in quanto si trasportano persone) per un’Amministrazione che non li copre neanche con un’assicurazione di 12 euro mensili.
 
 
Nuvola Rossa
 
 

Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 9


sono un assistente capo della polizia penitenziaria e da due anni che sono abilitato in via provvisoria alla guida dei mezzi de''amministrazione in attesa di patente di servizio, la circolare ministeriale del 11 agosto 2004 prevede che gli abilitati prima di quella data venivano convertiti in automatico in patente di servizio dopo quella data dovevano effettuare un corso solo pratico al fine di conseguire in via definitiva la patente di servizio.ancora oggi guido con la mia patente in attesa che l'amministrazione penitenziaria faccia dei corsi

Di  Raimondo  (inviato il 20/06/2011 @ 17:10:05)


n. 8


caro collega ci, rinnovano la patente dell'ammistrazione la copia della nostra senza spendere un euro, per una cavolo di visita anzi le poche patenti D che hanno fatto prendere l'amministrazione le rinnovano con d'idoneate B PRIVATA COME PORTARE 50 PERSONE E COME PORTALLE 5

Di  AMICOGIO  (inviato il 03/02/2011 @ 20:31:51)


n. 7


Bravo nuvola rossa cominciamo a chiedere la testa di qualche signore all'ufficio centrale delle traduzioni. Ricordate la nuova lettera circolare sui reimpieghi delle scorte, dopo innumerevoli segnalazioni la segreteria generale, molto celermente, a fatto sentire la sua voce con una bella lettera. Tutto tace. Se ne fottono.

Di  antonio  (inviato il 01/02/2011 @ 20:04:50)


n. 6


Caro Skorpions, ora ci siamo. La tua rabbia è identica alla mia per come le cose NON vanno. Anche io, pur scrivendo sul bloga del Sappe, non credo di aver lesinato critiche anche alla mia organizzazione, laddove secondo me poteva essere più incisiva. fermo restando che, è un dato di fatto, il Sappe, al di la dei blog degli altri sindacati che lanciano solo accuse e non costruiscono niente di buono, rimane l'unico baluardo nella difesa dei diritti della polizia penitenziaria. E' vero potrebbe essere più incisivo, ma ti ricordo che ci sono un'altra decina di sindacati nella P.P. e che fanno? Sulla storia degli autisti ci sarebbe da piantare tante di quelle grane al DAP che dovbrebbero dimettersi tutti coloro che fino ad ora hanno diretto l'ufficio centrale delle traduzioni e non solo loro.

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 01/02/2011 @ 13:21:57)


n. 5


Caro amico nuvola rossa,
non prenderla come una critica nei tuoi confronti.
Credo di conoscerti da più di 30 anni, scrivi i tuoi articoli editoriali al Sappe da diversi anni, una delle maggiori O.S. sin dal 1991.
Ti voglio porre alcune:
Cosa hanno fatto o cosa fanno tutte le OO.SS. oltre la letterina di protesta o Sit-in davanti qualche prefettura in merito a:
1-Corsi per patenti D, conversioni patenti B;
2-Missioni che non vengono liquidate;
3-Anticipi di missioni che non vengono anticipati al personale tutto;
4-Lavoro straordinario che non viene retribuito;
5-Assenza di piante organiche del DAP,DEI PRAP SCUOLE, UEPE, OSPEDALI MILITARI, USPEV,GOM,POSTE, INTERFORZE ECC..ECC..;
6-Carenza di organi catastrofica;
7-Vetusta degli automezzi;
8-Vestiario(in ogni istituto c'è un corpo di polizia diverso dall'altro in merito all'utilizzo delle divise)
Tanti anni fà a Trapani spesso girava una battuta "siamo u corpu ri mariannina.
Dagli anni 70 quanti colori di divisa abbiamo cambiato? ma dov'è l'identità di un corpo di polizia?
Nelle commissioni partecipano anche le organizzazioni sindacali di cui Tu o Lei fà parte.
Come vedi con quelle poche armi in possesso alle O.S. non si riesce ad ottenere molto.
Concludo perchè forse non posso andare oltre per la quantità di caratteri.
A dopo.

Di  skorpions  (inviato il 01/02/2011 @ 10:18:51)


n. 4


Dimenticavo, le polize di assicurazione stipulate dall'amministrazione non coprono il conducente. Altro che poliza casco.

Di  antonio  (inviato il 31/01/2011 @ 21:39:19)


n. 3


Concordo solo in parte. Non credo si debba dare un calcio nel posteriore ed il benservito ad un autista che per anni si è rotto la schiena alla guida di questi mostri. Credo si a giunto il momento di parlare seriamente di specializzazioni e soprattutto di formazione. Ciò costringerebbe l'amministrazione, ad esempio, a discutere di piante organiche. Qualcuno si è mai chiesto perchè non vi è la pianta organica dei N.T.P., o degli autisti ? Faccio un esempio, Lecce organico del N.T. 100 unità con 1500 detenuti, Torino 220 unità con 1600 detenuti. Ora, se i dati sono esatti, qualcosa non funziona, o sono pochi a Lecce o molti a Torino. Penso ne la prima ne la seconda. Inoltre con la storia degli avvicendamenti diamo solo il fianco all'amministrazione, ogni altra forza di Polizia al suo interno a dei settori distinti e separati con una pianta organica con delle competenze specifiche, questo fa la differenza. Ancora oggi a distanza di più di un decennio non si sa di quanto personale abbiamo bisogna per effettuare le traduzioni, che francamente in queste condizioni sarebbe meglio riconsegnare ai C.C.. Bisogna puntare sulle specialità sulla formazione e più in generale sull'accrescimento, se continueremo a ragionare come dei bigotti non andremo da nessuna parte.

Di  antonio  (inviato il 31/01/2011 @ 21:33:09)


n. 2


Vorrei capire cosa significa questo commento. Se mi dovrei offendere perchè non è vero quello che scrivo o se mi devo disilludere come la maggior parte dei poliziotti penitenziari?

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 31/01/2011 @ 16:18:17)


n. 1


Ma in quale mondo vive.


Di  skorpions  (inviato il 31/01/2011 @ 15:38:14)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.48.3


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

3 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

10 Dal servizio di sentinella al sistema di videosorveglianza. Ma la tecnologia, da sola, non basta





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

4 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

5 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

6 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

7 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

8 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

9 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

10 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico


  Cerca per Regione