Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Gli Uomini e le Donne della Polizia Penitenziaria sono persone e non numeri privi di valore


Polizia Penitenziaria - Gli Uomini e le Donne della Polizia Penitenziaria sono persone e non numeri privi di valore

Notizia del 30/08/2016

in Accadde al penitenziario

(Letto 4004 volte)

Scritto da: Agente Sara

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Nel Corpo della Polizia Penitenziaria s'incontrano uomini e donne dotati di una grande professionalità, capaci di riuscire a fronteggiare eventi complessi, nonostante i mezzi a disposizione, a volte, non siano sufficienti.

Il più delle volte ci si ritrova a lavorare con ritmi frenetici, nei quali difficilmente si creano degli spazi utili che fanno sentire a ciascun lavoratore di essere considerato come una persona e non come un numero qualsiasi, privo di valore.

Ad esempio, spesso accade che, quando si verifica un evento critico, difficilmente ci si ritrova a parlarne in gruppo, quando invece sarebbero davvero importanti sia la condivisione che il confronto sulle difficoltà più critiche del contesto lavoro, al fine di creare una sorta di camera di decompressione che limiti il danno emotivo degli eventi critici.

Ogni posto di lavoro può avere le proprie incomprensioni di rito, si pensi alle eventuali discussioni tra colleghi, ovvero ai possibili diverbi con i propri superiori gerarchici eccetera ... difficoltà alle quali in un ambiente  penitenziario possono aggiungersi le problematiche di un contesto continuamente esposto ad eventi critici a forte impatto emotivo, quali aggressioni, risse, atti di autolesionismo, tentativi di suicidio, offese verbali, suicidi, possibile contagio da malattie infettive, eccetera.

A tal proposito, sarebbe importante incentivare i momenti di confronto tra colleghi, durante l'orario di lavoro, anche di breve durata, per discutere insieme su tutti gli eventi critici di maggiore rilievo, provando ad allentare la tensione generale e contestualmente a fare bagaglio di esperienza professionale per l'avvenire. Il confronto delle esperienze personali, insegna sempre. Ho incontrato colleghi e superiori che davvero mi hanno insegnato tanto sul campo ... eppure non si finisce mai d'imparare ...

E per creare questi spazi basterebbe davvero poco, si pensi già alla classica conferenza di servizio che dovrebbe essere un esempio di comunicazione e per nessun motivo deve correre il rischio di tramutarsi in una semplice verifica da parte del Coordinatore della sorveglianza generale rispetto ai presenti/assenti in servizio, ma non escludo che, talvolta, per motivazioni diverse possa essere accaduto ...

E ancora, riflettiamo su quanto sia importante favorire uno spirito di collaborazione all'interno delle unità operative, tra il Responsabile ed il gruppo assegnato, senza che all'interno della stessa unità vengano a crearsi continui momenti di tensione per futili motivi ovvero alimentati da chi vuole per forza predominare su tutti.

Essere Responsabile di un'unità operativa di certo non è facile, eppure tante sono le soddisfazioni che derivano quando ottieni il pieno riconoscimento da parte del personale in servizio. Ho conosciuto Responsabili che davvero riescono a far sentire la loro presenza e, anche in situazioni critiche, ti fanno sentire sicuro perché sai che non ci pensano due volte ad intervenire a sostegno del  tuo operato e, soprattutto, con il loro modo di fare contribuiscono ad accrescere la volontà di dare sempre il meglio di sé.

Uomini e Donne del Corpo sono, in primis, delle persone e porre l'attenzione nei loro confronti è un passo indispensabile per tenere alto e vivo lo spirito di motivazione e il senso d'appartenenza ad un Corpo di polizia. Incentivare ancor di più la collaborazione e l'integrazione tra colleghi, per creare motivazione sul posto di lavoro, ponendo fine a quella sensazione di "fiato sul collo" da parte di chi non aspetta altro che si sbagli o, peggio ancora, che maturi quella sensazione generale di abbandono che può soltanto alimentare un clima di malessere, tutti aspetti che vengono a crearsi soprattutto quando si lavora in un contesto privo di ogni stimolo.

Uomini e Donne del Corpo sono delle persone dotate di qualità personali che devono essere messe in evidenza e migliorate nel tempo. Questa è la chiave di lettura che motiva ognuno nel posto di lavoro e, come diceva Johann Wolfgang Goethe:

"Se tratti una persona come se fosse ciò che dovrebbe e potrebbe essere, diventerà ciò che dovrebbe e potrebbe essere".

 

 


Scritto da: Agente Sara
(Leggi tutti gli articoli di Agente Sara)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Biella, agente di Polizia Penitenziaria Aggredito da un Detenuto
Evasione da Sollicciano: due dei tre evasi erano stati arrestati qualche giorno prima
Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento
Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata
Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni
Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso
Tre Poliziotti penitenziari feriti da un detenuto con forbici affilate appositamente
Carceri italiane ed edilizia penitenziaria: al massimo si da una ritinteggiata


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


Sempre articoli con toni molto aggraziati. Si capisce che sei una femmina....
Mi piace il passaggio della unità operativa, in qualche modo rispecchia il mio quotidiano, il mio modo di essere e di fare, e non per ultimo quello che pensano di me i colleghi.
Tutto sommato soddisfatto, pur se in mezzo a mille difficoltà.
Al nord ed al centro più del sud, si opera in condizioni dure e critiche.
Purtroppo se non fosse per l'incapacità di qualcuno si lavorerebbe più sereni, e per questo non si può far altro che allargare le braccia, perchè non c'è speranza.

Di  Rosario  (inviato il 30/08/2016 @ 20:41:06)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.167.159.180


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

2 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

3 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

4 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

5 Riordino, organici dirigenziali: tra eccessi e sottodimensionamenti dei dirigenti della Polizia Penitenziaria

6 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

7 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

8 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

9 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

10 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Poliziotto penitenziario travolto da auto mentre era in moto: è ricoverato in gravi condizioni

5 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

8 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

9 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

10 Bidognetti, il capoclan dei Casalesi, comunicava dal 41-bis con messaggi nascosti


  Cerca per Regione