Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Gli Uomini e le Donne della Polizia Penitenziaria sono persone e non numeri privi di valore


Polizia Penitenziaria - Gli Uomini e le Donne della Polizia Penitenziaria sono persone e non numeri privi di valore

Notizia del 30/08/2016

in Accadde al penitenziario

(Letto 3921 volte)

Scritto da: Agente Sara

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Nel Corpo della Polizia Penitenziaria s'incontrano uomini e donne dotati di una grande professionalità, capaci di riuscire a fronteggiare eventi complessi, nonostante i mezzi a disposizione, a volte, non siano sufficienti.

Il più delle volte ci si ritrova a lavorare con ritmi frenetici, nei quali difficilmente si creano degli spazi utili che fanno sentire a ciascun lavoratore di essere considerato come una persona e non come un numero qualsiasi, privo di valore.

Ad esempio, spesso accade che, quando si verifica un evento critico, difficilmente ci si ritrova a parlarne in gruppo, quando invece sarebbero davvero importanti sia la condivisione che il confronto sulle difficoltà più critiche del contesto lavoro, al fine di creare una sorta di camera di decompressione che limiti il danno emotivo degli eventi critici.

Ogni posto di lavoro può avere le proprie incomprensioni di rito, si pensi alle eventuali discussioni tra colleghi, ovvero ai possibili diverbi con i propri superiori gerarchici eccetera ... difficoltà alle quali in un ambiente  penitenziario possono aggiungersi le problematiche di un contesto continuamente esposto ad eventi critici a forte impatto emotivo, quali aggressioni, risse, atti di autolesionismo, tentativi di suicidio, offese verbali, suicidi, possibile contagio da malattie infettive, eccetera.

A tal proposito, sarebbe importante incentivare i momenti di confronto tra colleghi, durante l'orario di lavoro, anche di breve durata, per discutere insieme su tutti gli eventi critici di maggiore rilievo, provando ad allentare la tensione generale e contestualmente a fare bagaglio di esperienza professionale per l'avvenire. Il confronto delle esperienze personali, insegna sempre. Ho incontrato colleghi e superiori che davvero mi hanno insegnato tanto sul campo ... eppure non si finisce mai d'imparare ...

E per creare questi spazi basterebbe davvero poco, si pensi già alla classica conferenza di servizio che dovrebbe essere un esempio di comunicazione e per nessun motivo deve correre il rischio di tramutarsi in una semplice verifica da parte del Coordinatore della sorveglianza generale rispetto ai presenti/assenti in servizio, ma non escludo che, talvolta, per motivazioni diverse possa essere accaduto ...

E ancora, riflettiamo su quanto sia importante favorire uno spirito di collaborazione all'interno delle unità operative, tra il Responsabile ed il gruppo assegnato, senza che all'interno della stessa unità vengano a crearsi continui momenti di tensione per futili motivi ovvero alimentati da chi vuole per forza predominare su tutti.

Essere Responsabile di un'unità operativa di certo non è facile, eppure tante sono le soddisfazioni che derivano quando ottieni il pieno riconoscimento da parte del personale in servizio. Ho conosciuto Responsabili che davvero riescono a far sentire la loro presenza e, anche in situazioni critiche, ti fanno sentire sicuro perché sai che non ci pensano due volte ad intervenire a sostegno del  tuo operato e, soprattutto, con il loro modo di fare contribuiscono ad accrescere la volontà di dare sempre il meglio di sé.

Uomini e Donne del Corpo sono, in primis, delle persone e porre l'attenzione nei loro confronti è un passo indispensabile per tenere alto e vivo lo spirito di motivazione e il senso d'appartenenza ad un Corpo di polizia. Incentivare ancor di più la collaborazione e l'integrazione tra colleghi, per creare motivazione sul posto di lavoro, ponendo fine a quella sensazione di "fiato sul collo" da parte di chi non aspetta altro che si sbagli o, peggio ancora, che maturi quella sensazione generale di abbandono che può soltanto alimentare un clima di malessere, tutti aspetti che vengono a crearsi soprattutto quando si lavora in un contesto privo di ogni stimolo.

Uomini e Donne del Corpo sono delle persone dotate di qualità personali che devono essere messe in evidenza e migliorate nel tempo. Questa è la chiave di lettura che motiva ognuno nel posto di lavoro e, come diceva Johann Wolfgang Goethe:

"Se tratti una persona come se fosse ciò che dovrebbe e potrebbe essere, diventerà ciò che dovrebbe e potrebbe essere".

 

 


Scritto da: Agente Sara
(Leggi tutti gli articoli di Agente Sara)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Carcere di Orvieto di nuovo casa di reclusione? La pretesta dei Poliziotti: a rischio la chiusura del carcere
Il DAP affida in esclusiva all''Ucoii la scelta degli imam nelle carceri: pericolo di predominanza salafita
Motovedetta della Polizia Penitenziaria in soccorso di otto ricercatori bloccati sull''isola di Pianosa
Nuovo carcere di Brescia? Pronto non prima di sei o sette anni
Rapporto segreto del DAP: gli imam nelle carceri? Assasini, rapinatori, stupratori
Due minorenni tentano l''evasione da Nisida approfittando della lezione di teatro
Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma
Un detenuto su cinque è musulmano, la denuncia del sindacato: lingua araba e celle aperte mix pericoloso


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


Sempre articoli con toni molto aggraziati. Si capisce che sei una femmina....
Mi piace il passaggio della unità operativa, in qualche modo rispecchia il mio quotidiano, il mio modo di essere e di fare, e non per ultimo quello che pensano di me i colleghi.
Tutto sommato soddisfatto, pur se in mezzo a mille difficoltà.
Al nord ed al centro più del sud, si opera in condizioni dure e critiche.
Purtroppo se non fosse per l'incapacità di qualcuno si lavorerebbe più sereni, e per questo non si può far altro che allargare le braccia, perchè non c'è speranza.

Di  Rosario  (inviato il 30/08/2016 @ 20:41:06)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.75.207


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

5 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

6 La sentenza Torreggiani (o meglio la sua sciagurata applicazione) ha distrutto le carceri italiane

7 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

8 Operazione Onda Blu: NIC Polizia Penitenziaria arresta a Crotone due evasi da Voghera

9 Ente di Assistenza: a chi serve?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Polizia Penitenziaria di Palermo consegna doni e giocattoli per i bambini con malattie metaboliche e rare

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

6 Poliziotto assolto da accusa di violenza sessuale: nei guai invece finisce il medico per evasione della detenuta

7 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

8 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

9 Carcere di Rossano a rischio sicurezza: 36 Agenti penitenziari servono solo per controllare il muro di cinta

10 Detenuti decapitati e lanciati fuori dalle finestre: è di 60 morti il bilancio della rivolta nel carcere brasiliano


  Cerca per Regione