Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
I Dirigenti sbagliano e i cittadini pagano


Polizia Penitenziaria - I Dirigenti sbagliano e i cittadini pagano

Notizia del 14/07/2016

in L''Osservatorio Politico

(Letto 2309 volte)

Scritto da: Giovanni Battista Durante

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Calabria, in data 6 aprile 2016, ha emesso una sentenza con la quale ha accolto il ricorso proposto da un appartenente alla Polizia Penitenziaria, il quale lamentava il mancato pagamento del compenso sostitutivo dei giorni di congedo ordinario maturati e non fruiti, negli anni 2008-2009-2010. Si tratta di un appartenente al Corpo che prestava servizio nella casa circondariale di Palmi. 

Compenso sostitutivo dei giorni di congedo ordinario maturati e non fruiti: Sovrintendente Capo vince ricorso al TAR

Bisogna ricordare che presso la suddetta struttura la maggior parte del personale di Polizia Penitenziaria, da anni, ha accumulato oltre diecimila giornate di congedo non fruito per esigenze di servizio. Dobbiamo altresì evidenziare che come sindacato sono anni che denunciamo questo stato di cose all’Amministrazione penitenziaria, ma a tutt’oggi nulla è stato fatto per porvi rimedio. Anzi, alla richiesta del dipendente, di liquidazione del compenso sostitutivo delle ferie maturate e non fruite, relative agli anni 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, per un totale di 212 giorni di congedo ordinario, il Provveditore regionale rispondeva che il compenso relativo agli anni 2008, 2009 e 2010 non gli spettava perché, in base alla normativa di settore, avrebbe dovuto fruirlo entro l’anno successivo a quello di spettanza. Per gli anni 2012 e 2013, invece, gli veniva riconosciuto il pagamento. Il Comandante di reparto aveva comunque fatto una relazione, nella quale affermava che il dipendente non aveva potuto fruire del congedo, a causa delle gravi carenze di organico. 

Conseguentemente il giudice affermava che le ragioni del diniego addotte dall’Amministrazione non sono condivisibili poiché, come affermato da costante giurisprudenza, il mancato godimento delle ferie non imputabile all’interessato non preclude l’insorgenza del diritto alla percezione dell’emolumento sostitutivo, in quanto il diritto al congedo ordinario (indisponibile, irrinunciabile ed inderogabile da parte del datore di lavoro, anche se pubblico) include automaticamente il diritto al compenso sostitutivo, ove tali ferie non vengano
fruite. 

Il Giudice, richiamando l’art 14, VII comma, del d.P.R. n. 395 del 1995, cosa che i nostri dirigenti dovrebbero conoscere molto bene, evidenziava come lo stesso sia un diritto irrinunciabile e non monetizzabile. Le uniche tassative ipotesi di deroga - scrive il giudice - a tale principio generale sono quelle previste dalle norme speciali di cui agli artt. 14, comma 14 del predetto d.P.R. n. 395 del 1995 e 18 I comma, del d.P.R. n. 254 del 1999, che consentono la monetizzazione del congedo ordinario soltanto all’atto della cessazione del
rapporto di lavoro, qualora la fruizione del congedo medesimo spettante a quel momento non sia consentita per documentate esigenze di servizio, ovvero per decesso, per cessazione dal servizio per infermità o per dispensa dal servizio del dipendente disposta dopo il collocamento in aspettativa per infermità. Il principio alla base di tale normativa è quello per cui sussiste il diritto del pubblico dipendente a percepire l’indennità per ferie non godute, oltre interessi e rivalutazione monetaria, nel caso in cui l’interessato sia privo di
piena autonomia ed insindacabilità nello stabilire quando collocarsi in ferie e vi sia prova dell’impossibilità a fruire del diritto al congedo per causa non imputabile al medesimo dipendente in quanto addebitabile ad obiettive esigenze di servizio ostative al relativo godimento. Quindi, il Giudice afferma ancora che al pubblico dipendente spetta un compenso sostitutivo delle ferie non godute che discende, indipendentemente dalla normativa di riferimento, direttamente dal mancato godimento, quando questo sia stato determinato da esigenze di servizio e non dalla volontà del lavoratore. Quindi, sempre in base a quanto afferma il Giudice, non è condivisibile quanto asserito dall’Amministrazione circa l’intervenuta decadenza dal beneficio della monetizzazione del congedo ordinario non fruito.

Per quanto riguarda la norma invocata dall’amministrazione sulla fruibilità entro l’anno successivo lo stesso giudice afferma che trattasi di limite temporale che rileva solo ai fini del congedo e non può ritenersi invece applicabile alla diversa fattispecie della  monetizzazione delle ferie non godute, che transita esclusivamente attraverso la presenza di ragioni di servizio che abbiano inibito al pubblico dipendente di fare uso del congedo medesimo. Il Giudice ha altresì condannato l’Amministrazione al pagamento delle
spese. 

Stessa sorte è toccata all’Amministrazione in altro procedimento davanti al Tar del Veneto, adito da un appartenente al Corpo, il quale si è visto negare l’applicazione dell’art. 42 bis del d.Lgs. n. 151 del 2001, che riconosce il distacco al dipendente, in presenza di un figlio minore di tre anni.

Accudimento figli minori di tre anni: Vice Ispettore di Polizia Penitenziaria vince ricorso al TAR

Il giudice ha accolto il ricorso per vizio procedimentale, perché l’amministrazione non ha rispettato le disposizioni dell’art. 10 bis dello stesso d.Lgs, il quale prevede che nei procedimenti ad istanza di parte l’autorità competente, prima di adottare l’eventuale provvedimento di diniego, comunica tempestivamente al dipendente i motivi ostativi all’accoglimento della domanda. 

Anche in questo caso il Giudice ha condannato l’amministrazione al pagamento delle spese. E così decine e decine di altri casi che dimostrano l’incapacità o l’arbitrarietà delle iniziative di molti dirigenti. In Emilia Romagna, dal primo gennaio di quest’anno, sono stati discussi ben tredici ricorsi alla Commissione Arbitrale Regionale, delle quali quattro su Piacenza, quattro su Parma, due su Modena, due su Rimini e due su Reggio Emilia, strutture, queste ultime due, che hanno al vertice lo stesso dirigente. Nessuna sugli altri istituti, ovvero Bologna, Castelfranco Emilia, Ravenna, Forlì, Ferrara e Istituto penale per minorenni. 

Su dodici casi ci sono stati due rinvii, in una non sono state riscontrate violazioni e nelle altre nove, invece, sono sempre state riscontrate violazioni, il più delle volte all’unanimità. 

Ricordiamo che ogni volta che si riunisce la Commissione Arbitrale Regionale vengono convocati quattro dirigenti e quattro Comandanti di reparto che, in missione, con mezzi di servizio, si recano presso il Provveditorato Regionale. 

Abbiamo citato solo alcuni casi, tra i tanti che conosciamo, per evidenziare come le violazioni dei dirigenti, derivanti spesso da acclarata incapacità, altre volte da presunzione e supponenza di borbonica memoria, spesso causano ingenti danni all’erario, dei quali qualcuno dovrebbe chiamarli a rispondere. Ancora più grave è il fatto che, spesso, nonostante l’esito favorevole della sentenza o delle Commissioni arbitrali, il dipendente non ottiene giustizia, ovvero, prima di ottenerla, deve attendere mesi, se non anni. 

 

Fermare l'immunità dei Dirigenti del DAP. Cosa può fare la Polizia Penitenziaria?

 

Tutti i ricorsi al TAR e Consiglio di Stato della Polizia Penitenziaria

 

 

 


Scritto da: Giovanni Battista Durante
(Leggi tutti gli articoli di Giovanni Battista Durante)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Va a trovare il marito nel carcere di Torino con droga di ogni tipo nelle zone intime
Alberto Savi della Uno Bianca esce dal carcere in permesso premio per la prima volta
La RAI pagherà 8mila euro al boss mafioso Graviano per le riprese tv: le fece senza il suo consenso
Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere
Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri
Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità
Fino a 6 mesi di carcere e 1000 euro di multa per chi sporca edifici e mezzi di trasporto, sia pubblici che privati


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 3


Pasquino hai ragione! In effetti l'Ente Assistenza dovrebbe fare qualcosa per questi poveri cristi ...

Di  Anonimo  (inviato il 14/07/2016 @ 11:00:24)


n. 2


https://www.giustizia.it/giustizia/it/mg_1_29_4_2_7.wp

https://www.giustizia.it/giustizia/it/mg_1_29_4_2_5.wp

Non fate gli esagerati, ma uno che incassa circa 110/115 mila di tabellare e 40/45 mila di RIA Assegni personali e altro, vi sembra che sia nella possibilità di risarcire il danno subito dalo Stato a causa di una sua colpa....
Dai su, fate i seri....

Di  PASQUINO  (inviato il 14/07/2016 @ 10:44:14)


n. 1


E che dire dei buoni pasto non corrisposti per anni e solo in parte riconosciuti da Aprile di quest'anno?
Adirò per le vie legali contro il direttore dell'istituto ove presto servizio ed il PRAP per vedere riconosciuti i miei diritti.
Poi se il caso cambierò sede per la seconda volta.


Di  anonimo  (inviato il 14/07/2016 @ 10:28:20)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.205.203.188


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

7 Diventa anche tu Capo del DAP!

8 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

9 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

10 C’era una volta la sentinella





Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

5 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

6 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

7 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

8 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

9 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione