Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
I dubbi dell'Assistente Capo dell'Ucciardone


Polizia Penitenziaria - I dubbi dell'Assistente Capo dell'Ucciardone

Notizia del 10/10/2011

in Accadde al penitenziario

(Letto 3242 volte)

Scritto da: Miguel Cervantes

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Non capirò mai perché i direttori si affannano a far ridipingere i muri e quando sanno dell’arrivo di una visita di un alto notabile, specie se deve venire il Ministro in visita. Quando poi arriva il Ministro (leggi le dichiarazioni di Palma sulla visita all'Ucciardone), saltano i riposi e tutto il personale viene messo in servizio dando l’impressione che il personale c’è. Al Ministro si fa visitare la sezione “meno peggio”, evitando accuratamente di fargli visitare quelle cadenti, ammuffite, senza citofoni e infestate da scarafaggi e topi e il gioco è fatto.

Il ministro affermerà che quell’istituto è sicuramente migliore.

Ma il ministro non saprà mai, o meglio, non gliene fregherà niente se l’Assistente Capo dell’Ucciardone già stanotte farà doppio posto di servizio e che se vorrà andare per esempio in bagno troverà le pareti piene di muffa, il fetore per gli scarichi mal funzionanti. Il Ministro non verrà a conoscenza del fatto che se il collega chiederà il cambio al capo posto, prima lo deve rintracciare, perché i citofoni non funzionano e anche lui ha due tre sezioni in consegna come capo posto; tra l’altro anche lui, per andare  a fare i suoi bisogni in qualche posto più decente, dovrà comunicare all’Assistente Capo di sorveglianza (che è un Assistente Capo come lui mentre al PRAP di Palermo prestano servizio decine di Ispettori) e sperare sempre che non succeda niente e che non ci siano altre emergenze di carattere operativo!

Purtroppo i Direttori non cambieranno mai, e non avranno mai il coraggio di mostrare le criticità (così le chiamano) perché devono fare carriera e un giorno anche loro saranno Provveditori.

Non mi resta altro che fare il conto alla rovescia e alla prima occasione mandare un certificato di stato ansioso depressivo e …ci vediamo tra 18 mesi!


Scritto da: Miguel Cervantes
(Leggi tutti gli articoli di Miguel Cervantes)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Epatite C, il contagio passa dalle carceri e arriva nelle città per i pochi controlli
Continui problemi nel carcere di Airola: protesta della Polizia Penitenziaria
Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento
Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana
Riordino Polizia Penitenziaria: nuove qualifiche e nuovi errori
Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 11


... Allora mi chiedo !??? cosa esiste a fare il classico sindacalista locale ?? o la segreteria locale ?? bene non cambia nulla in quanto tale il sindacato locale è fatto di persone e verosimilmente in diversi reparti sono pure paraculati tanto quanto i direttori ..in questo caso . Ansi che mostrare o far la realtà di come stanno le cose . Quindi io credo che la soluzione non la si vuole trovare ... in primis i comandanti che sanno bene che skifo c'è e in che condizioni versa ...il personale in taluni casi .. Forse è il caso di far giungere i segretari nazionali in vista di autorità come il ministro ?? potrebbe essere un idea??

Di  PEPPE indignato  (inviato il 21/11/2011 @ 21:25:27)


n. 10


Caro collega ho letto il tuo memoriale ,sono assistente capo come tè e che dire, una cosa e certa che i direttori sono una massa di paraculi e che quando s'anno della visita autoritaria, tutto deve essere a posto , ovviamente tutto il personale deve essere presente.Insomma c' è solo una ricetta per noi visto che siamo sempre in prima linia mandargli un missile da 18 mesi per stati d'ansia aaaaaaaa .

Di  Anonimo  (inviato il 20/11/2011 @ 23:28:32)


n. 9


.... si parla si parla ma fatti 0 ; Uno perchè verosimilmente siamo vittime del sistema che ribellandoci saremmo vittime di persecuzione dato il bel regolamento disciplinare che se ti azzardi solo a fare una pisciata non chiedendo al capoposto l'indomani ti trovi i cani sguinzagliati alla tua ricerca per poi essere crocifisso al consiglio di disciplina . Allora come lo si vuole cambiare questo corpo , ?
sistema ? ed i trasferimenti per noi che sputiamo sangue giornalmente in una sezione di 80/90 detenuti exc , quando vedremo la nostra terra e le nostre aspettative future??? nON C PENSA NESSUNO ! NEMMENO CHI DOVREBBE RAPPRESENTARCI.

Di  PEPPE  (inviato il 17/10/2011 @ 18:51:19)


n. 8


Avete mai visto un'istituto dove in occasione di visite da parte dei dirigenti del dap come il ministro il capo del dap giunti in qualsiasi carcere d'italia abbiano mai trovato qualcosa fuori posto la risposta no mai anche perche' i direttori quando arriva uno dei due la bava gli scende dalla bocca come un cagnolino facendo trovare personale in abbonddanza mezzi puliti accoglienda da presidenti della repubblica ,e naturalmente gli stessi vedendo tutto cio' cosa possono dire al giornalista che li intervista che gli istituti italiani sono efficienti funzionali puliti e che il personale abbonda questo e il lato bello della medaglia,andiamo al lato reale vale a dire che i direttori per far carriera si abbassano anche le braghe per far carriera ,ma non mettono in evidenza la realta che viene camuffata da feste accoglienze gagliardetti picchetti bande musicali ,naturalmente questo viene fatto con personale che gli vengono tolti i giorni di congedo di riposo e se non basdtassero li prendono dagli uffici dalle sezioni dai nuclei per far vedere che tutto è apposto,bisogno avere le palle sotto cioe quando arrivano le autorita' bisogna starsene a casa in qualsiasi modo per far fare brutta figura al provveditore al comandante al direttore ecc.ecc.ecc. anche perche' quando sta per finire la festa i signori incravattati si vanno ad abbuffare a spese nostre mentre il personale non gli rimane altro che pulire e rassettare tutto (leccare la sarda e mangiare le briciole che i signori ci lasciano quando vanno via,vergogne vergogna vergogna farabutti un solo grido ribelliamocci.

Di  andrea  (inviato il 17/10/2011 @ 17:56:45)


n. 7


sembra quasi che abbiamo scoperto l'acqua calda. Finchè esisteranno quelli che indossano la divisa come noi che faranno da scendiletto non si può andare avanti. Per non parlare dei risultati che si ottengono dalle pseudobattaglie potate avanti dai sindacati, che ormai non ottengono niente. Credo che sia più utile prima avere rispetto per se stessi (cosa che in atto manca ) e poi farsi rispettare dagli altri. Grazie all'arrivo dei Signori commissari, che dovevano forse tutelare un pò di più il personale, si assiste invece alla fuga del quadro intermedio ( sovr.ti e Ispettori), per lo stato di frustrazione in cui sono stati cacciati. Ma voi vi immaginate un coordinatore di sezione che non ha nemmeno il potere di spostare un detenuto, mentre soltanto fino a pochi anni fà erano addirittura adibiti a mansioni di comandante? Ecco riflettete un pò su questo, perchè il rispetto viene a mancare inanzi tutto da chi porta la divisa come noi ma agisce in tutto e per tutto come i direttori. Dispiace che questo accada all'Ucciardone, che prima era veramente un scuola, dove i neo agenti erano quasi coccolati e gli veniva insegnato il mestiere, come muoversi e come affrontare situazioni di una certa rilevanza, mentre adesso ti devi arrangiare, ed è questo sentirti solo che ti porta a fare cose che non avresti nemmeno lontanamente immaginato. Se pubblicheranno queste poche mie righe ringrazio sin da adesso per lo spazio concessomi.

Di  iga  (inviato il 14/10/2011 @ 15:20:19)


n. 6


Cari colleghi il sistema non cambia mai io tutti i giorni di servizio nella speranza che nel tempo tutto si sistemava nel nostro Corpo. Quindi a lungo andare sono strascorsi 30 anni di servizio ma il sistema e sempre lo stesso.Pertanto adesso caro colleghi sono andato in pensione e continua la peste del secolo del nostro Corpo CAZZ.... VOSTRIIIIIIII

Di  DOMENICO  (inviato il 13/10/2011 @ 18:28:06)


n. 5


Non gliene frega niente a nessuno siamo abbandonati al nostro destino.

Di  grande vecchio  (inviato il 13/10/2011 @ 12:31:40)


n. 4


caro Rocco, il problema della vacanza organica si risolve solo assumendo nuovi agenti e mandandoli a dare il cambio a coloro che avrebbero il sacrosanto diritto di essere trasferiti nella propria città dopo tanti anni di sacrifici ed invece si assiste solo ad interpello straordinari, ad aperture di carceri nuove e non si da mai seguito alla mobilità, vergogna!

Di  ass. capo Stefano S.  (inviato il 11/10/2011 @ 19:06:34)


n. 3


Sono perfettamente d'accordo , ma il Sig. Ministro o chi per Lui sà che esistono delle gravi situazioni , come mai non và in fondo ai problemi veri???
Come mai non dà ascolto alle grida del PERSONALE???
Come mai tutti Noi non abbiamo il coraggio di affrontare in primis certe situazioni direttamente ??????
Saluti Enrico

Di  Anonimo  (inviato il 11/10/2011 @ 18:54:46)


n. 2


AI COLLEGHI DEL'UCCIARDONE - MA CHE VACANZA ORGANICA C'è LI DA VOI? SONO 89 IN GRADUATORIA DOPO QUASI 15ANNI CHE STO AL NORD E TENTO INVANO DI TORNARE NELLA MIA CITTA' (PALERMO).....SPERO DI VEDERVI PRESTO.

Di  ROCCO  (inviato il 11/10/2011 @ 09:56:45)


n. 1


caro collega di tutto quello che tu ai scritto è la sacrosanta verità, ma la colpa non è dei direttori, ma è anche colpa nostra.quando arrivano questi signori noi lo sappiamo prima allora ci dovremmo organizzare e fargli noi il percosso guidato, senza la passatoia rossa solo che dopo dobbiamo subire le conseguenze e siccome pure noi dobbiamo fare carriera ci stiamo zitti.

Di  carmelo  (inviato il 10/10/2011 @ 18:59:05)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.197.74.137


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

7 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Riordino carriere: risultati di un sondaggio rivolto al personale





Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione