Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
I poliziotti in istituto: numeri contati che vengono impiegati in una moltitudine di servizi


Polizia Penitenziaria - I poliziotti in istituto: numeri contati che vengono impiegati in una moltitudine di servizi

Notizia del 20/04/2017

in Commenti

(Letto 2334 volte)

Scritto da: Agente Sara

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Ormai è sotto gli occhi di tutti la grave carenza di organico della Polizia Penitenziaria e, di conseguenza, più che evidente la necessità di agevolare quanto prima l'ingresso di nuovo personale.

E la carenza di organico e l'elevata età anagrafica dei poliziotti interessa gran parte delle diverse realtà territoriali dell'Amministrazione Penitenziaria, chi più e chi meno.

A tal proposito, in più occasioni mi sono soffermata a parlare della carenza di unità presso i Nuclei Traduzione e Piantonamenti, anche perché questa carenza spesso influisce negativamente sui poliziotti che lavorano negli istituti, i quali vengono chiamati a ricoprire i servizi esterni.

Quante volte accade che, in istituto, il personale sia davvero "contato" e viene comunque distolto dal proprio ordinario per svolgere ulteriori servizi, perlopiù esterni.

Si pensi, ad esempio, a situazioni come: visite immediate; visite programmate; piantonamenti ospedalieri; piantonamenti ospedalieri di detenuti con ovuli rilevati da parte della Guardia di Finanza; permessi con scorta; servizi di scorta nelle traduzioni a breve raggio ma talvolta anche fuori Regione eccetera.

Talvolta, sarà capitato a chiunque di ritrovarsi a lavorare in situazioni di emergenza dove, nel giro di poche ore, il Coordinatore della Sorveglianza Generale, nonostante le unità "contate" in servizio, si ritrova a dover inviare il personale di scorta per una visita immediata di un detenuto quando, nel contempo, ha già dei poliziotti fuori per un piantonamento ospedaliero e, magari, anche una sorveglianza a vista di un detenuto.

E' inevitabile che, poi, i poliziotti in istituto si ritrovano ancor di più allo stremo, considerato che anche quelle poche unità vengono messe in discussione per svolgere ulteriori servizi.

Anche il personale che viene impiegato presso le visite ambulatoriali programmate, di fatto, viene ad essere sottratto ai reparti detentivi.

A proposito di piantonamenti ospedalieri, sappiamo bene come in alcune realtà territoriali esistono le strutture protette dell'Amministrazione Penitenziaria. Purtroppo però, per diverse motivazioni,  non sempre riescono ad essere sfruttate al meglio, nonostante siano molto più vantaggiose in termini di sicurezza e di risparmio di unità di personale.

A tutto questo, poi, si aggiunge che spesso il personale degli istituti viene ad essere impiegato ogniqualvolta vi sia un servizio di rappresentanza, ovvero nei casi in cui sia necessario garantire la vigilanza ai concorsi, eccetera, eccetera ...

Se pur si può dire a gran voce che alcuni poliziotti dei reparti detentivi nel momento in cui ricevono un incarico "esterno",  sono ben entusiasti di uscire dalla solita routine, non dobbiamo dimenticare il disagio di chi rimane da solo nei reparti oppure a svolgere più servizi contemporaneamente, in balìa degli eventi!

Certo, è una grande conquista per il Corpo di Polizia Penitenziaria riuscire a svolgere altri servizi di grande rilevanza ma è indispensabile che, gli stessi, siano supportati da un numero adeguato di poliziotti, altrimenti si continua a lavorare in affanno in una realtà, quella del carcere, che purtroppo non è tra le più semplici.

 

 

 


Scritto da: Agente Sara
(Leggi tutti gli articoli di Agente Sara)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Del Gaudio:La nostra lotta alla criminalità organizzata è un modello da esportare
Detenuto a Marassi si cuce la bocca con ago e filo per protesta
Spaccio di droga in carcere: condannato agente della penitenziaria
Intitolazione della casa circondariale di Ariano Irpino alla memoria di Pasquale Campanello
Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile
Sciopero dei Giudici di Pace che contestano la controriforma della Magistratura del Ministro Orlando
Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti
Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 11


Eppure c'è chi afferma il contrario che siamo in troppi inpiegati male e in posti non istituzionale miniera

Di  Anonimo  (inviato il 22/11/2017 @ 21:08:04)


n. 10


quando chiudono il carcere di Fermo non è mai troppo presto

Di  arterio  (inviato il 24/04/2017 @ 17:44:24)


n. 9


Risposta per Tony .
E vero ciò che affermi riguardo l'impiego in compiti non istituzionali però è anche vero che ciò avviene con un regolare interpello interno e sotto il diretto controllo dei sindacati che controllano che l'interpello sia regolare per tutti , peccato soltanto che questi interpelli per buona parte non sono per svolgere compiti istituzionali quindi se tutto è fatto alla luce del sole e la supervisione sindacale sulle regolarità ciò vuol dire che l'impiego di personale in compiti non istituzionali oramai è una prassi ormai consolidata e che nessuno metterà mani per risolvere la questione .

Di  Anonimo  (inviato il 21/04/2017 @ 11:39:09)


n. 8


Ma perché in questa bellissima Italia ci devono stare tanti corpi di polizia , nella nostra bellissima Italia basterebbe un solo unico corpo di polizia con specializzazioni in modo da risparmiare miliardi di miliardi di euro con un solo ministero denominato ministero del comparto sicurezza.
Chissà l'inizio sia già stato dato dal corpo forestale dello stato e chissà la polizia penitenziaria non segua l'identità storia del corpo forestale dello stato a seguire altri

Di  Anonimo  (inviato il 20/04/2017 @ 18:44:10)


n. 7


Siamo 50 Agenti Tecnici INV. anche noi come i colleghi del 208-170-375 ruolo ordinario, ambiamo vestire la divisa del vostro corpo.
Siamo tutti molto preparati e vogliamo dare una mano ai matricolisti nelle stanze bianche come secondi operatori addetti al prelievo del DNA.
Il vostro Sindacato è da sempre sensibile alle esigenze del Corpo e di tutti quei ragazzi che ambiscono vestire la vostra divisa.
Vi chiedo di non abbandonarci e di cercare una soluzione al nostro problema.
GRAZIE A TUTTA LA REDAZIONE.

Di  AGENTE TECNICO INV.  (inviato il 20/04/2017 @ 16:14:12)


n. 6


I poliziotti in istituto aspettano il rinnovo contrattuale da 8 anni , i poliziotti pensionati attendono giustizia per il blocco contrattuale.
Peccato contano più le insegne al diritto .

Di  Anonimo  (inviato il 20/04/2017 @ 14:35:06)


n. 5


Il personale di polizia penitenziaria necessita di numeri. I servizi ci sono e sono tanti sia dentro che fuori la realtà del carcere! Il nostro Corpo e' cresciuto molto negli anni e sono notevolmente aumentati i compiti istituzionali. Ben venga! Ma come e' giusto che sia per crescere bisogna essere consistenti nei numeri! Spero vivamente in sempre e costanti nuove assunzioni, anche perché gli anni passano e per molti arriva anche la pensione.

Di  ciccio  (inviato il 20/04/2017 @ 12:31:02)


n. 4


Per forza i poliziotti sono numeri contati in istituto se buona parte di poliziotti sono utilizzati in compiti non istituzionali cito l'ultima idea di dare la gestione dei bar spaccio alla polizia penitenziaria ma come possibile utilizzare poliziotti con mansioni barista , aggiungo che già in alcuni istituti poliziotti penitenziari della Lombarfia sono già impiegati in mansioni di barista e allora come possibile reclamare carenze di poliziotti quando una buona parte di poliziotti sono impiegati in compiti non istituzionali non attinenti in compiti d'istituto.
Reclamare carenze di poliziotti negli istituti quando poi molti poliziotti sono impiegati in compiti non attinenti servizi istituto non istituzionali credo sia alquanto poco credibile che ci sia carenze di poliziotti

Di  Anonimo  (inviato il 20/04/2017 @ 11:13:35)


n. 3


Assumete gli idonei dei ruoli tecnici! A due anni dal concorso sono ancora a casa ad attendere la chiamata.

Di  Aspirante Agente tecnico  (inviato il 20/04/2017 @ 10:16:54)


n. 2


Agente Sara, siamo 50 Agenti Tecnici INV. potremmo essere impiegati come secondo operatore addetto al prelievo del Dna nei penitenziari, abbiamo superato un concorso pubblico dopo tanti sacrifici, desideriamo indossare la vostra divisa, dare una grande mano ai matricolisti giá ridotti all'osso causa la carenza di personale
Aiutateci a partire, vogliamo il lavoro per il quale siamo stati selezionati.
Non ci abbandonate.

Di  Agente Tecnico INV.  (inviato il 20/04/2017 @ 09:57:04)


n. 1


Quanto sopra riportato corrisponde alla pura verità, mi preme comunque sottolineare che i servizi indicati rientrano tra i compiti Istituzionali della PP . Il dispendio di personale a mio parere è più grave quando unità di PP vengono impiegate in compiti non Istituzionali tipo Uffici amministrativi vari , Ortolani, Addetti fiere e mostre varie, Autisti per consegnè varie ecc si potrebbe continuare ancora per molto, e non venitemi a dire che non ci sono inovità molti Istituti tali figure!!!

Di  Tony  (inviato il 20/04/2017 @ 09:09:34)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.80.185.137


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”





Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis

10 Gratteri: “Campi di lavoro per i mafiosi se vogliono mangiare”


  Cerca per Regione