Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Il 41-bis non è poi così duro: visite mediche, permessi e vasetti di miele per i boss mafiosi


Polizia Penitenziaria - Il 41-bis non è poi così duro: visite mediche, permessi e vasetti di miele per i boss mafiosi

Notizia del 14/07/2016

in Primo Piano

(Letto 3297 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


C'è un giudice di sorveglianza Sassari che consente lo scambio corrispondenza detenuti di istituti diversi: così quelli di Sassari scrivono quelli Tolmezzo. Solo che a Tolmezzo c'è un altro giudice che vieta la corrispondenza persino tra detenuti e familiari, come invece previsto da una nota del Dap. Non è una barzelletta, è una delle tante contraddizioni del 41bis. Il problema non è la legge 94 del 2009, ma la gestione eterogenea della misura applicata ai più pericolosi detenuti per reati di mafia. 732, al momento, contro i neanche 600 uomini del Gruppo Operativo Mobile della Polizia Penitenziaria che si occupano di loro in 12 istituti. Fino a qualche anno fa erano 660, ma - a fronte dell'incremento dei detenuti - i poliziotti che vanno in pensione non vengono sostituiti. “Tutto è affidato ai singoli magistrati sorveglianza - spiega un agente - ed è chiaro che questo crea disparità di trattamento. Se uniamo le incongruenze alla simbologia mafiosa, capiamo che i boss riescono a esprimere ancora il loro potere”.

Vediamo come.

Permessi

Le cose sono due: o nel 2016 stanno morendo tantissimi familiari, oppure gli avvocati sono diventati più potenti e giudici più tolleranti. In tutto il 2015, infatti, solo undici boss hanno ottenuto il permesso di visitare parenti moribondi o familiari infermi o gravemente disabili. Nei primi sei mesi del 2016, siamo già a quota dodici. Si tratta di permessi che vanno dall’una alle tre ore, ma questo significa che vengono impiegati una ventina di poliziotti, spesso un volo militare, cioè un costo per la collettività che va dai 10 ai 20 mila euro. “Con alcuni paradossi - spiega la nostra fonte - tipo quello di una di un boss autorizzato a tornare nella sua casa tra i vicoli di Bari vecchia o in un paese siciliano con la “processione” per incontrarlo. O ancora a far visita a un defunto: solo che quando arriva là e non trova nessun parente se ne vuole andare subito. In alcuni casi non viene informata nemmeno la Dda. Non sarebbe meglio, quando si può, prelevare il figlio disabile e portarlo dal padre?”.

Visite mediche

Il personale che cura i detenuti e delle Asl che gestiscono la sanità in carcere. Durante le visite, la Polizia deve rimanere sulla soglia, guardare ma non ascoltare. E se il mafioso prova a condizionare medico? “In alcune strutture può capitare di captare conversazioni sospette - prosegue il nostro agente - solo che anche lì, di fronte a una relazione, ci sono magistrati che apprezzano e altri che biasimano”. Altro segno di potere è la visita del medico di fiducia: “C'è un detenuto in un istituto il Nord che con cadenza regolare riceve due odontoiatri pugliesi, ovviamente pagandoli. Oppure boss che si fanno comprare vasetti di miele da 28 euro l'uno in farmacia. Tutto diventa un simbolo”.

Avvocati 

Ci sono avvocati che fanno la spola tra gli istituti. Alcuni sono addirittura parenti dei mafiosi. “E alle volte scattano love story: c'è un boss che accarezza i capelli della sua avvocata”. 

Simbologia

In un reparto 41 bis, tutto ha un significato. Dalle foto dei detenuti, che dovrebbero avere la stessa grandezza, al cibo: “Di solito il primo che dice “buon appetito” è il capo che vorrebbe essere servito per primo - ci spiega l’agente - dobbiamo stare attenti a modificare il percorso del carrello”. “Chi non è mai stato dentro, non può capire cosa sia il 41 bis - conclude il poliziotto -. Pensi a una cosa: quando arriva una T-shirt bianca in un pacco, dobbiamo assicurarci che non riporti scritte sotto l'etichetta o sotto l'ascella. Tutto va controllato, e noi siamo pochi. Mi chiede se c'è un progetto che smantellarlo? Sicuramente non ce n'è uno per mantenerlo”.

 

di Giampiero Calapà e Silvia D'Onghia - Il Fatto Quotidiano, 12 luglio 2016

 

Sottosegretario Gennaro Migliore annuncia alleggerimenti per il 41-bis. Il Fatto Quotidiano: governo dal carcere molle

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere
Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri
Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità
Fino a 6 mesi di carcere e 1000 euro di multa per chi sporca edifici e mezzi di trasporto, sia pubblici che privati
Dal carcere di Milano alla Siria: così si è radicalizzato il giovane foreign fighter
Sanremo, rissa tra detenuti sedata dalla Polizia Penitenziaria
Poliziotti Penitenziari aggrediti da un detenuto nel carcere di Busto Arsizio


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


Bell'articolo Egregia redazione.
Il vecchio detto che viene tramandato da Agente ad Agente è quanto mai attuale.
((Ogni istituto è Ministero)).
La politica prima o poi smantellerà il 41 bis o quello che rimane. Lo hanno già fatto con il regime ordinario.
I danni creati con la vigilanza dinamica, Torreggiani ecc. saranno ben visibili appena andranno in pensione fra 5/8 anni tutti quei ((CRETINI CHE ANCORA CI CREDONO)) gli anziani della nazione con 25/30 anni di servizio.
Chi rimarrà dovrà fare i conti con le scelte a volte scellerate intraprese in nome delle chiacchiere e di tanti bei paroloni che di concreto fino ad oggi hanno prodotto il disastro di questo secolo.
Un vile attacco a tanta esperienza e dedizione al lavoro, in barba a tanti anni di lavoro. Se si sottoponesse il personale ad un confronto PUBBLICO si capirebbe quanto attaccamento al lavoro è rimasto. Le continue aggressioni, offesse, minacce, insulti, sputi ecc. sono solo l'inizio della fine di tutto. Ma questo è ormai chiaro a tutti noi. Fatte salve rare eccezioni in qualche istituto, dove hanno saputo mantenere quasi integro il regime penitenziario abbinato ad un recupero serio dei detenuti, tutto il resto è solo personale considerato carne da macello, malpagato e sottoposto ad uno stress mai visto fino ad oggi. Come in tutti i lavori del mondo ci sono operai bravi e volenterosi, mentre altri no. Ci sono capi cantiere che ce la fanno ed altri invece che hanno paura della propria ombra. Ci sono direttori dei lavori in gamba, altri invece che non sarebbero buoni nemmeno a controllare 5 ragazzini in un parco giochi con la cinta attorno.
Mi sforzo di capire ma capisco che non c'è nulla da capire. Bisogna solo attendere il proprio turno per uscire da questa scena Oscena.
Pochi giorni fa l'ispettore più anziano, quello che ha fatto la storia di questo istituto, dal comando, all'informatica, dalla matricola, alla gestione dei corsi scolastici, dalla MOF, all'NTP, e soprattutto all'uffcio servizi si è sentito dire da un detenuto ritenuto violento ed aggressivo per l'ennesima volta non potete farmi nulla, (dandogli del tu), ma cosa ci fai ancora qui vecchio!, non lo vedi che non contate nulla?
Non essendoci stata la possibilità di dare una risposta precisa ed immediata al soggetto, l'altro ieri dopo non so quanti anni non è venuto a lavorare per la doppia umiliazione subita.
Ieri c'era un'aria surreale quasi irrespirabile.
Il silenzio dei colleghi misto al vocio classico delle sezioni, il che ti fa capire quanto poco conti per chi sta sopra a te se al lavoro ci sei o meno.
Farò tesoro di questo evento fino all'ultimo giorno di servizio.
Un saluto con affetto a tutti i colleghi

Di  Anonimo  (inviato il 14/07/2016 @ 15:13:44)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.211.227.36


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

7 Diventa anche tu Capo del DAP!

8 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

9 C’era una volta la sentinella

10 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

3 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

4 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

8 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

9 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni

10 Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada


  Cerca per Regione