Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Il benessere del personale passa anche dalla buonuscita


Polizia Penitenziaria - Il benessere del personale passa anche dalla buonuscita

Notizia del 06/09/2016

in Houston abbiamo un problema

(Letto 4560 volte)

Scritto da: Baldo degli Ubaldi

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Più volte, dalle pagine di questo blog abbiamo affrontato l’argomento “benessere del personale”, collegandolo, comunque, a talune iniziative che se portate avanti potrebbero migliorare la condizione fisica e psichica del personale. Abbiamo lanciato spesso delle proposte, assolutamente praticabili, ma che non sono mai state prese in considerazione sia dai nostri vertici ma anche dai Sindacati che, a mio parere, non hanno avuto la determinazione di portare avanti con forza alcuni punti.

Attualmente il monitoraggio effettuato dal DAP, sulle condizioni di benessere del personale si limita a raccogliere dei dati sullo stato delle caserme negli Istituti di Pena (se sono presenti e funzionanti) se vi è la presenza del bar – spaccio, di una biblioteca, della palestra o di un campetto di calcio.

Lasciamo da parte  per un attimo  le considerazioni sullo stato delle caserme nella maggior parte degli istituti, ormai in disuso e sulle quali non si è mai investito per ristrutturarle e farle funzionare  come foresterie o come mini alloggi per quei colleghi  che ne hanno bisogno (vedi gli agenti separati) facendo pagare loro un piccolo canone mensile e mettendo quel personale, in grado di risparmiare qualcosa sullo stipendio. Ma poi mi chiedo:  cosa serve  avere una biblioteca, una palestra, un campo di calcio, quando l’età media del personale in tanti Istituti si attesta ad oltre 50 anni?

Il monitoraggio del DAP dovrebbe servire a produrre una serie di investimenti rivolti nel tempo a migliorare il benessere degli agenti? Non mi risulta che siano allo studio dei provvedimenti in tal senso. Poi, all’indomani di ogni morte di colleghi suicidi, ad ogni grave fatto causato da disagi psichici, però tutti si chiedono  cosa si può fare per migliorare  le condizioni di benessere del personale, magari inviando un corposo questionario e nominando un referente per il benessere per ogni Istituto. Ipocrisia e superficialità. E quindi, dopo tanti fatti tragici, dopo 120 suicidi in dieci anni  l’unico provvedimento preso dal DAP è stato quello di istituire un numero verde al quale  rivolgersi telefonicamente in caso di disagio psico fisico. Sarei davvero curioso di conoscere  quante telefonate abbia ricevuto dal momento della sua istituzione.

Mentre le bollette e le tasse crescono in modo inversamente proporzionale allo stipendio del personale, bloccato ormai da quasi dieci anni, rendendo gli agenti vulnerabili alle tentazioni, spingendolo indebitarsi sempre di più per far fronte ai costi di gestione di una famiglia, non ci sono all’orizzonte speranze che cambi qualcosa in meglio.

Il personale più anziano ovvero quello ad un passo dalla pensione, pensa che un modo per ridare benessere  al personale e aiutarlo a risolvere almeno i problemi economici, sia quello di riuscire a prendere in tempi brevi la buonuscita, cosa oggi che ci è negata dallo stesso Stato che serviamo con devozione e che ci ringrazia per questo, quando andiamo in pensione a domanda, concedendoci la buonuscita dopo due anni.

“Certo che se mi permettessero almeno di prendere un acconto sulla buonuscita che mi spetta, potrei stare in servizio fino alla data prevista per la cessazione; ma questo Stato “ingrato” non me lo permette. Devo sposare mia figlia e non ho i soldi per farlo. Ho un mutuo che ancora devo pagare. Cosa debbo fare? L’unica soluzione è affidarmi alla C.M.O. sperando che mi riformino a causa del mio stato d’ansia. In quel caso dopo 90 giorni lo Stato mi premierà con pensione (10% in più e buonuscita subito). Se invece vado in pensione a domanda, mia figlia dovrà scordarsi la data del matrimonio perché passeranno oltre due anni dalla data di cessazione dal servizio…..”

Questo è il tipico ragionamento dell’assistente capo medio, in odore di pensione. Il personale è stanco e demotivato. C’è un malessere diffuso e non si riesce a venire incontro alle esigenze del personale nemmeno dando la possibilità di un anticipo di buonuscita o premiando invece chi va in pensione a domanda abrogando  questa penalizzante norma contro chi ha deciso di restare nel Corpo fino all’ultimo giorno. Altro che benessere!  

 

 


Scritto da: Baldo degli Ubaldi
(Leggi tutti gli articoli di Baldo degli Ubaldi)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico
Delega al Governo per dare Skype anche ai mafiosi? Insorge l''Associazione Vittime del Dovere
Tentata evasione dal carcere di Ivrea: detenuto fermato prima che arrivasse al muro di cinta
Detenuto ricoverato, esponente di spicco di un clan di Messina, libero di girare per l''ospedale di Parma
Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 9


condivido in pieno ho 52 anni anagrafici e ho 30 anni di servizio sono scoraggiato e stanco , vorrei dire tantissime cose ma non servirebbero a niente è uno schifo etc . etc.

Di  salvatore  (inviato il 09/09/2016 @ 17:32:26)


n. 8


Non dimentichiamo che la buona uscita ci viene tassata in modo sconsiderevole , su di una buona uscita di euro 65.000,00 lo stato si prende 15.000,00 di irpef , e ingiusta la tassazione sulla buona uscita anzi è un furto legalizzato.
Non c'è benessere neanche al raggiungimento della pensione quando si viene derubati di una buona parte della buona uscita per non parlare della penalizzante legge Fornero poi per chi non matura 18 anni di contributi alla 31.12.1995 il calcolo pensionistico viene fatto con contributivo più misto subendo una penalizzazione sulla pensione di oltre 450,00 euro mensili , mentre per chi rientra nel sistema retributivo che al 31.12.95 avevano maturato i 18 anni di contributi la pensione viene calcolata con il sistema retributivo.
Esempio pensione con 40 aani di contributi sistema retributivo pensione 2.090,00 mensili netti.
Esempio pensione sistema contributivo più misto con 38 anni di contributi pensione 1.420,00 mensili netti .
e vi ricordo che oggi quasi più nessuno raggiunge la pensione con sistema retributivo perché la stragrande maggioranza dei colleghi arruolati nel 1980 sono già in pensione .

Di  Antonio  (inviato il 09/09/2016 @ 09:45:42)


n. 7


Concordo con quanto scritto, ovvero che almeno per l'80% il disagio è da attribuirsi a problemi economici.

Di  ass. capo Raffaele Sanzio  (inviato il 08/09/2016 @ 14:40:34)


n. 6


Mi sembra che state dicendo cose giuste entrambi.

Di  Frank  (inviato il 07/09/2016 @ 13:18:17)


n. 5


scusate, il disagio pervade non perversa ..

Di  vincenzo santagata  (inviato il 07/09/2016 @ 09:23:20)


n. 4


Si vero, molti disagi sono di natura economica, lo erano purtroppo anche prima, poi i tempi sono cambiati e forse non in meglio. Apprezzabile e condivisibile la proposta di anticipo di una parte della buonuscita ma non certamente in grado di sostenere il disagio che perversa nel nostro corpo.
Io credo, forse, che se il sindacato sostenesse con convinzione la presenza, magari anche stipulando accordi con le locali Asl oppure avvalendosi della collaborazione di psicologi presenti nei nostri istituti, di centri o luoghi di ascolto e sostegno, si potrebbe seriamente pensare al benessere del personale. L'impegno deve essere preso da tutti, da me in primo luogo perché preoccupato del clima che si respira nei nostri istituti, dal sindacato come portavoce del personale e dall'amministrazione come Ufficio preposto alla gestione del personale. Un caro saluto, V. Santagata

Di  vincenzo santagata  (inviato il 07/09/2016 @ 00:23:43)


n. 3


Scusa, chi lo dovrebbe prendere l'impegno? Noi abbiamo fatto tante proposte, tra le quali anche la richiesta di anticipo di una parte della buonuscita. Ti ricordo che la gran parte dei problemi e dei disagi sono di natura economica. Ben vengano i centri di ascolto se servono a sostenere il morale delle truppe che attualmente è sotto i tacchi.

Di  Baldo degli Ubaldi  (inviato il 06/09/2016 @ 23:25:13)


n. 2


Caro Baldo degli Ubaldi o chi per te, il benessere del personale si promuove attraverso una nuova cultura organizzativa. Certo, la parte economica è importante, la buonuscita lo è altrettanto, ma se vogliamo parlare di benessere del personale consideriamo il contesto dove operiamo, senza sostegno e supporto psicologico. E' fondamentale essere ascoltati, sostenuti nei nostri umani limiti. In alcuni istituti mi risulta che sono stati sperimentati punti di ascolto riservati al personale. Prendetevi l'impegno di monitorare e studiare queste nuove esperienze. Poi certo, viene anche la buonuscita. Saluti, Ass.te C. Vincenzo Santagata

Di  vincenzo santagata  (inviato il 06/09/2016 @ 21:43:34)


n. 1


Baldo, hai fatto un altro centro!!!

Di  Fra Cristoforo da Volterra  (inviato il 06/09/2016 @ 13:11:03)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.197.159.173


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

5 Riordino vuol dire mettere ordine

6 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

7 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

8 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

9 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna

10 Il ruolo della Polizia Penitenziaria tra la scommessa delle misure alternative e la banca dati DNA





Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Consiglio dei Ministri: Santi consolo NON confermato nel ruolo di Capo DAP?

5 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

6 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

7 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

8 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

9 Evasione da Sollicciano: probabile rimozione Direttore e Comandante, ma il Sappe chiama in causa il DAP e Gennaro Migliore

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione