Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Il bollettino di guerra delle carceri italiane


Polizia Penitenziaria - Il bollettino di guerra delle carceri italiane

Notizia del 21/06/2016

in Houston abbiamo un problema

(Letto 4878 volte)

Scritto da: Baldo degli Ubaldi

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Ormai nella carceri italiane è un bollettino di guerra: ogni giorno aggressioni al personale di Polizia Penitenziaria, oltraggi, sputi, lancio di feci, di sangue infetto, mega risse tra detenuti di diverse etnie, prevaricazioni, minacce, aggressioni violente a detenuti … insomma un quadro davvero sconfortante ed in mezzo ci siamo noi i poliziotti penitenziari.

Mai come in questo ultimo periodo, più o meno da quando è stata applicata nelle carceri italiane la famigerata sentenza Torreggiani, noi poliziotti penitenziari, abbiamo prese legnate così forti ed in tale quantità.

Basta collegarsi con qualsiasi sito sindacale per rendersi conto di quanta violenza ai danni di un Corpo di Polizia dello Stato viene perpetrata ogni giorno da parte di chi anziché espiare la pena soffrendo, ma con dignità, espia le proprie colpe con l’arroganza propria di chi sa di essere IPERGARANTITO da uno Stato che ha abbassato la guardia e che per certi versi ha abbandonato un Corpo di Polizia al proprio destino.

E’ vero, l’impressione che si ha in periferia è questa: chi ci governa da tutto ai detenuti, spazi, giochi, cultura, sport; facciamoli diventare meccanici, agricoltori, forniamoli di titoli di studio o attestati che possano inserirli nel mondo del lavoro; da poco o niente alla Polizia Penitenziaria.

La Polizia Penitenziaria in periferia si sente perfino abbandonata dai propri sindacati, incapaci di trovare nuove strategie di lotta e di protesta contro un governo, contro dei dirigenti che appaiono sordi ad ogni invocazione di aiuto.

Nelle carceri entrano telefonini, droga e quant’altro e noi assistiamo impotenti a tutto ciò, o meglio cerchiamo di arginare per quanto possibile questi fenomeni, con i pochi mezzi e i pochi uomini che sono rimasti.

Ma in mezzo a tutto questo disastro cosa pensano i nostri burocrati? Alle statistiche, a come è organizzato l’istituto, a quanti colloqui fanno i minori con i propri padri detenuti, se c’è il collegamento Skype per le telefonate, a quanti tossicodipendenti potrebbero fruire dell’affidamento in prova al servizio sociale e quanti quintali di frutta e verdura sono stati prodotti dal lavoro agricolo dei detenuti in quel carcere …

E’ importante l’inserimento dell’evento critico che deve essere fatto in tempo reale, non è altrettanto importante, e mai succederà, ricevere una telefonata in tempo reale di un alto papavero che ti dice con voce suadente: "Coraggio … continua così … apprezzo il tuo lavoro. Sei prezioso per questa Amministrazione!!!"

E’ più facile che vi telefoni in Istituto Papa Francesco ...

 

 


Scritto da: Baldo degli Ubaldi
(Leggi tutti gli articoli di Baldo degli Ubaldi)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


Chiedi di allontanare un detenuto violento e ti dicono “te lo devi tenere”;
Chiedi di ripristinare l’illuminazione esterna e ti dicono che non ci sono sghey;
Chiedi di controllare l’auto che fa rumore alla trasmissione, niente sghey;
Chiedi che venga applicata una sanzione disciplinare adeguata rispetto a gravi fatti commessi, NULLA;
Chiedi di intervenire con rigore per contrastare i più facinorosi e non accade quasi nulla:
Chiedi di chiudere dal lavoro i fannulloni e non te lo permettono;
Chiedi di potere controllare i detenuti sconsegnati, guai a farlo!!!!!!
Chiedi di rafforzare le unità addette ai colloqui, NIENTE;
Chiedi di potere avere la giornata di riposo dopo il turno di notte, quasi mai NIENTE;

Chiedi di potere essere distaccato vicino casa dopo anni passati al nord, NIENTE (intanto moglie e figli son cresciuti senza mariti e padri). Deve esserci una malattia seria di un appartente e magari con la 104 o l’art.7 arrivi nella tua regione. Ma questa che vita di mer…..è?, quasi quasi se un familiare si ammala è diventata una fortuna;

Chiedi questo ed altro ancora e non ottieni mai NIENTE!
Gli utenti ti guardano e se la ridono sotto i baffi, a volte anche in faccia ti ridono. Si sta scoppppppppiando!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
A furia di chiedere e non ottenere risposte adeguate che permettano di avere un buon motivo per andare a lavorare, non chiederà più niente nessuno. Ma già è così da almeno quattro anni buoni. Questo è il fattore umano più drammatico che sta accadendo. Per uno dei motivi sopra elencati ed altre, il benessere del personale è solo aria fritta e belle parole al vento. Non scandalizziamoci se poi c’è un ritorno di fiamma al passato o se qualcuno la fa finita per motivi personali od altro. Non se la prendano i più giovani se negli ultimi giorni si parla tanto degli Agenti di Custodia e relativo glorioso passato.
Un collega mi ha detto l’altra volta: quando sono al lavoro, mi sento come se fossi preso a morsi e non posso neanche lamentarmi con l’aria che tira. A poi aggiunto, questo nostro Corpo si ridurrà ad una carogna in putrefazione a furia di vedersi strappata la carne tutti i giorni a morsi. Ed anche in quelle condizioni ci saranno le iene a fare pulizia, per tutto quello che resterà.
Io personalmente sono più ottimista nella vita.
Mi rifaccio normalmente ad un brano di De Andrè


Le Nuvole
Vengono vanno ritornano
e magari si fermano tanti giorni
che non vedi più il sole e le stelle
e ti sembra di non conoscere più
il posto dove stai.

Le mie braccia sono piccole, ma vi abbraccio lo stesso tutti


Di  anonimo  (inviato il 21/06/2016 @ 21:35:40)


n. 1


Concordo pienamente con baldo degli ubaldi, in periferia non solo ci sentiamo abbandonati dai dirigenti del dap e soprattutto dalle O.S. Che si limitano a dare le notizie degli eventi critici nei vari reparti detentivi, senza prendere iniziative importanti a favore di quei poliziotti che stanno in prima linea e che pagano la tessera. Avvolte anzi spesso il poliziotto di sezione è abbandonato perfino dai comandanti di reparto e dai direttori che ormai appartengono alla categoria degli educatori e poco importa loro dei poliziotti di sezione. Per favore facciamo qualcosa diamo un segnale forte al personale di polizia.

Di  Roby  (inviato il 21/06/2016 @ 14:29:00)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

50.16.17.16


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

3 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

6 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

9 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

10 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione