Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Il Capo del Dap Giovanni Tamburino mi ha convinto


Polizia Penitenziaria - Il Capo del Dap Giovanni Tamburino mi ha convinto

Notizia del 21/10/2012

in Il Pulpito

(Letto 4081 volte)

Scritto da: Giovanni Battista De Blasis

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Il 31 luglio scorso, con una convocazione estemporanea senza oggetto trasmessa soltanto il giorno prima, il Pres. Giovanni Tamburino ha tenuto una riunione con le organizzazioni sindacali sul tema (ad interpretazione) del disagio lavorativo, del burnout e del drammatico fenomeno dei suicidi dei poliziotti penitenziari.

Ad onor del vero la convocazione non è stata certo “spontanea” da parte del Capo Dap, ma indotta dalla pressione di una sconcertante sequela di suicidi del personale del Corpo.
 
Peraltro, nei giorni immediatamente precedenti l’incontro, ci sono stati anche alcuni gravi episodi di aggressione ai danni di poliziotti penitenziari, con conseguenze altrettanto gravi e, soltanto per fortuite circostanze, non culminati in tragedia.
 
I tre episodi sono stati, in ordine di gravità: l’aggressione ad un assistente nel carcere di Spoleto che ha riportato gravissime lesioni al volto con una prognosi di settantacinque giorni, l’aggressione di un agente a Pisa da parte di un detenuto che era stato autore solo qualche giorno prima di analogo episodio senza che alcun provvedimento fosse stato adottato nei suoi confronti, l’aggressione di un agente donna nel carcere di Sassari soccorsa e difesa dalle stesse detenute perché in servizio da sola.
 
Proprio sulla spinta di questi gravi episodi il Pres. Tamburino non ha potuto fare a meno di convocare le rappresentanze del personale che, insistentemente, manifestavano da tempo disagio e nervosismo.
Purtroppo però, come spesso accade, la cura è stata peggiore della malattia.
 
Le organizzazioni sindacali, da parte loro, hanno lamentato tutte un diffuso senso di abbandono risentito dal personale nelle carceri dove, spesso e volentieri, nessuno ha la sensibilità e l’attenzione per cogliere i segnali di disagio che talvolta provengono da qualche collega in particolare difficoltà.
 
 
Il Sappe, per bocca mia, ha contestato innanzitutto l’inconsistenza dell’azione dell’amministrazione nei riguardi nel disagio lavorativo.
In tal senso, pur consapevoli di non avere titolo a dare consigli a qualcuno, ci siamo permessi di suggerire a coloro che hanno la responsabilità di dirigere la Polizia Penitenziaria di rivolgere la propria attenzione alle strategie delle grandi aziende (soprattutto negli Stati Uniti) che hanno fatto grandi investimenti economici e strutturali per il benessere del personale (asili nido, palestre, centri sportivi, piscine, beauty farm ...) con notevoli benefici sul serenità e sulla produttività dei dipendenti.
 
Altro che inutili brochure, centri di ascolto e fantomatici numeri verdi....
 
Stesso invito a rivolgere l’attenzione è stato fatto verso il pericoloso sfaldamento tra le fila della Polizia Penitenziaria dove, purtroppo, nessuno riesce più a cogliere i segnali di disagio provenienti da colleghi in difficoltà.
Abbiamo cercato di far capire al Pres. Tamburino che è necessario riflettere sulla preoccupante involuzione dello spirito di Corpo nella Polizia Penitenziaria.
Lo spirito di Corpo, il cameratismo (nella sua accezione positiva), il senso di appartenenza e la solidarietà di Corpo sono delle caratteristiche che non si insegnano nei corsi di formazione né si possono imporre dall’alto poiché nascono spontaneamente e si consolidano attraverso la condivisione delle persone. Si tratta di sentimenti ed i sentimenti non si impongono né si inducono.
 
A margine del nostro intervento, abbiamo voluto rappresentare al Capo Dap tutto il nostro dissenso nei confronti della cosiddetta “vigilanza dinamica” e soprattutto nei confronti del cosiddetto “patto di responsabilità” con i detenuti che, a nostro avviso, portano soltanto al depotenziamento dell’autorità e dell’autorevolezza della Polizia Penitenziaria all’interno delle carceri, con tutto quello che ciò comporta in termini di rischio per l’ordine e la disciplina degli istituti e soprattutto per l’incolumità del personale.
 
Il Capo del Dap, dopo aver impassibilmente ascoltato tutti gli interventi sindacali senza fare una piega, ha preso la parola ed ha esposto le sue ragioni.
 
Dopo aver praticamente sorvolato ogni suggerimento, consiglio o proposta sindacale, il Pres. Tamburino ha ribadito nella sostanza tutte le sue determinazioni in tema di centri di ascolto e numeri verdi e, soprattutto, in materia di “sorveglianza dinamica” e “patti di responsabilità” con i detenuti, sui quali ha fermamente riaffermato tutta la propria convinzione in termini di efficacia e funzionalità.
 
In buona sostanza l’incontro è stato “deludente ed inconcludente” come abbiamo avuto modo di dichiarare alle agenzie lo stesso giorno.
Addirittura, due giorni dopo, ancora sulle agenzie di stampa abbiamo dichiarato INEFFICACI LE SOLUZIONI DAP SU SUICIDI BASCHI AZZURRI. LA RIUNIONE DEL 31 LUGLIO E' SERVITA PER 'SCARICARSI LA COSCIENZA
 
Da parte mia, ho ascoltato molto attentamente la replica del Pres. Tamburino.
 
In relazione al nostro dissenso sulla sorveglianza dinamica, con una protervia degna del miglior Marchese del Grillo, Tamburino ha affermato che <<... i cambiamenti passano comunque anche “sulla testa” di chi non li vuole, come ha dimostrato la riforma del ‘75>>
 
A tal riguardo, ammesso e non concesso fosse vero quello che ha sostenuto Tamburino, forse sarebbe più opportuno usare le parole “ai danni” in luogo di “sulla testa” come ha detto lui.
(Piuttosto, sarebbe davvero indispensabile che qualcuno di buona volontà all’interno del Dap ricordasse al dott. Tamburino che l’universo, con una sola irrilevante eccezione, è composto di altri).
 
Ad ogni buon conto, mi domando se la “sorveglianza dinamica” piace a Tamburino perché è efficiente e funzionale oppure è efficiente e  funzionale perché piace a Tamburino ...
 
Comunque alla fine il Capo Dap mi ha convinto ...
 
... mi ha convinto che è sempre più urgente la necessità di abbandonare il Ministero della Giustizia per passare alle dipendenze del Ministero dell’Interno! 
 

Scritto da: Giovanni Battista De Blasis
(Leggi tutti gli articoli di Giovanni Battista De Blasis)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Altri 26 telefonini trovati nel carcere di Padova, 20 dei quali occultati da un Poliziotto penitenziario nella suo alloggio di servizio
Skype per i 41-bis in carcere? Il Ministro Orlando: non riguarderà i capi mafia
Uno degli accusati dell''omicidio di Emanuele Morganti era stato arrestato la sera prima con più di 1000 dosi di droga ma subito rilasciato
Sequestrati telefoni e coltelli nel carcere di Cassino: operazione di Carabinieri e Polizia Penitenziaria
Epatite C, il contagio passa dalle carceri e arriva nelle città per i pochi controlli
Continui problemi nel carcere di Airola: protesta della Polizia Penitenziaria
Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento
Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 6


Bisogna trasferire gli agenti che è da più di 15 anni che stanno fuori casa non i neo arruolati che con un giorno di servizio sono già a casa

Di  Salvatore catalano  (inviato il 25/10/2012 @ 15:09:38)


n. 5


Il signor Tamburino lascerà negli annali del dap il suo nome come lo hanno lasciato quelli che lo hanno preceduto. Verrà ricordato dalla Polizia Penitenziaria ne più ne meno dei vari.....( scusate ho un momento di amnesia).

Di  cairo74°  (inviato il 24/10/2012 @ 19:15:39)


n. 4


il dap non merita il Corpo di Polizia Penitenziaria...

Di  paco  (inviato il 23/10/2012 @ 21:55:10)


n. 3


... se venisse istituita la direzione generale del corpo...... avremmo, sempre e comunque personale civile in mezzo alle p...e, quindi meglio MIGRARE altrove....... ciao.........

Di  luigi  (inviato il 23/10/2012 @ 12:28:19)


n. 2


E sempre piu' convincente non avere un "capo" giacca e cravatta una sola voce :"istituire una direzione nazionale del corpo di Polizia Penitenziaria " sembrano chiacchiere ma e' l' unica soluzione w NOI

Di  Marco  (inviato il 22/10/2012 @ 21:10:11)


n. 1


bisogna passare al ministero dell'interno...... loro si occupano di sicurezza... e quindi con una grande competenza alle spalle...... abbandoniamo la giustizia e tutti i burocrati, che turno...in turno.. vengono ad ingrassare presso il dipartimento amm.ne penitenziaira....... B A S T A....!!!!!!!!
..e ora di voltare pagina...........................................................

Di  luigi  (inviato il 22/10/2012 @ 19:43:40)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.158.80.117


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria

7 Riordino: chi non vuole i vice questori della Polizia Penitenziaria?

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Riordino carriere: risultati di un sondaggio rivolto al personale

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?





Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione