Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Il Consiglio di Stato cancella il trasferimento Legge 104. Ci sarà valutazione discrezionale dell'amministrazione


Polizia Penitenziaria - Il Consiglio di Stato cancella il trasferimento Legge 104. Ci sarà valutazione discrezionale dell'amministrazione

Notizia del 28/08/2014

in Diritto&Diritti

(Letto 17203 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


La modifica dell' art. 33 della legge 104/92 "Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappata" ad opera della legge n. 183 del 2010, ha eliminato i requisiti della continuità e della esclusività per i lavoratori dipendenti (pubblici e privati) che intendano prestare assistenza a favore di familiari in situazione di handicap ed ottenere le agevolazioni previste. Per inciso, ai fini dell' ottenimento dei benefici, la "continuità" stava ad indicare l' assistenza, che non doveva essere occasionale, del congiunto con handicap da parte del lavoratore, mentre l' "esclusività" rappresentava l' assenza di altri familiari in grado di prestare l'assistenza.

In precedenza la legge 8 marzo 2000, n. 53 (art. 19 e 20) aveva cancellato dall' art. 33 della legge 104 il requisito della "convivenza".

Tali requisiti, pertanto, non possono più essere pretesi dalla Pubblica Amministrazione come presupposto per la concessione dei benefici di cui all' art. 33, tuttavia la circostanza che il disabile "risulti assistito da altri familiari, ben può costituire circostanza di fatto suscettibile di apprezzamento da parte dell'Amministrazione nella complessiva ponderazione degli interessi che devono essere considerati in vista dell' adozione del provvedimento di concessione delle agevolazioni".

E' quanto emerge dalla sentenza n. 04200/2014 del 06/08/2014 con la quale il Consiglio di Stato (Sezione Quarta) ha respinto l' appello per la riforma, della sentenza nr. 324/2014 del 15 gennaio 2014 del T.A.R. della Lombardia, Sezione Prima di Milano.
Il TAR aveva respinto il ricorso contro il provvedimento con cui l'Amministrazione penitenziaria aveva, a sua volta, negato il trasferimento ad altra sede richiesto da un suo dipendente.

In particolare, il Giudice di primo grado aveva considerato determinante la circostanza che l'infermità della madre disabile fosse intervenuta in epoca posteriore all'assunzione in servizio del ricorrente: l'art. 33 della legge nr. 104 del 1992 fa riferimento al lavoratore "che assiste persona con handicap in situazione di gravità", dovendosi presumere una situazione di assistenza già in essere da parte del dipendente; situazione che evidentemente non sussisteva nella fattispecie de qua.

Il Consiglio di Stato ha ritenuto l'appello manifestamente infondato, per le seguenti ragioni.

"A seguito della novella di cui alla legge nr. 183 del 2010, è stata eliminata dall'art. 33 della legge nr. 104 del 1992 la previsione dei requisiti della continuità ed esclusività dell'assistenza: tali requisiti, pertanto, non possono più essere pretesi dall'Amministrazione come presupposto per la concessione dei benefici di cui al citato art. 33, e dunque gli unici parametri entro i quali l'Amministrazione deve valutare se concedere o meno i benefici in questione - nella fattispecie concreta, il trasferimento presso la Casa Circondariale di Matera - sono da un lato le proprie esigenze organizzative ed operative e dall'altro l'effettiva necessità del beneficio, al fine di impedire un suo uso strumentale".

"Ciò premesso, va rilevato che la richiesta di trasferimento in base alla normativa suindicata non configura un diritto incondizionato del richiedente: la p.a. può legittimamente respingere l'istanza di trasferimento di un proprio dipendente, presentata ai sensi dell'art. 33, quando le condizioni personali e familiari dello stesso recedono di fronte all'interesse pubblico alla tutela del buon funzionamento degli uffici e del prestigio dell'Amministrazione.

"Il c.d. "diritto al trasferimento" è quindi rimesso ad una valutazione relativamente discrezionale dell'Amministrazione ed è soggetto ad una duplice condizione: che nella sede di destinazione vi sia un posto vacante e disponibile e che vi sia l'assenso delle Amministrazioni di provenienza e di destinazione; ne discende che, quand'anche il requisito della vacanza e della disponibilità risulti soddisfatto, il beneficio può essere negato in considerazione delle esigenze di servizio della struttura di provenienza o di destinazione".

Quando poi risulta che la persona portatrice di handicap ha altri familiari in loco e che il richiedente non ha in precedenza prestato attività di assistenza nei suoi confronti, la p.a. può legittimamente respingere l'istanza di trasferimento.

In particolare nel caso in esame: "il fatto che la madre dell'istante risulti assistita da altri familiari, ben può costituire circostanza di fatto suscettibile di apprezzamento da parte dell'Amministrazione nella complessiva ponderazione degli interessi da comporre, pur dopo la ricordata riforma del 2010 che ha eliminato la previsione dei presupposti della continuità ed esclusività dell'assistenza".

studioCataldi.it


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Carcere di Fuorni, Santi Consolo non mantine le promesse: la protesta dei Poliziotti penitenziari
Alcol e telefonino nel carcere di Mantova: erano in una cella occupata da detenuti Rom
Direttore del carcere di Busto Arsizio ammette le difficoltà: pochi Agenti ed educatori, ed è tornato il sovraffollaemento
Presidente Trump ritira l''ordine di ridurre le carceri private negli USA
Sindaco di Lucca: il carcere rimane quello, dal Ministero solo le solite proposte
I familiari delle vittime della Uno Bianca: loro hanno ucciso i nostri cari, che muoiano in carcere
Agenti penitenziari perquisiscono la sua cella e il detenuto rompe lo sgabello e ferisce due Poliziotti del carcere di Udine
Sospesi dal servizio i tre Carabinieri accusati della morte di Stefano Cucchi


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


Dopo questa e` inutile compilare la mia ventesima domanda di trasferimento.
Solo un improbabile unificazione con la Polizia di Stato puo` salvarci.

Di  Giorgio  (inviato il 02/09/2014 @ 00:08:46)


n. 4


Caro Anonimo il tuo ragionamento è la dimostrazione di quanto scritto da Pasquino e che condivido.

Di  alessandro  (inviato il 29/08/2014 @ 21:16:08)


n. 3


Mi permetto di dire che forse sarebbe giusto il trasferimento ma nel momento che vengono accadere i requisiti cio la morte dell'assistito il secondo giorno il rientro in sede,perche' non e' possibile che ragazzini di dye anni di servizio dopo la morte dei cari restano in sede , e personale che aspetta da ventanni restiamo sempre più indietro grazie.

Di  Anonimo  (inviato il 29/08/2014 @ 16:27:01)


n. 2


Vogliamo parlare dei distacchi per avvicinamento al figlio minore fino al 4 anno se il coniuge lavora nella P.A. ancor di più quando il coniuge lavora nella stessa P.A. chissa' come mai vengono rigettati.... Come si può andare avanti se proprio la nostra amministrazione non rispetta i DL in materia. I sindacati cosa fanno....? Niente... le risposte? fate ricorso al TAR. Evviva!!!

Di  Pax  (inviato il 29/08/2014 @ 15:38:42)


n. 1


Sotto il profilo etico, non fa una piega.
Il problema sarà come verrà gestita tale discrezionalità.
Conoscendo profondamente il sottobosco dipartimentale, prevalentemente formato da un policromo organico di funzionari e dirigenti, non stento ad immaginare che questa "discrezionalità" verrà utilizzata all'occorrenza, a favore o in sfavore del dipendente, a seconda se questi risulterà più o meno simpatico, o ancora peggio più o meno raccomandato.

Di  PASQUINO  (inviato il 29/08/2014 @ 10:07:49)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.145.235.23


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Circolare del GOM: togliete le foto da Facebook, è in atto una schedatura dei Poliziotti

2 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 Giuseppe Simeone, sostituto commissario al Dap, 59 anni, stroncato da un infarto

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Diventa anche tu Capo del DAP!

7 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

8 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

9 C’era una volta la sentinella

10 Orlando e Consolo: pubblicate i dati reali del sovraffollamento





Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

7 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione