Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Il DAP possibilista sull'intervento dei privati nella gestione dei servizi delle carceri italiane


Polizia Penitenziaria - Il DAP possibilista sull'intervento dei privati nella gestione dei servizi delle carceri italiane

Notizia del 04/06/2013

in Houston abbiamo un problema

(Letto 2711 volte)

Scritto da: pasquino

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Premetto subito che nel mio pensiero non c’è nulla di personale contro Tizio o Caio si tratta di una riflessione a voce alta.

Sopravvitto, lavanderia, corsi professionali, ma anche bar e pay-tv: l’Italia guarda al “modello francese.

Non concordo e, spiego le mie ragioni.

 

Iniziamo a dire, che l’Italia, non può e non deve rifarsi ad alcun modello estero, perché, le nostre esigenze amministrative e politiche non lo consentono.

 

In genere, in un Paese che non è il nostro, il così detto “PPP” funziona, in quanto il livello di corruzione politico-amministrativa è ad un livello risibile rispetto al nostro e già su questo dato dovremmo soffermarci a fare una profonda riflessione.

 

Prima di pensare la partnership pubblico privato, è opportuno intervenire sul metodo della gestione attuale.

Iniziamo con il segnalare la particolarità che ci sono direttori di Istituto Penitenziario che “albergano” per decenni nella medesima Direzione, ora non credo di essere un genio nel sostenere che è opportuno stabilire un tempo massimo (tre/quattro anni), in cui un “funzionario delegato” possa dirigere il medesimo Istituto, o dirigere la medesima Direzione Generale e/o Provveditorato.

E’ ovvio ed incontrovertibile che la permanenza in un medesimo incarico crei anche un’involontaria dipendenza clientelare, tra chi gestisce la spesa pubblica e chi deve fornire dei servizi a pagamento.

 

Lo step successivo, dovrebbe riguardare il sistema d’assegnazione degli appalti pubblici, in quanto mi sembra che il sistema attuale (è sufficiente leggere le varie cronache locali), dimostra che l’intromissione negli appalti pubblici anche della criminalità organizzata non sia un’utopia.

Sarebbe, quindi, opportuno prevedere ad esempio che, tutti gli appalti transitino per gli UTG Uffici Territoriali di Governo, dove si eserciti un controllo sui committenti ed i potenziali aggiudicatari, e sulla natura del bando, in altre parole sulla necessità effettiva di questo o quel servizio, accertata la necessità, indispensabile è, il controllo preventivo della Corte dei Conti, la quale accerti la disponibilità dei fondi, la consistenza della spesa e, se questa è o meno congrua al “lavoro” bandito.

Mi spiego, mi sono sempre chiesto ad esempio come mai, ogni nuova nomina in ambito dipartimentale, è sempre stata succeduta da sontuose opere di ristrutturazione d’Uffici ed acquisto di nuovi mobili.

Mi sono sempre chiesto e, credo di non essere il solo dove risiederà tale necessità, insomma se Tizio dal 5° piano scende al piano terra, se Caio dal piano terra sale al 5° piano e così via, perché lo Stato, e di conseguenza tutti noi, dobbiamo sobbarcarci tali oneri e, soprattutto dove è la giustificazione?

Non mi vorrete mica raccontare che mobili di Ufficio, ad uso di un dirigente necessitano di una “rottamazione” dopo due/tre anni?

Medesima sorte, tocca ai vari arredi ed accessori.

Per non parlare delle opere murarie, le quali soddisfano le più assurde fantasie.

Mi chiedo e, vi chiedo, ma voi a casa vostra cambiate tutti mobili ogni due quattro anni al massimo? Ristrutturate il vostro appartamento con la medesima frequenza con la quale fate ristrutturare e modificare i vostri Uffici, per non parlare poi dei così detti alloggi di servizio? Con le ristrutturazioni degli alloggi delle Mantellate, ci ricostruivamo le, TWIN TOWERS.

Insomma, la valutazione della necessità è aprioristica al bando di concorso, valutazione che sembra ora sottrarsi alla logica del buon senso.

Ora, figuriamoci ad appaltare servizi che investono centinaia di milioni €. Senza prima prevedere una riforma del sistema attuale, che danno economico e che rischio di infiltrazione dei sistemi clientelari produca, per non parlare dei conflitti di interesse che si andrebbero ad alimentare.

Il mio punto di vista, credo rispecchi quello di gran parte dei cittadini dello Stato, i quali costantemente in qualità di dipendenti pubblici assistono a sperperi di vario genere.

Il risultato di tali sperperi è il blocco dei contratti, il taglio dei fondi dedicati alla formazione ed al benessere del personale, la costrizione del lavoro straordinario e l’aumento delle tasse.

Mentre, il Dirigente che, fronte del raggiungimento di obiettivi determinati come il taglio degli straordinari, percepisce un bonus. Chissà se a qualcuno è mai venuto in mente di garantire quel bonus invece che sui tagli degli straordinari dei dipendenti sui tagli delle ristrutturazioni inutili!!!!!

Ma possibile che ognuno ragioni esclusivamente “pro domo sua”!!!

Ovvio che è necessario cambiare, ma sarebbe opportuno cambiare in meglio!!!


Scritto da: pasquino
(Leggi tutti gli articoli di pasquino)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri
Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità
Fino a 6 mesi di carcere e 1000 euro di multa per chi sporca edifici e mezzi di trasporto, sia pubblici che privati
Dal carcere di Milano alla Siria: così si è radicalizzato il giovane foreign fighter
Sanremo, rissa tra detenuti sedata dalla Polizia Penitenziaria
Poliziotti Penitenziari aggrediti da un detenuto nel carcere di Busto Arsizio
Ndrangheta: boss impartiva ordini dal carcere de L’Aquila. 12 arresti


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


Quando entrai nella polizia penitenziaria la prima cosa che notai in quel trita carne che è la sezione ( per noi ovviamente ) era la presenza all'interno delle carceri di una sorta di classificazione sociale. L'extra comunitario, senza una lira, che non poteva permettersi di acquistare l'acqua, e l'associato che andava in giro griffato. Per non parlare delle vivande che attraverso lo spesino si scaricavano nelle celle, in barba al limite di spesa fissato dalle disposizioni. A questo in alcuni istituti si è aggiunta la possibilità di acquistare cornetti caldi, torte ecc. ecc.. Personalmente ritengo che la detenzione debba essere uguale per tutti con dei distinguo ovviamente in base alla pericolosità del detenuto. Pertanto oltre ha non condividere sulla questione privati, ritengo debbano essere smantellate le imprese di mantenimento ( girano milioni di euro ), lasciando all'amministrazione stessa la possibilità di vendere generi di conforto, destinando gli utili ad attività rivolte agli stessi detenuti. E ovvio che per tutto il resto concordo con Pasquino. P.S. sarebbe interessante sapere quanto hanno guadagnato le imprese di mantenimento, e quale beneficio ne ha tratto l'amministrazione .

Di  nato scoglio  (inviato il 04/06/2013 @ 11:46:20)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.158.127.188


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

7 Diventa anche tu Capo del DAP!

8 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

9 C’era una volta la sentinella

10 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

3 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

4 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

5 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

6 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

7 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione