Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Il DAP prepara la "rivoluzione normale" nelle carceri. Ancora una volta echeggia il grido "Armiamoci e partite!"


Polizia Penitenziaria - Il DAP prepara la

Notizia del 01/12/2012

in Anche le Formiche nel loro piccolo si incazzano

(Letto 3849 volte)

Scritto da: Agente Furioso

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Una "rivoluzione normale", così la chiama Luigi Pagano quella che il DAP sta cercando di vendere alla stampa e all'opinione pubblica.

In un articolo apparso sul Sole 24ore il 28 novembre scorso, il Vice Capo del DAP Luigi Pagano ha dichiarato che “Si torna alla legalità: circuiti differenziati per condannati e imputati, uso degli spazi per attività, pene da scontare vicino alla famiglia, celle aperte, spazi da trasformare in luoghi operosi, carceri diverse per imputati e condannati, impostate per abbattere la recidiva grazie a lavoro, scuola, formazione, condanne da scontare vicino alla famiglia: una rivoluzione."

Ovviamente, il giornalista del Sole 24ore se l'è bevuta alla grande e, magari anche un po' complice, ha scritto: "in attesa che la politica faccia la sua parte, il Dap ha rotto l’immobilismo imperante per mandare 'un segnale forte all’esterno'. Come? Applicando la legge senza se e senza ma."

E invece un "se" e un "ma" noi della Polizia Penitenziaria, se il giornalista del Sole 24ore e il Vice Capo del DAP ce lo permettono, lo rileviamo. E, forse, anche più di uno...

Riportiamo interi passaggi dell'articolo perché, secondo la favoletta che il DAP vuole raccontare e che i media sono pronti a rilanciare: “Rivoluzionario” è l’ordine di tenere le celle aperte, tranne la notte, perché sono “camere di pernottamento”, dove si dorme e non si mangia né si trascorre la giornata, tanto più in carceri sovraffollate. “Rivoluzionario” è l’aumento delle ore d’aria negli spazi comuni, che devono essere luoghi operosi dov’è bandito l’ozio h24. “Rivoluzionario” è l’ordine di tenere le celle aperte, tranne la notte, perché sono “camere di pernottamento”, dove si dorme e non si mangia né si trascorre la giornata, tanto più in carceri sovraffollate. “Rivoluzionario” è l’aumento delle ore d’aria negli spazi comuni, che devono essere luoghi operosi dov’è bandito l’ozio h24. “Rivoluzionari” sono i “circuiti differenziati”, carceri, per imputati o condannati che garantiscano a tutti un “trattamento”, specie ai detenuti di “media sicurezza” (più numerosi), mirato al reinserimento sociale. “Rivoluzionario” è il rispetto della territorialità, per cui i detenuti scontano la pena nelle carceri più vicine ai loro affetti. “L’amministrazione penitenziaria deve amministrare l’esistente ed è quello che, con tutte le difficoltà, vogliamo fare per essere più credibili” spiega Luigi Pagano vice capo del Dap, che con il presidente Giovanni Tamburino e l’altra vice Simonetta Matone è l’artefice di questa “rivoluzione normale”.

E, ancora: “Un carcere aperto consente alla società di entrare “dentro” senza subire orarie abitudini carcerarie che stridono con i ritmi di vita e di lavoro all’esterno. Perché non va dimenticato - conclude Pagano - che la maggior parte degli elementi di trattamento (lavoro, sanità, istruzione, formazione professionale, attività sportive e ricreative) presuppongono l’intervento di “esterni”: enti locali, regioni, imprese private”. Che in carcere troveranno più spazio per offrire lavoro.

“Migliorare il regime penitenziario significa vivere meglio” spiega Pagano riferendosi anche ai poliziotti: “In un carcere aperto non serve il marcamento a uomo, tipico degli agenti di custodia, ma basta “la zona”, che è quanto si chiede alla Polizia Penitenziaria: una sorta di poliziotto di quartiere che controlla il territorio mentre gli educatori seguono direttamente i detenuti dove si svolge la loro giornata. Così si danno al magistrato di sorveglianza elementi più concreti per concedere misure alternative”.

Bravo narratore il Signor Pagano, belle parole. Sicuramente è una bella visione quella a cui Lei, la dott.ssa Matone e il Capo del DAP Tamburino state assistendo nella vostra enorme sfera di cristallo dalle vostre stanze del DAP, ma chi è a contatto con i detenuti 365/24 (giorni/ore) l'anno, la pensa un po' diversamente e mi creda, ne ha le scatole piene delle  favolette che andate raccontando in giro. Soprattutto quando queste favolette, spacciate addirittura per "Rivoluzioni", gravano interamente sulle spalle della Polizia Penitenziaria.

E non le sfugga, egregio Sig. Pagano, che il suo attuale "superiore" è stato a capo di più di un Tribunale di Sorveglianza, da dove non può non aver constatato la disastrosa situazione penitenziaria. E non può far finta di nulla quando assiste come noi alle trasmissioni televisive di "Porta a Porta" in cui la dott.ssa Matone si fa invitare in qualità di Magistrato esperto di minori e non come Vice Capo DAP!

Per noi Poliziotti "vivere meglio" non significa marcare a zona invece che a uomo; per un Poliziotto Penitenziario la differenza risiede nell'avere la possibilità di ottenere un trasferimento in tempi ragionevoli e con regole certe. Per un Polizotto Penitenziario la differenza la fa avere un Comandante capace di gestire il personale senza ricorrere sistematicamente ai rapporti disciplinari (solo ai poliziotti e mai ai detenuti), la differenza sta negli straordinari pagati, nell'avere il riposo settimanale, nel godere delle ferie, la differenza è non rischiare la salute per malattie che circolano solo in carcere, la differenza la fa non rischiare la vita per le aggressioni che si subiscono ogni giorno...

Egregio Sig. Luigi Pagano, Lei può raccontare quello che vuole ai suoi amici giornalisti, ma prenda coscienza e consapevolezza che se la situazione nelle carceri rimane così come è ora, la "rivoluzione" non sarà di certo né quella dell'Amministrazione, né  quella dei i detenuti, la "rivoluzione" sarà quella silenziosa della Polizia Penitenziaria, fatta di sfiducia nella propria amministrazione, condita di assenze dal servizio e farcita di risentimento per i propri, inadeguati, vertici dipartimentali e gerarchici. 

Giovanni Tamburino come il Marchese del Grillo: Perchè io so' io ...

Mr. Tambourine

Le parole che Luigi Pagano non ha detto nella sua intervista: Roberto Martinelli scrive al Giornale d'Italia

“Patto di Responsabilità” tra detenuti e l’Amministrazione Penitenziaria. Ma la Polizia Penitenziaria cosa dovrebbe fare???

Il Capo del Dap Giovanni Tamburino mi ha convinto

L’idea di carcere del Pres. Tamburino. Dicotomia tra teoria e pratica e tra realtà e immaginazione

Tamburino: un Capo del Dap “Illuminato” (ma con le vecchie lampadine ad incandescenza)

Giovanni Tamburino come Mario Monti: la chiamano “emergenza” ma fino ad oggi loro dove erano?

Tamburino dichiara: “L’amministrazione deve scendere a patti con i detenuti”. Spero di stare su Scherzi a parte.


Scritto da: Agente Furioso
(Leggi tutti gli articoli di Agente Furioso)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Riordino Polizia Penitenziaria: nuove qualifiche e nuovi errori
Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico
Delega al Governo per dare Skype anche ai mafiosi? Insorge l''Associazione Vittime del Dovere
Tentata evasione dal carcere di Ivrea: detenuto fermato prima che arrivasse al muro di cinta


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


Lo stato e la mafia
sono due poteri forti che
occupano lo stesso territorio .
O si fanno la guerra ,
o si mettono d'accordo !

( Paolo Borsellino - Uomo di Stato ed Eroe )

Di  raffaele  (inviato il 03/12/2012 @ 23:24:26)


n. 4


Capisco la neccessità di dover dire qualcosa ai giornalisti . Ora però cominciamo ad occuparci di cose serie, vogliamo parlare di riposi o ferie non goduti, di straordinari non pagati, di aggressioni al personale, di direttori che fanno gli animatori del carcere senza occuparsi della parte disciplinare dei detenuti, dell'assistenza sanitaria assente nelle ore serali e delle visite mediche esterne senza motivo, dei tanti colleghi scomparsi dagli istituti e ricomparsi al dap, provveditorati, uepe ecc., dei commissari distaccati non si sa dove, dei mezzi che cadono a pezzi, delle caserme ridotte a campo nomadi, dei suicidi del personale ???? Da dove vogliamo cominciare? Un argomento vale l'altro, poi possiamo anche sorridere leggendo altre proposte. Noi saremo i primi a volere un carcere immaginario descritto in quel modo, l'unico problema è che dentro al carcere ci sono ristretti i detenuti, cioè delinquenti, che chi ha frequentato le sezioni conosce benissimo, per il resto ripeto saremmo felicissimi di non doverci sostituire all'amministrazione , perchè di questo stiamo parlando. Un' amministrazione assente che scarica i problemi sul personale che stà mandando avanti il baraccone di questi signorotti lautamente pagati per descrivere il paese delle meraviglie. MA MI FACCIA IL PIACERE.......................

Di  cairo74°  (inviato il 02/12/2012 @ 20:11:24)


n. 3


Che VERGOGNA , ma dove andremo a finitre , invece di migliorare le condizioni di vita del carcere , fdanno swolo demagogia , e sulle spalle di chi ?? della Polizia Penitenziaria , VERGOGNA , speriamo che qiuando succe de qualcosa in carcere , i Giudici chiamino il dotto pagano a rispondere di eventuali mancanze gravi .
Vergogna .

Di  Max  (inviato il 02/12/2012 @ 19:20:11)


n. 2


Il Dott. Pagano mi sorprende. Credo che parli così solo perchè ha il dovere di inchinarsi alla politica moralmente corrotta che gli ha dato la possibilità di passare, dalla galera, al palazzo del potere. Abbiate il corsggio di dire come stanno realmente le cose; non avebbiamo più i soldi per far galleggiare questo barcone che non galleggia più. Già me l'immagino la nuova galera, detenuti che salgono, scendono, trafficano, spacciano, scambiano. Ma si, facciamo un favore a questi detenuti extra cominutari che avranno una ragione in più per non delinquere in Germania o in Svizzera. In Italia c'è il patto di responsabilità. Mi chiedo quando arriverà il momento di parlare degli agenti. VERGOGNA.

Di  nato scoglio  (inviato il 02/12/2012 @ 19:03:18)


n. 1


che noia....sempre le solite cose......gira e rigira....il discorso sarebbe lungo ma naturalmente ci penserete voi ....

Di  agente annoiato  (inviato il 02/12/2012 @ 15:22:07)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.197.180.64


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?





Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

9 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario

10 Nuovi particolari su evasione da Frosinone: i complici sono saliti sul muro di cinta con una scala


  Cerca per Regione