Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Il difficile compito di comandare gli uomini


Polizia Penitenziaria - Il difficile compito di comandare gli uomini

Notizia del 03/07/2015

in Accadde al penitenziario

(Letto 2655 volte)

Scritto da: Cesare Cantelli

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Si fa presto a dire “Comandante di Reparto”…

Uno dei tanti dizionari online del web definisce così la parola comandante: “La persona cui è demandata la condotta e la responsabilità di un'impresa unitamente ai poteri e all'autorità corrispondenti”.

In altre parole, il Comandante ha i poteri e l’autorità per condurre “l’impresa” ma ha anche la responsabilità della buona o della cattiva riuscita di questa “impresa”.

E’ ovvio che, nel nostro caso, “l’impresa” è il reparto di Polizia Penitenziaria.

Quali dovrebbero essere le qualità di un buon Comandante di Reparto, per far si che “l’impresa” riesca?

A mio avviso, innanzitutto un buon comandante non dovrebbe mai – ma proprio mai – addossare ad altri le colpe degli insuccessi o dei fallimenti perché un comportamento del genere verrebbe percepito dai propri uomini come una mancanza di leadership.

Altrettanto da evitare l’esternazione di preoccupazioni e agitazioni inutili, perché i propri uomini cercano (ed hanno bisogno) di un leader capace di calmare le loro preoccupazioni, non di qualcuno che le amplifica.

Assolutamente da centellinare le critiche verso i dipendenti, perché i comandanti ipercritici verso i propri uomini spesso presentano il difetto di non essere altrettanto critici verso se stessi; un vero leader si guarda allo specchio e impara da quello che vede riflesso.

Mai lamentarsi di essere oberati di lavoro. Anche se avete dubbi e insicurezze non esternatele con i vostri uomini, perché un vero leader sa come trasformare tutto questo in positivo, anziché andare a lamentarsi dai membri del proprio team.

Da evitare assolutamente la tentazione di fare mille cose insieme con risultati, inevitabilmente, mediocri. In questo caso, infatti, il messaggio che arriverà ai propri dipendenti è che ci si accontenta della mediocrità. Categoricamente vietato, apparire disorganizzati ed esercitare il comando a vanvera, sempre per evitare di dare un cattivo esempio agli uomini.

Per concludere, infine, un buon Comandante di Reparto non deve aver paura di riconoscere il successo degli altri, siano essi suoi uomini o meno. Anzi, il buon Comandante, in questo caso, accentua i lati positivi evitando ogni possibile critica.

Per altro verso, ci sono alcune cose che un buon Comandante non dovrebbe mai dire ai suoi uomini.

Esercitare il comando, in verità, non è cosa facile e, a volte, ci si potrebbe trovare in momenti di confusione o di crisi; anche in questo caso, però, bisogna gestire le proprie reazioni e ricorrere alla santa pazienza, perché ci sono cose che non vanno assolutamente dette.

La prima frase che non va mai pronunciata è: "Io sono il capo, quindi fai come ti dico".

Lavorando in un ambiente di adulti e non di ragazzini, in questo modo non ci si farà sicuramente rispettare, anzi…

 "Sei fortunato ad avere un lavoro" è una frase terribile, da dimenticare, che non dovrebbe mai esser detta da nessuno a nessuno.

Da bandire anche: "Tu non hai idea di cosa sia lo stress".

Ognuno ha il suo tipo di stress, e nessuno può decidere che quello proprio è superiore a quello altrui.

Da evitare, infine: “Non sei certo l’unico ad avere un problema …”

Quando un dipendente ha un problema, di qualsiasi natura, dovrebbe avere sempre la possibilità di parlare con il suo capo senza paura e questi dovrebbe esser sempre disposto ad ascoltare le sue preoccupazioni.

Si tratta solo di tre o quattro consigli sparsi qua e là, detti alla rinfusa da un vecchio appuntato di altra epoca e senza alcuna velleità pedagogica … con l’augurio di buon lavoro a tutti, comandanti e comandati.

 

 


Scritto da: Cesare Cantelli
(Leggi tutti gli articoli di Cesare Cantelli)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


e stato un personaggio validissimo. a differenza di tanti personaggi...........

Di  anonimo  (inviato il 07/07/2015 @ 17:09:29)


n. 4


Cantelli, ti sei dimenticato di indicare una cosa molto importante che dovrebbe fare un Comandante di reparto, che è quella di rispettare sempre l'anzianità di servizio di un poliziotto penitenziario. Specialmente quando un poliziotto ha trent'anni di servizio... E sopratutto ascoltare il personale con grande esperienza, ci sono comandanti che non ascoltando sbagliano in continuazione, e i suoi errori ricadono come sempre sul personale.
Saluti

Di  Poliziotto Penitenziario  (inviato il 04/07/2015 @ 12:07:00)


n. 3


comandante siamo della scorta proveniente da :::::::: sarebbe possibile farci accompagnare in centro . Così, giusto per fare una passeggiata. NON HO AUTISTI DISPONIBILI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!?????????????????
p.s. carcere in aperta campagna, mezzi pubblici zero. Secondo me ci siamo sbagliati, quello non era un comandante della polizia penitenziaria.

Di  Anonimo  (inviato il 03/07/2015 @ 22:49:41)


n. 2


Spero non passi la voglia di lavorare a Uomini♂ e Donne♀ con le palle sotto e grandi capacità risolutive, dimostrate in campo in tanti anni di servizio nei più contesti.
Un abbraccio a tutti

Di  Ordo▲  (inviato il 03/07/2015 @ 21:02:34)


n. 1


La verità è che ci sono tante verità e (per fortuna alcuni) che avrebbero dovuto fare una luuunga esperienza o addirittura tutt'altro lavoro.
Non voglio essere cattivo e sparare a zero, non sarebbe giusto, ma due cose le veglio dire cor core.
Le capacità, mi insegni caro Cesare le dimostri in campo. I bisogni dei tuoi uomini, vengono prima di tutto!
Questi uomini (molto spesso stanchi e demotivati) ti guardano, ti osservano in continuazione e traggono spesso conclusioni che sono approssimative alla realtà.
Ciò solo dopo avere avuto TANTA ma TANTA pazienza, aspettando magari un impossibile risveglio, dall'essere assopito, perchè presi dalla formidabile ascesa gerarchica.
Lo scranno, il pulpito lo si guadagna con il sudore e le fatiche (VERE).
E se ciò è acclarato dalla plebe, SEI e SARAI indiscutibilmente il loro Capo.
A volte capita anche che il continuo guardarsi le spalline...risulti così patetico che ti fa girare le...p.....p.....le pillole!
Te saluto Cesareee...
Buon lavoro a tutti

Di  Antonino  (inviato il 03/07/2015 @ 18:39:12)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

23.23.54.109


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

3 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

9 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione