Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Il fallimento del DAP: una colpa che non è ascrivibile ai soli Tamburino e Pagano


Polizia Penitenziaria - Il fallimento del DAP: una colpa che non è ascrivibile ai soli Tamburino e Pagano

Notizia del 25/07/2013

in I Mulini a Vento

(Letto 3006 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Il compito che la Società ha demandato al DAP è uno dei più nobili, è una delle sfide più entusiasmanti; dare piena attuazione al secondo comma dell'articolo 27 della Costituzione: “Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato.” un articolo tanto citato quanto inapplicato.

Il particolare la parte “... devono tendere alla rieducazione del condannato” è quella più disattesa.

La recidiva di chi esce dal carcere si mormora che sia (perché il DAP non fornisce dati ufficiali a riguardo) intorno all’80%. Nessuna azienda privata, ma nemmeno nessuna azienda pubblica che disattenda la propria “mission” istituzionale con una simile percentuale, rimarrebbe in piedi. Prima o poi qualcuno ci metterebbe mano e farebbe dei drastici cambiamenti perché sarebbe evidente e tutti che le cose così non funzionano.

Ma al DAP no. Il DAP sopravvive, e rimane immobile nonostante tutto quello che gli succede dentro e intorno. Il DAP vive in un mondo proprio, chiuso ed anzi peggio: autoreferenziale.

Il DAP non deve dare conto a nessuno. Non al Ministro che al massimo sceglie il Capo del DAP, non ai propri dipendenti, sui quali amministra molto spesso infischiandosene delle Leggi e del buon senso, non alla Costituzione.

Il DAP in tutti gli ultimi decenni si è limitato ad amministrare, ma non nel senso civico del termine: “prendersi cura della gestione dell’organizzazione e dello sviluppo di un bene”, ma nel senso di “tirare a campare”, “alla giornata”. I passaggi importanti che il DAP (come Istituzione in senso lato) ha vissuto sono certamente la Riforma del ‘75, ma anche gli anni di gestione del “dittatore” Nicolò Amato che, quantomeno, aveva saputo parlare di un carcere in linea con la Roforma del ‘75 attualizzandone le risorse e le parole al contesto in cui lo ha gestito.

Tutti gli altri che gli sono succeduti o non sono stati capaci o non hanno avuto il tempo di amministrare il DAP nell’interesse pubblico, secondo il dettato Costituzionale che gli è stato affidato. Per quanto riguarda il secondo livello, i vari dirigenti che nel DAP ci sono diventati “grandi”, beh, non serve aggiungere altro. Indipendentemente dal Capo DAP, loro dovrebbero essere la “spina dorsale” dell’amministrazione pubblica e invece sono i primi a non essere all’altezza della situazione. Non sono stati capaci nemmeno di fare delle minime previsioni, non sanno elaborare delle considerazioni appena sufficienti. Anche loro si sono limitati ad amministrare, tirando a campare...

L’utlimo caso eclatante di cui oggi tutti si scandalizzano (il Ministro, il Sindaco di Napoli, e chi più ne ha più ne metta...) è quello dei familiari in visita ai detenuti di Poggioreale. Ma quel filmato dei parenti dei detenuti stipati come bestiame davanti il al portone dei colloqui di Poggioreale, che tanto ha indignato le Istituzioni e l’opinione pubblica, non è nuovo, non è una situazione interna al carcere, nascosta. Quel filmato ha almeno un anno, anzi poteva essere girato già tanti anni fa ed ogni giorno è stato così.

Video del Mattino su Poggioreale: adesso Tamburino la spieghi al Ministro la "sorveglianza dinamica"

Se oggi il Ministro si affretta ad inviare gli Ispettori (del Ministero) a Napoli e si è prodigata per aprire al più presto altre sale di attesa per i colloqui a Poggioreale, è senz’altro un buon segno, ma bastava chiedere agli Ispettori (quelli della Polizia Penitenziaria), agli Agenti, al Comandante del carcere per sapere che le cose così com’erano, non andavano nel verso giusto.

Invece il DAP in tutti questi anni ha “amministrato” (alla giornata) e i vari Ministri, ma anche i tanti “ben pesanti” che si autoproclamano “di sinistra”, non hanno mai voluto vedere la realtà per quello che era. Se oggi il sistema penitenziario è al collasso, assediato anche dalle sentenze della Corte europea dei Diritti dell’uomo, non è colpa degli ultimi due amministratori Tamburino&Pagano, che pure hanno le loro responsabilità per aver continuato a nascondere e distogliere l’attenzione dai problemi strutturali del carcere italiano, ma la responsabilità è di tutti quelli che avrebbero dovuto prendere decisioni per amministrare i penitenziari e non l’hanno fatto.

Tutt’ora si sente l’eco degli applausi alla trovata pubblicitaria della Sorveglianza dinamica di Tamburino&Pagano, ma così come doveva essre chiaro a tutti che Poggioreale è una polveriera che si regge soltanto grazie alla Polizia Penitenziaria, sarebbe opportuno che i politici e i “filosofi” di destra, di sinistra e di centro, dessero più ascolto alla Polizia Penitenziaria che nelle carceri ci lavora 365 giorni l’anno, 24 ore al giorno... invece di andare dietro a chimere come la sorveglianza dinamica!

O qui si cambia registro davvero, oppure non sarà di certo il coniglio tirato fuori dal cappello della sorveglianza dinamica a diminuire la recidiva e tantomeno lo saranno quelle quattro aule d’attesa che il Ministro Cancellieri si sta affrettando ad aprire a Poggioreale.

Possibile che deve intervenire un Ministro per rendere dignitosa la fila dei parenti dei detenuti? Ma gli “amministratori” dov’erano?

Se lo chieda Signor Ministro...

 

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento
Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana
Riordino Polizia Penitenziaria: nuove qualifiche e nuovi errori
Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


Ancora unna volta si vuole mettere un velo pietoso su di una problematica che è alla vista di tutti: la fila dinanzi i colloqui di Poggioreale c'è sempre stata e si sarà ancora, ma non è tutto. Questo è solo qualla mini parte che la cittadinanza poò vedere e toccare con mano. sappiamo bene quello che c'è a Milano, Bari, Palermo,Roma ecc.ecc. che vadano anche lì gli Ispettori del DAP a risolvere le problematiche, ma che ABBINO LA FORZA ED IL CORAGGIO DI DI ATTESTARE CHE LA PROBLEMATICA PRINCIPALE E' IL SOVRAFFOLLAMENTO. Tagliati del 50% i detenuti potremo parlare di vigilanza dinamica o video vigilanza.

Di  italiano  (inviato il 28/07/2013 @ 16:22:13)


n. 1


Un articolo che rispecchia la reale situazione del DAP e che pone in evidenza una gestione disastrosa che si trascina da anni.
Scusate ma vorrei aggiungere una cosa, non credo che un filmato girato a poggioreale servirà a qualcosa, come non produrrà nulla aver mandato gli ispettori a poggioreale. Alla luce di tutto cio', che non si tratta solo di poggioreale ma di tanti altri istituti del paese, cosa vogliamo aspettarci da un ministro che chiama per nome il capo DAP?
Un MInistro non puo' chiamare per nome colui che è il responsabile di tutto questo disastro, non puo' assolutamente avere un rapporto confidenziale e di grande amicizia, un bravo Ministro deve mantenere le distanze e chiedere spiegazioni di questa disastrosa situazione del DAP, e nel caso lo ritenesse, rimuovere gli incompetenti e incapaci.

Di  Poliziotto Penitenziario  (inviato il 25/07/2013 @ 16:45:14)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.167.191.50


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

2 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria





Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione