Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Il FESI ovvero la morte della meritocrazia


Polizia Penitenziaria - Il FESI ovvero la morte della meritocrazia

Notizia del 28/11/2011

in Houston abbiamo un problema

(Letto 4869 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Mi chiedo quale sia, oggi, la effettiva “ratio” del Fondo Efficienza Servizi Istituzionali, inizialmente nato per incentivare i servizi a turno, i servizi disagiati, le responsabilità, ma ormai trasformatosi, grazie alla complicità di molti sindacati in una sorta di distribuzione a pioggia di denaro, in una distribuzione che ormai tiene davvero in poco conto chi effettivamente è presente sul luogo di lavoro e si sacrifica seriamente, senza nulla togliere a certi tipi di servizi, come ad esempio gli addetti al centralino di qualche ufficio dipartimentale.

La schizofrenia della ricerca ad ogni costo di posti di servizio a cui dare un contentino, hanno fatto si che, a parte le linee direttive nazionali stabilite a Roma, ci possa essere una contrattazione decentrata nei PRAP, dove ulteriori cifre vengono frazionate in mille rivoli, al fine di accontentare l’iscritto che fa servizio in quel posto, fino ad addivenire a delle cifre pro capite che sfiorano il ridicolo tipo 1,60 euro lorde per giornata di servizio in questo o quel posto (totale annuo di 50 – 60 euro!).

Ma questo sistema ormai impazzito non fa che creare tensioni in periferia e le cosiddette guerre tra poveri: perché agli addetti ai colloqui sì e a quelli addetti ai conti correnti no? Perché ai capiposto che fanno la sorveglianza generale in mancanza dei sottufficiali si e ai capiposto che fanno servizio in sezione no? E perché non posso essere capoposto di me stesso quando sono solo in ufficio? E perché se io sono di servizio alla sorveglianza generale del NTP non la debbo prendere? Qual è la sorveglianza generale riconosciuta, quella generale del SAT o quella del NTP? E se vengono dati soldi ai capiposto che coordinano piccole unità operative, perché ai capi scorta del NTO che coordinano 5 – 6 unità per volta non viene riconosciuta l’indennità? E via dicendo…….potrei continuare ancora con centinaia di esempi. Con il risultato di decine di note sindacali di protesta, di false promesse sindacali e di inutili attese, di conteggi sbagliati ovvero per la stessa voce conteggi diversi da carcere a carcere, insomma una babele penitenziaria che non fa altro che produrre confusione, malcontento e tensioni sindacali.

Ma dico: cosa ci vuole a semplificare una volta e per tutte il FESI? Se la ratio del FESI è quella di premiare chi viene in servizio, chi svolge i servizi disagiati, allora si calcoli un’aliquota mensile basata sulla effettiva presenza, senza ricorrere a trucchetti di bassa lega come quello di considerare, nel calcolo delle presenze, anche le assenze dal servizio pur se legittimate dalla legge (mi riferisco ai diritti sanciti dalle legge….anche ai permessi sindacali) perché è questo che vuole la massa della polizia penitenziaria. Presenza deve essere presenza! Non si può giocare con i permessi di varia natura presi ad esempio sempre il sabato mentre altri poveri cristi di colleghi si sobbarcano le prime e i servizi più disagiati. Ma è tanto difficile, fare come con i comandanti di reparto? Suddividere le carceri in livelli e in base al livello calcolare le 40 – 50 euro mensili legati alla presenza effettiva in servizio e non lanciarsi in bizantinismi che ogni anno appesantiscono sempre di più l’organizzazione dei servizi facendo impazzire gli addetti e determinando conflitti enormi tra il personale. E nella contrattazione decentrata trovare un altro semplice modo per distribuire le rimanenti somme tenendo conto di pochi parametri e non se il collega ha montato alla sezione AS rispetto ad una sezione Comune, con il risultato paradossale (conosciuto solo a chi in carcere ci lavora realmente) che chi monta in una sezione Comune dove le problematiche sono enormi e lo stress è davvero quotidiano non prende il FESi mentre chi lavora nella sezioni AS dove il detenuto per natura è si più pericoloso, ma meno problematico nella gestione, si prende il fesi.

Il mio vuole essere solo un appello alla semplificazione che probabilmente cadrà nel nulla, ma sento il dovere di scrivere anche su questo istituto che nel tempo ha subito variazioni fino a parafrasare un famoso slogan degli anni ’70 urlato nei cortei “prendere tutti il FESI per prenderne meno”! 


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotto penitenziario assolto definitivamente: era accusato di associazione mafiosa ad una cosca di Lamezia Terme
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 15


Si certo il fesi va assegnato a chi lavora in prima linea, nelle affollate e maleodoranti sezioni, io sono un turnista presto il mio servizio con orgoglio nelle sezioni, ma teniamo presente che esistono alcuni soggetti che sono sempre presenti ma che non servono a nulla, quando ne hai di bisogno non li puoi utilizzare perché incapaci di svolgere le più elementari mansioni, o vengono in servizio solo per riposare.
Non va assegnato il fesi in base alle presenze,ma su quello che dai durante il tuo lavoro, e vi assicuro che l'agente y che ti fa il rientro dall'ufficio ragioneria, da più di altri che in sezione ci " lavorano" ......sempre!
Un saluto a tutti i colleghi...quelli veri

Di  Ciccio  (inviato il 20/01/2013 @ 16:12:36)


n. 14


Ringrazio Nuvola Rossa, io sono l'anonimo ma non tanto ovvero Mario64 o Mario ma tu lo sai (credo), non vedo l'ora che tu faccia quanto detto, siamo in molti ad aspettarlo accendiamo questa miccia e vediamo cosa succede, al limite diranno ma guarda che fessi, ma non credo, siamo numericamente di più nei luoghi di sofferenza ovvero prima linea. Per il grande vecchio voglio solo dire che magari è anche vero quello che dice che eano furbi i vecchi del battaglione mobile, ed è vero che erano molto discreti, non penso però che pensassero unicamente a fare cassa come avviene oggi, ma erano motivati da un'altro spirito e da altri ideali.
Con questo non voglio dire che al G.O.M. pensano tutti a fare cassa ci mancherebbe, ma le realtà che io conosco fanno ciò.
Con sincero affetto, Mario

Di  mario  (inviato il 02/12/2011 @ 14:57:52)


n. 13


Non dovete indignarvi il personale del gom non è altro che la copia del veccchio battaglione mobbile che qualcuno definisce glorioso. I vecchi agenti erano solo più furbi non rivelavano i vantaggi che giornalmente riuscivanon ad ottenere. Chi oggi si indigna e vuole scrivere sul Gom un tempo ha fatto come si dice guerra e fuoco per far parte di questi uomini valorosi.

Di  il grande vecchio  (inviato il 02/12/2011 @ 12:01:14)


n. 12


Caro anonimo ma non troppo, con me sfondi una porta aperta. Da tempo avrei voluto scrivere un articolo sul GOM, o meglio sui colleghi scelti per andare al GOM, ma fino ad oggi non l'ho fatto perchè sono sicuro che succederebbe un casino. Come osa Nuvola Rossa criticare un certo modo di pensare dei colleghi "gommisti"? Personalmente ne ho conosciuti tanti e devo dire che non fanno nessuna impressione per preparazione, di qualcuno che nel carcere di provenienza lo sfottevano bonariamente in quanto mezzo cretino, sono rimasto molto sorpreso di vederlo andare al GOM grazie ad una famosa telefonata. Quindi tutto questo spirito di sacrificio, tutta questa aurea di super uomini si risolve sempre nella famosa "bolletta", nello straordinario e nei famosi 15 giorni di lavoro e 15 a casa (almeno una volta facevano così) hai ragione collega, un giorno di questi affronteremo l'argomento e suswciteremo un vespaio di polemiche.

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 02/12/2011 @ 09:44:34)


n. 11


A proposito di guadagnare, vorrei segnalarvi una chicca. Qualche giorno fa ho incontrato un collega che era assegnato al G.O.M. da almeno 6 anni, pensavo che fosse passato di li per qualche pratica, ma con mia sorpresa ho appreso dal collega che stava rientrando in sede. Pensavo che avesse avuto problemi familiari o altro, e che dovesse essere più presente a casa, invece candidamente mi confessa che siccome hanno tolto il rimborso del pasto quando non si è in servizio lui parlava pressapoco di euro 50 giornaliere, non era più conveniente stare al G.O.M. con la sola indennità di euro 12.
Alla faccia della professionalità, sicuramente i loro antenati (il battaglione mobile di Ragosa) da cui discendono non erano così diciamo venali, e sicuramente non facevano a testate nel piazzale di via di Brava per quanti sono (li), quelli del Battaglione una volta finita l'emergenza facevano candidamente ritorno negli Istituti di provenienza ad aspettare la prossima chiamata. Per chiudere, qualche anno fa in Agosto, il G.O.M. porta nell'Istituto dove presto servizio un pentito di mafia, e come forse è giusto, noi interni(del posto) non potevamo avvicinarci nella seziona fatta costruire ex nova, montavano di servizio in 3 e un agente dei loro provvedeva personalmente a fare tutti gli acquisti richiesti dal detenuto negli esercizi della città, cose che noi non potevamo nemmeno osare vedere. Ebbene signori, stupitevi, sotto il periodo di ferragosto, hanno abbandonato il detenuto a noi poveri e inadatti colleghi del posto, che invece di montare di servizio in 3, causa mancanza cronica di personale, e sotto il periodo di ferie eravamo da soli a gestire il mostro. E chiaro che quanto sopra scritto è volutamente per far polemica, e siccome forse solo solo a pensala così, vorrei sentire anche il parere di altri colleghi rigorosamente interni, ovvero che sono in prima linea. Grazie per eventuali contributi.

Di  Anonimo ma non troppo.  (inviato il 01/12/2011 @ 20:45:42)


n. 10


Vedo ancora una volta di aver centrato il problema. Guadagnare tutti per guadagnare meno....oggi questo è il fesi, dove tutti vogliono il loro piccolo riconoscimento. Credo che sia assolutamente giusto legare il fesi alla effettiva presenza, stabilendo una quota come si fa con i comandanti di reparto e volendo, aggiungere pochissimi parametri per far lievitare la quota. Oggi, così com'è concepito è solo fonte di litigi, guerre tra poveri, arrabbiature (perchè a lui si e a me no,....proprio come i bambini) ed è per questo che invito i nostri scienzati che stanno al dap, ma anche i nostri sindacalisti che stanno seduti in comode poltrone e che hanno dimenticato come si lavora nelle sezioni (o forse non l'hanno fatto mai) a riflettere sul prossimo fesi.

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 30/11/2011 @ 08:30:57)


n. 9


Ops: STASERA un altro argomento scottante “IL FESI” oltre a quello della favola metropolitana sul blog della UIL
Speriamo che sia veramente la fine della MERITOCRAZIA PENITENZIARIA.
In Italia la meritocrazia è un sistema che valorizza i raccomandati e non i CAPACI.
Infatti, a mio avviso, il sistema italiano è debole proprio perché nei PALAZZI DEL POTERE trovano posto solo i raccomandati i quali sopravvivono sempre nonostante la propria incapacità.
Ciò che scrive Mario è sicuramente la realtà, quella realtà che si registra in tutti i Penitenziari italiani. Io lavoro al Nucleo Operativo di Avellino,quando vi è necessità di Personale dagli Uffici prendono solo il bravo Marcello dei Conti Correnti e/o qualche addetto alla MOF, poi sono sempre gli stessi che fanno servizio a turno che si accollano i servizi che di prestigioso hanno i chiodi.
Sarebbe opportuno eliminare la contrattazione decentrata e assegnare il fesi come si fa per i Comandanti di reparto. Buona serata Enrico Fruncillo ---- CC Avellino

Di  Enrico Fruncillo  (inviato il 29/11/2011 @ 22:05:51)


n. 8


mario sei un grande

Di  Anonimo  (inviato il 29/11/2011 @ 19:26:27)


n. 7


Si ho letto male, ma vorrei precisare che il fesi è nato per incrementare le presenze degli Agenti nei turni all'interno delle sezioni, perchè come tutti sappiamo è davvero gravoso. Poi sono d'accordo anche io di dare un contributo minimo a chi lavora in ufficio, ma minimo, oggi si tende a dare tutto a tutti in questo caso non viene premiato nel modo migliore chi opera giornalmente nelle sezioni, che è molto impegnativo, sia fisicamente (i turni) sia psicologicamente. Considerato che ormai un Agente in sezione oltre alla Vigilanza espleta il lavoro di Educatore, Psicologo, Assistente Sociale ecc, non pensi sia così???
Poi voglio anche provocare, ho visto Agenti in servizio nelle sezioni che erano perennemente malaticci, ragazi credetemi le stesse persone una volta passate al N.T.P. sono diventati indistruttibili nel vero senso della parola, non si fermano mai, doppi e tripli turni, spesso come leggo nei vari forum anticipando i soldi di tasca loro per le traduzioni ( è davvero pazzesco ciò) io pago per lavorare, ma fatemi il piacere.
Questo mi fa e ci fa capire quanto dura è lavorare nelle sezioni, perchè la galera quella vera puzza, è sporca e purtroppo ti succede di tutto, e quando noi poveri del S.A.T senza santi in Paradiso chiediamo che gli addetti al N.T.P. vengano a contribuire nei periodi festivi con un turno non 2 festivi e 2 notti sapete cosa riceviamo, un bel certificatino medico, dopo che noi poveri interni ci facciamo lo scarto delle traduzioni (quelle dove non si guadagna in straordinari ed altro) che ci lasciano, dico io ma dove è lo spirito di Corpo, ma fatemi il piacere siamo i colleghi poveri del N.T.P.
Per il colleghi del servizio a turno a cui sento di essere vicino(nelle quotidiana sofferenza) che leggono, se non è come ho scritto vuol dire che faccio servizio in un Istituto particolrmente sf**ato.

Di  Mario  (inviato il 29/11/2011 @ 17:36:09)


n. 6


scusami mario cosa hai letto ,non ho detto che quelli dell'NTP fanno 2 turni di notte e due festivi ,ho scritto quelli degli uffici perchè giornalmente vengono impegnati nei vari servizi a supporto degli NTP e contribuiscono con almeno 2 turni festivi e 2 notturni come da AQN. a chiarimento .

Di  Anonimo  (inviato il 29/11/2011 @ 16:46:09)


n. 5


Ma in quale paradiso gli Agenti del N.T.P. fanno 2 rientri festivi, nella realtà in cui vivo io non è assolutamente così.

Di  Mario  (inviato il 29/11/2011 @ 15:12:29)


n. 4


nuvola rossa ha fatto una buona disamina sul fesi ,secondo me visto che tutti lavoriamo contribuendo giornalmente alla vita dell'istituto ognuno con le sue mansioni ,quelli a turno per la loro specificità, quelli degli uffici perchè giornalmente vengono impegnati nei vari servizi a supporto degli NTP e contribuiscono con almeno 2 turni festivi e 2 notturni come da A Q Ni ,quelli degli NTP perchè non hanno orari ecc .ecc. secondo me tutti abbiamo diritto ha ricevere il fesi nessuno escluso ,poichè tutti facciamo parte del mosaico che raffigura in ultimo il quadro .
ass.c. di periferia

Di  Anonimo  (inviato il 29/11/2011 @ 13:02:09)


n. 3


Come ormai tutti sappiamo la polizia penitenziaria fa parte delle forze di polizia con compiti istituzionali chiari e precisi rivolti sopratutto al reinserimento del detenuto nella società civile.
Nel corso degli anni , la pol. pen. ha raggiunto degli obbiettivi di notorietà grazie anche al personale dei nuclei c he giornalmente va in giro per tribunali carceri ospedali etc.etc. , mi domando a questi colleghi il fesi non deve essere elargito? e coloro che fanno servizio in sedi disagiate hanno diritto al fesi? e coloro che portano avanti illavoro delle matricole debbono avere un riconoscimento ?
.Se la risposta è negativa allore dobbiamo accettare quanto sostenuto dalla streagrande maggioranza, siamo solo buoni ad aprire e chiudere i cancelli e dobbiamo tutti quanti fare solo ed esclusivamente questo tipo di lavoro. Poveri commissari sarete destinati a comandare un esercito di portinai.....il grande vecchio

Di  grande vecchio  (inviato il 28/11/2011 @ 19:34:18)


n. 2


Il fesi per quanto mi riguarda va dato solo ed eslusivamente a che fa servizio a turno nelle sezioni detentive quali esse siano comuni o A.S. Ritengo sia un errore continuare a dare il fesi a chi lavora negli uffici in genere. o armieri e altro. Quando è nato il fesi era quello l'intento di premiare i servizi disagiati, non i vari uffici che vengono quasi sempre a fare la notte di sabato su Domenica, e no non ci siamo proprio. Vanno premiate le prime linee penitenziarie.
Non me ne vogliano gli addetti agli uffici in genere, ma noi del servizio a turno la pensiamo così.

Di  mario tamburrino  (inviato il 28/11/2011 @ 13:49:48)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.87.114.118


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

5 Rosario Di Bella, Sovrintendente Capo della Polizia Penitenziaria è deceduto. Lavorava nel carcere di Imperia

6 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

7 Focus su: batteri, virus e malattie infettive nella carceri. Poliziotti e detenuti a rischio contagio

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

10 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni


  Cerca per Regione