Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Il Giornale: ennesimo sperpero denaro pubblico, Dap deve risarcire Generale AdC con 180000 euro (e io pago!)


Polizia Penitenziaria - Il Giornale: ennesimo sperpero denaro pubblico, Dap deve risarcire Generale AdC con 180000 euro (e io pago!)

Notizia del 09/03/2014

in Anche le Formiche nel loro piccolo si incazzano

(Letto 4984 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Le carceri italiane sono un lager. Un inferno sia per i detenuti che per chi ci lavora, a iniziare dalla Polizia Penitenziaria. Lo dicono gli osservatori e lo dice l'Unione europea, che non manca di infliggere pesanti sanzioni all'Italia per lo stato dei penitenziari. Manca denaro per rendere dignitosa anche la detenzione, ma proprio i soldi che potrebbero essere utilizzati per quelle strutture fatiscenti vengono sperperati dallo Stato nella solita guerra per le poltrone.

Tra una sottovalutazione e un errore, il Ministero della Giustizia finisce così per dover allentare i cordoni della borsa per risarcire quanti nell'assegnazione degli incarichi sono rimasti vittime di scivoloni dello stesso dicastero di via Arenula. La battaglia dell'ufficiale: l'ennesimo sperpero viene fuori nel braccio di ferro che ha ingaggiato con il Ministero, vincendo, il generale Sergio Savini. L'ufficiale, appartenente al corpo disciolto degli agenti di custodia, ha chiesto già diciotto anni fa un incarico dirigenziale, adeguato al suo ruolo.

Niente da fare. Il generale di brigata è stato a lungo agli ordini di un dirigente di grado inferiore al suo, ha visto ignorare la sua richiesta di assumere le funzioni di Provveditore vicario a Pescara, assegnate poi a un suo collega, ha visto affidare incarichi prestigiosi ad altri graduati, dal tenente colonnello Aldo Bernardini, al generale Enrico Ragosa, fino al generale Giorgio Rossi. A lui niente. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato il mancato incarico da reggente del Provveditorato regionale per l'Abruzzo e il Molise, durante l'assenza per ferie del Provveditore, dall'8 agosto al 7 settembre 2005. Al suo posto la Direzione Generale del Personale del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria ha scelto la dottoressa Rosanna Buscemi.

Il generale Savini è passato alle vie legali e ha impugnato il provvedimento sgradito al Tar del Lazio, chiedendo anche un risarcimento danni, sia per la perdita di chance che per i riflessi che l'atteggiamento del Dap avrebbe avuto sulla sua salute. I giudici amministrativi hanno riconosciuto che a lungo il generale è stato demansionato e per quegli anni in cui l'ufficiale è stato messo all'angolo gli hanno riconosciuto un risarcimento i centomila euro, giustificandolo appunto come indennizzo per dequalificazione professionale e perdita di chance.

Per quanto riguarda invece la malattia, il Tar ha disposto una perizia e chiesto all'Università La Sapienza di Roma di far luce sullo stato in cui versa Savini, stabilendo se fosse effettivamente vittima di ansia e depressione e se la patologia fosse legata a quanto subito sul lavoro. La risposta degli esperti è stata affermativa. I medici hanno riconosciuto un "pregiudizio alla salute" dell'ufficiale "inscindibilmente connesso alla condotta antigiuridica posta in essere dall'Amministrazione". I giudici gli hanno riconosciuto così un ulteriore risarcimento di 80 mila euro. In totale Savini ha ottenuto la condanna del dicastero di via Arenula a un indennizzo da 180 mila euro. Denaro che poteva essere destinato a migliorare lo stato, pessimo, delle carceri bruciato per una serie di errori nella gestione del potere.

Il Giornale

 

Generale Agenti di Custodia: dequalificazione patrimoniale da parte del DAP, risarcito con 100mila euro

 

Mobbing a Commissario di Polizia Penitenziaria, sentenza TAR: risarcito con 152mila euro

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Riordino Polizia Penitenziaria: nuove qualifiche e nuovi errori
Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico
Delega al Governo per dare Skype anche ai mafiosi? Insorge l''Associazione Vittime del Dovere
Tentata evasione dal carcere di Ivrea: detenuto fermato prima che arrivasse al muro di cinta


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 10


quoto in pieno il commento n.8 di decimo meridio (almeno per le scarse qualità che conosco dei generali), ma soprattutto il commento n. 6 di poliziotto penitenziario al quale aggiungo: non solo non fanno nulla (tranne poche esemplari eccezioni) ma impongono anche agli altri pur volenterosi funzionari di non fare nulla che li esponga a responsabilità. questo a voce. per iscritto li riempono di incarichi (!!!!).

Di  Davide  (inviato il 10/03/2014 @ 23:58:18)


n. 9


secondo me lo fanno a posta. Sapete piccoli favori tra amici.

Di  Anonimo  (inviato il 10/03/2014 @ 21:12:07)


n. 8


Rispondo a Decimo Meridio commento n 7:

ne basta uno solo che va a collocarsi a capo dell'Ufficio del Corpo di Polizia penitenziaria come è già stabilito dalla legge 395/90 ma ignorato dai vertici. Un Ufficio che dovrebbe collocarsi sotto il Capo del Dipartimento e che includa tutti i servizi istituzionali del corpo di Polizia penitenziaria. Unificare il ruolo ordinario con quello speciale e avanzare di qualifica a Dirigente del Corpo 15 dei Commissari Capo. Praticamente una legge "meduri bis" per il Corpo di Polizia penitenziaria come è stato fatto nel 2005 con i funzionari c2 e c3 diventati tutti Dirigenti e non sono stati pochi.....appena 540 unità.

Di  Giulio  (inviato il 10/03/2014 @ 17:52:30)


n. 7


Si è vero è uno sperpero di denaro pubblico, ma quanti generali possono ricoprire posti operativi e dirigenziali ? Credetemi veramente pochi, anzi con i loro danni avrebbero sperperato ancora di più. Un saluto a tutti

Di  Decimo Meridio  (inviato il 09/03/2014 @ 23:21:12)


n. 6


FINALMENTE SONO STATI AGGIORNATI GLI ELENCHI DEL PERSONALE DI POLIZIA PENITENZIARIA NEI VARI RUOLI DAL 1/1/2014 :

Dirigenti

25 Ufficiali del Corpo

Funzionari del Ruolo Ordinario

112 Commissari Capo
27 Commissari
261 Vice Commissari

Funzionari del Ruolo speciale

14 Commissari Capo
93 Commissari
1 Vice Commissario

389 Sostituti Commissari
38.000 unità del Corpo

QUESTI SONO I NUMERI E I SINDACATI TUTTI DEVONO PRENDERE ATTO CHE E' ARRIVATO IL MOMENTO DI SCENDERE IN PIAZZA PER ISTITUIRE LA DIREZIONE GENERALE DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA.


Di  Paolo  (inviato il 09/03/2014 @ 22:19:23)


n. 5


Uno Stato serio cosa avrebbe fatto adesso? Avrebbe fatto sicuramente pagare questi soldi a chi allora era a capo del dipartimento e capo del personale del Dap. Di questi casi ce ne sono a centinaia, se ci sono dei contenziosi in corso sicuramente sentiremo tanti altri casi simili.
Questa è un amministrazione che ha sempre funzionato in questa maniera. O sei amico, o sei fuori..
Ma secondoi voi avrebbero messo a fare il provveditore vicario un generale dell'ex discolto corpo degli agenti di custodia?.. ma quando mai!
Basta solo vedere gli ultimi capi dipartimento che sono passati al dap, uno ha fatto meno dell'altro, se ne sono sempre fregati dei detenuti e del personale.
Dirigenti pagati profumatamente per fare nulla, per non sapere fare nulla, per essere li per nulla. La cosa peggiore che hanno sempre coperto i direttori e funzionari fannulloni e incapaci, imboscandoli all'occorrenza nei provveditorati, anzichè mandarli via a calci nel sedere.
Le condizioni gestionali di questa amministrazione è sotto gli occhi di tutti, uno non vale e l'altro non serve, tanto c'è la polizia penitenziaria a salvare il salvabile....

Di  Poliziotto Penitenziario  (inviato il 09/03/2014 @ 20:45:54)


n. 4


Ufficiali Inferiori e superiori .................

Siamo alle solite , ad un amministrazione madre madrigna ,alla logica del potere, del potente di turno . Alla base ci sono sentenze del consiglio di stato che non riconoscono gli Ufficiali del disciolto corpo degli AACC quali dirigenti della Polizia Penitenziaria.
Esiste però che non riconoscendo tale inquadramento del Corpo essi sono sempre dei Dirigenti del'Amministrazione posto che per analogia è Dirigente chi ricopre il grado di Colonnello e questo è NORMATIVA.
Essendo Generali di Brigata un tempo lo si equiparava al grado di Dirigente Superiore , ecco la pretesa del Gen. Savini per esercitare le funzioni di Vicario ambito PRAP .
Vicario perchè non avendo nessun Generale la possibilità di accedere al ruolo di dirigenza generale ecco che tutti non sono nominati a vertici di struttura equipollenti.
Era solo il generale Ragosa che, presumibilmente , provenienti dalle file dell'esercito poteva accedere al grado superiore a quello di brigata e non solo ma anche a seguito di ricorso personale , tanto è vero che gli altri Ufficiali hanno beneficiato del grado di generale di brigata ( ma solo questo ) .
Ad oggi gli Ufficiali AACC sarebbero una trentina più o meno di cui una ventina sono generali di Brigata , gli altri sembrerebbe se ho buona memoria colonnelli.
Ebbene si , ognuno va per la prorpia strada , altrimenti con le OO:SS si sarebbe condiviso una Direzione Generale del Corpo tanto sentita quanto indispensabile da cui il Corpo avrebbe solo giovamento. Invece ninete di niente vediamo ognuno il proio orticello, siamo sempre legati al palo, all'ultimo grido per qualche beneficio di contratto, di immagine, ed altro.................
Circa il fatto che al Generale Savini debbono corrispondere oltre centomila euro ben vengano altre sentenze di analogo contenuto sostanziale e professionale tanto qua nessuno paga...............
Fa bene il SAPPe che tali magagne le mette in rete , ove ognuno prende visione dello sperpero di danaro pubblico e delle scelte non in linea con i profili professionali dei dipendenti.
WW SAPPe....

Di  minatore campano  (inviato il 09/03/2014 @ 17:52:14)


n. 3


Mentre noi siamo costretti a lavorare in condizioni estreme strutture fatiscenti, Senza alcun rispetto per la legge 626 , o ex , senza nessun rispetto per i diritti , per i mezzi del nucleo insicuri , con 400.000mila kilometri .

Con alcuni dirigenti che son bravi solo a sfogliar,e il codici penale , e i rapporti disciplinari , senza alcun riconoscimento per noi che salviamo la vita tutti i giorni ai detenuti .

E qui si sperpera denaro pubblico ?

E il sindacato ? Non basta solo denunciare , bisogna agire , oppure a ottobre si dovrà faticare tanto per far capire a tutti noi che i problemi sono stati affrontati .

SVEGLIA ...... Agire subito e con efficacia .




Di  Toscano  (inviato il 09/03/2014 @ 15:07:29)


n. 2


A questo punto penso che non sarà il solo Generale a chiedere un risarcimento, visto che altri Generali hanno più di un incarico spero che qualcuno rifletta. Ma il problema è a monte. Questi Generali, invece di essere uniti e comportarsi da veri Ufficiali per lavorare e dare un riassetto totale al Corpo, in considerazione che sono gli unici al momento a poterlo fare.Ognuno pensa al proprio Orticello. Ufficiali fate ridere...

Di  Ariete  (inviato il 09/03/2014 @ 15:05:32)


n. 1


scusate ma chi era il dirigente generale allepoca dei fatti .fatelo pagare di tasca propia, facciamola finita chi sbaglia che paghi, guadagnano abbastanza x prendere delle decisioni.

Di  e io pago  (inviato il 09/03/2014 @ 14:41:20)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.205.210.125


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?





Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

9 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario

10 Nuovi particolari su evasione da Frosinone: i complici sono saliti sul muro di cinta con una scala


  Cerca per Regione