Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Il “nemico in casa” Pierluigi Di Santo, il Codice di Giustizia Sportiva e il caso Battisti


Polizia Penitenziaria - Il “nemico in casa” Pierluigi Di Santo, il Codice di Giustizia Sportiva e il caso Battisti

Notizia del 16/10/2015

in Houston abbiamo un problema

(Letto 3147 volte)

Scritto da: Cesare Cantelli

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Circa un anno fa parlammo dello strano caso di Pierluigi Di Santo, impiegato civile dell’amministrazione penitenziaria in servizio al Dap, segreteria del Vice Capo Dipartimento, e della sua presunta incompatibilità a stare in quel posto, in ragione dell’attività di direttore sportivo.

Per chi non ricordasse, o non l’avesse letto, riportiamo alcuni passaggi di quell’articolo.

 

“Caso a parte quello di Pierluigi Di Santo,  ex agente di Polizia Penitenziaria ed ora impiegato civile dell’amministrazione penitenziaria, che per cinque anni è stato direttore sportivo dell’Astrea.

Ebbene, il Di Santo dopo aver frequentato il corso federale di direttore sportivo a Coverciano - durante, e grazie, all’incarico ricoperto nella squadra del Corpo - si è trovato più volte ad essere dirigente di una squadra avversaria dell’Astrea nel suo stesso girone.

La domanda sorge spontanea: è plausibile avere avversari che sono nati e cresciuti proprio grazie all’Astrea e che, ancora oggi, hanno una posizione di rilievo all'interno dell'amministrazione?

Tuttavia, il caso Di Santo appare ancor di più controverso.

Infatti, mentre i calciatori dell'Astrea passati ad altra casacca potevano vantare, comunque, un trascorso sportivo di buon livello precedente all'arruolamento, Pierluigi Di Santo era un emerito sconosciuto (calcisticamente parlando), senza precedenti esperienze professionali, che è assurto a Direttore Sportivo dell’Astrea soltanto grazie a scelte discrezionali interne all’amministrazione e che ha avuto la possibilità di frequentare il corso di specializzazione della F.I.G.C. a Coverciano soltanto grazie all'Astrea.

In altre parole, Di Santo solo dopo, e grazie, all'Astrea è arrivato a livelli di eccellenza nel calcio, anche professionistico.

In questi ultimi due anni, oltremodo, Pierluigi Di Santo si è trovato ad essere Direttore Sportivo di Giada Maccarese  e  Viterbese, due compagini di serie D inserite nello stesso girone della squadra del Corpo e, pertanto, sue avversarie.

Pierluigi Di Santo, attualmente, è impiegato nella segreteria del dott. Luigi Pagano, con un incarico  che gli permette di conoscere e visionare gran parte della corrispondenza del Dap.

Luigi Pagano, attualmente, sta svolgendo le funzioni di Capo Dipartimento e, di conseguenza, anche quelle di Presidente dell'A.S. Astrea.

Di Santo, attualmente, sta svolgendo le funzioni di segretario del Capo Dipartimento e, di conseguenza, anche del Presidente dell'A.S. Astrea.

Possibile che nessuno intraveda qualcosa di anomalo ... magari un piccolo conflitto di interessi ?”

 

Manco a dirlo … nessuno raccolse il nostro interrogativo.

Invece, da allora a oggi, sono capitate ulteriori vicende che hanno avvalorato le nostre tesi e confermato le nostre preoccupazioni.

Andiamo con ordine.

Qualche tempo fa l’agente Battisti Raffaele, assunto come atleta ad aprile 2012 con un concorso speciale a titoli per l'accesso nel Gruppo Sportivo Astrea, ha chiesto di cessare l’attività agonistica.

A quanto è dato sapere, la richiesta non fu supportata da altre motivazioni se non generiche ragioni che non gli consentivano più, a suo dire, di svolgere l’attività agonistica.

La domanda fu accompagnata dal parere negativo dello staff medico (che riteneva il giocatore idoneo all’attività agonistica) e dello staff tecnico (che riteneva lo stesso giocatore ancora necessario alla squadra).

L’istanza, invece, fu inconcepibilmente accolta direttamente dal dott. Luigi Pagano, facente funzioni capo dipartimento e presidente dell’Astrea.

Pur tuttavia, nonostante quanto dichiarato, l’agente Raffaele Battisti, a poco più di un anno di distanza dalla vicenda, è stato tesserato dal Rieti Calcio, compagine sportiva della stessa categoria dell’Astrea che milita, addirittura, nello stesso girone della squadra del Corpo.

Ciò significa che il Battisti, assunto con procedura straordinaria per gareggiare nella squadra di calcio della Polizia Penitenziaria, sta giocando contro il team del Corpo, diventandone di fatto avversario.

Invero, tutti gli atleti assunti con procedura straordinaria (12) fanno parte tutt’ora dell’Astrea, ad eccezione del Battisti.

Indovinate chi è il direttore sportivo della squadra di calcio di Rieti?

Pierluigi Di Santo.

Quello stesso Pierluigi di Santo impiegato nella segreteria di Luigi Pagano quando acconsentì a lasciare libero il Battisti contro il parere dei dirigenti dell’Astrea (pur essendo in quel momento anche il presidente della squadra).

Ritornando al Battisti, a completezza della vicenda va anche detto che il vincolo del tesseramento sportivo (che esula dalle competenze dell’amministrazione penitenziaria) viene meno dopo un anno d’inattività.

Incidentalmente, il Battisti è rimasto inattivo una sola stagione e questa regola gli ha permesso di svincolarsi dall’Astrea, dal punto di vista federale, e tesserarsi con il Rieti.

Sfortunatamente (per lui), secondo alcune indiscrezioni trapelate dal Dap, sarebbe stata avviata un’inchiesta amministrativa sulla vicenda, allo scopo di accertare eventuali responsabilità disciplinari e, addirittura, verificare la legittimità della permanenza in servizio nel Corpo.

Pur tuttavia, è lecito domandarsi se non sussistano anche dei profili di responsabilità da parte del Di Santo, tenuto conto che lo stesso era perfettamente a conoscenza di tutta la vicenda sia dal punto di vista amministrativo che calcistico, proprio in ragione dell’osservatorio privilegiato nel quale presta servizio e della sua qualità di dirigente sportivo.

Tra l’altro, una simile vicenda potrebbe anche realizzare, a nostro avviso, una violazione del Codice di Giustizia Sportiva, all’articolo 1, laddove stabilisce che “…Le società e le associazioni sportive, i dirigenti, gli atleti, i tecnici, gli ufficiali di gara e ogni altro soggetto dell’ordinamento federale sono tenuti all’osservanza delle norme e degli atti federali e devono comportarsi secondo i principi di lealtà, correttezza e probità in ogni rapporto comunque riferibile all’attività sportiva.

Secondo noi, infatti, l’aver ingaggiato un calciatore con queste modalità, e dopo certe vicende (al di là delle responsabilità oggettive dello stesso), non è proprio il massimo di “ … lealtà, correttezza e probità …”

Per non parlare, poi, degli obblighi (in questo caso, ovviamente, solo morali) di “ … lealtà, correttezza e probità …”  che il Di Santo dovrebbe avere nei confronti dell’Astrea e del Corpo di Polizia che la squadra rappresenta.

Peraltro, Raffaele Battisti risulta spesso essere il miglior giocatore in campo del Rieti, rivelandosi determinante per l’esito positivo delle partite, tanto che, la scorsa settimana, sul quotidiano sportivo Il Corriere dello Sport, è stato inserito nella “Top 11”, ovvero nella formazione dei migliori giocatori del girone G della Serie D.

Ciò significa, più o meno, che si tratta del miglior giocatore, nel suo ruolo, della categoria (20 squadre).

Ah, dimenticavo: indovinate contro chi gioca domenica prossima il Rieti?

 

 


Scritto da: Cesare Cantelli
(Leggi tutti gli articoli di Cesare Cantelli)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana
Riordino Polizia Penitenziaria: nuove qualifiche e nuovi errori
Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico
Delega al Governo per dare Skype anche ai mafiosi? Insorge l''Associazione Vittime del Dovere


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


Sono d'accordo,tifare per una squadra e lavorare per un'altra non c'è nulla di male. Fermo restando, però, che nel caso di specie, Sabatini non esercita la sua professione nelle stanze della Lazio, ergo non può in nessun modo gestire, ovvero alterare, ovvero sapere, cose che riguardano tale società. Il punto, quindi, non è che il tale sia il DS del Rieti, il punto è che costui, venga assegnato a LAVORARE, nel vero senso della parola, in uffici diversi dalle segreterie particolari del DAP.

Di  Amico  (inviato il 19/10/2015 @ 10:09:06)


n. 4


@anonimo
Non è esattamente la stessa situazione, il problema non è la posizione del sig. Di Santo in seno alla'Amministrazione ed in qualità di DS della società Rieti calcio.
Il focus del problema è la probabile correlazione tra le due cose, ovvero, l'influenza che può aver avuto il sig. Di Santo, nella concessione di una opzione di rinuncia alla attività sportiva di un tesserato della AS Astrea, il quale ha addotto motivi di salute, non confortati dal parere medico dello staff societario e, cosa grave è che il presunto "inabile" alla attività sportiva sia poi "abile" ed arruolabile in una società che ha quale DS, colui che può aver determinato la decisione dell'allora Vicario del Dipartimento, in qualità di Presidente della Astrea.
E' di tutta evidenza, che gli eventi possano generare quanto meno il legittimo dubbio, circa la correttezza dell'operazione.
In una situazione "normale", tipo Roma vs Lazio, il sig Raffaele Battisti, avrebbe concluso un contratto con una società e ne avrebbe avviato un altro con la rivale, in questo caso, il sig Battisti, è ancora uno stipendiato della Astrea, in quanto agente di Polizia Penitenziaria, arruolato specificatamente per essere impiegato in qualità di atleta.
Il problema non si porrebbe, se il Battisti venisse logicamente destinato a prestare servizio presso un istituto di pena della Capitale e fosse impiegato nei servizi a turno.
Di certo, in questo caso cadrebbe ogni conflitto di interesse, e forse si produrrebbe una logica e doverosa richiesta di dimissioni dal Corpo.

Di  PASQUINO  (inviato il 19/10/2015 @ 09:35:53)


n. 3


Non ci trovo niente di anomalo, prendiamo ad esempio AS Roma il suo direttore sportivo è Valter Sabatini prima di passare alla AS Roma era nella Lazio tutte e due le squadre militano in serie A e guarda caso in una dichiarazione resa pubblica dal Sabatini prima del derby capitolino disse che ancora nutre un'amore irrefrenabile x la Lazio. Detto questo il risultato e che a tutt'oggi la AS Roma si ritrova un laziale in casa. Ma aggiungo nella finale di coppa Italia disputata all'olimpico tra SS Lazio e AS Roma vinse la SS Lazio, il portavoce del presidente della ASRoma un certo Franco Spicciariello fotografato da Dagospia vidde la finale vicino al suo presidente poi udite udite corse in curva nord a festeggiare con la sciarpa della SSLazio. Comunque ne potrei fare tanti di esempi volevo concludere che tutto il mondo è paese ciao e scusate

Di  Anonimo  (inviato il 17/10/2015 @ 22:19:23)


n. 2


Era ora che qualcuno sollevasse certi interrogativi. Ce ne sarebbero altri, ma magari qualche magistrato ci sta già lavorando, chissà ...

Di  Anonimo  (inviato il 16/10/2015 @ 12:43:15)


n. 1


Ma è lo stesso Di Santo di Sempre?

Di  Vorrei Capirci Qualcosa  (inviato il 16/10/2015 @ 11:24:39)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.211.104.247


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?





Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione