Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta i favoreggiatori dell''evasione di Rebibbia


Polizia Penitenziaria - Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta i favoreggiatori dell''evasione di Rebibbia

Notizia del 13/07/2017

in Accadde al penitenziario

(Letto 4594 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


All'alba di oggi il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria in collaborazione con la squadra mobile di Roma e Milano  ha dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Roma, su richiesta della DDA di Roma, nei confronti di quattro albanesi: O. A., 26 anni, già ristretto presso la casa circondariale di Regina Coeli; M. A., 23 anni, già agli arresti domiciliari nella provincia di Cremona; M. K., 21 anni; S. M., 40 anni, tutti responsabili, in concorso tra di loro, del reato di procurata evasione.

I provvedimenti sono stati eseguiti a Roma e nel cremonese per quanto concerne O.A. e M. A., mentre per M.K. e S.M., sono in atto ricerche nell'intero territorio nazionale.

L'indagine. L'ordinanza è stata emessa a seguito di una complessa ed articolata attività investigativa coordinata dalla direzione distrettuale antimafia di Roma, scaturita dall'evasione di Rebibbia degli albanesi B.T., di 36 anni, detenuto per omicidio, condannato all'ergastolo; P.I., 40 anni, detenuto per tentato omicidio, possesso di armi e sequestro di persona, con fine pena prevista per il dicembre 2041 e H. M., 38 anni, detenuto per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanza stupefacente, con fine pena prevista nel marzo 2020.
L'evasione. La notte del 27 ottobre 2016, dalla casa circondariale di Rebibbia i tre detenuti, dopo aver segato le sbarre della finestra della loro cella ed aver percorso un tortuoso itinerario all'interno del carcere, avevano raggiunto il muro di cinta e, calandosi con delle lenzuola annodate, erano riusciti ad abbandonare la struttura. Dalla dinamica dell'evasione apparve subito chiaro che i tre avevano pianificato con cura le modalità di fuga e che godevano della complicità, fuori dal carcere, di qualcuno che li aveva fatti salire in auto nei pressi delle mura di cinta, consentendogli di allontanarsi velocemente.

La fuga. Le indagini del NIC  sono state articolate su una complessa analisi dei tabulati telefonici delle utenze di ciascun detenuto e su intercettazioni telefoniche nei confronti di familiari dei tre fuggitivi. Grazie a tale attività, sono stati scoperti i favoreggiatori, oggi arrestati. Gli elementi acquisiti hanno infatti consentito di ricostruire l'accaduto durante e dopo l'evasione. I fratelli A. e K. M., nipoti dell'H.M., insieme a S.M., la sera del 26 ottobre, dopo essere stati contattati dall'interno del carcere, erano partiti da Milano per raggiungere la capitale dove, nei pressi di Rebibbia, si incontrarono con O.A. I quattro prelevarono poi gli evasi dandosi alla fuga e facendo perdere le proprie tracce.

Gli arresti. Nell'ambito delle incessanti attività volte a ritrovare i tre evasi, O.A. è stato arrestato dal NIC  nel novembre scorso poiché trovato in possesso di circa 45 chili di marijuana. H. M. è stato catturato la sera del 10 febbraio scorso in provincia di Como, in località Luisago, ove si nascondeva all'interno di un'abitazione a tre piani presa in affitto, favorito nella latitanza da alcuni parenti tra cui il cugino K., il quale, a seguito di perquisizione domiciliare della sua abitazione di Concagno (Co), è stato trovato in possesso di 1 chilo di cocaina. Al momento dell'arresto, H.M. aveva con sé documenti romeni contraffatti.

Evasione da Rebibbia NC, ecco le foto e chi sono gli evasi dal carcere romano

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Braccialetti anti-stalker: Fastweb spiega come funzionano.
Violenza a Poggioreale, il cappellano: Ingiusto accusare la polizia di abusi
Totoministri: ecco il possibile ''listone'' del Governo Lega-5 Stelle. Alfonso Bonafede ‘corre’ per il Ministero della Giustizia
Fiammetta Borsellino accusa il DAP: ignorata la richiesta di incontro con i boss Graviano
Reggio Emilia: sempre più detenuti al carcere della Pulce, dal 2015 è un boom. Situazione sempre più delicata per la Polizia Penitenziaria
Direttore del Carcere di Bergamo Porcino va in pensione:I miei 40 anni con i detenuti
Droga in carcere a Turi Veniva lanciata dalla strada verso le finestre. Scoperta dalla Polizia Penitenziaria
Evasione ospedale di Milano: Le indagini del N.I.C.seguono varie piste


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


Tutte le amministrazioni si stanno dando da fare con circolari per attuare il riordino ed ancora non vedo una circolare che attua il riallineamento che ha decorrenza 1gennaio 2016. Sappe pensaci tu

Di  en  (inviato il 13/07/2017 @ 16:48:41)


n. 1


La polizia sa fare tutto, non può essere relegata in carcere. Grazie al sappe per il servizio che rendi all'immagine del corpo e che dovrebbe essere più pubblicizzato anche nei canali istituzionali

Di  W la pol pen  (inviato il 13/07/2017 @ 16:36:32)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.81.0.22


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Lavoro di Stato

3 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

4 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

5 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

6 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

7 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)





Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

8 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

9 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione