Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Il numero 57 ... grave caso di memoria a breve termine. “I loro moltiplicatori nel 2010 hanno dimostrato di essere uomini e non numeri”


Polizia Penitenziaria - Il numero 57 ... grave caso di memoria a breve termine. “I loro moltiplicatori nel 2010 hanno dimostrato di essere uomini e non numeri”

Notizia del 04/08/2011

in Il caso.

(Letto 2613 volte)

Scritto da: Quasimodo

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Cari Amici del Blog nel mio precedente post ho divagato sul sensibile senso numerico del 57;
La mia digressione è stata presa talmente sul serio da meritare una risposta congiunta, con un comunicato, da parte del famigerato Cartello dei 6, (... e pensare che per amicizia con un collega sono iscritto ad uno dei sei comuni denominatori ...)

 Ad ogni modo il vostro Quasimodo, brutto e gobbo, che ha una normale memoria o che per lo meno arriva indietro di un anno vi vuole dimostrare il bluff che il 57 propina ai suo numeri illudendoli di farlo per il loro interesse e che tutti i loro addendi sin dalla pregressa sottoscrizione del Fesi 2010 sono stati entusiasti al punto tale da chiedergli di rifirmarlo anche quest’anno senza modifiche.

 


 

INCENTIVI 2010

LA MAGGIORANZA DELLE OO.SS. NON

FIRMA L’ ACCORDO AL P.R.A.P.

Considerato che l’anno scorso, la suddivisione degli incentivi effettuata con il metodo delle percentuali aveva causato delle grosse sperequazioni tra gli Istituti Penitenziari, provocando disparità di trattamento economico tra il personale nella stessa tipologia di servizio disagiato.

Tenuto conto che anche quest’anno bisognava determinare i compensi da elargire per l’intero Triveneto, avevamo pensato di proporre in modo unitario (rappresentando la maggioranza del tavolo), un metodo di calcolo che potesse

evitare che per il medesimo servizio svolto in due Istituti Penitenziari diversi vi fossero enormi differenze economiche.

Ad essere più chiari, si voleva evitare che un identico servizio disagiato (ad esempio una traduzione superiore a 500 km), in un Istituto Penitenziario fosse retribuito con € 3 mentre in un altro Istituto con € 35, cosa questa già accaduta l’anno scorso con le percentuali ed ancora,...... anche nello stesso Istituto Penitenziario, ad esempio, si poteva ( con il nostro calcolo ) scongiurare che un addetto alla sorveglianza generale o un servizio di 4 ore di sentinella fosse stato remunerato con € 0,50 mentre un addetto alla sala regia ( se pur servizio disagiato ) con € 5.

Contrari a questa formula sono state le Organizzazioni Sindacali S.A.P.Pe ed O.S.A.P.P. che hanno manifestato, in modo deciso, di voler continuare ad utilizzare la stessa metodologia dell’anno precedente, insistendo con il voler retribuire le fattispecie con le percentuali.

L’Amministrazione, dal canto suo, ha deciso in modo unilaterale di definire l’accordo “imponendo” come metodo di pagamento le percentuali nonostante le scriventi OO.SS. rappresentavano la maggioranza del tavolo e della rappresentatività sia nazionale che regionale.

Per i predetti motivi abbiamo deciso di non firmare un accordo che già aveva prodotto effetti negativi, preannunciando nel contempo un ricorso alla Commissione di garanzia del Dipartimento.

Cari colleghi, se patirete (vostro malgrado) la stessa differenza di trattamento economico dell’anno scorso, sapete già chi dovrete ringraziare per questo danno. Vi terremo informati.

SINAPPE         CNPP              UGL            CISL             CGIL              UIL
Guadalupi       De Cieri          D'Apollo     Terracciano    Pegoraro      Budano


 Ora capite che il 57 ha bisogno di aiuto! 

La memoria a breve termine è progressiva e se non li aiutiamo dimenticheranno i loro numeri, o forse i loro numeri dimenticheranno loro?
 
Spero per loro che non sia contagiosa altrimenti ad ottobre dovranno incrementare gli addendi. 
 
Amici ma è possibili che dei numeri siano cosi ciechi da non vedere in quale equazione algebrica sono finiti? ... e poi parlano di coerenza!!!

Chi mente sapendo di mentire è disposto a tutto!!!

Basta, diventate uomini, dimostrate che sapete leggere e che avete un cervello!!!

Ricordatelo al 57!!!!

Ora mi chiedo, e vi chiedo, ma le stesse persone che il precedente anno 2010 ( E ho un immenso piacere nel definirli tali) si sono opposti alla sestina dimostrando un elevato intelletto, quest’anno saranno già stati contaminati dal virus della memoria a breve termine?

Spero e mi auguro che la loro onestà  intellettuale non sia stata destabilizzata dal virus.

 

Quasimodo

 


Scritto da: Quasimodo
(Leggi tutti gli articoli di Quasimodo)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


Premetto che concordo ampiamente con l'esclusione della contrattazione decentrata e con la semplificazione della distribuzione del F.E.S.I.
Ritengo che ciò, è quanto condivide la maggioranza del personale; il referendum del S.A.P.Pe ne è stata la prova.
Se delle distinzioni devono essere fatte, allora ritengo che bisognerebbe tener conto esclusivamente, e ribadisco esclusivamente, di chi lavora nelle sezioni (intese come servizio di vigilanza e osservazione nelle sezioni detentive), ove lo stress psicofisico è imparagonabile; altro che sale regia (magari senza monitor), portinerie, cancelli e similari.
A mio avviso, bene due fasce di distribuzione: nella prima, il personale a turno che effettua turni notturni, serali e pomeridiani; nella seconda, il restante personale. Chi ha prestato servizio ESCLUSIVAMENTE in sezione, un ulteriore riconoscimento di un tot di euro per turno.
Bene anche bonus presenza.
Riguardo il F.E.S.I. dello scorso anno, riproposto anche quest'anno, che il S.A.P.Pe NON HA FIRMATO, mi auspico che i colleghi a ottobre si svegliano... per ringraziare i signori del 57%...

Di  Giovanni Altomare  (inviato il 04/08/2011 @ 15:24:46)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.158.92.239


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

5 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

6 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

9 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

10 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione