Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
Il pericolo radicalizzazione nelle carceri italiane


Polizia Penitenziaria - Il pericolo radicalizzazione nelle carceri italiane

Notizia del 06/06/2018

in Attualità

(Letto 503 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo


Il  “proselitismo” e il “radicalismo”, sono caratteri degeneri del carcere.

In fondo la degenerazione della funzione del carcere è tutta racchiusa nella banale, ma significativa, espressione “il carcere è l’università del crimine”.

Spesso infatti si entra in carcere con il diploma di delinquente e si esce con il titolo di “specializzazione”.

Il proselitismo quindi ha le sue radici “nell’addestramento a delinquere” che i giovani detenuti ricevono dai più anziani ed esperti, radicati inesorabilmente in una dimensione antisociale.

È quanto accadeva sovente per la delinquenza comune e per la criminalità organizzata e ora accade anche per il terrorismo nazionale con radicalizzazione in carcere del terrorismo islamico e jihadista.

La definizione di “terrorismo cosiddetto islamico” è stata adottata in ossequio alle affermazioni di autorevoli esponenti delle magistrature e delle forze di polizia di vari paesi islamici i quali, nel corso di vari incontri motivati da ragioni scientifiche e da esigenze di cooperazione internazionale, hanno osservato che l’espressione “so called islamic terrorism” può ritenersi idonea ad evitare ogni impropria, se non offensiva, generalizzazione.

Dopo gli efferati attentati dell’11 settembre 2001, di Madrid (2004), Londra (2005), ed in particolare a seguito di quelli di Berlino del dicembre 2016 in cui è stato coinvolto un terrorista (Anis Amri) che si presume possa essersi radicalizzato durante il periodo della sua detenzione nel carcere “Ucciardone” di Palermo, si è sentita, anche in Italia, in maniera ancora più forte la necessità di individuare contromisure sempre più efficaci, sia a livello nazionale che internazionale. 

Il termine “radicalizzazione” è entrato nel linguaggio corrente della maggior parte delle istituzioni, pubbliche o private, in particolare in ambito penitenziario è ritenuta come il nemico principale del trattamento con due allarmanti fenomeni legati al radicalismo islamico.

Il primo riguarda la radicalizzazione di molti criminali comuni, specialmente di origine nordafricana, i quali, pur non avendo manifestato nessuna particolare inclinazione religiosa al momento dell’entrata in carcere, sono trasformati gradualmente in estremisti sotto l’influenza di altri detenuti già radicalizzati.

Il secondo fenomeno, diffuso in misura crescente particolarmente nel Regno Unito, riguarda l’imposizione della legge islamica (la cosiddetta sharia) all’interno delle carceri ad opera di gruppi di detenuti fondamentalisti.

La radicalizzazione in carcere, può avvenire attraverso due canali, per osmosi interna, ossia grazie all’influenza di altri detenuti, oppure per l’influenza esterna, ossia l’introduzione di testi devianti o l’accesso di visitatori autorizzati per vari motivi quali l’assistenza religiosa, i colloqui familiari etc.

Per cercare di fronteggiare il fenomeno radicalismo e arginare la possibilità di attentati terroristici è stato istituito, il 6 maggio 2004, con Decreto del Ministro dell’Interno, il C.A.S.A., ovvero il Comitato di Analisi Strategica Antiterrorismo consistente in un tavolo permanente, presieduto dal Direttore Centrale della Polizia di Prevenzione, nel cui ambito vengono condivise e valutate le informazioni sulla minaccia terroristica interna ed internazionale.

Vi prendono parte le Forze di polizia a competenza generale - Polizia di Stato e Arma dei Carabinieri - le Agenzie di intelligence -AISE ed AISI - e, per i contributi specialistici, la Guardia di Finanza ed il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria.

È stato lo stesso C.A.S.A. più volte a ribadire che proprio nelle carceri, luoghi imprescindibili di controllo, i fenomeni di radicalizzazione hanno la meglio.

I numeri del resto parlano chiaro: secondo l’ultima relazione presentata dal D.A.P. sono ben 506 i soggetti radicalizzati in carcere.

Dei 506, poi, 242 sono i detenuti c.d. di “primo livello”, ovvero soggetti detenuti per reati di terrorismo internazionale (per questo tipo di reato i ristretti sono 62 secondo le fonti D.A.P) o particolarmente attenzionati per atteggiamenti che rilevano forme di proselitismo; 114 sono di “livello medio” a cui fanno riferimento quei detenuti che hanno posto in essere più atteggiamenti che fanno presupporre la loro vicinanza

alle ideologie jihadiste; 150 c.d. di “basso livello” con cui si fa riferimento a quei detenuti che meritano approfondimento per la valutazione successiva di inserimento nel primo o secondo livello.

Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria adotta forme di controllo straordinarie, monitorando i soggetti in ogni momento della loro vita detentiva, dalla preghiera svolta nella camera detentiva agli incontri casuali quali i “passeggi”, fino ai locali adibiti ai luoghi di culto nei penitenziari.

 

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Carcere di Taranto: Nessuno tocchi caino, ma di abele chi si preoccupa?”
Porta droga per il fratello: Scoperto dalla Penitenziaria e ora è dietro le sbarre con lui
Cassazione: detenuti per mafia non possono scrivere ad associazione per diritti carcerati
Caos al carcere di Prato: detenuto picchia agente, fuoco nelle celle
Stancanelli (Vice Pres. Comm. Giustizia): nuove strutture carcerarie e nuove assunzioni nel campo delle forze dell''ordine
I nuovi Presidenti della Commissione Giustizia: nominati Giulia Sarti e Andrea Ostellari
Carla Spagnoli (Presidente Movimento per Perugia):lo Stato aiuti la Polizia Penitenziaria.
Venezia, sesso in carcere con le detenute: medico patteggia 18 mesi di reclusione


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.225.31.188


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

2 Carceri: procuratore aggiunto Potenza Basentini verso guida Dap

3 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

4 Ma col Ministro Orlando c’era un progetto, a tavolino, per depotenziare la Polizia Penitenziaria?

5 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

6 Tempo di bilanci per il Ministero della Giustizia

7 In sezione comme a la guerre

8 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

9 Firenze Sollicciano: bubbole, fandonie e fanfaluche

10 La favoletta dell’autoconsegna di Siracusa e le fake news di certe paginette facebook





Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Non gradisce la sistemazione in cella, detenuto aggredisce agente della Penitenziaria

3 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

4 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

5 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

6 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

7 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

8 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

9 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria

10 Ariano Irpino:Si sono offerti in ostaggio per salvare i loro colleghi


  Cerca per Regione