Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Il Poliziotto Penitenziario solo nell’incontro/scontro con il delinquente


Polizia Penitenziaria - Il Poliziotto Penitenziario solo nell’incontro/scontro con il delinquente

Notizia del 04/12/2013

in Houston abbiamo un problema

(Letto 2646 volte)

Scritto da: Giuseppe Baiocco

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Grandi numeri. Grandi numeri sulla pelle di chi sta in prima linea. Preoccupa l’aumento dei suicidi degli operatori di Polizia Penitenziaria in Italia. Oltre cento operatori penitenziari dal 2000 ad oggi si sono tolti la vita: operatori, direttori, provveditori, secondo il sindacato autonomo SAPPE. Quasi un evento negativo al mese sembra veramente eccessivo, ma questi argomenti rimangono gelosamente custoditi entro le pareti scrostate delle carceri, luoghi ancora legati a vecchi retaggi di scarsa comunicazione, non solo per comprensibili motivi di sicurezza. Già, la sicurezza.

In un sistema chiuso, dove il rigore di stampo militare aiuta a nascondere le varie sacche di inefficienza e spreco di denaro pubblico l’elemento portante, la struttura di cemento armato che sostiene l’intero “edificio/mondo” è composta dal poliziotto penitenziario.

E seppur paradossale è anche l’elemento più fragile, nel senso che può facilmente trovarsi in un isolamento sociale che è favorito dai turni di lavoro che spezzano la comunicazione intrafamiliare, l’esigenza di disciplina porta ad un’obbedienza acritica che insieme all’obbligato rapporto quotidiano con la popolazione detenuta, mai facile e privo di momenti critici, e la possibile mancanza di appoggio del dipartimento/comando favoriscono l’insorgenza di disturbi disadattivi che possono sfociare nel burnout.

In sintesi ricordiamo come il burnout psicologico sia stato definito una sindrome caratterizzata da tre dimensioni indipendenti (Maslach, 1982): l’esaurimento emotivo, in cui si ha la sensazione di svuotamento delle proprie energie e risorse emotive, con un senso di sfinimento, logoramento che questi operatori sembrano sperimentare, in seguito al sovraccarico emozionale dovuto al continuo contatto con l’utente; la depersonalizzazione, ossia uno svilimento psichico della individualità degli utenti, nella quale compaiono atteggiamenti negativi e spesso cinici verso gli stessi, dando origine ad un agire freddo, meccanico e distaccato da parte di questo operatori; la ridotta realizzazione personale, relativa ad una diminuzione del proprio senso di competenza ed efficacia professionale, comportando un sentimento di inadeguatezza sia verso se stessi che verso la prestazione per coloro che fruiscono del servizio.

Come è noto le professioni di aiuto possono nascondere rischi del genere e diviene quindi una priorità trovare le contromisure più adatte perché non si giunga all’estensione del problema ad una massa ancor più evidente dell’attuale.

La sindrome del burnout è una risposta ad uno stress emozionale cronico caratterizzata principalmente da tre componenti: esaurimento emotivo, ridotta produttività nel lavoro, deterioramento della relazione con l’utente (Perlman e Hartman, 1982).

I principali fattori stressanti del poliziotto penitenziario sono prevalentemente suddivisibili in due categorie:

Modalità organizzativo-burocratiche imposte dal dipartimento; fattori di stress relativi specificatamente all’attività di polizia (Spielberger, Westberry, Grier, Grinfield, 1981; Martelli, Waters e Martelli, 1989).

E visto che, a causa della complessità del tipo di lavoro in questione, sarebbe utile un intervento integrato e sinergico fra livelli individuali, interpersonali, organizzativi e sociali.

Potrebbe essere molto utile cominciare da qualche parte. In attesa che il Ministero competente individui le modalità più idonee a prevenire con successo il problema, con i prevedibili intoppi, “i soldi non ci sono” e formule ormai ben note, potrebbe essere proponibile un’attivazione diretta dei sindacati a tutela del Poliziotto Penitenziario con l’individuazione di una figura professionale, uno psicoterapeuta per ogni grande città, che possa contenere gratuitamente per l’utente (cosa già garantita al detenuto) le sacche di disagio e sostenere “l’Uomo in Divisa nel confronto/scontro quotidiano con il delinquente”, come ebbe a confidare un Ispettore mite e motivato al miglioramento della qualità della vita sul lavoro.

Se non ora quando? 

di Giuseppe Baiocco (Psicologo Penitenziario)

 


Scritto da: Giuseppe Baiocco
(Leggi tutti gli articoli di Giuseppe Baiocco)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico
Delega al Governo per dare Skype anche ai mafiosi? Insorge l''Associazione Vittime del Dovere
Tentata evasione dal carcere di Ivrea: detenuto fermato prima che arrivasse al muro di cinta
Detenuto ricoverato, esponente di spicco di un clan di Messina, libero di girare per l''ospedale di Parma
Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


Quando i sindacati non fanno da garante ad una rotazione ingiusta e diventano promotori di una situazione poco chiara l'ass.capo stanco, con alle spalle un presofferto dal disciolto Corpo degli Agenti di Custodia etc. di cui attualmente anchè vecchio anagraficamente e pieno di problemi di salute in famiglia, dalla mattina alla sera si vede buttato in sezione e sezione e sezione come un neo agente a chi si deve rivolgere prima di andare in burnout.'?????????????????? visto che solo perugia ha effettuato una rotazione drastica e anomala corrispetto a gli altri Istituti dell'Umbria . Oggi capisco meglio perchè questo Corpo ha il triste primato di suicidi . l'assurdo è che i colleghi giovani sono solidari con il vecchietto stanco , e concordano una rotazione più rispettosa è giusta . lo scrivente comunque ha vinto un l'interpello che mi aprirà nuove prospettive professionali c'è d'aspettare un pò per lo storico problema del Corpo ( la carenza del personale ) . Spero che in futuro il sindacato tuteli tutti i lavoratori . buon natale .

Di  salvatore  (inviato il 09/12/2013 @ 18:37:17)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.145.183.43


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 Riordino: tra formiche e grilli lamentosi

3 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Riordino vuol dire mettere ordine

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna





Tutti gli Articoli
1 Concorso imminente per 540 Agenti di Polizia Penitenziaria riservato ai VFP1 e VFP4

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

4 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

5 Consiglio dei Ministri: Santi consolo NON confermato nel ruolo di Capo DAP?

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

8 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 Evasione da Sollicciano: probabile rimozione Direttore e Comandante, ma il Sappe chiama in causa il DAP e Gennaro Migliore


  Cerca per Regione