Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Il restauro di tre porte delle celle della Vicaria


Polizia Penitenziaria - Il restauro di tre porte delle celle della Vicaria

Notizia del 22/04/2010

in Nuvola Rossa

(Letto 3485 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Nell’ottobre del 2008, durante una visita alla Vicaria (il vecchio carcere di Trapani, altrimenti detto San Francesco), il Commissario Giuseppe Romano notò che in un angolo dell’androne d’ingresso giacevano tre porte in legno, due delle quali appartenevano a delle celle, l’altra era una porta di sbarramento, di quelle che chiudevano il corridoio della Sezione detentiva.
Quelle porte giacevano nel più totale degrado e quindi, preso da un lampo di genio, chiese al Presidente del Consiglio Provinciale, Peppe Poma (in quanto il vecchio carcere è di proprietà della Provincia Regionale di Trapani) se, il Carcere di Trapani si potesse intestare il compito di restaurare, a costo zero, quelle porte e riportarle così al loro antico e triste splendore.
Il Presidente Poma si dimostrò disponibile e quindi, dopo aver ricevuto il benestare anche dall’architetto Luigi Biondo, della Soprintendenza Beni Culturali di Trapani e chiaramente del Presidente della Provincia  Regionale avv. Mimmo Turano, il solerte commissario (che fortunatamente non aveva incarichi particolari di docenze, commissioni, corsi vari ecc. come quasi tutti gli altri commissari...) organizzò il trasporto delle porte al Carcere di San Giuliano.
Qui, grazie alla disponibilità dell’allora direttore, dottoressa Francesca Vazzana, nonché al Capo Area Educatori, dottoressa Luisa Marchica, fu elaborato un progetto, su base volontaria che prevedeva la partecipazione di n.2 detenuti – falegnami o restauratori – che avrebbero eseguito il restauro sotto l’esperta guida dell’assistente capo di Polizia Penitenziaria Leonardo Di Bella, nel tempo libero, provetto restauratore di mobili antichi.
Ed è qui, nella falegnameria dell’Istituto Penale che iniziò il lavoro di restauro, sotto la guida del Commissario Romano, novello storico delle carceri,  dal quale emerse che:
a) Le porte c.d. sicure appartenevano a due celle del 1° piano, la n.16 e la n.17. La terza porta, come già detto è un portoncino di sbarramento dal quale si accedeva all’interno della sezione. Le porte versavano in un grave stato di degrado. Dall’esame delle due porte emerse che le cerniere che giravano sui cardini, non erano altro che dei chiodi forgiati dal fabbro ed inseriti a martellate nel legno. Questi chiodi venivano denominati anticamente chiàncani. 
Le porte erano originali ed avevano più di due secoli di vita, nel corso dei quali avevano subito continue riparazioni; infatti si trovarono delle zeppe di legno laddove vi erano dei nodi delle tavole che erano saltati via; laddove si formavano dei buchi, erano state sovrapposte delle lapazze di legno, oltre che per coprire i buchi anche per rinforzare la sicurezza delle stesse. Gli spioncini furono aggiunti successivamente all’installazione delle porte, poiché inizialmente, sulla porta dovevano esserci solo delle minuscole bocche di lupo.
Ma, grande sorpresa ed emozione suscitò nei restauratori la scoperta di quelli che a prima vista potevano sembrare dei piccoli graffi sulla porta, in realtà ad un esame più attento si rivelarono delle stecche (tanto per prendere in prestito una parola dal linguaggio militare); in questa stecca, ogni piccola tacca rappresentava un mese di galera; infatti ogni 12 piccole incisioni ve n’era una più lunga che stava ad indicare l’anno trascorso; inoltre da una porta affiorarono dall’oblio in cui erano state relegate dalla vernice e dalla polvere  da oltre 150 anni, delle frasi incise sul legno di larice probabilmente con un chiodo che suscitarono nel Commissario Romano, un’intensa commozione; queste frasi, furono scritte con ogni probabilità da patrioti liberali che, venivano trasferiti alla Vicarìa, provenienti da ogni parte d’Italia, in transito, per essere poi trasferiti al loro destino definitivo sull’Isola di Favignana (Ergastolo di Santa Caterina o il Bagno Penale di San Giacomo); Su una porta fu inciso, da un detenuto, l’anno:1843.
b) La porta di sbarramento, in legno di Larice, inizialmente era a due mezzine ma col tempo, forse per intuibili ragioni di sicurezza, fu modificata. Infatti, una volta sverniciata furono visibili i segni di due ferri che chiudevano la mezzina, una sorta di porta a libro. Visibili anche dei tappi in legno dove c’era probabilmente una ulteriore serratura di sicurezza.
Infine, dopo un lavoro durato un paio di mesi le tre porte della Vicarìa, veramente irriconoscibili da come erano state prese in consegna, vedevano la luce e presto saranno esposte al pubblico affinchè tutti possano ammirare questi documenti della sofferenza umana.
Per la riuscita del progetto, del quale il Commissario Romano, che è stato il promotore e materialmente colui che ha seguito tutte le fasi del restauro fino alla costruzione di un carrello in metallo su ruote in modo da trasportare le porte per eventuali mostre, subì anche dei meschini attacchi sindacali, ma grazie alla sua tenacia   oggi  i cittadini  trapanesi si sono riappropriati di un pezzetto di storia della loro città.

Il Commissario Romano ha dimostrato che anche la PoliziaPenitenziaria può fare cultura. 


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Ripetute proteste nella stessa giornata nel carcere minorile Beccaria di Milano
Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone
Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria
Mafiosi convertiti all''islam durante la permanenza in carcere: il caso del boss che vuole convertire anche il figlio
Carcere di Orvieto di nuovo casa di reclusione? La protesta dei Poliziotti: a rischio la chiusura del carcere
Il DAP affida in esclusiva all''Ucoii la scelta degli imam nelle carceri: pericolo di predominanza salafita
Motovedetta della Polizia Penitenziaria in soccorso di otto ricercatori bloccati sull''isola di Pianosa
Nuovo carcere di Brescia? Pronto non prima di sei o sette anni


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

23.23.34.22


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

5 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

6 La sentenza Torreggiani (o meglio la sua sciagurata applicazione) ha distrutto le carceri italiane

7 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

8 Operazione Onda Blu: NIC Polizia Penitenziaria arresta a Crotone due evasi da Voghera

9 Ente di Assistenza: a chi serve?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Polizia Penitenziaria di Palermo consegna doni e giocattoli per i bambini con malattie metaboliche e rare

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

6 Poliziotto assolto da accusa di violenza sessuale: nei guai invece finisce il medico per evasione della detenuta

7 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

8 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

9 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

10 Carcere di Rossano a rischio sicurezza: 36 Agenti penitenziari servono solo per controllare il muro di cinta


  Cerca per Regione