Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Il servizio decentrato nell’organizzazione del lavoro dei reparti detentivi: l’importanza di un lavoro di squadra …


Polizia Penitenziaria - Il servizio decentrato nell’organizzazione del lavoro dei reparti detentivi: l’importanza di un lavoro di squadra …

Notizia del 06/04/2014

in Accadde al penitenziario

(Letto 4895 volte)

Scritto da: Rita Argento

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Oggi più che mai, un giorno si e l’altro pure, è argomento comune il malessere di una Polizia Penitenziaria che, spesso, quando si ritrova a prestare servizio nei reparti detentivi, si viene a scontrare con le difficoltà di un sistema dove carenza di personale e sovraffollamento della popolazione detenuta sono costanti inevitabili.

Occorre, certo, dire che quanto sopra menzionato è denominatore comune della Polizia Penitenziaria impiegata negli istituti detentivi, ben consapevoli che ogni realtà rimane a sé, sempre con le proprie specifiche caratteristiche, sia nel bene che nel male.

Eppure, in un clima lavorativo già di per sé complesso, diventa quasi indispensabile creare delle unità operative, ovvero un certo numero di poliziotti penitenziari che siano coordinati e formati da un superiore gerarchico appartenente al ruolo degli Ispettori e/o dei Sovrintendenti, al fine di realizzare ogni giorno un vero e proprio lavoro di squadra, che possa far crescere l’idea di far parte di un gruppo capace di affrontare il delicato e difficile servizio all’interno di una sezione detentiva con un modus operandi comune.

A tutt’oggi, soprattutto nelle realtà penitenziarie più grandi, è ormai ben radicato il ricorso al servizio decentrato nel quale ciascuna unità operativa viene assegnata ad uno specifico Reparto e gestita dal proprio Coordinatore, competente in una gestione in toto: dalla predisposizione dei turni di servizio del personale di Polizia Penitenziaria, alle direttive che devono essere ottemperate durante il lavoro nel reparto detentivo.

Da sempre, la realizzazione di un gruppo di lavoro costituisce un momento di grande importanza nell’organizzazione, dato che il  team altro non è  che  quella realtà organizzativa ove gli individui in possesso di conoscenze, competenze ed esperienze diverse, mettono in comune il loro sapere per raggiungere obiettivi specifici e coerenti con quelli dell’organizzazione.

In particolare, un buon team deve riuscire a mettere in pratica elementi chiave quali l’individuazione delle problematiche, la discussione e la condivisione delle strategie di intervento, al fine di poter migliorare quanto di fatto si vive e si affronta in prima linea.

Ogni poliziotto penitenziario, nel proprio quotidiano lavorativo, deve essere tutelato appieno e messo, soprattutto, in condizione di essere motivato costantemente. L’integrità di un gruppo lavoro deve servire anche a questo.

La Polizia Penitenziaria merita tanto, ogni giorno!

Chi lavora, soprattutto nelle sezioni detentive e si ritrova ad affrontare situazioni altamente problematiche, non deve mai sentirsi abbandonato a sé stesso. Anzi tutt’altro!

Citando l’autorevole Sawyer Keith, la forza del gruppo altro non è che l’input portante dell’innovazione e del cambiare in meglio. Il gruppo è la chiave di svolta, grazie ai propri presupposti indispensabili, quali collaborazione, conversazione e interazione.

Inoltre,  la realizzazione di reti di persone che si trovino a lavorare in modo coeso ed efficace, soddisfa e realizza la formazione di una “genialità di gruppo” carica di motivazione sempre indispensabile, in particolar modo in un contesto delicato come quello del carcere.

“Il nano vede più lontano del gigante, quando ha le spalle del gigante su cui montare.” [Samuel Taylor Coleridge]

 

 

 


Scritto da: Rita Argento
(Leggi tutti gli articoli di Rita Argento)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


Dici bene Rita , un buon team deve mettere in atto tutto per risolvere le problematiche di un reparto o di un istituto .
E anche vero che il Poliziotto Penitenziario deve essere tutelato ed essere motivato nel propuurio quotidiano .
" GEnialita " di gruppo ...??.?

Ma non scherziamo , tutto questo cara Rita dovrebbe essere legge , fatti non parole ,
Ad esempio prendiamo un istituto a caso , Lucca , potremmo dire " Ispettore sceriffo in agguato "
Linea dura con il personale , solo doveri , pochi diritti , sbagli ? Disciplinare , tolleranza zero . Tanti disciplinari ... E allora di che dobbiamo,parlare ?

Speriamo che qualcuno si accorga di tutto ciò e intervenga , basta , facciamo questo lavoro di squadra . Ma con chi porta avanti il carcere .

Di  Toscano  (inviato il 08/04/2014 @ 23:47:30)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.163.147.69


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

3 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione