Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Il Sindacato che vorrei


Polizia Penitenziaria - Il Sindacato che vorrei

Notizia del 07/10/2014

in I Mulini a Vento

(Letto 2987 volte)

Scritto da: Enzima

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


La parola “Sindacato” deriva dal greco Sin (insieme) e Dikè (giustizia) e quindi significa “Insieme per la giustizia”.

Il Sindacato che vorrei è diverso da quello di oggi. Fra un paio d’anni vorrei che fosse cambiato, fra cinque anni lo vorrei migliore, fra dieci vorrei che quasi non servisse più perché ci sono colleghi in grado di attingere a conoscenze e risorse pubbliche che consentano loro di autotutelarsi.

Perché in fondo il ruolo del Sindacato è quello di tutelare il Personale dai soprusi di chi lo amministra e in molti questo l’hanno dimenticato, per non dire, mai attuato. Anzi, molti tradiscono spudoratamente la loro “mission” cercando, attraverso il Sindacato, un’affermazione personale, soprattutto di tipo economico o magari anche politico.

Per carità, ogni azione umana nasce da un’esigenza personale e tutti tendono a trarre il massimo vantaggio da ogni proprio sforzo. Io per primo. Il fatto è che nel trarre un proprio legittimo vantaggio, non bisognerebbe perdere di vista l’obiettivo principale, la difesa del Personale e il suo benessere.

Per quanto ho avuto modo di osservare, mi sembra invece che moltissimi “sindacalisti” abbiano operato con due tecniche principali: la minaccia e il favore.

La minaccia consiste nel minacciare (appunto) il collega, con azioni di disturbo quali mancati permessi, diniego alle ferie, spostamento di turni e altre cosucce tipiche da chi amministra certe faccende. Non è un caso infatti che molti sindacalisti siano collocati in posti strategici vicino al Direttore, al Comandante, negli uffici Comando o Servizi. La minaccia è: “O ti iscrivi con me, oppur ti rendo la vita più difficile di quella che già hai”. Con il tempo, praticamente tutti cedono.

Il favore consiste nel favorire (appunto) il collega con un’azione ai limiti della legalità, se non ampiamente al di là… favorendolo in graduatorie discrezionali, facendogli ottenere agevolazioni di ogni tipo, fino ai trasferimenti veri e propri. Poco importa se ad ottenere un trasferimento per la “mitica” Legge 104 sia un collega che non ne ha affatto bisogno e che con ciò, magari toglie la possibilità ad un padre di assistere la propria figlia gravemente malata negli ultimi mesi di vita. Un favore è un favore e spesso lo si paga con tessere sindacali sonanti.

Il fatto è che una volta, quando si arruolavano migliaia di Agenti l’anno, quando non si badava a più di un trasferimento d’ufficio per la stessa persona nello stesso anno (con tutti i rimborsi per il disturbo che ne derivavano ad ogni trasferimento), i favori erano più facili e tutti erano contenti; bastava saper aspettare e un favore, prima o poi, capitava anche a te.

Oggi i favori sono ampiamente diminuiti e non perché ci sia più legalità, anzi. E’ solo che c’è una carenza d’organico spaventosa e oggi anche un singolo spostamento fa troppo clamore ed è difficile da nascondere.

Ma le minacce no. In tempi di vacche magre, le minacce sono ancora più “utili” di prima per mietere tessere sindacali. E’ per quello che molti colleghi hanno la doppia, tripla, quadrupla tessera sindacale. E’ anche per quello che abbiamo sindacati di tipo DITTA FAMILIARE con migliaia di iscritti. Data l’ignoranza e la situazione di oggettiva difficoltà di molti colleghi, basta mettere in piedi una gerarchia di sindacalisti che si spalleggiano a vicenda per rendere la minaccia sempre attuale. Ovviamente di questa situazione è complice l’amministrazione o per meglio dire singoli ma ben posizionati Dirigenti dello Stato che ricoprono ruoli chiave nel DAP. Nell’amministrazione penitenziaria è tale la mancanza di chiarezza e di certezza che almeno le due tessere sindacali più “rappresentative” del tuo Istituto, ce le devi avere in tasca.

Quanto durerà questo giochetto al massacro che sta distruggendo l’istituzione sindacale stessa e che nel frattempo ha rovinato la vita a moltissimi colleghi rendendo oltretutto la Polizia Penitenziaria un Corpo composto da gente disposta ad accoltellarsi l’uno con l’altro in micro-carceri sparsi in tutta Italia?

I fatti ci dicono che nei prossimi anni andranno in pensione migliaia di Poliziotti Penitenziari, tutti quelli che sono stati arruolati nei primi anni ‘80 i quali costituiscono un nutrito numero di tessere sindacali, perché nel Sindacato c’hanno creduto, perché sono stati minacciati, perché hanno ottenuto favori. Rimarranno sempre meno Poliziotti, questi però, meno facili da domare con le minacce perché spesso hanno più coscienza dei propri diritti e ricorrono sempre più ai TAR che ai sindacati. Spesso hanno anche più cultura e padronanza di linguaggio di tanti vecchi “sindacalisti” incapaci ormai di tenere il passo.

Il Sindacato che vorrei è quello che riuscirà a smarcarsi da questo gioco al massacro, al costo di perdere tessere nel breve periodo. Tanto sono tutte tessere marce dentro, ottenute con le minacce o i favori di una volta. Nascono dal sopruso o dall’inganno, strappate da sindacalisti mercenari che spostano pacchetti di centinaia di tessere da un sindacato all’altro, tenendo per le palle i colleghi oppure facendogli ottenere un favore al posto di altri colleghi.

Sono convinto che serva un drastico cambiamento di modello sindacale che si riappropri del significato originario della parola “Sindacato”

Rimango della convinzione che solo il SAPPE oggi è in grado di mettere in pratica un cambiamento del genere, ma non senza autocritiche e una reale condivisione degli obiettivi a breve, medio e lungo termine con tutti i propri Quadri e sopratutto con tutto il Corpo di Polizia Penitenziaria.

 

 

Tu che ti lamenti ogni giorno: mi hai rotto le palle!

Differenze tra sindacati: Individuale, Ditta Familiare, Sappe

Piante organiche del DAP, PRAP e Scuole: ecco perché non le metteranno in pratica tanto facilmente

La caduta della Polizia Penitenziaria: fino a qui, tutto bene

Recuperare l'eredita che ci hanno lasciato gli Agenti di Custodia

 

 

 


Scritto da: Enzima
(Leggi tutti gli articoli di Enzima)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 7


Caro Enzima, ho sempre letto con attenzione i tuoi articoli che, come ti ho detto in quest'ultimo caso, era impeccabile. Non mi sono piaciute le ultime frasi e sopratutto il post dove affermi che gli altri non hanno le persone in grado di far cambiare il proprio sindacato. Ma scusa carissimo Enzima come puoi fare una tale affermazione e parlare di cambiamento se all'interno del tuo sindacato il segretario generale è in carica dal paleolitico.
Ciao Enzima.
p.s. nulla contro il tuo Segretario.
Per Pasquino, sono sindacalizzato da sempre, faccio parte di un sindacato che voi definite sindacatino ho 30 di galera e ne ho viste di tutti i colori e ti posso affermare che noi polizia penitenziaria non cresceremo mai se i sindacati anziché farsi la guerra a vicenda, si schierassero una volta per tutte e tutti insieme per vincere la "guerra" e non portare a casa qualche vittoriosa e ininfluente "battaglia". Ciao a tutti.

Di  ROMERO63  (inviato il 09/10/2014 @ 16:43:27)


n. 6


PENSO CHE IL SAPPE COME QUALSIASI ALTRO SINDACATO POSSA CAMBIARE SOLO SE CAMBIA L'APPROCCIO DA PARTE DEGLI ISCRITTI. VOGLIO DIRE : DEVONO ESSERE GLI ISCRITTI A METTERE A LAVORARE I SINDACALISTI CON RICHIESTE ANCHE PRESSANTI MA TALI DA RISOLVERE I PROBLEMI CHE VIA VIA SI PRESENTANO.INVECE SUCCEDE CHE L'ISCRITTO EVITA DI CHIEDERE AL SINDACATO DI LOTTARE PERCHE' HA PAURA DI RITORSIONI , ED E' QUI CHE IL SINDACATO SBAGLIA, DA PARTE DEL COMANDANTE O DEL DIRETTORE, I QUALI
ANZICHE' RAPPRESENTARE LA CONTROPARTE, RISULTANO PARADOSSALMENTE GLI "AMICI" DEI SINDACALISTI AI QUALI CI SIAMO RIVOLTI.

Di  MARIA  (inviato il 08/10/2014 @ 22:45:39)


n. 5


@ Romero63

Sarebbe utile sapere:

il motivo del tuo risentimento;
se, sei sindacalizzato;
se non lo sei;
se lo sei stato;
ed eventualmente, con quale sigla.

La necessità di avere risposte a questi quesiti, che potrebbe sembrare risibile ed utile solo ad alimentare eventuali "asti" professionali, ha lo scopo di migliorarci, ed eventualmente di metterti in condizione di scegliere magari in nostro favore, eventualmente, indicandoci con dovizia di particolari, dove e perché secondo il tuo punto di vista siamo in difetto o se siano anche parzialmente condivisibili.

Cordiali saluti.

Di  PASQUINO  (inviato il 08/10/2014 @ 15:09:50)


n. 4


Forse i tuoi pregiudizi non ti fanno cogliere il significato di ciò che ho scritto, soprattutto nelle ultime righe. Parlo di ciò che osservo e cerco di fare delle previsioni alla luce del calo di consenso nei confronti dei Sindacati. Nei prossimi anni andranno in pensione parecchi colleghi che bene o male hanno aderito al modello sindacale della minaccia e favore che ormai non regge più. Il Sappe è quello che "rischia" di più, ma è anche quello che ha la forza di cambiare passo. Gli altri, semplicemente, non hanno al loro interno le persone in grado di farlo. Ne riparleremo il prossimo anno...

Di  Enzima  (inviato il 08/10/2014 @ 10:11:39)


n. 3


Mi hai riconfermato, se mai ce fosse stato bisogno, che voi siete così, unici, impareggiabili, SINDACATONE mentre gli altri sindacatini sono inutili. Oh Enzimone ma fammi il piacere è fatti un bagno di umiltà. Ciao e chiudo qui.

Di  ROMERO63  (inviato il 08/10/2014 @ 09:41:46)


n. 2


Te le ribadisco. Solo il Sappe ha le possibilità di potersi trasformare in un Sindacato come lo vorrei io. Gli altri non hanno né la massa critica né le capacità.

Di  Enzima  (inviato il 07/10/2014 @ 22:50:04)


n. 1


c***o, ero entusiasta di questo articolo caro enzima meraviglioso, ho sempre pensato quello che hai scritto anche non essendo un vistrk simpatizzante, ho creduto che il sappe fosse veramente un sindacato con i cosidettk attrkbuti. peccato per le ultime tre righe de discorso. Voi del sappe non cambiate mai!

Di  ROMERO63  (inviato il 07/10/2014 @ 21:33:43)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.66.57


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione