Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Il sistema della (dis)formazione nella Polizia Penitenziaria


Polizia Penitenziaria - Il sistema della (dis)formazione nella Polizia Penitenziaria

Notizia del 06/07/2012

in Houston abbiamo un problema

(Letto 4194 volte)

Scritto da: Old Major

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Ho da sempre sostenuto che la formazione della Polizia Penitenziaria non fosse adeguata rispetto alle mansioni del personale del Corpo.

Avevo forte la sensazione che l’amministrazione assumesse personale di Polizia Penitenziaria per poi formare operatori del profilo pedagogico, ponendo il personale neoformato ad affrontare una realtà operativa senza un’adeguata preparazione professionale.

Dopo aver attentamente esaminato i compiti istituzionali attribuiti dalla legge al personale di Polizia Penitenziaria, a quello del profilo giuridico-pedagogico ed a quello di assistente sociale del servizio penitenziario le perplessità hanno assunto le sembianze di certezze assolute, benché io stesso, in quanto agnostico, mi considero cultore del dubbio.

Di recente, ho appreso che nell’oasi dell’Ufficio della Formazione del D.A.P., distolti dai loro compiti istituzionali, governano da anni, indisturbati, funzionari del profilo giuridico pedagogico.

Cosi mentre i contribuenti versano le tasse per pagare gli stipendi di chi dovrebbe contribuire a ridurre la recidiva, gli educatori penitenziari  progettano la formazione del personale di un Corpo di Polizia che non deve garantire il reinserimento sociale ma la sicurezza delle carceri. (... materia per la Corte dei Conti?)

Sempre di recente, ho anche appreso che, nelle scuole del Corpo di Polizia Penitenziaria, impropriamente definite con apposito decreto ministeriale “Scuole del Personale dell’Amministrazione Penitenziaria”, in maniera altrettanto impropria, sono stati impiegati assistenti sociali e funzionari del profilo giuridico pedagogico con funzioni di capo dell’area formazione.

Anche in tali contesti si perpetra la distrazione di personale dai propri compiti istituzionali, oltretutto attribuendogli incarichi di “Capo Area”, pur non essendoci alcuna previsione normativa che istituisce le aree nelle scuole di formazione.

In alcune strutture, addirittura, sembrerebbe che tali figure sono anche destinatarie dell’emolumento di capo area previsto dal fondo per l’Efficienza dei Servizi Istituzionali, benché tali incarichi nulla hanno di istituzionale.

Ed ai PRAP? Come sopra: educatori ed assistenti sociali capi area della formazione. (... benedetta Corte dei Conti, dove sei?)

Riepilogando:

- Non si fa trattamento perché gli educatori fanno altro;

- Non si fa formazione adeguata al personale del Corpo, perché chi la programma e la gestisce, non essendo poliziotto non conosce i bisogni formativi di chi deve fare sicurezza;

- Si sperpera denaro pubblico, contribuendo alla creazione del debito pubblico,

... E poi? Null’altro?

Dulcis in fundo, come se non bastasse, c’è un’amministrazione (gli stessi educatori della formazione e chi glielo consente) che non si fida dei propri dirigenti e per evitare brogli (... oppure per altri fini?), attua la giostra dei direttori delle scuole durante il periodo degli esami finali. Formula nei questionari di fine corso domande imbarazzanti, invia correttori con risposte errate, sostituisce nelle commissioni propostegli personale sindacalizzato con funzioni di segretario nominando contestualmente Presidente altro personale pure sindacalizzato.

Morale della favola:  tutti scontenti tranne “pochi”, alla faccia dello spending review, del buon andamento e dell’imparzialità dell’attività amministrativa.

 


Scritto da: Old Major
(Leggi tutti gli articoli di Old Major)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 8


caro major noi non andiamo avanti per un semplice motivo, siamo ancora comandati da direttori è educatori, ma quello che mi fa ulteriormente incazzare che ora si ci mette anche qualche commissario

Di  skeggia  (inviato il 20/07/2012 @ 19:41:38)


n. 7


caro anonimo,mi sa che tu non sai nemmeno cosa stai dicendo!
loro hanno visto le rivolte,hanno sedato le rivolte,hanno dato le fondamenta a questo corpo e tu li paragoni ai funzionari.............si vede che non sai di che parli!
quando negli anni scuri,due attuali generali di cui uno da poco in pensione entravano a poggioreale per trovare armi,sedare la rivolta,far portare rispetto per la divisa che portiamo oggi e per gli uomini che la indossano...............tu vuoi rimandarli nell'esercito...io ci manderei qualcun'altro!!!!!!!!!!

Di  capitano ultimo  (inviato il 18/07/2012 @ 14:20:25)


n. 6


Mi dite cosa c'entrano gli EX EX ExX Ufficiali del ormai da anni disciolto corpo AA.CC. con la Polizia Penitenziaria, cosa c'entrano gli EX EX Ufficiali con le Scuole, cosa c'entrano gli EX EX Ufficiali con le nostre strutture del corpo di Polizia Penitenziaria.
Allora rimandateli nell'esercito, loro patria.
Le Scuole devono essere formate da un contigente di agenti e di Funzionari del Corpo e non da burograti EX EX, che non sanno neanche dove è l'ngresso di una struttura penitenziaria.

Di  anonimo  (inviato il 18/07/2012 @ 13:43:34)


n. 5


Il compito istituzionale degli educatori è quello di assistere i detenuti nelle patrie galere, non di occupare posti nelle Scuole del Corpo o negli uffici della Formzione, e formulare proposte e progetti formativi che riguardano la Polizia Penitenziaria! Quando ci sono i corsi!!! Quando invece corsi non ce ne sono, di cosa si occupano queste unità? Di accendere il pc e navigare su internet a spese Dell amministrazione? Meditate gente.....meditate!!!

Di  Michele canzoniere  (inviato il 11/07/2012 @ 20:48:33)


n. 4


--- benissimo ad old major, moiram 64, enzima.................
Il Corpo di Polizia Penitenziaria era, è e sarà sempre acefalo anche con l'entrata della 146/2000, per cui l'essere servente alle altre figure professionali dell'Amministrazione non è un fatto meramente oggettivo, anzi è proprio sostanziale .
Ciò è la diretta conseguenza di tanti divisioni, politiche , sindacali, corporative e chi più ne ha più ne metta.............; ma pensate che un umero di 500 direttivi possano formare una dirigenza del Corpo, la tanto invocata Direzione Generale della Polizia Penitenziaria ?? e poi proprio in questo momento storico ?
Io ho molti dubbi su quest'aspetto che dovrebbe avere più la spinta politico-istituizionae sulla base di argomentazioni sindacali prodotte proprio dai direttivi ( quesiti, denunce non isolate e lasciate sole , anzi solidali con chi le rappresenta ) riguardo a storture dell'Amministrazione, gerarchie parallele, professionali.................. e poi competenze!!
Essere fagocitati nella nostra Ammnistrazione è la condizione più abile e facile che staimo osservando da parte di molti dirigenti meduriani al fine di conservare ed aumentare sempre più il proprio potere ; magari comprimendolo ancora di più . Così facendo si limita alla fonte delle altrui figure la specificità del bagaglio professionale giuridico, operativo ecc.....
Mi complimento per colui che ha scritto l'articolo e coloro che seguono i post.........aggiungendo che i blog seri appartengono ed apparterranno sempre al SAPPe, a differenza di minoritarie sigle di cespuglietti di adesioni ...................!!!!
A proprsito visto che ci sarà il taglio del 10% dei distacchi sindacali e permessi i cespuglietti sindacali come si adegueranno? aumenteranno le affiliazioni??? aumenteranno gli accordo sotto-banco??? LA COSA ESSENZIALE E' MANTENERE LE TESSERE COSTI QUEL CHE COSTI POICHè NELLE MINIERE NESSUN VUOL ENTRARE .............SI HA PAURA DELL'UTENZA..................!!!

Di  Anonimo  (inviato il 08/07/2012 @ 10:25:08)


n. 3


Purtroppo il Corpo, già con la riforma legge 395/90, presentava evidenti macroscopiche lacune in relazione alla Direzione e alla all'autonomia del Corpo, volutamente limitate dal legislatore impostandolo quale Corpo servente, rispetto alle altre figure del D.A.P.,in modo da sfruttare il lavoro meramente custodialistico degli Agenti, attribuendogli si, qualifiche e contrattazione alla pari degli altri Corpi di Polizia civili, ma limitando di fatto i compiti di Polizia, ponedolo sotto il controllo dei Direttivi Penitenziari, senza un vertice di pari qualifica rispetto alle altre figure Amministrative in organico presso ogni singola struttura,chiaramente svantaggiato rispetto alle stesse figure Amministrative estranee al Corpo ,presenti nelle sedi Penitenziarie (Istituti,Scuole,P.R.A.P., ecc.), investite in fretta e furia di titoli e compiti non rispondenti ai propri ruoli, trovandosi in una posizione di livello superiore rispetto al personale in Uniforme,procedure consolidate anche grazie al silenzio/assenso di certune organizzazioni Politico/Sindacali di allora che, nulla hanno fatto per evitare la totale deriva dei compiti del Corpo, anzi favorendo ulteriormente anche con la più recente legge Meduri, gli stessi Direttivi Penitenziari. Solo chi ha vissuto il periodo del passaggio dallo status Militare a quello civile, ricorda bene quali erano le posizioni dei grandi sindacati (non parlo del SAPPE), tutti impegnati costi quel che costi, unicamente ad aumentare il numero di tessere, disinteressandosi totalmente della Direzione e dei compiti specifici del Corpo , anzi lanciando proclami, contro qualsivoglia istituzione di un proprio ruolo direttivo e dirigenziale della Polizia Penitenziaria!!. Per cui oggi ci troviamo ad essere controllati proprio da chi dovrebbe essere controllato o come sopra descritto anzichè formare gli allievi Agenti futuri poliziotti, si continuano a formare gli inservienti di comodo!!

Di  Moiram64  (inviato il 07/07/2012 @ 21:29:57)


n. 2


bravo Enzima .... giusto ma che c'entrano gli educatori con un Corpo di POLIZIA ... con tutto il rispetto dei loro titoli ma e' assurdo !!!!

Di  Giovanni  (inviato il 07/07/2012 @ 15:45:44)


n. 1


A volte le cose sono troppo evidenti e troppo diffuse per essere considerate sbagliate. Eppure quello "denunciato" da Old Major è tanto evidente quanto assurdo ma continueremo ad accettarlo passivamente perché siamo un Corpo di sottomessi, senza storia e senza dignità. Almeno fino a quando una certa percentuale di Poliziotti non si deciderà a fare il proprio lavoro da Poliziotto e inizierà a mettere nero su bianco denunce vere e proprie sui tanti aspetti assurdi ed evidenti (ed illegali) di questa Amministrazione.

Di  Enzima  (inviato il 06/07/2012 @ 17:35:53)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.163.147.69


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

7 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

8 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Dal servizio di sentinella al sistema di videosorveglianza. Ma la tecnologia, da sola, non basta





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

8 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

9 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

10 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico


  Cerca per Regione