Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Il Solitario: colui che sparla dei Sindacati dal calduccio della sua poltroncina


Polizia Penitenziaria - Il Solitario: colui che sparla dei Sindacati dal calduccio della sua poltroncina

Notizia del 09/11/2012

in Anche le Formiche nel loro piccolo si incazzano

(Letto 2214 volte)

Scritto da: Indignato Nordista

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Il titolo non vi tragga in inganno. Non vi vogliamo illustrare il regolamento del classico gioco a carte, ma segnalarvi una realtà sindacale, la quale giorno dopo giorno il comportamento del “solitario” crea danni irreversibili che si espandono a macchia d'olio in quel pianeta denominato “carceri”. Si, proprio così, il “solitario” - purtroppo - produce solo effetti negativi per tutti gli appartenenti del Corpo della Polizia Penitenziaria.

Ci permettiamo di esprimere una considerazione – del tutto personale – prima di passare al punto cardine dell’argomento da trattare.

Siamo assidui lettori della rivista mensile Polizia Penitenziaria & Sicurezza - che da oltre 20 anni arriva puntuale in tutti gli istituti a cura della Organizzazione Sindacale  S.A.P.Pe. Questa rivista è proprio il caso di dirlo, non conosce tagli, decurtazioni, ne tanto meno la spending-review, poiché ancor prima di arrivare in forma cartacea, è ben consultabile anche sul sito Internet del Sindacato.

Per chiunque appartiene alla Polizia Penitenziaria, non è cosa di poco contro trovare una rivista nel posto di lavoro da sfogliare e consultare , la quale tratta argomentazioni riguardanti il delicato compito del Poliziotto Penitenziario, sempre aggiornata, specialmente in questo periodo di crisi economica (dove diventa indispensabile fare i conti anche con il caro prezzi), eppure la  rivista mensile di Polizia Penitenziaria & Sicurezza S.A.P.Pe è sempre presente!!!

Ormai, dopo 20 anni di presenza, la rivista è diventata un'icona importante per il Poliziotto, perché la si trova ovunque: dai cassetti della scrivania dei reparti detentivi, nei tavolini dello spaccio, in vari posti di servizio, e putacaso si trova appoggiata anche sulle scrivanie dove si accomodano i noti "solitari".

Un'altro servizio molto  importante che vanta la Organizzazione Sindacale S.A.P.Pe rispetto altre,  è  quella di possedere un sito  internet aggiornato in tempo reale il quale offre risposte, suggerimenti, possiede un archivio storico riguardanti le circolari e cosa di non poco conto, è arricchito con  la trasmissione del Telegiornale - esclusivamente riservato agli appartenenti della Polizia Penitenziaria - , con l'unico vantaggio di poterselo guardare stando seduti davanti al PC, cosa chelo fanno anche i“solitari”, ma per paura non lo dicono!!!!

Nel sito internet, inoltre, viene data dimostrazione della trasparenza in cui l’O.S. S.A.P.Pe fa sindacato, tant’ e che vengono pubblicate missive presentate alle Direzioni dei vari istituti Penitenziari, lettere avanzate all'Amministrazione Penitenziaria Centrale e guarda caso, anche i noti personaggi “solitari”, consultano spesso e volentieri il sito internet del S.A.P.Pe.

Fatta questa premessa, vorremmo descrivervi dettagliatamente chi sono i noti “solitari” e a chi ci riferiamo. Essi sono persone fisiche che vestono l’Uniforme della Polizia Penitenziaria, i quali a tutt’oggi non aderiscono ad alcuna Organizzazione Sindacale, per moltissimi interessi personali tenuti all’oscuro di tutti.  Essi si identificano in quella cerchia di Poliziotti Penitenziari “solitari”…, poiché sono molto silenziosi, amanti della solitudine, vivono nella tranquillità, coltivano segretamente i propri interessi personali, e quindi non possono condividere le grida dei sindacati e dei colleghi, (quelli che lavorano a servizio a turno,  quelli che ogni giorno si presentano in servizio nei reparti detentivi, quelli che eseguono traduzioni su mezzi indecorosi, quelli che sono costretti a viaggiare senza alcun anticipo economico di missione, quelli che lavorano nei reparti detentivi e non si possono permettere una pausa caffè perché non trovano un cambio ecc), i quali lamentano la disperazione e il disagio lavorativo in cui si trovano quotidianamente a dover sopportare, per non parlare della totale indifferenza dell’Amministrazione Penitenziaria Centrale.

E’ proprio il caso di dirlo che i noti “solitari”, molto spesso appartengono a quella classe di Poliziotti che, lavorano in ufficio dove non dovrebbero stare; svolgono l’orario flessibile; si concedono le pause caffè quando vogliono; sono esonerati dai turni notturni; non danno i cambi ai colleghi a turno per la consumazione del pranzo; non sono impiegati nelle perquisizioni mattutine; (che lungi da noi nel dire che essi non fanno il proprio lavoro), …e quando – purtroppo – parlano, sanno solo dire ciò che gli viene imposto di dire, e cioè che i sindacati non fanno nulla!!!!!

Questi signori in Uniforme, che non aderiscono ad alcuna Organizzazione Sindacale, “sindacalmente parlando” ,  sono considerati iscritti e/o associati a tutti gli effetti con l’Amministrazione Penitenziaria, ne condividono le decisioni, sposano le continue indifferenze rispetto le problematiche che quotidianamente le O.S. gli prospettano, condividono l’eterno silenzio dell’Amministrazione Penitenziaria  (a discapito dei Poliziotti Penitenziari), altrimenti, se i noti “solitari” stessero male in servizio, allora si che si iscriverebbero al sindacato e correrebbero ai ripari.!!!.

Carissimi colleghi “solitari”, se ad oggi abbiamo ottenuto grandi risultati,  moltissimi cambiamenti migliorativi nei confronti del Corpo della Polizia Penitenziaria, è tutto merito esclusivamente dei sindacati.

La sinergia che esiste tra la Segreteria Generale  S.A.P.Pe, e le consorelle Locali, Provinciali, Regionali  di tutto il territorio Italiano è sinonimo di garanzia, non a caso il S.A.P.Pe è il sindacato più rappresentativo della Polizia Penitenziaria.

La forza sindacale che contraddistingue il S.A.P.Pe  è la sinergia, la cooperazione tra delegati, l’etica sindacale, l’esperienza sul campo e la capacità di non farsi intimorire da nessuno, cercando di tutelare i poliziotti penitenziari e di fare solo ed esclusivamente gli interessi di tutto il Personale di Polizia Penitenziaria. 

Ci auguriamo che la storia del “solitario” che vi abbiamo voluto raccontare, a qualcuno non gli fischi l’orecchio,  soprattutto a quel qualcuno  (che sempre in silenzio e di nascosto), spesso e volentieri consulta il sito del S.A.P.Pe, legge appassionatamente la rivista e stando seduto davanti al PC  si concede la visione attentamente del TG della Polizia Penitenziaria.


Scritto da: Indignato Nordista
(Leggi tutti gli articoli di Indignato Nordista)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 6


Bene!!!!Anzi NO....perchè solitario sono anch'io che ahime!!!!sono deluso dall'attegiamento poco consono da parte del sindacato...Ebbene essere sindacalista significa tutelare il lavoratore in tutto e per tutto. Nella Nostra Amministrazione Ahime!!!!si diventa sindacalisti non per le opere costruttive ma per le tessere...più tesssere si hanno più si ha voce in capitolo...Guai se il sindacalista di turno viene definito poco preparato a risolvere i problemi...Perchè bisogna capire chi dovrebbe controllare il collega che va al bar tre quattro volte? Perchè il sindacalista per il benessere di tutti non segnala tale situazione?
Meglio essere solitari con dignità è non vittima dell'ipocrisia.
P.S. mi iscrivero quando vedro qualcosa di serio.

Di  Alex il solitario  (inviato il 11/11/2012 @ 19:37:29)


n. 5


scusatemi tanto , ma gli interpelli " negli istituti" per quale motivo vengono fatti, se non per far alternare il personale. quindi non facciamoci del male accusando gli uni e gli altri.
benny.

Di  Anonimo  (inviato il 10/11/2012 @ 17:00:31)


n. 4


come mai manca il commento n.1??

Di  in-solitario  (inviato il 09/11/2012 @ 16:47:11)


n. 3


non tutti i colleghi che lavorano in ufficio sono dei solitari ! dal profondo sud.

Di  Anonimo  (inviato il 09/11/2012 @ 14:46:15)


n. 2


Hai dimenticato che vanno in ferie quando vogliono e che per via dell'orario "compattato" hanno il sabato e la domenica liberi. Il servizio a turno i festivi liberi li vede con il lumicino e in ferie ci va per grazia ricevuta. Tutto il resto non fa una piega..............

Di  cairo74°  (inviato il 09/11/2012 @ 09:51:27)


n. 1


io sono il solitario no io no io ma che dici sono io .

Di  il solitario  (inviato il 09/11/2012 @ 09:16:03)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.161.175.236


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

7 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

8 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Dal servizio di sentinella al sistema di videosorveglianza. Ma la tecnologia, da sola, non basta





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere


  Cerca per Regione