Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Il suicidio del Provveditore Paolino Quattrone e l'eutanasia della Amministrazione Penitenziaria


Polizia Penitenziaria - Il suicidio del Provveditore Paolino Quattrone e l'eutanasia della Amministrazione Penitenziaria

Notizia del 28/07/2010

in Commenti

(Letto 3110 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Staccate la spina, non voglio che l’amministrazione penitenziaria, in coma da qualche anno, continui a vegetare e soffrire maledettamente e con lei tutti gli operatori penitenziari che giorno dopo giorno non vedono all’orizzonte margini di miglioramento!

Questo avrei detto ad un immaginario primario al capezzale dell’amministrazione malata, qualora avessi avuto la scelta tra farla morire o lasciarla vegetare così come fa adesso, senza soldi, senza prospettive future, senza uomini della polizia penitenziaria, dilaniata da lotte di potere interne tra funzionari che si denunciano l’un l’altro, con mezzi da rottamare, con 68.000 detenuti stipati come sardine tra malattie che sembravano sconfitte e conflitti razziali.
 
Il 38° detenuto si è suicidato oggi a Catania Bicocca; un morto in più nella statistica penitenziaria, un argomento in più ai radicali, al garante dei detenuti per sparare addosso agli operatori penitenziari; seguirà un’inchiesta, fortemente voluta dai garanti dei detenuti, con la quale si cercherà a tutti i costi qualcuno a cui farla pagare! Sembra che la notizia del suicidio dell’ennesimo detenuto, abbia avuto più spazio – nei mass media – dello sconvolgente suicidio di un alto funzionario dello Stato, il Provveditore della Calabria, dott. Paolino Maria Quattrone; uomo integerrimo, dotato di grande cultura, minacciato nel passato dalla n’drangheta che per lui aveva pronta un’autobomba stile Via D’Amelio (ma molto prima della strage del Giudice Borsellino).
 
Che dire. Pare che, la motivazione del suicido del dott. Quattrone potrebbe essere l’inchiesta condotta nel più assoluto riserbo dalla Procura di Cosenza, al fine della quale, i PM cosentini, nei giorni scorsi avevano richiesto il rinvio a giudizio proprio nei confronti del provveditore regionale che, si è tolto la vita sparandosi un colpo di pistola alla testa. La vicenda trarrebbe origine dagli accertamenti eseguiti dopo la ricezione di alcuni esposti con cui venivano segnalate presunte anomalie negl’interventi di edilizia della casa circondariale di Cosenza.
 
Al provveditore Paolo Quattrone i pm contestavano i reati di minaccia e abuso d’ufficio. Le presunte minacce sono quelle che l’alto funzionario avrebbe rivolto all’ex direttore del carcere di Cosenza, per indurlo a omettere di comunicare al dipartimento dell’amministrazione penitenziaria di Roma problematiche interne alla casa di reclusione. Quattrone avrebbe utilizzato, secondo l’accusa, nei confronti della presunta parte offesa frasi intimidatorie. L’abuso d’ufficio che veniva contestato al provveditore Quattrone è legato, invece, all’autorizzazione concessa per l’esecuzione degli interventi di manutenzione e ristrutturazione nel carcere di Cosenza. Provvedimenti che, a parere dell’accusa, avrebbero determinato un ipotetico danno ingiusto all’ amministrazione penitenziaria; una vicenda giudiziaria di scarso livello, in un mondo di ladri e corrotti.
 
Il provveditore Quattrone aveva sempre respinto le accuse mossegli dalla Procura. Se per un attimo pensiamo a quello che avrà provato questo onesto dirigente generale alla notizia del suo rinvio a giudizio, è ipotizzabile un momento di grande sconforto che l’abbia potuto portare ad una reazione abnorme come quella del suicidio. Probabilmente non accettava di essere trattato male da quello Stato per il quale aveva sempre dato tutto, senza obiezioni, obbedienza assoluta, lui con la faccia apparentemente truce, ma sempre pronto a slanci di grande umanità. Ora i soliti bene informati, così come hanno fatto in passato con altri casi di suicidi di agenti di polizia penitenziaria ci diranno che il dott. Quattrone era esaurito, che aveva problemi personali o che forse era malato e che pertanto non c’entra nulla il suo lavoro di Provveditore e le vicende giudiziarie inevitabilmente legate al suo lavoro. Io non ci credo. Il nostro è un lavoro che con le sue vicende tristi, e talvolta con gli strascichi penali, ci logora dentro fino ad ucciderci.
 
Chi subisce un’ingiustizia o crede di subirla può anche impazzire (vedi il caso attuale di un assistente capo della polizia penitenziaria che, congedato dalla CMO ogni giorno protesta, con azioni eclatanti, davanti al Tribunale di Trapani, e per il quale tutti ci chiediamo con ansia come finirà la vicenda…) e il suicidio di un Provveditore, così come lo fu quello di un’altra mitica Dirigente dell’Amministrazione Penitenziaria, l’indimenticata Armida Miserere , così come quello di un giovane commissario del ruolo ordinario, non sono altro che il sintomo di un’Amministrazione malata; un’amministrazione in agonia alla quale bisognerebbe staccare la spina.
 
Il Signore, nella sua misericordia, dia al dott. Quattrone,in cielo quella pace che, in terra, aveva perduto. Ai nostri dirigenti generali o aspiranti tali, sempre in cerca di qualche posto al sole, dico con cinismo che, i problemi nelle carceri rimarranno sempre gli stessi o si aggraveranno, ma ora avranno un ulteriore poltrona in più cui ambire.
 

Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


io posso dire tante cose su un grande e onesto uomo!! come lo è sempre stato paolino maria quattrone..ho lavorato tanti anni con lui e sò quello che ha dato a noi tutti..solo oggi purtroppo!! ho saputo della sua prematura scomparsa...ci sono rimasto malissimo!!!! una cosa è certa abbiamo perso un uomo con tanti valori !!! alla moglie e figli faccio le mie + sentite condoglianze...forza signora lui sarà sempre con noi tutti!!!
e si è vero!!! ciao dottore srai x sempre con noi!!!

Di  giuseppe  (inviato il 24/08/2010 @ 20:02:30)


n. 1


La notizia della prematura scomparsa del Dott. QUATTRONE Provveditore regionale dell'Amministrazione penitenziaria della Calabria ci sconvolge e segna un profondo solco nei nostri cuori,sia dal punto di vista professionale, che dal punto di vista umano. Non dimenticherò MAI la sensibilità e la vicinanza che il Dott. Q...UATTRONE ha dimostrato verso la mia persona e più in generale verso tutta la mia famiglia. Il 24 novembre 2009 e i giorni a seguire sono stati giorni difficili per me e la mia famiglia, In seguito alla vile aggressione dei fratelli ZAGARI nel tentativo di evasione; il Dott. QUATTRONE è stato senza alcun dubbio la persona che più di ogni altra ci è stata vicina. Si è occupato della mia famiglia, sconvolta dalla vicenda che mi ha tristemente coinvolto. Alla Famiglia del Dott. QUATTRONE porgo con umiltà le mie più sentite condoglianze, per me è la mia famiglia è stato è sarà sempre un grande UOMO! un'abbraccio fraterno lo rivolgo poi a tutti i suoi più stretti collaboratori con alcuni dei quali mi unisce un sentimento di leale amicizia.
CIAO DOTTORE SARAI PER SEMPRE NEI NOSTRI CUORI!!!!

Tuglie(LE) lì 23 Luglio 2010 Salvatore CLARIZIA.Mostra tutto

Di  Clarizia Salvatore  (inviato il 20/08/2010 @ 09:40:10)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

184.73.107.18


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

3 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

10 Dal servizio di sentinella al sistema di videosorveglianza. Ma la tecnologia, da sola, non basta





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

4 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

5 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

6 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

7 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

8 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

9 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

10 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico


  Cerca per Regione