Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Il suicidio del Provveditore Paolino Quattrone e l’eutanasia dell’amministrazione penitenziaria.


Polizia Penitenziaria - Il suicidio del Provveditore Paolino Quattrone e l’eutanasia dell’amministrazione penitenziaria.

Notizia del 26/07/2010

in Houston abbiamo un problema

(Letto 6615 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


 

Staccate la spina, non voglio che l’amministrazione penitenziaria, in coma da qualche anno, continui a vegetare e soffrire maledettamente e con lei tutti gli operatori penitenziari che giorno dopo giorno non vedono all’orizzonte margini di miglioramento!
         Questo avrei detto ad un immaginario primario al capezzale dell’amministrazione malata, qualora avessi avuto la scelta tra farla morire o lasciarla vegetare così come fa adesso, senza soldi, senza prospettive future, senza uomini della polizia penitenziaria, dilaniata da lotte di potere interne tra funzionari che si denunciano l’un l’altro, con mezzi da rottamare, con 68.000 detenuti stipati come sardine tra malattie che sembravano sconfitte e conflitti razziali.
         Il 38° detenuto si è suicidato oggi a Catania Bicocca; un morto in più nella statistica penitenziaria, un argomento in più ai radicali, al garante dei detenuti per sparare addosso agli operatori penitenziari; seguirà un’inchiesta, fortemente voluta dai garanti dei detenuti, con la quale si cercherà a tutti i costi qualcuno a cui farla pagare! Sembra che la notizia del suicidio dell’ennesimo detenuto, abbia avuto più spazio – nei mass media – dello sconvolgente suicidio di un alto funzionario dello Stato, il Provveditore della Calabria, dott. Paolino Maria Quattrone; uomo integerrimo, dotato di grande cultura, minacciato nel passato dalla n’drangheta che per lui aveva pronta un’autobomba stile Via D’Amelio (ma molto prima della strage del Giudice Borsellino).
        Che dire. Pare che, la motivazione del suicido del dott. Quattrone potrebbe essere l’inchiesta condotta nel più assoluto riserbo dalla Procura di Cosenza, al fine della quale, i PM cosentini, nei giorni scorsi avevano richiesto il rinvio a giudizio proprio nei confronti del provveditore regionale che, si è tolto la vita sparandosi un colpo di pistola alla testa. La vicenda trarrebbe origine dagli accertamenti eseguiti dopo la ricezione di alcuni esposti con cui venivano segnalate presunte anomalie negl'interventi di edilizia della casa circondariale di Cosenza.
         Al provveditore Paolo Quattrone i pm contestavano i reati di minaccia e abuso d'ufficio. Le presunte minacce sono quelle che l'alto funzionario avrebbe rivolto all'ex direttore del carcere di Cosenza, per indurlo a omettere di comunicare al dipartimento dell'amministrazione penitenziaria di Roma problematiche interne alla casa di reclusione. Quattrone avrebbe utilizzato, secondo l'accusa, nei confronti della presunta parte offesa frasi intimidatorie. L'abuso d'ufficio che veniva contestato al provveditore Quattrone è legato, invece, all'autorizzazione concessa per l'esecuzione degli interventi di manutenzione e ristrutturazione nel carcere di Cosenza. Provvedimenti che, a parere dell'accusa, avrebbero determinato un ipotetico danno ingiusto all’ amministrazione penitenziaria; una vicenda giudiziaria di scarso livello, in un mondo di ladri e corrotti.
        Il provveditore Quattrone aveva sempre respinto le accuse mossegli dalla Procura. Se per un attimo pensiamo a quello che avrà provato questo onesto dirigente generale alla notizia del suo rinvio a giudizio, è ipotizzabile un momento di grande sconforto che l’abbia potuto portare ad una reazione abnorme come quella del suicidio. Probabilmente non accettava di essere trattato male da quello Stato per il quale aveva sempre dato tutto, senza obiezioni, obbedienza assoluta, lui con la faccia apparentemente truce, ma sempre pronto a slanci di grande umanità. Ora i soliti bene informati, così come hanno fatto in passato con altri casi di suicidi di agenti di polizia penitenziaria ci diranno che il dott. Quattrone era esaurito, che aveva problemi personali o che forse era malato e che pertanto non c’entra nulla il suo lavoro di Provveditore e le vicende giudiziarie inevitabilmente legate al suo lavoro. Io non ci credo. Il nostro è un lavoro che con le sue vicende tristi, e talvolta con gli strascichi penali, ci logora dentro fino ad ucciderci. Chi subisce un’ingiustizia o crede di subirla può anche impazzire (vedi il caso attuale di un assistente capo della polizia penitenziaria che, congedato dalla CMO ogni giorno protesta, con azioni eclatanti, davanti al Tribunale di Trapani, e per il quale tutti ci chiediamo con ansia come finirà la vicenda…) e il suicidio di un Provveditore, così come lo fu quello di un’altra mitica Dirigente dell’Amministrazione Penitenziaria, l’indimenticata Armida Miserere , così come quello di un giovane commissario del ruolo ordinario, non sono altro che il sintomo di un’Amministrazione malata; un’amministrazione in agonia alla quale bisognerebbe staccare la spina.
      Il Signore, nella sua misericordia, dia al dott. Quattrone,in cielo quella pace che, in terra, aveva perduto. Ai nostri dirigenti generali o aspiranti tali, sempre in cerca di qualche posto al sole, dico con cinismo che, i problemi nelle carceri rimarranno sempre gli stessi o si aggraveranno, ma ora avranno un ulteriore poltrona in più cui ambire.
 
Nuvola Rossa
 
Fonti Bibliografiche:
Melitonline.it; www.dailyblog.it; www.nuovacosenza.com; “Sussurri e grida” blog. Di Franco Calabrò;

Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Continui problemi nel carcere di Airola: protesta della Polizia Penitenziaria
Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento
Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana
Riordino Polizia Penitenziaria: nuove qualifiche e nuovi errori
Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 10


Ho conosciuto il dott. Quattrone a Firenze Sollicciano - un grande uomo, colto e preparato disponibile verso tutti senza distinzione , lo ricorderò con affetto.

Di  Francesco D'Onofrio  (inviato il 18/08/2010 @ 16:59:36)


n. 9


ho conosciuto il dottor quattrone a sollicciano,un grande UOMO uno di noi che peccato ma perche'.

Di  antonio sanapo  (inviato il 01/08/2010 @ 11:56:00)


n. 8


Ho avuto l'onore di conoscere il dott. Quattrone alla c.c. sollicciano. Grande persona! Sono davvero addolorato..

Di  luca bombini  (inviato il 29/07/2010 @ 11:28:58)


n. 7


E' purtroppo venuto a mancare un funzionario dello stato dotato di alto senso di appartenenza e alto senso del dovere,l'averlo conosciuto è stato per me motivo di orgoglio, un pensiero particolare lo rivolgo alla famiglia ed alla moglie persona equilibrata e dotata di alta sensibilità.

Di  schipilliti claudio  (inviato il 28/07/2010 @ 08:42:31)


n. 6


Ho conoscito il Dot. Quattrone a firenze sollicciano .L'ho servito per anni quando ero allo spaccio ag.Abbiamo perso un grande uomo e una porta sempre aperta .Dott.re resterà nei nostri cuori .Un abbraccio alla famiglia.

Di  aldo mottola  (inviato il 27/07/2010 @ 23:06:42)


n. 5


ho conosciuto il dott. quattrone nel 1991 a Firenze sollicciano, che dire è un giorno buio per l'amministrazione ne vanno sempre i migliori

Di  peppe distefano  (inviato il 27/07/2010 @ 11:51:52)


n. 4


E' SOLO L' ENNESIMA DIMOSTRAZIONE CHE UNO DEGLI APPARATI DI RILIEVO DELLO STATO NON FUNZIONA E NESSUNO FA QUALCOSA DI NUOVO PER FARLO FUNZIONARE.DEVE ANDARE COSI'.ATTENDIAMO OGNI GIORNI SOLO FATTI DI INTRA-CRONACA. NULLA DI POSITIVO.SOLO NEGATIVITA'.SENZA ALLUNGARE IL DISCORSO.A TUTTI I RANGHI NON VOGLIONO CHE SI MANIFESTI LE PROBLEMATICHE DEL SETTORE. I POLITICI SOLO DEMAGOGIA ED ANDIAMO AVANTI PER UNO STIPENDIO CHE TI ARRIVA ANCORA A FINE MESE. ALTRIMENTI CI SAREBBE DA DIMETTERSI IN 20 - 30 MILA E A FARLI SCENDERE LORO DALLE POLTRONE PER ANDARE A LAVORARE "IN TRINCEA".
PROPOSTA DI RINNOVO CONTRATTO SCADUTO 08-08 EURO 85 - 40% TAX - VAC CONTR= 45 EURO.X IL 10-11-12 SOLO INFLAZ PROGRAMMATICA.
SI COMMENTA DA SOLO. NON C'E' PIU' NIENTE DI BUONO. UN SALUTO.

Di  massimiliano  (inviato il 26/07/2010 @ 17:03:40)


n. 3


Ho conosciuto il Dott Quattrone nel 2001 è stato uno dei miei docenti al corso da ispettori, ed ho avuto il piacere e l'onore di rincontrarlo come Provveditore della Calabria nel 2005 dopo esser stato trasferito presso la CC di Castrovillari, sono profondamente addolorato per quanto accaduto, ma onorato ad averlo conosciuto.

Di  Leonardo De Santis  (inviato il 26/07/2010 @ 15:20:03)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.158.99.141


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria





Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione