Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Il suicidio in carcere nell’epoca della “globalizzazione dell’indifferenza”


Polizia Penitenziaria - Il suicidio in carcere nell’epoca della “globalizzazione dell’indifferenza”

Notizia del 04/12/2013

in Houston abbiamo un problema

(Letto 3261 volte)

Scritto da: Giuseppe Baiocco

 Stampa questo articolo


Si è svolta il 23 Novembre la “Giornata Mondiale dei Survivors”, giornata commemorativa per coloro che hanno perso un caro per suicidio

La giornata in Italia è stata organizzata dal Prof. Maurizio Pompili, referente italiano IASP, delegato dall’American Foundation for Suicide Prevention. Il Servizio per la Prevenzione del Suicidio, per chi ha necessità di aiuto e per chi ha perso un caro è attivo presso l’Azienda Ospedaliera Sant'Andrea di Roma.

Scrive Daniela Teresi, psicologa penitenziaria, che “i numeri delle persone che muoiono per suicidio in carcere, come si legge dal dossier pubblicato su Ristretti Orizzonti , sono numerosi, in 13 anni (dal 2000 al 2013) se ne contano 794. Dei survivors, ovvero dei parenti dei detenuti che hanno perso un loro caro, la cronaca comincia a parlarne, seppure il dolore resta un fatto privato”. Questa tragica evenienza colpisce i parenti come i compagni di cella, la Polizia Penitenziaria, il personale Medico, la Direzione. Ed è sempre traumatica perché difficilmente si è preparati alla morte, che in genere giunge alla fine di un percorso che per gli altri non sembra mai concluso. Platone, nel Fedone, diceva che “l’uomo è un prigioniero che non ha il diritto di aprire la porta della sua prigione e fuggire”. La vita come prigione, dunque, dove ci si agita e si espia, una condizione, comunque, dovuta. E allora perché tenere chiuso il blindato e aprire al malcapitato la porta della fuga eterna? C’è da chiedersi se abbiamo fatto tutto, ma proprio tutto per dare un motivo in più al detenuto per rimanere nella prigione a termine. Ma lontano dall’odore di minestroni e cous cous, carbonare e arrabbiate che sfuggono tra le sbarre e rendono familiare un luogo che familiare non è, nemmeno al più incallito dei delinquenti, tra i velluti ministeriali che mai hanno visto la faccia di uno che è uno dei numerosi ospiti delle sue sbreccate case e dove tutt’al più circola aria stantia di polvere e noia, il problema interessa molto, ma molto meno di un fico secco.   

E anche il vissuto di chi è esposto a tali morti traumatiche, come il detenuto che sostiene il peso del suicidio del compagno di cella o dell’agente di Polizia Penitenziaria che deve staccare il corpo rigido, appeso a una corda, d’un poveretto che non ce la faceva più e infilarlo in un sacco nero per smaltirlo nella discarica dei poveri, subisce una scossa terribile.

“Sentimenti di stigmatizzazione, vergogna e imbarazzo distinguono i survivors di coloro che hanno perso un caro per suicidio, - dice ancora Daniela Teresi - sentimenti diversi sono quelli di coloro che soffrono per un lutto non connesso al suicidio. Un tema sul quale nessuno troverebbe ragionevolmente motivo da obiettare se il suicidio in carcere cominciasse a essere guardato come evento traumatico o stressante, come causa di PTSD , (disturbo post traumatico da stress) da utilizzare come diagnosi di riferimento per affrontare la vasta fenomenologia dei problemi che gravitano intorno a tale fenomeno nel mondo penitenziario, tra la popolazione detenuta ed il personale che vi opera”.

“Nella vita, se uno vuol capire, capire veramente come stanno le cose di questo mondo, deve morire almeno una volta” (Giorgio Bassani, Il giardino dei Finzi-Contini).

Se questo è vero è, però, irrinunciabile, per un paese che si ritiene civile, operare affinché le storture del sistema carcerario vengano affrontate con decisione e tempestività, magari affidando a psicologi professionisti lo spazio che necessita per dirimere, dove possibile, le principali criticità.

“In quanto artisti, forse non abbiamo bisogno di intervenire nelle faccende di questo secolo; ma in quanto uomini, sì” (Albert Camus, Actuelles II). 

di Giuseppe Baiocco (Psicologo Penitenziario)

Suicidi in carcere: ecco la scomoda verità di cui nessuno parla...

 


Scritto da: Giuseppe Baiocco
(Leggi tutti gli articoli di Giuseppe Baiocco)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
I familiari delle vittime della Uno Bianca: loro hanno ucciso i nostri cari, che muoiano in carcere
Agenti penitenziari perquisiscono la sua cella e il detenuto rompe lo sgabello e ferisce due Poliziotti del carcere di Udine
Sospesi dal servizio i tre Carabinieri accusati della morte di Stefano Cucchi
Va a trovare il marito nel carcere di Torino con droga di ogni tipo nelle zone intime
Alberto Savi della Uno Bianca esce dal carcere in permesso premio per la prima volta
La RAI pagherà 8mila euro al boss mafioso Graviano per le riprese tv: le fece senza il suo consenso
Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere
Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.167.184.64


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Circolare del GOM: togliete le foto da Facebook, è in atto una schedatura dei Poliziotti

2 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

5 Diventa anche tu Capo del DAP!

6 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

7 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

8 C’era una volta la sentinella

9 Orlando e Consolo: pubblicate i dati reali del sovraffollamento

10 Italicum, Porcellum, Mattarellum e Consultellum





Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

7 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione