Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?


Polizia Penitenziaria - Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

Notizia del 20/11/2017

in Mondo Penitenziario

(Letto 3562 volte)

Scritto da: Federico Olivo

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Ogni settimana vengono ritrovati telefoni cellulari all’interno delle carceri, a disposizione della popolazione detenuta.

Si tratta ancora di un possesso vietato dalla Legge: almeno fino ad ora.

Ad ogni ritrovamento gli apparecchi vengono sequestrati e partono le indagini per accertare le modalità di ingresso in istituto.

Il motivo del divieto di avere a disposizione un apparecchio di telefonia mobile in carcere è semplice: impedire che le persone detenute, soprattutto quelle in “Alta Sicurezza”, per non parlare dei 41-bis, possano mantenere comunicazioni con l’esterno ed in questo modo, continuare a gestire traffici illeciti, impartire o ricevere ordini e, in definitiva, continuare a delinquere che è anche uno dei motivi per il quale quelle stesse persone sono in carcere. In realtà, qualunque telefonino, anche se “solo” a disposizione di una persona detenuta impiegata nei lavori all’esterno, è comunque una fonte di pericolo per il mantenimento della sicurezza dell’istituto ed è quindi evidente che andrebbe profuso ogni sforzo per debellare un fenomeno del genere.

E’ possibile evitare che entrino in continuazione telefonini nelle carceri italiane? Si.

E’ possibile accorgersi di chiamate in corso con i telefonini nelle sezioni detentive? Si.

Da parte dell’Amministrazione penitenziaria, viene impiegato ogni sforzo per impedire l’ingresso e l’utilizzo dei telefoni cellulari in carcere? No.

E perché no? Forse costerebbe troppo dotare tutti gli istituti penitenziari di apparecchiature idonee ad individuare un telefono in ingresso in carcere oppure, una volta entrato illecitamente in qualche modo, che venga utilizzato? No, con poche migliaia di euro per ogni istituto, tutte le carceri italiane potrebbero essere “bonificate” ed impedito l’ingresso di ogni altra apparecchiatura tecnologica vietata.

Sono mesi infatti che la Polizia Penitenziaria ha sperimentato con successo alcune delle ultime apparecchiature in commercio che possono scoprire ogni telefonino nascosto nelle carceri ed impedire che ne entrino di nuovi.

La soluzione c’è. E’ a portata di mano. Costa pochissimo ...e i soldi sono già disponibili.

Qual è allora il problema?

Una serie di motivi. Prima di tutto il DAP, evidentemente, sottovaluta i pericoli derivanti dall’utilizzo dei telefoni cellulari in carcere, ma anche una certa “cultura permissiva” che in questi ultimi anni ha decisamente preso il sopravvento, anche su questioni di buon senso come questa. Per fare un esempio, ancora qualche mese fa, un’associazione molto vicina ai vertici del DAP e del DGMC, si era lanciata in dichiarazioni che, non solo volevano minimizzare lo scandalo dei continui ritrovamenti dei telefoni in un determinato istituto (in particolare, in sezioni AS), ma che anzi, cercavano di motivare quei ritrovamenti come un evidente “bisogno” dei detenuti di comunicare con i propri cari; un bisogno che semmai, per l’Associazione, andava favorito, invece che impedito.

A dire il vero, la soluzione sperimentata, ha fornito talmente tante prove a favore, che il DAP è stato “costretto” a diramare una lettera a tutti i Provveditori, lasciando loro la facoltà di valutare il possibile utilizzo di tali apparecchiature.

Alcuni Provveditori si sono mossi, altri no, ma anche per un motivo comprensibile: in mancanza di una precisa indicazione e sollecitazione dal parte del DAP per l’acquisto di tali strumentazioni, con quale criterio un Provveditore e, a cascata, un Direttore, dovrebbe prendersi la responsabilità di impiegare dei soldi per comprare apparecchiature che il DAP stesso non ha voluto prendersi la responsabilità di acquistare? Quanto meno, ciascun Provveditore/Direttore, vorrà prima capire di cosa si tratta...

Ed è per questo che, molto probabilmente, nonostante i successi della sperimentazione delle apparecchiature a contrasto del fenomeno dell’utilizzo dei telefonini in carcere, nonostante i pericoli derivante dall’utilizzo dei telefoni negli istituti, nonostante l’esiguità dei soldi da impiegare e, soprattutto, nonostante questi soldi siano già disponibili nei rispettivi capitoli di bilancio, anche per il resto delle prossime settimane, continueremo a leggere di telefonini ritrovati negli istituti penitenziari, ma quel che è peggio, non sapremo quanti non sono stati ancora ritrovati e quindi continueranno ad essere utilizzati.

La soluzione a breve termine potrebbe essere quella che uno dei vertici dell’Amministrazione penitenziaria, magari uno degli ultimi arrivati, poco legato alle logore dinamiche dipartimentali, prenda in mano la situazione e imponga un preciso indirizzo per migliorare la sicurezza e la legalità nelle carceri.

La soluzione a medio termine, potrebbe essere quella di procedere alla prima convocazione della Commissione Tecnologica ed Informatica prevista dall’art. 26 comma 1 lettera f) del D.P.R. 31 luglio 1995 n° 395, che in più di diciotto anni non si è mai riunita.

 

Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto

 


Scritto da: Federico Olivo
(Leggi tutti gli articoli di Federico Olivo)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Giustizia, l’eredità di Orlando: la Finocchiaro al ministero
Arretrati a Forze dell''Ordine, bidelli e docenti: ecco data ufficiale e importi
La start up che fa risparmiare i dipendenti delle forze dell’ordine
Droga e telefoni in carcere: in quattro finiscono a processo
In carcere aumentano le aggressioni
Carceri, strappo dei sindacati nel giorno della celebrazione della Polizia Penitenziaria
Scandalo Due Palazzi a Padova, processo da rifare
G8 2001, la corte dei Conti insiste sul danno d’immagine per la polizia


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 10


Speriamoooooooo

Di  Alex  (inviato il 21/11/2017 @ 23:06:22)


n. 9


Tra non molto entreremo nella benedetta cabina elettorale e li mandiamo tutti a casa se Dio vorrà.

Di  Anonimo  (inviato il 21/11/2017 @ 19:48:03)


n. 8


Grazie per il commento n° 4
Tutti insieme, NOI POLIZIOTTI PENITENZIARI, riusciremo ad avere stumentazioni idonee, specifiche,per i nostri servizi Istituzionali.

Di  Alex  (inviato il 21/11/2017 @ 10:13:28)


n. 7


Al prossimo ritrovamento di cellulare in carcere, spero che il magistrato di turno risalga la filiera e arrivi ad indagare sui ritardi del DAP.

Di  cca nisciun' è fess'  (inviato il 21/11/2017 @ 10:08:45)


n. 6


Tutto e possibile con mezzi e risorse adeguate

Di  Anonimo  (inviato il 20/11/2017 @ 20:16:47)


n. 5


Ultime sul rinnovo contrattuale silenzio assoluto
Ultime sovrintendenti 2002
Ultime sui pensionati
Silenzio Silenzio
Zitti e muti tutti

Di  Anonimo  (inviato il 20/11/2017 @ 20:12:36)


n. 4


Grande Alex,ottimo commento

Di  Anonimo  (inviato il 20/11/2017 @ 17:26:39)


n. 3


Il D.A.P non agisce perchè non è mai e ripeto mai il diretto responsabile di quello che succede all'interno degli Istituti penitenziari. Chi sa perché!!!
Le responsabilità sono sempre di altri........Polizia penitenziaria che finisce sui giornali per tutto ciò che di negativo succede.
Non hanno ancora capito, che nell'ultimo decennio il sistema di lavoro è cambiato e che la Polizia penitenziaria deve avere a disposizione infrastrutture tecnologicamente avanzate per svolgere le attività di prevenzione e garantire così la sicurezza all'interno e all'esterno degli Istituti.
Queste devono essere una risorsa strategica di cui la Polizia penitenziaria oggi non può e non deve più fare a meno per svolgere i suoi compiti Istituzionali.
P.S
Con la prevenzione non vi è bisogno di repressione.........ma queste sono cose da Poliziotti a buon intenditore poche parole
Buon lavoro


Di  alex  (inviato il 20/11/2017 @ 10:47:45)


n. 2


Sono da premiare i colleghi quelli che trovano i telefonini e fanno il proprio dovere.
Questi sono eroi .

Di  Anonimo  (inviato il 20/11/2017 @ 08:45:23)


n. 1


Bel post! Ottimo direi.

Di  Anonimo  (inviato il 20/11/2017 @ 08:39:46)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.198.119.26


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Il Ministro Orlando, la riforma penitenziaria e il depotenziamento del GOM

3 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

4 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

5 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

6 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

7 La perquisizione straordinaria

8 Operazione Nucleo Cinofili a Regina Coeli: rinvenimento droga e arresto

9 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

10 Lo stress dell’agente penitenziario: momento ancora possibile di cambiamento





Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Altra incredibile follia della Amministrazione: camorrista ergastolano in cattedra alla scuola di Polizia Penitenziaria di Cairo.

5 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

6 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

7 Direttore del Carcere di Bergamo Porcino va in pensione:I miei 40 anni con i detenuti

8 Arretrati a Forze dell''Ordine, bidelli e docenti: ecco data ufficiale e importi

9 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

10 Evaso detenuto di Opera, rischio terrorismo islamico. Ricercato in tutta Italia


  Cerca per Regione