Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?


Polizia Penitenziaria - Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

Notizia del 20/11/2017

in Mondo Penitenziario

(Letto 3243 volte)

Scritto da: Federico Olivo

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Ogni settimana vengono ritrovati telefoni cellulari all’interno delle carceri, a disposizione della popolazione detenuta.

Si tratta ancora di un possesso vietato dalla Legge: almeno fino ad ora.

Ad ogni ritrovamento gli apparecchi vengono sequestrati e partono le indagini per accertare le modalità di ingresso in istituto.

Il motivo del divieto di avere a disposizione un apparecchio di telefonia mobile in carcere è semplice: impedire che le persone detenute, soprattutto quelle in “Alta Sicurezza”, per non parlare dei 41-bis, possano mantenere comunicazioni con l’esterno ed in questo modo, continuare a gestire traffici illeciti, impartire o ricevere ordini e, in definitiva, continuare a delinquere che è anche uno dei motivi per il quale quelle stesse persone sono in carcere. In realtà, qualunque telefonino, anche se “solo” a disposizione di una persona detenuta impiegata nei lavori all’esterno, è comunque una fonte di pericolo per il mantenimento della sicurezza dell’istituto ed è quindi evidente che andrebbe profuso ogni sforzo per debellare un fenomeno del genere.

E’ possibile evitare che entrino in continuazione telefonini nelle carceri italiane? Si.

E’ possibile accorgersi di chiamate in corso con i telefonini nelle sezioni detentive? Si.

Da parte dell’Amministrazione penitenziaria, viene impiegato ogni sforzo per impedire l’ingresso e l’utilizzo dei telefoni cellulari in carcere? No.

E perché no? Forse costerebbe troppo dotare tutti gli istituti penitenziari di apparecchiature idonee ad individuare un telefono in ingresso in carcere oppure, una volta entrato illecitamente in qualche modo, che venga utilizzato? No, con poche migliaia di euro per ogni istituto, tutte le carceri italiane potrebbero essere “bonificate” ed impedito l’ingresso di ogni altra apparecchiatura tecnologica vietata.

Sono mesi infatti che la Polizia Penitenziaria ha sperimentato con successo alcune delle ultime apparecchiature in commercio che possono scoprire ogni telefonino nascosto nelle carceri ed impedire che ne entrino di nuovi.

La soluzione c’è. E’ a portata di mano. Costa pochissimo ...e i soldi sono già disponibili.

Qual è allora il problema?

Una serie di motivi. Prima di tutto il DAP, evidentemente, sottovaluta i pericoli derivanti dall’utilizzo dei telefoni cellulari in carcere, ma anche una certa “cultura permissiva” che in questi ultimi anni ha decisamente preso il sopravvento, anche su questioni di buon senso come questa. Per fare un esempio, ancora qualche mese fa, un’associazione molto vicina ai vertici del DAP e del DGMC, si era lanciata in dichiarazioni che, non solo volevano minimizzare lo scandalo dei continui ritrovamenti dei telefoni in un determinato istituto (in particolare, in sezioni AS), ma che anzi, cercavano di motivare quei ritrovamenti come un evidente “bisogno” dei detenuti di comunicare con i propri cari; un bisogno che semmai, per l’Associazione, andava favorito, invece che impedito.

A dire il vero, la soluzione sperimentata, ha fornito talmente tante prove a favore, che il DAP è stato “costretto” a diramare una lettera a tutti i Provveditori, lasciando loro la facoltà di valutare il possibile utilizzo di tali apparecchiature.

Alcuni Provveditori si sono mossi, altri no, ma anche per un motivo comprensibile: in mancanza di una precisa indicazione e sollecitazione dal parte del DAP per l’acquisto di tali strumentazioni, con quale criterio un Provveditore e, a cascata, un Direttore, dovrebbe prendersi la responsabilità di impiegare dei soldi per comprare apparecchiature che il DAP stesso non ha voluto prendersi la responsabilità di acquistare? Quanto meno, ciascun Provveditore/Direttore, vorrà prima capire di cosa si tratta...

Ed è per questo che, molto probabilmente, nonostante i successi della sperimentazione delle apparecchiature a contrasto del fenomeno dell’utilizzo dei telefonini in carcere, nonostante i pericoli derivante dall’utilizzo dei telefoni negli istituti, nonostante l’esiguità dei soldi da impiegare e, soprattutto, nonostante questi soldi siano già disponibili nei rispettivi capitoli di bilancio, anche per il resto delle prossime settimane, continueremo a leggere di telefonini ritrovati negli istituti penitenziari, ma quel che è peggio, non sapremo quanti non sono stati ancora ritrovati e quindi continueranno ad essere utilizzati.

La soluzione a breve termine potrebbe essere quella che uno dei vertici dell’Amministrazione penitenziaria, magari uno degli ultimi arrivati, poco legato alle logore dinamiche dipartimentali, prenda in mano la situazione e imponga un preciso indirizzo per migliorare la sicurezza e la legalità nelle carceri.

La soluzione a medio termine, potrebbe essere quella di procedere alla prima convocazione della Commissione Tecnologica ed Informatica prevista dall’art. 26 comma 1 lettera f) del D.P.R. 31 luglio 1995 n° 395, che in più di diciotto anni non si è mai riunita.

 

Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto

 


Scritto da: Federico Olivo
(Leggi tutti gli articoli di Federico Olivo)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Milano Beccaria. Don Rigoldi: situazione al limite, senza direttore titolare, muro di cinta basso e personale troppo giovane
Barcellona PG: anche i medici penitenziari contro il DAP
Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia
Sfiorata la sommossa nel carcere di Larino
Carceri in Liguria, il Sappe lancia l’allarme: «Situazione tesa e preoccupante»
Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative
Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario
Mobili distrutti e water divelti: caos al Beccaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 10


Speriamoooooooo

Di  Alex  (inviato il 21/11/2017 @ 23:06:22)


n. 9


Tra non molto entreremo nella benedetta cabina elettorale e li mandiamo tutti a casa se Dio vorrà.

Di  Anonimo  (inviato il 21/11/2017 @ 19:48:03)


n. 8


Grazie per il commento n° 4
Tutti insieme, NOI POLIZIOTTI PENITENZIARI, riusciremo ad avere stumentazioni idonee, specifiche,per i nostri servizi Istituzionali.

Di  Alex  (inviato il 21/11/2017 @ 10:13:28)


n. 7


Al prossimo ritrovamento di cellulare in carcere, spero che il magistrato di turno risalga la filiera e arrivi ad indagare sui ritardi del DAP.

Di  cca nisciun' è fess'  (inviato il 21/11/2017 @ 10:08:45)


n. 6


Tutto e possibile con mezzi e risorse adeguate

Di  Anonimo  (inviato il 20/11/2017 @ 20:16:47)


n. 5


Ultime sul rinnovo contrattuale silenzio assoluto
Ultime sovrintendenti 2002
Ultime sui pensionati
Silenzio Silenzio
Zitti e muti tutti

Di  Anonimo  (inviato il 20/11/2017 @ 20:12:36)


n. 4


Grande Alex,ottimo commento

Di  Anonimo  (inviato il 20/11/2017 @ 17:26:39)


n. 3


Il D.A.P non agisce perchè non è mai e ripeto mai il diretto responsabile di quello che succede all'interno degli Istituti penitenziari. Chi sa perché!!!
Le responsabilità sono sempre di altri........Polizia penitenziaria che finisce sui giornali per tutto ciò che di negativo succede.
Non hanno ancora capito, che nell'ultimo decennio il sistema di lavoro è cambiato e che la Polizia penitenziaria deve avere a disposizione infrastrutture tecnologicamente avanzate per svolgere le attività di prevenzione e garantire così la sicurezza all'interno e all'esterno degli Istituti.
Queste devono essere una risorsa strategica di cui la Polizia penitenziaria oggi non può e non deve più fare a meno per svolgere i suoi compiti Istituzionali.
P.S
Con la prevenzione non vi è bisogno di repressione.........ma queste sono cose da Poliziotti a buon intenditore poche parole
Buon lavoro


Di  alex  (inviato il 20/11/2017 @ 10:47:45)


n. 2


Sono da premiare i colleghi quelli che trovano i telefonini e fanno il proprio dovere.
Questi sono eroi .

Di  Anonimo  (inviato il 20/11/2017 @ 08:45:23)


n. 1


Bel post! Ottimo direi.

Di  Anonimo  (inviato il 20/11/2017 @ 08:39:46)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.226.59.137


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Riordino dei ruoli della Polizia Penitenziaria e dirigenza dei Funzionari del Corpo. Capitolo 2

3 La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Al carcere di Augusta ci sono sindacati della Polizia Penitenziaria che scrivono al Garante dei detenuti

6 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

7 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

8 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

9 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

10 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo





Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Corte Cassazione: Sciopero della fame detenuti è un''azione dimostrativa di scontro e di ostilità verso le istituzioni

5 Rapporto Ragioneria Generale dello Stato: dipendenti statali meno 7,2 per cento. Polizia Penitenziaria meno trentacinque per cento!

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

10 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative


  Cerca per Regione