Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
In attesa del bicentenario della fondazione del Corpo di Polizia Penitenziaria


Polizia Penitenziaria - In attesa del bicentenario della fondazione del Corpo di Polizia Penitenziaria

Notizia del 29/03/2016

in Orgoglio della Polizia Penitenziaria

(Letto 7042 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Correva l’anno 1817 e delle Famiglie di Giustizia, nelle Regie Patenti, si scopriva l’esistenza! Emergeva, cioè, in tutta la sua portata, storica ed evolutiva, l’esistenza di un drappello di servitori della Legge all’interno del settore più angusto, da sempre considerato il tabù: il carcere, quel luogo di perdizione dei dannati e della vittoria del bene sul male, temuto dai più, agognato da tanti e conosciuto fino ad allora, come professione, da nessuno!

Ed era FORSE un anno di grandi sogni, con poca ricchezza ma evidentemente tanta forza: emergeva l’innovazione penitenziaria senza precedenti, quel coraggio che ufficializza una professione articolata e complessa, destinata a mediare tra la sofferenza dei reclusi e la sete di giustizia dei liberi!

Molto il tempo trascorso da allora, tante le evoluzioni, di non eguale portata o caratura, numerose le involuzioni. Tanti sono gli attori intervenuti nel mondo penitenziario: i custodi, i guardiani del Regno d’Italia, gli Agenti di Custodia, la Polizia Penitenziaria! Tutti figli di quelle Famiglie di Giustizia portate alla ribalta, per avere luce, quasi duecento anni or sono.

E se anche il 2017, nella ricorrenza di questo bicentenario, fosse un anno di grandi sogni, con poca ricchezza ma evidentemente tanta forza? Se fosse, nonostante la cronica carenza di fondi, l’anno della ribalta per il Corpo di Polizia Penitenziaria, in fondo nipote, bistrattato, di una importante evoluzione dei tempi che furono? Se fosse l’anno di postivi risultati, oggettivi riconoscimenti, concrete prese di coscienza anche per questo Corpo così relegato, di fatto, nell’ombra di lunghi corridoi e di padiglioni sempre meno decorosi?

Immagino un anno rivoluzionario, con cambiamenti dotati della stessa portata storica del 1817. In primis, la più eloquente sebbene legata ad un aspetto solenne e formale: la riconquista di uno spazio, oramai perso da anni, che continua a chiamarsi “Festa annuale del Corpo di Polizia Penitenziaria” ma che, di fatto, è divenuta l’occasione per le indebite sfilate dei Dirigenti al potere. Una Festa spesso costretta all’interno delle mura di cinta, sovente in nome di quelle notorie esigenze di economicità e che, ad attenzionare solo per un attimo gli sprechi cui quotidianamente si assiste soprattutto a livello centrale, prendono sempre più le sembianze di una leggenda metropolitana.

Ci vorrebbe una Festa del Corpo “esplosiva”, capace di riportare al centro ogni singolo appartenente, ancor più quello che non popola le ingolfate scrivanie. Una Festa che sappia risvegliare concretamente l’orgoglio dell’appartenenza, dell’umile lavoro svolto, dal 1817, nelle patrie galere; lo stesso orgoglio che promana dagli sguardi fieri del plotone passato in rassegna, vestito di tutto punto, ben addestrato a movimenti sincronizzati ed attento all’esecuzione di quanto appreso durante l’addestramento in piazza d’armi. Un plotone effettivamente rappresentativo dei 206 Istituti penitenziari, cui confluiscono, gli Uomini e le Donne che quotidianamente lavorano nelle sezioni detentive ed avverso il quale nulla può il burocrate estensore del provvedimento di missione con vitto ed alloggio a carico dell’Amministrazione penitenziaria.

“I have a dream”: mi piacerebbe poter festeggiare questo bi-centenario alla luce del sole, magari come accadeva negli anni migliori, proprio al centro della parte più bella della città. Sugli spalti, quali ospiti d’onore, per poter assistere da pulpito privilegiato, il Presidente della Repubblica, i figli, le mogli, i mariti, i genitori degli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria e tutt’intorno gente comune, folla curiosamente stupita da cotanta presenza e dall’assenza delle auto blu dirigenziali. E mentre suona quell’Inno d’Italia, le stonate voci, a squarcia gola, raccontano la fierezza d’un mestiere nato in un tempo lontano, fatto di quotidiane amarezze, notorie difficoltà e solerti accortezze. Raccontano di un mondo dove, ora come allora, essenziale resta il ruolo dell’appuntato più anziano, che, al di là delle nozioni libresche, tende la mano a quella guardia appena arrivata per insegnare il mestiere, quello del quotidiano più puro. Raccontano di un mondo che guarda al futuro, presentando a tutti le sue nuove leve schierate in prima fila, pronte ad ereditare un mestiere difficile ma dignitoso che li accompagnerà per tutta la vita o, per dirla con le parole di Leopardi “ove il tempo mio primo e di me si spendea la miglior parte” .

Ho un sogno ...chissà che si avveri: in fondo, per festeggiare il bi-centenario nel 2017, c’è ancora un po’ di tempo affinché le coscienze maturino!

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


Caro Ultimo degli Agenti, magari!
Sarebbe la riparazione dei danni fatti dalla riforma monca del 1990.

Di  luca sardella  (inviato il 31/03/2016 @ 09:19:12)


n. 3


Siamo ormai giunti alla frutta, c'è un gruppo di "esperti" benpensanti che, sotto mentite spoglie ha già sentenziato la fine del Corpo di Polizia Penitenziaria ancora prima della ricorrenza del bicentenario,riservandoci il benservito con buona pace del solito nugolo dei feudatari al Potere. Perchè non potrebbe chiamarsi semplicemente "POLIZIA DELLA GIUSTIZIA anziché "Corpo di Giustizia dello Stato"?? Prima della riforma del 1990, giustamente si invocava da tutte la parti la "smilitarizzazione" delle carceri, salvo poi accorgersi alla luce del completamento dell'opera di riforma, di non aver cambiato poi così tanto, rispetto alla precedente dicotomia militare e civile, mantenendo anche dopo la smilitarizzazione comunque distinte le due anime, approvando volutamente una legge che si è vero in qualche modo toglieva la militarietà al Corpo, ma riguardandosi bene dall'unificare democraticamente anche i Funzionari della Direzione Generale degli Istituti di PP.PP. restii da sempre a unificarsi con i vertici del Corpo Militare degli Agenti di Custodia, dando vita di fatto ad una struttura disomogenea senza identità, in perenne conflitto fra le diverse aree, causa delle sovrapposizioni di competenze, si pensi ai Direttori che se pur privi di qualifiche rispetto agli appartamenti al Corpo, nd assumono la Direzione in tutte le sedi, producendo di fatto solo disfunzioni e ripercussioni tangibili solo da chi sta in prima linea! Oggi si parla addirittura di una eventuale estromissione della Polizia Penitenziaria dalle carceri, quasi fosse unicamente del Corpo, la causa di una cattiva gestione del sistema Penitenziario, sottacendo opportunamente sull'operato deficitario della Dirigenza Penitenziaria. Ad oltre vent'anni dalla riforma, stiamo ripercorrendo gli stessi errori del precedente mutamento, dove a rimetterci sono sempre i soliti, cioè quella parte di personale che inguainato dai regolamenti di sudditanza, viene escluso a prescindere da qualsivoglia considerazione. Secondo il Consigliere Dr. Sebastiano Ardita non dovremmo preoccuparci di perdere lo status di "Poliziotti", bene, allora perché al contrario c'è così tanta preocupazione fra i funzionari Direttivi e dell'area Trattamentale di entrare a far parte di una eventuale istituenda "POLIZIA DELLA GIUSTIZIA"?? Sarebbe un vantaggio anche per loro, oltrechè un lodevole riconoscimento a tutto il personale di Polizia Penitenziaria ed Amministrativo che in duecento anni di storia, ha comunque contribuito alla Sicurezza e alla salvaguardia delle Istituzioni Democratiche dello Stato. Non un "Corpo" ma una Polizia della Giustizia con competenze allargate in tutti i settori di competenza del Ministero della Giustizia a completamento dell'evoluzione professionale del personale del Corpo dei Polizia Penitenziaria e di tutto il Personale Amministrativo del DAP, che indistintamente verrebbe immesso nei rispettivi ruoli con lo stesso trattamento economico, ma con funzioni diversificate dei ruoli di: "Polizia", "Pedagogico" e "Tecnico -Logistico ", sotto lo stesso tetto, con pari opportunità di carriera, come avvenuto democraticamente nella Polizia di Stato !!

Di  L'ultimo degli Agenti  (inviato il 30/03/2016 @ 23:17:48)


n. 2


Temo che tutto ciò non avverrà cara redazione.
Ci hanno pure tolto quel momento che serviva per fare incontrare le nostre famiglie e naturalmente i nostri figli, la cara festa dell'Epifania.
Oggi destinta esclusivamente ai figli dei detenuti, con tanto di locali addobbati e doni di ogni tipo. La revoca di riposi per l'occorrenza festosa, provoca un risentimento senza eguali.
Motivo per cui si capisce benissimo che ogni cosa è andata persa irrimediabilmente.
Non vedo l'ora che finisca presto calvario andando in pensione e dimenticare presto TUTTO E TUTTI

Di  anonimo  (inviato il 29/03/2016 @ 13:14:14)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.204.139.136


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione