Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
In memoria di Francesco Di Maggio, Magistrato e Vice Capo DAP deceduto il 7 ottobre 1996


Polizia Penitenziaria - In memoria di Francesco Di Maggio, Magistrato e Vice Capo DAP deceduto il 7 ottobre 1996

Notizia del 07/10/2017

in Memoria del Corpo

(Letto 5911 volte)

Scritto da: Interventi ricevuti

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


FRANCESCO DI MAGGIO, magistrato
(19 luglio 1948 - 7 ottobre 1996)

Era il 7 ottobre 1996. In una giornata infausta di 21 anni fa ti sei spento. 

La triste notizia è arrivata quando mi trovavo a Palermo, partito la mattina con l'aereo, al seguito del Gen. Enrico Ragosa, il quale - a sua volta - accompagnava il ministro della giustizia (a quel tempo c'era ancora la "grazia") Giovanni Maria Flick ad un convegno sulla Mafia, a cui partecipava anche Gian Carlo Caselli, Procuratore della Repubblica di Palermo.

Proprio nel corso del convegno, in pieno pomeriggio, è arrivata la notizia che, purtroppo, tutti noi non avremmo voluto ricevere dall'ospedale San Martino di Genova, luogo in cui un paio di giorni prima eri stato trasferito dal San Filippo Neri di Roma nell'estremo, vano, tentativo di poter ricorrere ad un trapianto di fegato, intervento che i medici genovesi non ritennero di dover più fare allorquando si resero conto che un organo così importante sarebbe stato preferibile destinarlo ad un altro paziente piuttosto che a te, che non avresti comunque avuto possibilità di vita.

Eravamo in costante collegamento con Genova, se il corpo era a Palermo, la mente ed il cuore erano a Genova. La notizia della tua morte fece scendere il silenzio nell'aula in cui si svolgeva il convegno, alcuni non riuscirono a trattenere le lacrime, io tra questi.

Due giorni dopo, insieme ad altri amici, siamo venuti per l'ultimo saluto a Desio, dove avevi casa, luogo in cui vi erano i tuoi cari e dove tornavi non appena potevi liberarti dagli impegni di lavoro a Vienna, in quell'ufficio della Rappresentanza Permanente d'Italia presso le Organizzazioni Internazionali dove già avevi svolto la tua attività prima della parentesi - sin troppo breve - presso il DAP, in cui avevi ricoperto l'incarico di vice direttore generale e dove ho avuto l'onore di conoscerti e di lavorare per te e con te.

Mentre scrivo mi vengono alla mente tanti momenti che ho condiviso con te, caro dott. Francesco Di Maggio, tantissimi ricordi della tua vita sempre improntata al rispetto dell'Istituzione che rappresentavi, alla difesa di valori etici anche a costo di essere odiato da coloro che, senza tema di smentita, non avevano così a cuore i principi di legalità ed il bene dello Stato. 

Sarebbe impossibile riportarli tutti in questo momento ed è per ciò che mi limito a riproporre un articolo scritto in occasione della tua presenza al Meeting di Comunione e Liberazione di Rimini del 1994, le cui dichiarazioni a ruota libera sono considerate da molti il tuo testamento spirituale.

Il "testamento" di Francesco Di Maggio


L'ultimo intervento pubblico dell'ex numero 2 del Dap, al Meeting di Rimini del 1994

Io così ti ho conosciuto, magistrato senza peli sulla lingua nel denunciare gli affari sporchi, che qualcuno ha cercato di infangarti il nome e la memoria coinvolgendoti nel processo sulla presunta trattativa Stato Mafia, soltanto perché non più in vita, quindi impossibilitato a farti svolgere quella replica che avrebbe impietosamente sbugiardato tutti coloro i quali si sono solamente permessi di fare accostamenti a dir poco vergognosi su di te.

"Ti ricordi quando correvamo?" fu l'ultima domanda che mi rivolgesti nella stanza del San Filippo Neri, chiaramente riferendoti ai ritmi frenetici e agli orari impossibili che si svolgevano al lavoro. 
Ricordavo benissimo tutto, così come ho ancora impressi i tuoi occhi, che ad un tratto si spensero, come a volermi trasmettere che sentivi vicina arrivare la morte, allorquando risposi "torneremo a correre, Consigliere".

Grazie di essere passato su questa terra, anche se per così poco tempo, anche se molti uomini non ti hanno meritato.

Ti ricordo con infinito affetto, caro Ciccio, averti conosciuto e aver potuto lavorare per te e con te è stato un privilegio unico, che mi accompagnerà per sempre.

 

di Andrea Tosoni - Commissario del Corpo di Polizia Penitenziaria

 


Scritto da: Interventi ricevuti
(Leggi tutti gli articoli di Interventi ricevuti)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Carcere di Paola:Detenuto aggredisce assistente di Polizia Penitenziaria, dieci giorni di prognosi
Aggressione Trezzano: i figli dell’anziana abbracciano Il Poliziotto Penitenziario loro eroe.
Detenuto trasferito a Spoleto dopo violentissima rivolta di Ariano, blitz in cella: ecco cosa aveva nascosto
Casa Circondariale di Lodi: Interrogazione a risposta scritta 4-00272
Carcere di Taranto: Nessuno tocchi caino, ma di abele chi si preoccupa?”
Porta droga per il fratello: Scoperto dalla Penitenziaria e ora è dietro le sbarre con lui
Cassazione: detenuti per mafia non possono scrivere ad associazione per diritti carcerati
Caos al carcere di Prato: detenuto picchia agente, fuoco nelle celle


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 6


Una persona stimatissima di grande umanità.
R.I.P.

Di  Agente di custodia  (inviato il 15/10/2017 @ 08:28:13)


n. 5


Un errore dei pm della trattativa Stato mafia è quello di non chiamare a testimoniare chi, in quei mesi, ricopriva incarichi di supporto. persone capaci di raccontare gli aspri dissensi tra Di Maggio e coloro i quali hanno servito "altro" rispetto allo Stato. Ancora non è stata fatta piena luce sui fiumi carsici del DAP che ogni tanto lasciano qualche traccia.

Di  Anonimo  (inviato il 07/10/2017 @ 14:03:16)


n. 4


Pardon! Ciampi

Di  Morti-ficante  (inviato il 11/10/2016 @ 17:52:26)


n. 3


le agende di Ciampi, vorrai dire

Di  antonio  (inviato il 11/10/2016 @ 13:46:18)


n. 2


Giusto per ricordare come te il passato. Appena giunti ad un passo della verità....si promuove Di Matteo per Roma...prima che giungano a Palemmo le agende personali di O.L. Scalfaro!
Ma dico, un poco di fantasia ce l'hanno?

Di  Morti-ficante  (inviato il 11/10/2016 @ 11:52:05)


n. 1


"...qualcuno ha cercato di infangarti il nome e la memoria coinvolgendoti nel processo sulla presunta trattativa Stato Mafia...".

presunta?
mi pare ricordare che dalle carte processuali si evincesse come vera e che fossero da chiarirne solo gli autori e i mandanti.
ma posso ricordare male.

comunque si spera che prima o poi la verità venga a galla (utopia).



Di  antonio  (inviato il 10/10/2016 @ 16:07:25)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.162.224.176


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Carceri: procuratore aggiunto Potenza Basentini verso guida Dap

2 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

3 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

4 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

5 Tempo di bilanci per il Ministero della Giustizia

6 In sezione comme a la guerre

7 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

8 La favoletta dell’autoconsegna di Siracusa e le fake news di certe paginette facebook

9 L’origine dei tatuaggi e l’implicazione del carcere

10 Sicurezza sul lavoro: il Documento di Valutazione dei Rischi





Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Non gradisce la sistemazione in cella, detenuto aggredisce agente della Penitenziaria

3 Caos al carcere di Prato: detenuto picchia agente, fuoco nelle celle

4 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

5 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

6 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

7 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

8 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

9 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria

10 Pensionamento anticipato per Forze Armate, Polizia e Vigili del Fuoco, in arrivo cambiamenti nel 2019


  Cerca per Regione