Aprile 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2016  
  Archivio riviste    
In memoria di tutti i colleghi della Polizia Penitenziaria che si sono tolti la vita


Polizia Penitenziaria - In memoria di tutti i colleghi della Polizia Penitenziaria che si sono tolti la vita

Notizia del 02/03/2012

in Houston abbiamo un problema

(Letto 3831 volte)

Scritto da: Interventi ricevuti

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


BURNOUT? Quando... sei solo con tuo dolore!

Ma che parola è questa? Cosa si nasconde dietro di essa?

Spesso chi ne parla chi ne discute è solo chi è all'esterno di essa!

Spesso chi si siede attorno a tavoli di confronto non ne può capire il vero significato.

Solo chi ci è passato solo chi l'ha vissuto sulla propria pelle ne può descrivere il suo spessore, la sua pericolosa e nefasta infestazione.

Col senno di poi siamo tutti bravi a fare analisi, congetture ed ipotesi.

Ma quanti invece con il potere e l'autorità di poter intervenire hanno girato, girano e continueranno girare la testa e la propria coscienza dall'altra parte perché egregi signori è più facile intervenire quando c'è scappato il morto: un telegramma, qualche lacrimuccia, un picchetto e tutto passa tutto và mentre il dolore dei famigliari non passera mai il dolore di quei figli non avrà mai pace.

E mentre il nostro DAP sbarcherà il lunario tra nomine nominuccie  e scambio di poltrone, passerà un altro giorno di scommesse! Chi sarà il prossimo? Basta girarsi intorno per rendersi conto di quanta sofferenza nascosta vi è nell'animo di molti di noi, nascosta per paura di essere derisi di essere presi in giro di essere apostrofati come deboli, isolati, nel  vuoto del nostro dolore ci troveremo da soli, forse solo chi avrà fede potrà resistere forse solo chi avrà tanto amore potrà risorgere, perché oltre questo "lavoro" c'è una vita da vivere degli affetti da abbracciare un figlio che ci aspetta per chiamarci papà.

di CORRADO MATTEO (ex appartenente al Corpo passato al ruolo civile)

 

Leggi anche: L’ex Capo DAP Ettore Ferrara era un incapace?

Il fenomeno dei suicidi nella Polizia Penitenziaria: quattro casi in sei mesi

Ionta: stiamo lavorando per un gruppo di lavoro sui suicidi tra i poliziotti penitenziari 

Stress e burnout professionale

Benessere del Personale: un bluff che va avanti dal 2008

I colleghi si suicidano e al DAP il Dirigenti giocano a fare i giuristi 

 

 


Scritto da: Interventi ricevuti
(Leggi tutti gli articoli di Interventi ricevuti)



 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Aula bunker di Palermo Ucciardone sarà modello per i processi di pirateria in Somalia
Mauro Pili: vogliono chiudere il carcere di Alghero per farne un centro per immigrati
Rinviati a giudizio un Generale e due Poliziotti Penitenziari: peculato nell''uso di vetture di servizio
Mafiosi del clan di Bari si fanno arrestare per portare i messaggi ai boss rinchiusi nel carcere
Santi Consolo ascoltato dal Controllo dei Servizi Segreti: 354 i detenuti coinvolti in processi di radicalizzazione del terrorismo
Liberazione anticipata speciale: per la Cassazione non va concessa in caso di altri reati ostativi
Asinara, da carcere di massima sicurezza a laboratorio di ecoturismo
Ruba un''auto, fermato da un Poliziotto penitenziario fuori dal servizio: muore per arresto cardiaco in ospedale


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 9


la sindrome di burnout è difficile da diagnosticare

Di  Anonimo  (inviato il 19/03/2012 @ 07:08:47)


n. 8


Caro Matteo, ho letto l'articolo e sono rimasto piacevolemnte colpito. Hai centrato in pieno la realtà che noi Poliziotti Penitenziari stiamo vivendo. Io che ho appena fatto il percorso formativo del Burn-Out, ti posso dire che ho capito che, spesso, non ci si accorge dello stress accumulato, non dando peso o addirittura non conoscendone tutti i sintomi. Comunque, come ha detto Stefano, che saluto e che prima o poi dovrò andare a trovare, la colpa di tutto ciò e della notra Amministrazione e dei Dirigenti che ci considerano solo ed esclusivamente un numero. Siamo pedine da muovere nel mondo carcerario e, con l'ultima circolare sulla "Sorveglianza Dinamica" i colleghi che devono sorvegliare 2, 3 e a volte 4 posti di servizio, sicuramente accumuleranno Stress a tonnellate. Ti saluto. Leonardo Cannizzo

Di  Leonardo Cannizzo  (inviato il 14/03/2012 @ 19:01:43)


n. 7


UN' OSSEQUIO A TUTTI I COLLEGHI CHE CI HANNO LASCIATO!!!!QUESTA AMMINISTRAZIONE CI LASCIA SEMPRE + SOLI!!!!

Di  BIAGIO  (inviato il 07/03/2012 @ 18:10:53)


n. 6


Un saluto a te Stefano e Massimo! Ce ne sarebbero di argomentazioni da scrivere su questo tema, soprattutto da parte di chi ci è passato! ma ...è meglio tacere con la ragione e far parlare il cuore....nella speranza che almeno vengano istituiti dei punti di ascolto organizzati da personale esperto esterno...dando così la possibilità a chi si trovasse in difficoltà di essere almeno ascoltato...molte volte una parola di incoraggiamento, di conforto un sorriso o una pacca sulla spalla può salvare la vita e distogliere la mente dal tarlo del suicidio e dell'autodistruzione, io che mi ritengo cattolico ma non bigotto ringrazio ns Signore Gesù che mi ha dato la forza di superare parecchi ostacoli, spesso ci perdiamo nei meandri delle nostra grettezza umana perdendoil senso vero della vita, basta vedere i fatti cruciali che ci racconta la cronaca di tutti i giorni, sembra che la disperazione abbia invaso il mondo, quella disperazione che fece impiccare Giuda quando tradì Gesù, ma chi crede chi ha fedenon ha paura delle difficoltà della vita e chi si affida a Lui non pùo perire solo Lui ci dà la forza di andare avanti in questo mondo di .......
ciao ragazzi.
Matteo

Di  Matteo  (inviato il 04/03/2012 @ 20:23:54)


n. 5


ciao STEFANO io ancora vesto la divisa.......è un piacere avervi risentito, spero stiate bene. burn-out, stress, mobbing e chi più ne ha più ne metta. potrei scrivere fiumi d'inchiostro su questi argomenti........se dovessimo vederci magari per una pizza non si sa mai. si il male maggiore è che l'Amministrazione, a torto o a ragione in molti casi, spero non in tutti, non agisce a prezzo di vite umane. ma l'amministrazione si sa è fatta di persone e per fortuna non tutte uguali, magari a volte con le mani legate, magari a volte costretta a compromessi, ma di fronte a vite umane dovrebbe vincere la lealtà Istituzionale e non sempre è così. non credino comunque i meno avvezzi o i più giovani se ne esistono ancora nel Corpo che tanto osannano la Dirigenza Generale del Corpo (che giusto che ci sia si badi bene) che anche il personale con le torri e le stelle non sono immuni, in quanto tali, dalle loro responsabilità verso i sotto posti. un saluto.

Di  isp. rico massimo  (inviato il 03/03/2012 @ 18:05:11)


n. 4


Che bello!! Anche se per commentare un triste argomento ci ritrovano "vecchi" amici, isp. RICO siamo paesani, abbiamo fatto tante di quelle volte insieme in macchina per Cairo Montenotte, stesso Corso Sottufficiali e c'era anche Matteo, invece Maurizio pensavo che il tuo periodo di Comando a Reggio Emilia era stato bello una piccola realtà che ormai da troppo tempo si trova a dover combattere con la carenza di Personale. Purtroppo uno dei principali motivi, causa il più delle volte di primi sintomi di "burnout", aggravato quasi sempre dalla lontananza dai familiari più stretti a causa dei costi esosi del NORD, che con il passare del tempo conducono troppo spesso a gesti estremi, che vengono liquidati dall'Amministrazione con due righe di disposizione (vedasi ultima nota DAP) sulla composizione dei picchetti per cerimonie funeree, ma passatom il giorno del defunto collega, delle cause che lo hanno indotto all'estremo gesto, nessuno ci pensa più, tranne i familiari che continueranno a piangerlo, unitamente a pochissimi AMICI colleghi. Un abbraccio a tutti e tre, stefano

Di  stefano marcantognini  (inviato il 03/03/2012 @ 09:32:37)


n. 3


Mi sono espresso più volte per questo problema che vivono giorno per giorno i colleghi, mentre chi si alterna al DAP si mette al riparo facendo demagogia.
Un' Amministrazione che anche di fronte a sentenze del Tribunale non ammette le proprie responsabilità e lo stress lavorativo si accentua sempre di più e a volte sfocia in drammi familiari nella piena indifferenza di chi dovrebbe tutelare la salute della categoria.
Al momento di questi episodi si organizzano picchetti d'onore e altre forme che non potranno riportare indietro nel tempo i colleghi scomparsi e si sprecano fiumi di parole per vedere come si è giunti a gesti estremi a volte con la faccia tosta di alcuni personaggi che partecipano anche alle cerimonie funebri senza chiedersi se veramente si è fatto del tutto per evitare che altri giovani possono compiere il gesto più tragico della vita.
Si ringraziano questi "signori" per la tutela e il rispetto di una vita umana!!!!

Di  maurizio giovannoni  (inviato il 03/03/2012 @ 01:24:31)


n. 2


parole Sante. corrado matteo? bologna nel 1992/1993? stesso corso ora a ruolo civile?

Di  isp. rico massimo  (inviato il 02/03/2012 @ 23:12:46)


n. 1


Ciao Matteo, parole bellissime, abbiamo condiviso insieme parecchi anni della nostra onorata carriera, ed è un piacere immenso leggere queste Tue parole, ora che sei passato al ruolo civile, ed io che sono li li per fare il salto, apprezzo ancora di più la tua professionalità! Ma la colpa di tutto questo, di queste perdite di fratelli di divisa, caro Matteo, io le reputo solo e soltanto all'amata AMMINISTRAZIONE, che stà zitta, immobile, ferma, non da segnali, sicuramente solo per tornaconto personale, come se tutte le morti che ci sono state per Lei non esistano e non siano mai esistite. Ciao Matteo un abbraccio, stefano marcantognini

Di  stefano marcantognini  (inviato il 02/03/2012 @ 21:06:48)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.163.5.143


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nicola Gratteri: stanno rimettendo mano all''ordinamento penitenziario ma nel modo esattamente opposto alle mie proposte

2 Irregolarità al concorso per la Polizia Penitenziaria: si tratta dei soliti furbetti o c''è il rischio infiltrazione della criminalità organizzata?

3 Vigilanza dinamica e riforma delle carceri: informazione e disinformazione

4 FESI: la morte della meritocrazia

5 Le ultime traduzioni detenuti dall''isola di Favignana

6 Sindacato dei detenuti: è possibile che si costituisca anche in Italia?

7 La criminalità minorile influenzata dai mass media

8 Nuovo Istituto penitenziario di Rovigo

9 Scuola di polizia penitenziaria di Monastir

10 Casa circondariale Sant''Agostino di Savona





Tutti gli Articoli
1 Scandalo al concorso per entrare in Polizia Penitenziaria: ricetrasmittenti tra i candidati, decine di denunciati

2 Rinviati a giudizio un Generale e due Poliziotti Penitenziari: peculato nell''uso di vetture di servizio

3 Ruba un''auto, fermato da un Poliziotto penitenziario fuori dal servizio: muore per arresto cardiaco in ospedale

4 Consegnò soldi al detenuto per fargli ingrossare i testicoli: avvocatessa chiede i lavori socialmente utili

5 Cinque Poliziotti penitenziari del Malaspina in ospedale: un detenuto non voleva rientrare in cella

6 Agente di Polizia Penitenziaria arresta agricoltore pedofilo: violentatore condannato a 4 anni di reclusione

7 Polizia Penitenziaria blocca traffico di droga nel carcere di Cassino

8 Ex Direttore del carcere di Castelvetrano Paolo Malato e quattro Poliziotti penitenziari assolti con formula piena per una vicenda di telefonini

9 Monastir, scuola di Polizia Penitenziaria trasformata in un centro per migranti

10 Anche i detenuti 41 bis possono andare al cimitero dai familiari defunti


  Cerca per Regione