Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
In periferia tornano i distaccati dalle sedi centrali: finalmente saranno risolti i problemi ... forse


Polizia Penitenziaria - In periferia tornano i distaccati dalle sedi centrali: finalmente saranno risolti i problemi ... forse

Notizia del 27/11/2017

in Consoliamoci con l''ironia

(Letto 3297 volte)

Scritto da: Il Giullare di Corte

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Giullare - Maestà, cos’è successo, perché mi avete chiamato a quest’ora tarda?

Re - Non riesco a prendere sonno. Mi racconteresti una storiella?

Giullare - Ma certo! Una buffa o una seria?

Re - Quando mai sei riuscito a dire qualcosa di divertente? Racconta quello che ti pare …

Giullare - Provo comunque a raccontarvene una buffa.

Re - Prova.

Giullare - C’era una volta un antico castello con almeno duecento anni di storia, ma forse anche più.

Re - Noiosa. Quando finisce?

Giullare - Pazientate mio signore. E’ appena iniziata.

Re - Vabbè. Continua …

Giullare - Il castello controllava molti ducati e parecchie contee. Ognuno aveva vita e regole proprie e in ognuno di loro e nel castello, viveva e lavorava una moltitudine di gente, perlopiù gendarmi che apparentemente ubbidivano al Re. Solo al Re.

Re - Che significa “apparentemente”! Il Re è il Re!

Giullare - Ma sopra il Re c’è sempre un Imperatore e, spesso, ducati e contee si alleavano tra loro e parlavano con l’Imperatore, o addirittura singoli gendarmi potevano avere udienza diretta con lui …

Re - Tradimento!

Giullare - Cosicché le regole e le leggi decise dal Re e dall’Imperatore poco valevano se bisognava accontentare oggi un gendarme, domani l’altro, oppure un alleato influente, una dama piacente o scongiurare una guerra imminente.

Re - Non starai mica parlando di me come al solito? Bada Giullare …

Giullare - Insomma era il caos e negli ultimi 20 anni la situazione era andata peggiorando. Molti gendarmi riuscirono ad abbandonare le contee, fredde e malsane ...

Re - E pure puzzolenti!

Giullare - … e si ritrovarono alla corte del Re, al caldo e in corridoi profumati.

Re - E nelle contee chi c’era rimasto?

Giullare - Ancora in molti, ma ormai insufficienti e ogni giorno più sfiduciati e rassegnati. I gendarmi che erano partiti per il castello avevano promesso agli altri rimasti nelle contee di non dimenticarli e di aiutarli. Ma una volta vicini al Re, si erano spogliati delle giubbe e s’erano messi chi a svuotar l’immondizia, chi a fare da dama di compagnia, chi a cucinare, piegar mutande o portare a spasso in carrozza i signori della corte.

Re - A proposito, chiamami un gendarme. Mi hai ricordato che i miei cagnolini hanno bisogno della loro passeggiata serale.

Giullare - La situazione divenne sempre più difficile da gestire perché nelle contee ormai mancavano parecchi gendarmi e nel castello erano diventati troppi. Scoppiarono tumulti e intervenne l’Imperatore.

Re - Per punire i gendarmi?

Giullare - No. Per metter fretta al Re che doveva disfarsi di cento gendarmi e rispedirli nelle contee.

Re - Ma quanti ne mancavano nelle contee?

Giullare - Circa ottomila.

Re - Ma allora non sarebbero bastati tutti i gendarmi del castello! Lo capirebbe anche un Giullare!

Giullare - Bisognava dare un segnale. Fingere. E le contee si sarebbero calmate con il ritorno dei cento gendarmi ...

Re - Ma sempre cento erano … ne mancavano ottomila!

Giullare - No, ormai ne mancavano poche centinaia.

Re - Ma avevi appena detto che ne mancavano ottomila!

Giullare - Ma nel frattempo l’Imperatore e i suoi alleati avevano emanato l’editto che riduceva di parecchio i gendarmi previsti nelle contee.

Re - Furbo questo Imperatore … e anche il Re …

Giullare - … e la giustizia trionfò!

Re – Giullare, sei proprio uno stolto! Ma non capisci che le contee rimarranno con i soliti problemi di prima, anzi, senza nemmeno la scusa di potersi lamentare e che i gendarmi cacciati dal castello si conteranno sulle dita di una mano e che il Re e l’Imperatore hanno preso in giro tutti? E mica si sbarazzeranno proprio dei cuochi, degli accompagnatori, delle dame da compagnia dei piegamutande

Giullare - Ma qualcuno lavorerà pure in questo castello ... oppure no?

Re - Ma sono proprio quelli che lavorano e che vogliono far rispettare le leggi che danno fastidio.

Giullare - Dite Maestà?

Re - Ma certo! E ora sistemami le coperte che il gendarme addetto al rimbocco l’ho già messo in partenza.

Giullare - E come farà d’ora in poi?

Re - Ma stai tranquillo … qualche giorno e me ne riprendo un altro più fidato da una delle contee. Magari uno che non sia un rompiscatole come te.

Giullare - Sogni d’oro Maestà.

 

Cacciati dalla sede centrale torneranno a lavorare in periferia, ma nel frattempo ...

 


Scritto da: Il Giullare di Corte
(Leggi tutti gli articoli di Il Giullare di Corte)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Milano Beccaria. Don Rigoldi: situazione al limite, senza direttore titolare, muro di cinta basso e personale troppo giovane
Barcellona PG: anche i medici penitenziari contro il DAP
Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia
Sfiorata la sommossa nel carcere di Larino
Carceri in Liguria, il Sappe lancia l’allarme: «Situazione tesa e preoccupante»
Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative
Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario
Mobili distrutti e water divelti: caos al Beccaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 8


Il turn over presso le sedi centrali è GIUSTISSIMO!!!! magari in qusto modo tanti poliziotti avranno il piacere di vedere un carcere, qualche mese prima di andare in pensione!!!!!

Di  giacomo  (inviato il 29/11/2017 @ 08:51:53)


n. 7


Partirà la nave partirà dove arriverà questo non si sa .

Di  Anonimo  (inviato il 28/11/2017 @ 07:09:18)


n. 6


Non serve a nulla manifestare se poi tutto finisce nel nulla assoluto, ormai manifestare e diventata una consuetudine popolare festa del paese .
Cosa ci riserverà il rinnovo contrattuale non è dato sapere .

Di  Anonimo  (inviato il 27/11/2017 @ 19:05:41)


n. 5


Non sapevo che le videoconferenze costassero più delle traduzioni. Grazie per l’informazione. Grazie anche nell’ informarmi che sono già “sufficientemente” utilizzate. I numerosi incidenti accaduti (escludendo i tentativi di fuga) durante le traduzioni le avrò sognate. Ancora grazie

Di  nexuno  (inviato il 27/11/2017 @ 16:21:22)


n. 4


R.nexuno le video conferenze sono già utilizzate , le videoconferenze sono costose e di certo non si possono usare in modalità grande fratello vip .

Di  Anonimo  (inviato il 27/11/2017 @ 14:42:31)


n. 3


Certo che è difficile capire il sindacato un giorno chiede i rientri dei distaccati e l'altro ci scherza sopra con questo articolo da osteria .
Mettetevi d'accordo per una sola volta anziché fare una botta al cerchio e una alla botte .

Di  Cremona  (inviato il 27/11/2017 @ 13:26:47)


n. 2


Bravissimo nexuno,speriamo prima di subito :(

Di  bonzo  (inviato il 27/11/2017 @ 13:23:36)


n. 1


processi a distanza, utilizzo delle videoconferenze.
limiteremo inutili trasferimenti temporanei per giustizia
http://www.poliziapenitenziaria.it/public/post/feriti-due-poliziotti-e-un-detenuto-in-incidente-cellulare-della-polizia-penitenziaria-sbanda-e-fi-6975.asp
quando si decidono ad approvare l'ampliamento dell'uso di questi fondamentali strumenti?

Di  nexuno  (inviato il 27/11/2017 @ 12:03:44)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.226.59.137


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Riordino dei ruoli della Polizia Penitenziaria e dirigenza dei Funzionari del Corpo. Capitolo 2

3 La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Al carcere di Augusta ci sono sindacati della Polizia Penitenziaria che scrivono al Garante dei detenuti

6 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

7 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

8 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

9 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

10 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo





Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Corte Cassazione: Sciopero della fame detenuti è un''azione dimostrativa di scontro e di ostilità verso le istituzioni

5 Rapporto Ragioneria Generale dello Stato: dipendenti statali meno 7,2 per cento. Polizia Penitenziaria meno trentacinque per cento!

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

10 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative


  Cerca per Regione