Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
In ricordo dell'Assistente Capo Antonio Lazzara


Polizia Penitenziaria - In ricordo dell'Assistente Capo Antonio Lazzara

Notizia del 14/08/2015

in Memoria del Corpo

(Letto 6110 volte)

Scritto da: Giuseppe Romano

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Nel giro di una settimana, due disgrazie si sono abbattute sulla Polizia Penitenziaria di Palermo Ucciardone: il 3 agosto moriva annegato l’assistente capo Antonino Battiata di 53 anni e il 10 agosto si spegneva dopo una grave malattia  l’ assistente capo Antonio Lazzara.

Antonio Lazzara, 47 anni, trapanese soffriva da qualche anno di una grave malattia ai reni, malattia che l’aveva portato ad essere un dializzato. Ma il destino doveva accanirsi ancora in quanto la malattia gli aveva portato dei gravi problemi cardiaci. Operato per ben due volte al cuore, infine in una caldissima giornata siciliana di agosto, non ce l’ha fatta ed è spirato nel suo letto, in una casa nel cuore del centro storico trapanese.


ANTONIO LAZZARA

Ma chi era Antonio Lazzara? Se il valore di un poliziotto penitenziario si potesse misurare in carati, come l’oro, Antonio era un 24 carati autentico. Serio, professionale, attaccato al servizio, puntiglioso, orgoglioso di indossare la divisa blu. Io lo conoscevo bene. Oltre ad essere trapanese come me, tante volte avevamo viaggiato insieme quando ero il Comandante del Reparto dell’Ucciardone.

E’ stato un vero trauma apprendere la notizia della morte, in quanto moltissimi non sapevano della sua malattia che aveva vissuto in modo discreto, accettando questa Croce stoicamente e quando ho fatto visita alla famiglia ho scoperto anche il perché: Antonio Lazzara era un   terziario francescano;  un laico, chiamato a compiere il suo cammino terreno aderendo alla spiritualità francescana.  Seguiva l’insegnamento di  S.Francesco d’Assisi, e come lui si impegnava a vivere il Vangelo, secondo lo Spirito delle beatitudini e lo testimoniava con entusiasmo e coerenza. Con la sua serenità nonostante la sofferenza, Antonio incarnava il carisma francescano che consiste nell’umiltà, nella fraternità e letizia, attuando una conversione continua, con cui ogni giorno compiva un piccolo passo verso la perfezione della santità, cui è chiamato ogni battezzato. Mi sono commosso nell’apprendere che, nonostante la grave malattia, Antonio si recava ogni mattina a Palermo a prestare servizio; non voleva arrendersi. Una persona ammirevole che, solo per questo meriterebbe un riconoscimento postumo da parte del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria; pochi sono, infatti (e non me ne voglia nessuno) i colleghi fatti di tale pasta e con tale dirittura morale. Tantissimi erano i colleghi venuti da Palermo per dare l’ultimo saluto alla salma presso la Chiesa dell’Addolorata, dove è stata celebrata la Messa funebre da un frate francescano. Tante le testimonianze sul valore del collega, numerosi gli apprezzamenti, tra i presenti, per il picchetto approntato all’entrata e all’uscita della chiesa che ha reso gli onori all’assistente capo.

L’ultima volta che lo vidi, da vivo, passeggiava per il Corso Vittorio Emanuele a Trapani, tenendo al guinzaglio il suo cane pastore tedesco e così lo voglio ricordare, sorridente, nonostante fosse consapevole del destino cui sarebbe andato  incontro di lì a qualche mese. Il Reparto dell’Ucciardone a cui va ancora una volta tutta la nostra solidarietà piange un collega di valore; la città di Trapani perde uno dei suoi figli migliori.

 


Scritto da: Giuseppe Romano
(Leggi tutti gli articoli di Giuseppe Romano)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotto penitenziario assolto definitivamente: era accusato di associazione mafiosa ad una cosca di Lamezia Terme
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


io non l'ho conosciuto ,ma non c'è persona ,conoscente,collega che non esprima un suo apprezzamento su antonio , descritto da tutti come persona seria ,educata,altruista e buon padre di famiglia e tanti altri aggettivi positivi su di lui.
mi rivolgo ai suoi cari esprimendo tutta la mia vicinanza e considerazione e di essere orgogliosi di antonio che sicuramente da lassu' accolto tra le braccia del nostro signore, saprà sempre proteggervi .
ciao antonio ass.c. tuo collega .
n.b. ringrazio il comm. romano per la testimonianza in ricordo di antonio ,parole sincere scritte dal suo grande cuore e amore che ha per la polizia penitenziaria.

Di  Anonimo  (inviato il 14/08/2015 @ 16:54:46)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.147.238.62


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Rosario Di Bella, Sovrintendente Capo della Polizia Penitenziaria è deceduto. Lavorava nel carcere di Imperia

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

7 Focus su: batteri, virus e malattie infettive nella carceri. Poliziotti e detenuti a rischio contagio

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

10 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni


  Cerca per Regione