Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
In ricordo dell’Assistente Capo Benedetto Lo Cascio


Polizia Penitenziaria - In ricordo dell’Assistente Capo Benedetto Lo Cascio

Notizia del 03/11/2017

in Memoria del Corpo

(Letto 5392 volte)

Scritto da: Giuseppe Romano

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Il 2 novembre scorso, giorno dedicato al ricordo dei defunti è stato celebrato il funerale di Benedetto Lo Cascio, 51 anni, assistente capo della Polizia Penitenziaria in servizio presso la C.C. Trapani.

    La chiesetta della Madonna del Rosario di contrada Spagnola in Marsala è diventata di colpo troppo piccola per contenere quella folla straboccante di amici, parenti, paesani e colleghi, segno dell’affetto e della stima che Benny Lo Cascio godeva nel suo Paese ma anche tra i colleghi.

    Un male incurabile ce lo ha portato via in meno di 6 mesi; mesi di sofferenza durante i quali Benedetto ha lottato come un leone, aggrappandosi alla vita con tutte le forze. Un “guerriero” l’ha definito la piccola Giorgia, sua figlia che con una grandissima forza d’animo ha letto, alla fine della cerimonia funebre, una lettera così struggente dal strapparci a forza le lacrime, fino a quel momento a stento trattenute.

    Volevo bene a Benedetto Lo Cascio; un uomo semplice e generoso, un collega competente, con la passione per la poesia; infatti lo avevo soprannominato “Il Poeta” per quella sua capacità di scrivere pensieri profondi su vari argomenti. Ricordo che all’inizio di questa terribile malattia mi telefonò scusandosi perché era assente e non poteva venire in servizio in quanto un terribile mal di schiena lo teneva inchiodato a letto, denotando un grande attaccamento al suo lavoro, e rispetto per i colleghi.

    Davvero, non c’era un collega che non volesse bene a Benedetto Lo Cascio e con la sua semplicità e genuinità era riuscito a diventare amico di un signore ottantenne, piccoletto dalle buffe orecchie a sventola, che negli ultimi dieci anni della sua vita aveva eletto Marsala e quella meraviglia della natura che è lo Stagnone e le sue isolette, poste di fronte a quella contrada marsalese, a sua sede di residenza.

    Questo signore misterioso, di cui non conosceva nemmeno il nome, - come mi raccontò un giorno -  veniva sempre più spesso  a scoprire quella Sicilia che da giovane non aveva frequentato e non disdegnava di passeggiare e ammirare il paesaggio con lo sfondo delle isole Egadi, con Benedetto con cui discuteva del più e del meno, dei suoi piccoli problemi familiari; e fu confidandogli che suo figlio aveva qualche problema a scuola, che quel signore dall’aria così distinta e discreta si offerse di dargli gratuitamente delle lezioni di Italiano e di altre materie, il cui risultato straordinario permise al figlio di scalare le posizioni nella sua classe, fino ad affermarsi come uno dei migliori.

    Fu solo il 5 gennaio scorso che, nella triste occasione della sua morte, il nostro Benedetto Lo Cascio scoprì dalla stampa nazionale che quel signore ottantenne di cui era diventato amico conquistandolo con la sua semplicità, altri non era che il Professore Tullio De Mauro importantissimo linguista e professore di linguistica e di filosofia del linguaggio, direttore del Dipartimento di Scienze del Linguaggio nella Facoltà di Lettere e Filosofia e successivamente il Dipartimento di Studi Filologici Linguistici e Letterari nella Facoltà di Scienze Umanistiche dell'Università la Sapienza di Roma, nonché Ministro della Pubblica Istruzione con il Governo Amato e fratello minore del giornalista del L’Ora  Mauro De Mauro ucciso dalla Mafia nel 1970. Questo aneddoto la dice lunga sulla simpatia di Benedetto e sulla sua capacità di conquistarti con la sua genuinità. Sei stato un grande collega, caro Benedetto e soprattutto un bravo marito e un padre esemplare per i tuoi figli.

   Ci rivedremo nell’altro mondo e rideremo insieme ascoltando le tue storielle.

 

 


Scritto da: Giuseppe Romano
(Leggi tutti gli articoli di Giuseppe Romano)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Barcellona Pozzo di Gotto: Nuova aggressione in carcere, stavolta a un infermiere
Carceri, associazione Antigone: calano i reati ma aumentano i detenuti
Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida
Del Gaudio:La nostra lotta alla criminalità organizzata è un modello da esportare
Detenuto a Marassi si cuce la bocca con ago e filo per protesta
Spaccio di droga in carcere: condannato agente della penitenziaria
Intitolazione della casa circondariale di Ariano Irpino alla memoria di Pasquale Campanello
Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 7


oggi è il tuo onomastico , anche se non sei tra noi ,gli auguri te li vogliamo fare lo stesso.
buon onomastico benedetto .

ass.ti capo c.c. trapani ciao amico benny.

Di  Anonimo  (inviato il 21/03/2018 @ 14:50:04)


n. 6


Chi lo ha conosciuto non lo dimentichera' mai, chi non lo ha conosciuto non puo' capire quello che era.

Di  sergio  (inviato il 09/11/2017 @ 15:40:33)


n. 5


Oggi piango per mio consuocero
Benedetto una persona grande sia di cuore che di carattere buona è sensibile si metteva sempre a disposizione per qualsiasi cosa tu avevi di bisogno ....mio figlio a perso un suocero stupendo ...ci mancherai sempre sperando da lassù ci proteggerai e ci aiuterai grande angelo...💔💔

Di  Piera  (inviato il 03/11/2017 @ 22:11:14)


n. 4


Parole che colpiscono mi unisco al dolore della famiglia sentitissime condoglianze.

Di  Anonimo  (inviato il 03/11/2017 @ 19:48:48)


n. 3


ieri sono venuto a renderti l'ultimo saluto caro nostro binirittu cosi ci piaceva anche chiamarti , non dimenticherò mai la tua voce allegra quando rispondevi al telefono quando eri di servizio , lo cascio sono ed scherzosamente facendo finta di non capire dicevo chi? e tu rispondevi eu binirittu sugnu e li scoppiavamo a ridere perche già tu sapevi del mio fare finta di non riconoscerti , ti ricordo affettuosamente con la sicurezza che da lassu' sei tra le braccia di nostro signore proteggerai i tuoi cari ed anche noi colleghi.
ti abbiamo voluto bene e te ne vorremo ancora rimarrai impresso nei nostri cuori assieme ai nostri fratelli colleghi che non ci sono piu, gaspare p. gaspare s. ,gaetano t ,pietro lp, emanuele p , giovanni, luigi m ,francesco paolo b,antonino m , leonardo s. giuseppe.b. giuseppe m
.
ass.ti capo c.c. trapani ciao amico benny.

Di  Anonimo  (inviato il 03/11/2017 @ 17:54:01)


n. 2


Eravamo legati in pensieri, i ricordi girano nella mia mente. Non mi hai lasciato ma soltanto preceduto. R.I.P caro amico e fratello.

Di  Francesco.  (inviato il 03/11/2017 @ 09:42:47)


n. 1


Il buon Gesù ti accolga tra le braccia riposa in pace in paradiso tra gli angeli del signore.
Condoglianze alla famiglia.

Di  Cremona  (inviato il 03/11/2017 @ 09:10:37)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

23.20.245.192


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

10 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico





Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis

10 Gratteri: “Campi di lavoro per i mafiosi se vogliono mangiare”


  Cerca per Regione