Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
In ricordo di Carmelo Magli, il Poliziotto penitenziario ucciso a Taranto dalla mafia 20 anni fa


Polizia Penitenziaria - In ricordo di Carmelo Magli, il Poliziotto penitenziario ucciso a Taranto dalla mafia 20 anni fa

Notizia del 17/11/2014

in Memoria del Corpo

(Letto 3368 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Ieri mattina, in occasione del ventennale dell'omicidio del 24enne agente di Polizia Penitenziaria Carmelo Magli, ucciso a Taranto durante la guerra di mala il 17 novembre 1994, nella casa circondariale a lui intitolata, si è svolta una  “Giornata della memoria e della legalita”.

Alle 8.30, nella sala convegni dell'istituto, si è tenuto un incontro, dal titolo “Il poliziotto penitenziario-tra giustizia e umanità”, con gli alunni dell'Istituto Comprensivo 'XXV Luglio-Bettolò di Taranto e dell'Istituto Comprensivo “De Amicis-San Francesco” di Francavilla Fontana (Brindisi).

Alle 11.15 spazio alla tavola rotonda  “Il ricordo di Carmelo Magli, vittima della barbarie mafiosa-tra memoria e riflessionì”. Sono intervenuti il procuratore capo della Repubblica di Lecce Cataldo Motta, il procuratore generale della sezione distaccata di Taranto della Corte d'Appello di Lecce Ciro Saltalamacchia, il procuratore aggiunto della Repubblica di Brindisi Nicolangelo Ghizzardi, il sostituto procuratore della Repubblica del tribunale di Lecce Guglielmo Cataldi, il gip del tribunale di Taranto Pompeo Carriere.

A seguire è stato inaugurato, nell'area della portineria principale, il busto bronzeo dell'agente scelto Carmelo Magli, nativo di Francavilla Fontana. Hanno presenziato alle cerimonie il direttore del carcere Stefania Baldassari, il prefetto di Taranto Umberto Guidato e il prefetto di Brindisi Nicola Prete.

Carmelo Magli era un ragazzo di appena 24 anni, sposato e padre di due bambine, quando, la notte tra il 17 e il 18 novembre 1994, venne trucidato da un commando di killer che, a distanza ravvicinata, gli esplosero numerosi colpi di mitraglietta, ponendo così fine alla sua giovane vita. tarantobuonasera.it

 

LE PAROLE DEL DIRETTORE STEFANIA BALDASSARI

Il caso di Carmelo è quello di una vita che, d’improvviso, giunge ad un bivio, cambia strada, dirigendosi verso una morte inaspettata, perchè in quel posto, a quell’ora, avrebbe potuto esserci anche un’altra persona. Gli assassini, infatti, non avevano scelto nome e cognome della vittima, aspettavano semplicemente il primo Agente di Polizia Penitenziatria che sarebbe uscito dall’Istituto al termine del servizio. La brutalità di questa esecuzione lasciò in tutti una immensa percezione di insicurezza e paura per il movente e le modalità scelte dai killer di Carmelo Magli, il cui fine era unicamente quello di dimostrare, attraverso quell’atto di forza, la propria supremazia su una criminalità allo sbando con il processo “Ellesponto (ancora in corso).

Un particolare ringraziamento va alla moglie, alla figlia e ai genitori di Carmelo a cui è stato chiesto l'ulteriore sacrificio di dover ricordare ancora una volta quei terribili momenti dell'agguato, consapevole che il tempo può solo addolcire il dolore ma certamente non eliminare l'intensità di quella enorme perdita! Sono anche intervenute due scolaresche della scuola media affinché la memoria di Carmelo possa essere da monito e insegnamento e anche per far conoscere loro la polizia penitenziaria, di cui di parla spesso in termini negativi nonostante, in realtà, il poliziotto penitenziario lavora in silenzio attendendo ad un ruolo gravoso e complesso, sicurezza e rieducazione all'interno degli istituti ricevendo in cambio dalla collettività molto poco o quasi niente.

Un ringraziamento davvero sentito a tutti i poliziotti penitenziari, che per un mese e mezzo hanno lavorato, senza far mancare il loro impegno istituzionale, all'organizzazione di questa commemorazione, in particolare ai colleghi di Carmelo che erano in servizio con lui nel 94, che mi hanno fatto sentire forte la loro voglia di ricordarlo, all'Isp Antonio Gugliotta, il promotore di questa giornata, instancabile e prezioso come sempre.

Posso affermare che il carcere di taranto ha in forza 308 unità + 1: Carmelo Magli, presenza invisibile ma comunque nel cuore di tutti i colleghi che prestano servizio nella casa circondariale a lui intitolata. 

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 3


Grazie Stefania.

Di  Antonio  (inviato il 19/11/2014 @ 20:43:05)


n. 2


Non conosco quale fosse il suo corso ma prima di essere assegnato a taranto presto servizio a Bologna

Di  Stefania baldassari  (inviato il 19/11/2014 @ 00:30:20)


n. 1


Ciao, sono Antonio DONATO, con la vostra cortesia desidero sapere se Carmelo è del 45° corso ausiliare.
Oppure se è stato in servizio a Bologna.
Non riesco a collegare dove ci siamo conosciuti.
Grazie e colgo l'occasione per porgere distinti saluti.

Di  Antonio  (inviato il 18/11/2014 @ 20:47:43)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.197.75.176


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

5 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

6 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione