Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
In traduzione vestiti da damerini


Polizia Penitenziaria - In traduzione vestiti da damerini

Notizia del 16/11/2015

in Houston abbiamo un problema

(Letto 6098 volte)

Scritto da: Baldo degli Ubaldi

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


La rocambolesca evasione di Fabio Perrone, Ergastolano, tradotto all’ospedale di Lecce per una COLON SCOPIA (per fare la quale un normale cittadino onesto, servendosi di una struttura pubblica, deve aspettare da tre a sei mesi), deve far riflettere anche sull’uso dell’uniforme di servizio.

Non è la prima volta, infatti, che un detenuto in traduzione, per recarsi al Tribunale o in visita ambulatoriale, abbia tentato di sfilare l’arma al collega di scorta che lo accompagna. Tali atteggiamenti da parte (per fortuna) di una minoranza di detenuti è incoraggiato a mio parere dalla fondina bianca che i colleghi indossano sopra la divisa “!classica” con la quale effettuano le traduzioni, perché l’immagine è tutto per il DAP; poi se gli automezzi sono a pezzi, se i condizionatori dei furgoni non funzionano beh, l’importante è farsi riprendere dalle TV locali e nazionali con la nostra bella divisa con camicia bianca e cravatta nera, come se dovessimo andare a fare una rappresentanza o come se montassimo in portineria.

In realtà la tanto bistrattata (ora in parte rivalutata) tuta di servizio risponde alle esigenze operative del N.T.P. soprattutto perché, il cinturone nero in fibra ha la fondina anti estrazione che offre maggiori garanzie della fondina bianca la cui pistola e trattenuta da un semplice bottoncino a clip.

Ma ripeto l’immagine è tutto e quindi è vietato recarsi in tribunale o in ospedale con la tuta di servizio e anzi molti coordinatori si incazzano se all’ultimo momento, chiedono uomini al S.A.T. e questi (per mancanza di tempo o perché non hanno armadietti e sono venuti in servizio in mimetica) si presentano in mimetica. Che immagine diamo in televisione? Meglio essere perfetti, belli da vedere, con quella divisa blu e il bel cinturone bianco che spicca, anche se è molto facile per un detenuto malintenzionato sfilare la pistola dalla fondina.

Anche su questo bisognerebbe fare una profonda riflessione sull’uso del tipo di uniforme occorrente per effettuare le traduzioni e se la fondina antiestrazione offre maggiori garanzie di sicurezza, rivedere anche il decreto sulle uniformi e apportarvi dei cambiamenti.

L’immagine di damerini ben vestiti che tanto piace al DAP, indossando la mimetica nei servizi di traduzione (tutti) lascerebbe il posto ad una immagine di un Corpo di Polizia più operativo, forse un’immagine dura anche sgradevole (?) per certi versi ma che sicuramente darebbe più agilità nei movimenti e più  sicurezza agli agenti impiegati in traduzione.

 


Scritto da: Baldo degli Ubaldi
(Leggi tutti gli articoli di Baldo degli Ubaldi)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Ripetute proteste nella stessa giornata nel carcere minorile Beccaria di Milano
Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone
Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria
Mafiosi convertiti all''islam durante la permanenza in carcere: il caso del boss che vuole convertire anche il figlio
Carcere di Orvieto di nuovo casa di reclusione? La protesta dei Poliziotti: a rischio la chiusura del carcere
Il DAP affida in esclusiva all''Ucoii la scelta degli imam nelle carceri: pericolo di predominanza salafita
Motovedetta della Polizia Penitenziaria in soccorso di otto ricercatori bloccati sull''isola di Pianosa
Nuovo carcere di Brescia? Pronto non prima di sei o sette anni


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 22


Cari colleghi e colleghe, io sono d'accordo sia con Matteo commento 8 sia con il commento 10 di Piermattia, il discorso di montare in borghese, sarebbe importante per la sicurezza e la tranquillità e come dice Mattia si darebbe meno nell'occhio. Con questo non voglio dire che tutti i servizi si debbono fare in borghese, ma sicuramente ci sarebbero servizi da fare in borghese come per esempio Visite Ospedalieri, spostamenti via aerea e Navale, arresti domiciliari.
Poi il discorso del collega Piermattia e di una logicità assoluta, le videoconferenze sarebbero l'ideale su tutto ma sicuramente al DAP la cosa non tinge a nessuno. un saluto a tutti.

Di  Riccardo leone  (inviato il 21/11/2015 @ 21:51:56)


n. 21


Per PIERMATTIA
Ma dove è finito?
Ahh....forse ho capito. E' in traduzione?
Attento a non farsi sfilare "u fierru!"
A parte gli scherzi, qui noi attendiamo le sue scuse, per quella piccola leggerezza....ricorda vero?

Di  Egidio  (inviato il 21/11/2015 @ 13:04:45)


n. 20


poveri poliziotti penitenziari non è canbiato nulla, chi comanda vive in un modo di sogni, indossano una giacca con gradi e sfilano per corridoi e spaccio, ma sempre attaccati alla loro poltrona, svegliateli e fateli alzare e con voi a lavorare nei reparti detentivi in prima linea.auguri da un ex collega

Di  aurelio  (inviato il 20/11/2015 @ 19:14:24)


n. 19


ho letto i commenti inerenti divise, tute di servizio, rispetto le opinioni di tutti. Vorrei solo dire che,o divisa o mimetica, quello che manca realmente in questa Amministrazione è la corretta formazione degli Agenti, per non parlare delle traduzioni sotto scorta e con personale inesperto magari neo assunto. Questo a mio avviso sono i reali problemi, non cosa indossiamo, perchè se parlassimo di cosa indossiamo, guardate solo gli anfibi chi riuscirebbe a correre come si deve con quelli?

Di  PIo Giovanni F.  (inviato il 20/11/2015 @ 00:23:32)


n. 18


Volevo scrivere l'Abbiano....moderata.
Ci sarà stata una svista

Di  Egidio  (inviato il 19/11/2015 @ 16:54:28)


n. 17


Caro Nexuno, concordo con le videoconferenze. Potremmo risparmiare fior di quattrini. Il tuo commento è davvero autorevole.
Buon lavoro

Di  Angela  (inviato il 19/11/2015 @ 16:51:37)


n. 16


Gentile Piermatia, trovo strano che non l'abbiamo moderata. Ciononostante spero che abbia imparato la lezioncina. Mi sono arruolato nel 90, ne sento ancora di cotte e di crude e mi creda non giova a nostro favore indicare con quell'appellativo i detenuti. Su...chieda scusa e la perdoneremo....ehehehehe.
Poi ciò non toglie che Lei sia una persona in gamba.....su....su....cosa aspetta a dire....ho scritto una minc....!
Sò ragazziiii
Un abbraccio Pasquì

Di  Egidio  (inviato il 19/11/2015 @ 13:26:19)


n. 15


Caro Piermattia, torno a confermare quanto scritto al commento n.6. Ho capito che tu sei uno di quelli duri e puri, che i delinquenti (contrariamente alle indicazioni europee derivanti dalla sentenza Torreggiani) vanno fatti filare (infatti talmente vanno fatti filare dritti che subiamo 2 - 3 aggressioni al giorno nelle carceri italiane). Prevalere o non prevalere? Mi sembra di parlare con un agente arruolato negli anni 70. Ricordati che dietro nomignoli di fantasia si possono celare colleghi con tantissimi anni di servizio e che ancora probabilmente respirano l'aria delle sezioni, e sicuramente (senza offesa) conoscono molto bene il lavoro del poliziotto penitenziario e l'evoluzione del Corpo..........

Di  Fra Cristoforo da Volterra  (inviato il 19/11/2015 @ 12:39:15)


n. 14


@Piermattia;
Scrivere in un blog, richiede un minimo di deontologia professionale, soprattutto se il blog parla di un organismo istituzionale quale è la Polizia Penitenziaria.
Peraltro, il tuo apostrofare i detenuti con "nomignoli" sconvenienti, lede tutti noi.
Ora a te non dovrebbe sfuggire che gran parte dei nostri problemi è frutto di idee sbagliate e notizie distorte, che vengono veicolate tramite gli organi di informazione, questo spazio, è di dominio pubblico per cui ritengo opportuno che ci sia una autoregolamentazione circa i toni e le espressioni, che potrebbero sfuggire al controllo della Redazione.
Adesso, mi piacerebbe leggere una analisi tecnica/operativa, che mi faccia comprendere perché un servizio operativo è più consono svolto in uniforme ordinaria, al posto di un'altra tipologia di indumento di servizio.
Grazie.

Di  PASQUINO  (inviato il 19/11/2015 @ 09:07:39)


n. 13


Ciao Fra Cristoforo da Volterra.
Nel tuo post hai mostrato umiltà e senso di responsabilità, non hai per niente affermato o fatto intendere che il nostro lavoro sia facile...anzi hai giustamente espresso il contrario.
Sono contento di leggere interventi di Colleghi come te, che non hanno l'intenzione di mostrarsi "rambo", non criticano se non sia costruttiva...la critica.
Desideravo anche chiedere a te e agli altri Colleghi cosa ne pensate del'utilizzo delle videoconferenze per le udienze con le Autorità Giudiziarie.
Ti saluto con Sincera Stima.

Di  nexuno  (inviato il 18/11/2015 @ 20:19:30)


n. 12


Un saluto a tutti i colleghi... E credo anche io visto che da anni faccio parte del nucleo traduzioni che bisognerebbe operare con la tuta operativa già il nome dice tutto... Piermattia concordo con te che non bisogna mai farsi sorprendere... Ma credimi nulla è scontato specialmente quando si sta fuori dalle 4 mura del carcere...mezzi che si rompono... Scorte inadeguate per quanto riguarda il numero di agenti

Di  Anonimo  (inviato il 18/11/2015 @ 19:30:34)


n. 11


Fra Cristoforo, probabilmente lei è lontano anni luce dal nostro quotidiano lavoro, io non sono un super Assistente Capo, sono una persona che ha imparato molto bene il suo mestiere. Quotidianamente mi prodigo, a far filare dritto il delinquente, di qualsiasi razza esso sia. Vorrei ricordare ai colleghi, che il delinquente va trattato come si merita, è con i dovuti accorgimenti senza dargli la possibilità, di pensare di poter prevalere a nostro discapito. Se poi farsi valere, vi sembra una passeggiata, cambiate mestiere.

Di  piermattia  (inviato il 18/11/2015 @ 09:26:55)


n. 10


Purtroppo non è vero che "basterebbe far indossare il cinturone blu della tuta di servizio anche sulla divisa ordinaria".
Uno dei tanti "perchè" lo ha descritto chiaramente claudio nel post n° 7.
Desidero ricordarvi che vi sono stati, in passato, tentativi di strangolamento col solo atto del "tirare la cravatta" a qualche Collega...o almeno così mi è stato raccontato.
Se proprio non mi è possibile lavorare con la sola tuta di servizio...allora concordo con chi afferma che è molto meglio lavorare con abiti borghesi. Ringrazio i Colleghi che, coi loro interventi e senza scadere nel linguaggio scurrile, scrivono per dare il loro contributo costruttivo, sebbene non abbiamo poi così tanta voce in capitolo, ma almeno proviamo a migliorare le nostre condizioni attuali.
Infine desidero insistere sull'utilità dell'uso delle videoconferenze per le udienze con le Autorità Giudiziarie.

Di  nexuno  (inviato il 16/11/2015 @ 23:29:47)


n. 9


Io penso che ci sarebbero servizi da fare con abbigliamento in borghese, si darebbe meno all'occhio, si lavorerebbe con più tranquillità e più sicurezza. Purtroppo i nostri scienziati dirigenti non la pensano così, per loro l'importante e camminare con una bella auto con relativo autista possibilmente avere l'agente di scorta e farsi portare in giro a farsi i cavoli propri, nel frattempo i colleghi del N.T.P. camminano con auto e furgoni mal combinati, mimetiche scolorite e divise consumate. RIFLETTETE.

Di  Matteo Ricciardi  (inviato il 16/11/2015 @ 22:23:45)


n. 8


mi è capitato di rincorrere un tizio che si è dato alla fuga durante un controllo di un auto (poi risultata rubata) purtroppo non sono riuscito a prenderlo e l'80% colpa della divisa...le scarpe basse non aiutano di certo contro le ginniche del fuggitivo e poi...con una mano sulla fondina per evitare che il cinturone faccia su' e giu' con paura di perdere sia cinturone che pistola...avete visto le nuove divise delle volanti??? ecco..loro ci sono arrivati...noi delle traduzioni ancora andiamo vestiti come quelli della matricola..(senza nulla togliere ).salve a tutti

Di  claudio  (inviato il 16/11/2015 @ 21:55:40)


n. 7


Piermattia, da come parli credo che tu sia un super agente invincibile e che a te non può succedere nulla. Beato te. Credo che le tue radici culturali affondino negli Agenti di Custodia (visto che hai 30 anni di servizio) ma chiamare pubblicamente su un blog, i detenuti "camosci" non ti fa certo onore e non lo dico perchè voglio difendere i detenuti, lo affermo solo perchè agli occhi di chi legge perdiamo la faccia. Queste non sono cazzate, sono punti di vista; puoi dire semplicemente che non sei d'accordo. Il Signore ti ha sempre aiutato fino ad oggi e spero che ti accompagni indenne fino alla pensione. Amen

Di  Fra Cristoforo da Volterra  (inviato il 16/11/2015 @ 21:35:23)


n. 6


Ho 30 anni di servizio, mai nessun camoscio si permesso di sfilarmi la pistola dalla fondina. le traduzioni si fanno in divisa, non dite cazzate l' Arma dei Carabinieri lo ha fatto per 40 anni. sveglia ragazzi, e basta con le cazzate. Mattia

Di  piermattia  (inviato il 16/11/2015 @ 19:12:11)


n. 5


Sono 32 anni che indosso la divisa e ne sono orgoglioso, prima come Agente di Custodia poi Polizia Penitenziaria,vorrei fare soltanto due piccole considerazioni : punto primo. ma c'è qualcuno ( parlamentare o ministeriale ) che si interessa del personale. Se ci sono dove sono!!!!!!Punto due, il nuovo modello organizzativo per le traduzioni chi lo ha scritto. Dimenticavo lo hanno fatto più umano facendo dormire e mangiare il personale in caserma, magari lontano dai centri abitati cosi il personale nn si stanco dopo un lungo viaggio, complimenti.

Di  fiorello  (inviato il 16/11/2015 @ 16:34:22)


n. 4


Per Carlo: è vero non ci vuole un GENIO per capirlo, ma bisogna modificare un Decreto.

Di  Baldo degli Ubaldi  (inviato il 16/11/2015 @ 16:29:48)


n. 3


Bha...basterebbe far indossare il cinturone blu della tuta di servizio anche sulla divisa "ordinaria", non è che ci voglia un genio per capirlo.

Di  Carlo  (inviato il 16/11/2015 @ 12:01:18)


n. 2


Da piccolo sognavo di indossare la divisa....o l'uniforme.
Svolgendo il nostro delicato lavoro, però, ho compreso alcune fondamentali cose:
la divisa,seppur bella, non è per niente pratica per il lavoro che svolgiamo, sia per il servizio all'interno dei reparti detentivi, sia per le traduzioni dei detenuti...e per finire non è pratica neanche per i lavori da svolgere negli uffici dei penitenziari, dato che nei casi di emergenza anche chi lavora "dietro una scrivania" deve accorrere per aiutare il collega in difficoltà nel reparto.
Poichè una divisa costa tantissimo all'Amministrazione, perchè non consegnarci solo tute di servizio (le cc.dd. mimetiche)?
Al massimo le uniformi potrebbero essere consegnate solo ai sottufficiali e ufficiali...o ancora fare scegliere il dipendente se optare per la divisa o ricevere l'equivalente economico in tute di servizio...e di sicuro ne "verrebbero fuori" almeno 3 di mimetiche dello stesso valore di una uniforme.
Credo sia il momento di cominciare a riflettere al riguardo

Di  nexuno  (inviato il 16/11/2015 @ 11:00:08)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.163.149.151


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

5 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

6 La sentenza Torreggiani (o meglio la sua sciagurata applicazione) ha distrutto le carceri italiane

7 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

8 Operazione Onda Blu: NIC Polizia Penitenziaria arresta a Crotone due evasi da Voghera

9 Ente di Assistenza: a chi serve?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Polizia Penitenziaria di Palermo consegna doni e giocattoli per i bambini con malattie metaboliche e rare

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

6 Poliziotto assolto da accusa di violenza sessuale: nei guai invece finisce il medico per evasione della detenuta

7 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

8 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

9 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

10 Carcere di Rossano a rischio sicurezza: 36 Agenti penitenziari servono solo per controllare il muro di cinta


  Cerca per Regione