Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Indennità giornaliera doppia per servizio esterno: ricorso al TAR parzialmente accolto


Polizia Penitenziaria - Indennità giornaliera doppia per servizio esterno: ricorso al TAR parzialmente accolto

Notizia del 15/01/2013

in Ricorsi Contenziosi Sentenze TAR CASSAZIONE

(Letto 5644 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo


REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima Quater)

ha pronunciato la presente SENTENZA

sul ricorso numero di registro generale 4533 del 2012, proposto da OMISSIS (45 persone) elettivamente domiciliati in Roma, piazzale Clodio n. 56 presso lo studio dell’avv. Maria Immacolata Amoroso che, unitamente all’avv. Fabrizio Casella, li rappresenta e difende nel presente giudizio
contro
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, in persona del Ministro p.t., domiciliato in Roma, via dei Portoghesi n. 12 presso la Sede dell’Avvocatura Generale dello Stato che ex lege lo rappresenta e difende nel presente giudizio
per l'accertamento
del diritto dei ricorrenti a percepire l’indennità per servizio esterno, in misura doppia giornaliera, a decorrere dal 1 novembre 1996 fino a quando hanno cominciato a riceverla duplice;

FATTO
Con ricorso notificato il 21/05/12 e depositato il 12/06/12 Mastrogiacomo Bruno, Di Nardo Rocco, Garvi Stefano, Ponzo Francesco, Cesarano Giuseppe, Cirigliano Giuseppe, Giusti Valentino, Cipollaro Vincenzo, Roiate Cesare, Eufemi Silvio, Smarchi Stefano, Lombardo Calogero, Garuti Massimiliano, Gentile Gian Luca, Forti Massimo, Scavone Felice, Chialastri Luigi, Grassia Maurizio, Castilli Roberto, Picone Giuseppe, Mastromatteo Ciro, Guida Luigi, De Sibbi Fabio, Noce Alessio, Franchino Antonio, Guerra Gerardo, Zanghieri Diego, Missori Giulio, Suppi Stefano, Ganciano Francesco, Saccucci Gianni, Brunetti Roberto, Reali Roberto, Capo Luciano, Montagnoli Andrea, Simoni Alessandro, Giammatteo Fabrizio, Follega Roberto, Napolitano Domenico, Lombari Alberto, Di Filippo Maria Pia, Pagliaroli Roberto, Peruzzi Pietropaolo, Guardascione Giona e Porcelli Pietro, appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria, hanno agito per la declaratoria del diritto a percepire l’indennità per servizio esterno, in misura doppia giornaliera, a decorrere dal 1 novembre 1996 fino a quando hanno cominciato a riceverla duplice.
Il Ministero della Giustizia, costituitosi in giudizio con memoria depositata il 18/06/12, ha chiesto il rigetto del ricorso.
All’udienza pubblica del 6 dicembre 2012 il ricorso è stato trattenuto in decisione.

DIRITTO

Il ricorso è solo parzialmente fondato e, nei limiti di quanto in prosieguo specificato, merita accoglimento.
I soggetti in epigrafe indicati, tutti appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria (come risulta dalla documentazione prodotta in giudizio dagli interessati), chiedono l’accertamento, per i casi in cui l’orario settimanale di servizio è stato articolato in giorni alterni e, quindi, secondo turni pari o superiori a 12 ore, del diritto di percepire l’indennità per servizio esterno in misura doppia giornaliera a decorrere dal 1 novembre 1996 al 1 novembre 2007, data in cui hanno cominciato a riceverla doppia, oltre interessi legali e rivalutazione.
La domanda è meritevole di accoglimento limitatamente al periodo che va dal 21 maggio 2007 al 31 ottobre 2007 (dal 1 novembre 2007 i ricorrenti, secondo la stessa prospettazione dell’atto introduttivo, hanno cominciato a ricevere l’indennità per servizi esterni in misura doppia giornaliera, nelle ipotesi di turni di servizio pari a dodici ore).
Per il periodo precedente, ovvero quello intercorrente tra il 1 novembre 1996 e il 20 maggio 2007, deve essere accolta l’eccezione di prescrizione sollevata dal Ministero della Giustizia nella memoria depositata il 03/11/12; va rilevato che nella fattispecie, trattandosi di credito che trova la sua causa petendi nel rapporto di lavoro, il termine prescrizionale è quinquennale, secondo quanto previsto dall’art. 2948 c.c. n. 4 c.c. (Cons. Stato sez. VI n. 4514/12; Cons,. Stato sez. IV n. 4045/12; Cons. Stato sez. VI n. 4494/11) e deve tenere conto del fatto che l’interruzione della prescrizione si è verificata solo con la notifica dell’atto introduttivo del presente giudizio, avvenuta il 21 maggio 2012 (di talchè il termine quinquennale di prescrizione deve ritenersi perfezionato per i crediti maturati fino al 20 maggio 2007).
Va, invece, accolta la domanda relativa all’indennità richiesta per il periodo che va dal 21 maggio 2007 al 31 ottobre 2007.
L’art. 9 del D.P.R. n. 395/95 ha previsto in modo espresso la corresponsione di una specifica indennità per il personale di polizia “impiegato nei servizi esterni, organizzati in turni sulla base di ordini formali di servizio ivi compresi quelli di vigilanza esterna agli istituti di pena ”, ed, altresì, per il “personale del Corpo di Polizia Penitenziaria impiegato in servizi organizzati in turni, sulla base di ordini formali di servizio, presso le sezioni o i reparti e, comunque, in altri ambienti in cui siano presenti detenuti o internati”.
L’art. 11 D.P.R. n. 254/99 ha esteso l’indennità in esame “al personale delle forze di polizia ad ordinamento civile che eserciti precipuamente attività di tutela, scorta, traduzione, vigilanza, lotta alla criminalità, nonchè tutela della normativa in materia di poste e comunicazioni, impiegato in turni e sulla base di ordini formali di servizio svolti all'esterno degli uffici o presso enti e strutture di terzi”.
L’art. 9 D.P.R. n. 164/02 ha, poi, specificato che l’indennità deve essere corrisposta “al personale impiegato nei servizi esterni di durata non inferiore a tre ore”, ponendo tale limite minimo, ma senza stabilire alcunché in relazione all’ipotesi di turni aventi una durata superiore.
L’art. 8 comma 2° del D.P.R. n. 170/2007 ha espressamente riconosciuto in capo “al personale che, per esigenze eccezionali dell’Amministrazione, effettua un orario settimanale articolato a giorni alterni”, l’indennità per servizi esterni “in misura doppia”, con il limite, di natura finanziaria, della misura di 30 indennità per ciascun dipendente, nell’arco del mese; la decorrenza della disposizione in esame è stata fissata dall’art. 38 del medesimo testo normativo al 1° novembre 2007.
Così ricostruito il quadro giuridico di riferimento il Tribunale, superando il proprio convincimento espresso in precedenti decisioni aventi ad oggetto analoghe fattispecie (tra le altre TAR Lazio – Roma n. 36699/10), ritiene di dovere prendere atto del costante orientamento del Consiglio di Stato il quale, sia in sede di merito (si vedano, tra le altre, le sentenze n. 2969/11, n. 2971/11, n. 2977/11 e n. 2979/11 emesse dalla Sezione Quarta) che nella fase cautelare (si veda, tra le altre, l’ordinanza cautelare n. 4871/11), ha ritenuto che “il successivo affastellamento di diverse disposizioni sulla medesima fattispecie - tutte conseguenti ai numerosi problemi di carattere applicativo dell’istituto in questione - dimostra direttamente la natura interpretativa delle predette disposizioni. Una corretta lettura della disciplina dettata sul punto dalla contrattazione collettiva, complessivamente considerata, non può che far ritenere, sotto il profilo logico, la spettanza originaria dell’emolumento in questione. L’indennità giornaliera per servizi esterni di cui trattasi, va dunque rapportata non al giorno solare ma all’ordinaria durata della giornata lavorativa, onde assicurare che i lavoratori che abbiano effettuato lo stesso numero di ore di lavoro, considerate utili ai fini del percepimento dell’indennità medesima conseguano un pari trattamento” (Cons. Stato sez. IV n. 2977/11; nel medesimo senso TAR Lazio – Roma n. 3099/12).
In accoglimento della domanda proposta dai ricorrenti deve, pertanto, essere dichiarato il diritto dei predetti, limitatamente ai casi in cui l’orario settimanale è stato articolato in giorni alterni e con il limite di trenta indennità per ciascun mese e per ciascun dipendente (come stabilito dall’art. 8 D.P.R. n. 170/2007), di percepire l’indennità per servizio esterno in misura doppia giornaliera a decorrere dal 21 maggio 2007 fino al 31 ottobre 2007.
Su tali somme il Ministero, come richiesto dai ricorrenti, dovrà corrispondere gli interessi legali calcolati in base ai seguenti principi richiamati dalle citate sentenze del Consiglio di Stato:
- trattandosi di ratei dei crediti retributivi spettanti per periodi successivi al 31 dicembre 1994, vanno riconosciuti i soli interessi legali al tasso corrente alla scadenza del singolo rateo come previsto dall’art. 22 comma 36 della legge n. 724/94 (in questo senso Cons. Stato sez. VI, n. 8/2001; Ad. Plen., 15 giugno 1998, n. 3);
- ai sensi dell'art. 429 c.p.c., gli interessi legali per gli emolumenti corrisposti tardivamente debbono essere calcolati sull'importo nominale del credito, con la conseguenza che sulla somma dovuta a titolo di interessi non vanno computati ancora interessi (così Cons. Stato sez. IV, n. 5177/04), in quanto gli interessi sono solo effetti del ritardo e non possono perciò essere inglobati "ab origine" nel contenuto del credito;
- il calcolo degli interessi legali dovuti dalla p.a. per il ritardato pagamento di emolumenti al proprio dipendente va, poi, effettuato prendendo come riferimento la somma dovuta al netto delle ritenute contributive e delle ritenute fiscali in quanto ciò che danneggia il creditore, e giustifica la sua pretesa agli accessori di legge, è il ritardo con il quale egli ha potuto disporre della somma netta che il debitore avrebbe dovuto mettergli a disposizione in precedenza, e non le somme per ritenute contributive e fiscali, delle quali egli non avrebbe mai potuto avere la disponibilità (Cons. Stato sez. IV n. 9227/03; Cons. Stato, sez. VI n. 3383/04).
L’accoglimento solo parziale delle domande proposte dai ricorrenti giustifica, ai sensi degli artt. 26 d. lgs. n. 104/10 e 92 c.p.c., la compensazione delle spese processuali sostenute dalle parti;

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima Quater)
definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto:
1) accoglie il ricorso nei limiti di quanto specificato in motivazione;
2) dispone la compensazione delle spese processuali sostenute dalle parti.
Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.
Così deciso in Roma nella Camera di Consiglio del giorno 6 dicembre 2012 con l'intervento dei magistrati:
Elia Orciuolo, Presidente
Maria Ada Russo, Consigliere
Michelangelo Francavilla, Consigliere, Estensore

DEPOSITATA IN SEGRETERIA
Il 15/01/2013

 

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima Quater)

ha pronunciato la presente SENTENZA

sul ricorso numero di registro generale 4570 del 2012, proposto da OMISSIS (19 persone) elettivamente domiciliati in Roma, viale Anicio Gallo n. 194 presso lo studio dell’avv. Francesco La Gattuta che li rappresenta e difende nel presente giudizio
contro
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, in persona del Ministro p.t., domiciliato in Roma, via dei Portoghesi n. 12 presso la Sede dell’Avvocatura Generale dello Stato che ex lege lo rappresenta e difende nel presente giudizio
per la declaratoria
del diritto dei ricorrenti a percepire l’indennità per servizio esterno, in misura doppia giornaliera, a decorrere dal 1 novembre 1996 fino a quando hanno cominciato a riceverla duplice
e per la condanna dell’amministrazione al pagamento delle somme dovute, oltre interessi e rivalutazione;

FATTO
Con ricorso notificato il 30/05/12 e depositato il 13/06/12 Abbate Angelo, Censi Alessandro, Pietrangeli Fabrizio, Rossini Michele, Gallotti Cesidio Igino, Di Girolamo Mario, Orlandi Daniele, Pontone Massimo, Gori Massimo, Posillipo Armando, Mescia Guido, Scida Alberto, Fratticci Salvatore, Cicerchia Massimiliano, Tajarol Giordano, Iacono Giovanni, Prili Angelo, Marocchini Angelo e Bono Andrea, appartenenti al Corpo di polizia penitenziaria, hanno agito per la declaratoria del diritto a percepire l’indennità per servizio esterno, in misura doppia giornaliera, a decorrere dal 1 novembre 1996 fino a quando hanno cominciato a riceverla duplice, e per la condanna del Ministero della Giustizia al pagamento delle relative somme, oltre interessi e rivalutazione.
Il Ministero della Giustizia, costituitosi in giudizio con memoria depositata il 20/06/12, ha chiesto il rigetto del ricorso.
All’udienza pubblica del 6 dicembre 2012 il ricorso è stato trattenuto in decisione.

DIRITTO

Il ricorso è solo parzialmente fondato e, nei limiti di quanto in prosieguo specificato, merita accoglimento.
I soggetti in epigrafe indicati, tutti appartenenti al Corpo di polizia penitenziaria (come risulta dalla documentazione prodotta in giudizio dagli interessati), chiedono l’accertamento, per i casi in cui l’orario settimanale di servizio è stato articolato in giorni alterni e, quindi, secondo turni pari o superiori a 12 ore, del diritto di percepire l’indennità per servizio esterno in misura doppia giornaliera a decorrere dal 1 novembre 1996 al 1 novembre 2007, data in cui hanno cominciato a riceverla doppia, oltre interessi legali e rivalutazione, e la condanna del Ministero intimato al pagamento delle relative somme oltre interessi e rivalutazione.
La domanda è meritevole di accoglimento limitatamente al periodo che va dal 30 maggio 2007 al 31 ottobre 2007 (dal 1 novembre 2007 i ricorrenti, secondo la stessa prospettazione dell’atto introduttivo, hanno cominciato a ricevere l’indennità per servizi esterni in misura doppia giornaliera, nelle ipotesi di turni di servizio pari a dodici ore).
Per il periodo precedente, ovvero quello intercorrente tra il 1 novembre 1996 e il 29 maggio 2007, deve essere accolta l’eccezione di prescrizione sollevata dal Ministero della Giustizia nella memoria depositata il 03/11/12; va rilevato che nella fattispecie, trattandosi di credito che trova la sua causa petendi nel rapporto di lavoro, il termine prescrizionale è quinquennale, secondo quanto previsto dall’art. 2948 c.c. n. 4 c.c. (Cons. Stato sez. VI n. 4514/12; Cons,. Stato sez. IV n. 4045/12; Cons. Stato sez. VI n. 4494/11) e deve tenere conto del fatto che l’interruzione della prescrizione si è verificata solo con la notifica dell’atto introduttivo del presente giudizio, avvenuta il 30 maggio 2012 (di talchè il termine quinquennale di prescrizione deve ritenersi perfezionato per i crediti maturati fino al 29 maggio 2007).
Va, invece, accolta la domanda relativa all’indennità per il periodo che va dal 30 maggio 2007 al 31 ottobre 2007.
L’art. 9 del D.P.R. n. 395/95 ha previsto in modo espresso la corresponsione di una specifica indennità per il personale di polizia “impiegato nei servizi esterni, organizzati in turni sulla base di ordini formali di servizio ivi compresi quelli di vigilanza esterna agli istituti di pena ”, ed, altresì, per il “personale del Corpo di polizia penitenziaria impiegato in servizi organizzati in turni, sulla base di ordini formali di servizio, presso le sezioni o i reparti e, comunque, in altri ambienti in cui siano presenti detenuti o internati”.
L’art. 11 D.P.R. n. 254/99 ha esteso l’indennità in esame “al personale delle forze di polizia ad ordinamento civile che eserciti precipuamente attività di tutela, scorta, traduzione, vigilanza, lotta alla criminalità, nonchè tutela della normativa in materia di poste e comunicazioni, impiegato in turni e sulla base di ordini formali di servizio svolti all'esterno degli uffici o presso enti e strutture di terzi”.
L’art. 9 D.P.R. n. 164/02 ha, poi, specificato che l’indennità deve essere corrisposta “al personale impiegato nei servizi esterni di durata non inferiore a tre ore”, ponendo tale limite minimo, ma senza stabilire alcunché in relazione all’ipotesi di turni aventi una durata superiore.
L’art. 8 comma 2° del D.P.R. n. 170/2007 ha espressamente riconosciuto in capo “al personale che, per esigenze eccezionali dell’Amministrazione, effettua un orario settimanale articolato a giorni alterni”, l’indennità per servizi esterni “in misura doppia”, con il limite, di natura finanziaria, della misura di 30 indennità per ciascun dipendente, nell’arco del mese; la decorrenza della disposizione in esame è stata fissata dall’art. 38 del medesimo testo normativo al 1° novembre 2007.
Così ricostruito il quadro giuridico di riferimento il Tribunale, superando il proprio convincimento espresso in precedenti decisioni aventi ad oggetto analoghe fattispecie (tra le altre TAR Lazio – Roma n. 36699/10), ritiene di dovere prendere atto del costante orientamento del Consiglio di Stato il quale, sia in sede di merito (si vedano, tra le altre, le sentenze n. 2969/11, n. 2971/11, n. 2977/11 e n. 2979/11 emesse dalla Sezione Quarta) che nella fase cautelare (si veda l’ordinanza cautelare n. 4871/11), ha ritenuto che “il successivo affastellamento di diverse disposizioni sulla medesima fattispecie - tutte conseguenti ai numerosi problemi di carattere applicativo dell’istituto in questione - dimostra direttamente la natura interpretativa delle predette disposizioni. Una corretta lettura della disciplina dettata sul punto dalla contrattazione collettiva, complessivamente considerata, non può che far ritenere, sotto il profilo logico, la spettanza originaria dell’emolumento in questione. L’indennità giornaliera per servizi esterni di cui trattasi, va dunque rapportata non al giorno solare ma all’ordinaria durata della giornata lavorativa, onde assicurare che i lavoratori che abbiano effettuato lo stesso numero di ore di lavoro, considerate utili ai fini del percepimento dell’indennità medesima conseguano un pari trattamento” (Cons. Stato sez. IV n. 2977/11; nel medesimo senso TAR Lazio – Roma n. 3099/12).
In accoglimento della domanda proposta dai ricorrenti deve, pertanto, essere dichiarato il diritto dei predetti, limitatamente ai casi in cui l’orario settimanale è stato articolato in giorni alterni e con il limite di trenta indennità per ciascun mese e per ciascun dipendente (come stabilito dall’art. 8 D.P.R. n. 170/2007), di percepire l’indennità per servizio esterno in misura doppia giornaliera a decorrere dal 30 maggio 2007 fino al 31 ottobre 2007.
Su tali somme il Ministero, come richiesto dai ricorrenti, dovrà corrispondere gli interessi legali calcolati in base ai seguenti principi richiamati dalle citate sentenze del Consiglio di Stato:
- trattandosi di ratei dei crediti retributivi spettanti per periodi successivi al 31 dicembre 1994, vanno riconosciuti i soli interessi legali al tasso corrente alla scadenza del singolo rateo come previsto dall’art. 22 comma 36 della legge n. 724/94 (in questo senso Cons. Stato sez. VI, n. 8/2001; Ad. Plen., 15 giugno 1998, n. 3);
- ai sensi dell'art. 429 c.p.c., gli interessi legali per gli emolumenti corrisposti tardivamente debbono essere calcolati sull'importo nominale del credito, con la conseguenza che sulla somma dovuta a titolo di interessi non vanno computati ancora interessi (così Cons. Stato sez. IV, n. 5177/04), in quanto gli interessi sono solo effetti del ritardo e non possono perciò essere inglobati "ab origine" nel contenuto del credito;
- il calcolo degli interessi legali dovuti dalla p.a. per il ritardato pagamento di emolumenti al proprio dipendente va, poi, effettuato prendendo come riferimento la somma dovuta al netto delle ritenute contributive e delle ritenute fiscali in quanto ciò che danneggia il creditore, e giustifica la sua pretesa agli accessori di legge, è il ritardo con il quale egli ha potuto disporre della somma netta che il debitore avrebbe dovuto mettergli a disposizione in precedenza, e non le somme per ritenute contributive e fiscali, delle quali egli non avrebbe mai potuto avere la disponibilità (Cons. Stato sez. IV n. 9227/03; Cons. Stato, sez. VI n. 3383/04).
In accoglimento della specifica domanda proposta dai ricorrenti deve, poi, essere disposta la condanna del Ministero della Giustizia al pagamento delle somme in precedenza indicate.
L’accoglimento solo parziale delle domande proposte dai ricorrenti giustifica, ai sensi degli artt. 26 d. lgs. n. 104/10 e 92 c.p.c., la compensazione delle spese processuali sostenute dalle parti;

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima Quater)
definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto:
1) accoglie il ricorso nei limiti di quanto specificato in motivazione;
2) dispone la compensazione delle spese processuali sostenute dalle parti.
Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.
Così deciso in Roma nella Camera di Consiglio del giorno 6 dicembre 2012 con l'intervento dei magistrati:
Elia Orciuolo, Presidente
Maria Ada Russo, Consigliere
Michelangelo Francavilla, Consigliere, Estensore

DEPOSITATA IN SEGRETERIA
Il 15/01/2013

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)

Fermare l'immunità dei Dirigenti del DAP. Cosa può fare la Polizia Penitenziaria? Fermare l'immunitá dei Dirigenti del DAP. Cosa può fare la Polizia Penitenziaria?




 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico
Delega al Governo per dare Skype anche ai mafiosi? Insorge l''Associazione Vittime del Dovere
Tentata evasione dal carcere di Ivrea: detenuto fermato prima che arrivasse al muro di cinta
Detenuto ricoverato, esponente di spicco di un clan di Messina, libero di girare per l''ospedale di Parma
Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.211.169.76


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?





Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

9 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario

10 Nuovi particolari su evasione da Frosinone: i complici sono saliti sul muro di cinta con una scala


  Cerca per Regione