Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Interrogazioni parlamentari sul carcere 6 - 10 dicembre 2010.


Polizia Penitenziaria - Interrogazioni parlamentari sul carcere 6 - 10 dicembre 2010.

Notizia del 13/12/2010

in Dal Parlamento.

(Letto 1710 volte)

Scritto da: Damiano Bellucci

 Stampa questo articolo


 

ATTO SENATO
INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 4/04242
Dati di presentazione dell'atto
Legislatura: 16
Seduta di annuncio: 470 del 07/12/2010
Firmatari
Primo firmatario: DE ECCHER CRISTANO
Gruppo: IL POPOLO DELLA LIBERTA'
Data firma: 07/12/2010
Destinatari
Ministero destinatario:
·         MINISTERO DELLA GIUSTIZIA
Attuale delegato a rispondere: MINISTERO DELLA GIUSTIZIA delegato in data 07/12/2010
Stato iter:
IN CORSO
Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-04242
presentata da
CRISTANO DE ECCHER
martedì 7 dicembre 2010, seduta n.470
DE ECCHER - Al Ministro della giustizia - Premesso che:
nel 1989 a Revere, una cittadina a 35 chilometri da Mantova, hanno avuto inizio i lavori per la costruzione di una Casa mandamentale in grado di ospitare 70 detenuti;
la struttura fu resa flessibile, completata ed ampliata, a livello progettuale, al fine di essere adibita a struttura di custodia attenuata come da progetto di recupero dei detenuti tossicodipendenti presentato dal Servizio per le tossicodipendenze (SerT) di Mantova;
nel 2000 il progetto di completamento dell'opera, già costata 5.000.000.000 di lire, richiedeva un finanziamento di 7.000.000.000 di lire;
i lavori di completamento del carcere non sono mai stati portati a termine;
considerato che:
nel 2000 il Ministero della giustizia ha mantenuto per la sopracitata struttura la destinazione penitenziaria;
nel 2006 la Direzione generale del medesimo Ministero ha vagliato l'opportunità di utilizzare la struttura per l'insediamento dell'Istituto di pena minorile e di altri servizi della giustizia minorile;
allo stato, la struttura carceraria sarebbe ancora incompleta e verserebbe in uno stato di totale abbandono;
preso atto che:
il 13 gennaio 2010 il Ministro in indirizzo ha presentato il cosiddetto "Nuovo piano carceri" nel quale è previsto, tra l'altro, l'aumento della capacità carceraria;
il sottosegretario di Stato per la giustizia Caliendo il 10 giugno 2010 nel corso dello svolgimento di interrogazioni in Senato riguardanti il "Piano di edilizia carceraria volto alla riqualificazione di strutture carcerarie esistenti, ma non ancora utilizzate", ha dichiarato «Quanto alle case mandamentali di Maglie (che ospita solo 11 detenuti semiliberi) e a quella di Revere (non funzionante perché incompleta), sarà cura di questa Amministrazione provvedere, a breve, ad una disamina approfondita delle loro condizioni, verificando nel concreto la convenienza di un loro mantenimento, stante il basso indice di sicurezza delle strutture attualmente in uso»;
l'interrogante chiede di sapere se a quanto risulta al Ministro in indirizzo si sia proceduto alla verifica delle condizioni della struttura carceraria di Revere, in provincia di Mantova, e, in caso affermativo, con quale esito e con quali prospettive.
(4-04242)
ATTO SENATO
INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 4/04216
Dati di presentazione dell'atto
Legislatura: 16
Seduta di annuncio: 468 del 06/12/2010
Firmatari
Primo firmatario: LANNUTTI ELIO
Gruppo: ITALIA DEI VALORI
Data firma: 06/12/2010
Destinatari
Ministero destinatario:
·         MINISTERO DELLA GIUSTIZIA
Attuale delegato a rispondere: MINISTERO DELLA GIUSTIZIA delegato in data 06/12/2010
Stato iter:
IN CORSO
Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-04216
presentata da
ELIO LANNUTTI
lunedì 6 dicembre 2010, seduta n.468
LANNUTTI - Al Ministro della giustizia - Premesso che:
il 24 giugno 2008 Niki Aprile Gatti, 26 anni, muore dopo appena 4 giorni dal suo arresto nel carcere di Sollicciano (FI) apparentemente per un suicidio inspiegabile, in cui sebbene le indagini a quanto risulta all'interrogante paiono mostrare l'impossibilità di tale spiegazione la Procura di Firenze chiude le indagini archiviandole come un suicidio;
con la decisione del Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Firenze di archiviare l'indagine sulla sua morte (nonostante la dura opposizione di sua madre, Ornella Gemini, spesso definita "madre-coraggio" per la straordinaria tenacia dimostrata durante questa durissima battaglia), Niki Aprile Gatti torna ad essere a tutti gli effetti, ma contro ogni logica, un "suicida";
Gatti viveva a San Marino dove lavorava come informatico per il gruppo di aziende oggetto dell'inchiesta Premium che vede incriminate la Oscorp SpA, Orange, OT&T e TMS, tutte residenti a San Marino, la Fly Net di Piero Mancini, Presidente dell'Arezzo Calcio, più altre società con sede a Londra;
Gatti, incensurato, viene arrestato dopo essersi costituito e aver chiesto di testimoniare nell'inchiesta Premium, ma non viene trasferito al carcere di Rimini così come avviene per gli altri 17 arrestati, ma, solo fra tutti, nel carcere di massima sicurezza;
apparentemente la morte di Niki Aprile Gatti è il più classico dei suicidi perché viene trovato impiccato ad una corda costruita con strisce di jeans e lacci di scarpe nel bagno della cella numero 10, IV sezione, del carcere, ma ancora oggi tante cose continuano a far pensare che si tratti di un suicidio simulato;
continua a destare sospetti il fatto che la morte di Gatti sia avvenuta durante o subito dopo l'ora d'aria in cui c'è piena libertà di movimento nel carcere. Così come li desta la misteriosa sparizione della prima richiesta di opposizione all'archiviazione presentata da Ornella Gemini, madre di Niki Aprile Gatti;
le testimonianze dei suoi due compagni di stanza, fondamentali nel confermare il suicidio, non collimano;
le testimonianze dei tanti che hanno visto Gatti negli ultimi giorni di vita in carcere ne attestano la totale serenità di spirito e la sua decisione di collaborare liberamente con gli inquirenti;
non trova risposta il dubbio sul fatto che lacci di scarpe e strisce di tessuto jeans possano sorreggere il peso di un uomo di 92 chilogrammi, così come non trova spiegazione la presenza di lacci di scarpe in un carcere di massima sicurezza o la capacità per un detenuto di creare a mano strisce di tessuto jeans;
in particolare la madre di Niki Gatti, nel sottolineare le molteplici anomalie che hanno caratterizzato la morte del figlio, analizza le dichiarazioni rilasciate al quotidiano "La Repubblica" del 25 giugno 2008, sezione Firenze (data successiva al decesso), da Franco Corleone, quale Garante per i diritti dei detenuti, in una intervista rilasciata alla giornalista Laura Montanari, dopo un colloquio avuto col Direttore del Carcere di Sollicciano e con gli agenti di custodia, quando afferma che: ieri mattina alle 10 "Aprile Gatti aveva avuto la sua ora d'aria, era rientrato in cella, aveva scambiato qualche parola con un agente sul processo, ed alle ore 11 uno dei suoi compagni di cella era andato in infermeria per prendere del metadone un altro era rimasto lì. Lui si è chiuso nel bagno e si è impiccato";
dalle dichiarazioni rilasciate dai soggetti escussi nell'indagine nonché dalla documentazione fotografica acquisita non risulta che Niki fosse andato a "passeggio". Infatti, in nessun atto emerge la circostanza che Aprile Gatti Niki avrebbe profittato dell'ora d'aria. Invero, sull'ora d'aria cui beneficiano i detenuti dalle ore 9,30 alle ore 10,30 gli atti amministrativi interni del carcere recano un inspiegabile vuoto illustrativo nella prima archiviazione. Nella seconda si accerta: "Niki Aprile Gatti non ha beneficiato dell'ora d'aria". Nella prova fotografica Niki al momento del fatto indossava ancora il pigiama;
non vi è rispondenza neppure con l'ora del decesso, laddove nel citato articolo viene riferita alle ore 11, mentre dal medico sanitario che ne ha curato l'autopsia l'ora del decesso viene indicata alle ore 10 (ora di chiamata al 118, ore 11,15);
lo stesso garante sostiene che il ragazzo "Forse si è scoraggiato pensando a una lunga detenzione. So che aveva cambiato avvocato, altro segno di inquietudine";
con telegramma del 20 giugno 2008 con un ordine categorico, si invitava Aprile Gatti Niki a nominare un altro avvocato. Pur sapendo (chi ha effettuato questo telegramma) di andare contro la volontà della madre Ornella Gemini, che in merito a tale decisione aveva ravvisato l'inopportunità di un tale cambiamento. Non fu dunque Niki a voler cambiare legale, ma evidentemente un altro soggetto;
i jeans di Gatti sono perfettamente integri anche se tutti i giornali riportavano la storia secondo cui Niki avesse fatto delle strisce ai jeans e si fosse ucciso così, unendo le stringhe delle scarpe alle strisce di stoffa;
l'agente di custodia che ha parlato con Niki per ultimo, alle ore 10 riferisce: "Niki mi chiama chiedendomi informazioni in merito all'esito dell'interrogatorio di garanzia avvenuto il giorno prima; io lo rassicuro dicendogli che non avendo ancora ricevuto nulla di scritto non era per niente scontata la sua permanenza in carcere in quanto una eventuale scarcerazione poteva sopraggiungere in qualsiasi momento; tuttavia entro l'indomani mattina (25 giugno) attraverso la matricola gli si sarebbero date ulteriori informazioni e tutti gli aggiornamenti in merito alla sua posizione giuridica; il detenuto appariva soddisfatto e sereno ringraziandomi della risposta ricevuta, mentre io proseguivo nell'attività di accertamento numerico";
nella stessa identica ora, le 10, in cui avveniva questo colloquio, non aspettando neanche il giorno dopo per verificare se gli fosse stata concessa la carcerazione, Niki Gatti muore;
la psicologa riferisce: "Questi era sicuro che la sua permanenza nell'istituto fosse di breve durata e che sarebbe stato scarcerato una volta avuta la possibilità di andare in udienza e spiegare le sue ragioni davanti al giudice; il soggetto aveva dimostrato una capacità di gestire cognitivamente ed emotivamente la situazione in cui si era venuto a trovare dopo l'arresto; il tono dell'umore era normale, aveva uno stato ansioso reattivo lieve, congruo alla situazione che stava vivendo; era assente l'ideazione suicidaria, non aveva avuto precedenti psichiatrici, nè mai manifestato problematiche psicologiche, riferiva di non far uso di sostanze stupefacenti". Lo psicologo precisava che non aveva ritenuto di segnalarlo per un ulteriore colloquio con la psicologa in quanto non considerava il caso di tale gravità da sottoporlo ad un colloquio ravvicinato nel tempo;
nell'inchiesta Premium erano state arrestate 18 persone (di cui alcune anche molto importanti) secondo alcuni giornali c'era anche l'ombra della mafia; di questi 18 Gatti è stato l'unico a non volersi avvalere della "facoltà di non rispondere" e l'unico al quale hanno cambiato Avvocato;
l'appartamento dove Gatti viveva in affitto dopo 15 giorni dalla sua morte è stato completamente "ripulito";
i forti dubbi intorno alla morte di Niki Aprile Gatti sono stati sollevati dall'interrogante in una precedente interrogazione che non ha ancora avuto risposta (atto sindacato ispettivo n.4-03187);
considerato che:
la vicenda Telecom Sparkle-Fastweb, il più grande scandalo economico e politico degli ultimi tempi, si è configurata da subito come una truffa dal respiro internazionale costruita attorno alle regole degli inganni e degli insabbiamenti cha hanno unito mafia (le 'ndrine di Isola Capo Rizzuto), politica (l'ex senatore del Popolo della libertà Nicola Paolo Di Girolamo), compagnie telefoniche internazionali (Telecom e Fastweb), figure legate all'alta finanza e alla criminalità organizzata (Gennaro Mokbel), ufficiali delle Forze dell'ordine (Polizia di Stato e Guardia di finanza) e alcuni commercialisti di fiducia;
l'intricata vicenda internazionale ruota attorno ad una serie innumerevole di giganteschi flussi di denaro che appaiono e scompaiono tra San Marino e Londra, Hong Kong e Isole Cayman, per poi affluire in conti ben coperti nelle filiali degli istituti di credito italiani;
è proprio l'asse San Marino-Londra a spuntare in occasione di altre truffe telefoniche italo-europee: Phuncards-Broker, Eutelia e l'inchiesta Premium,
si chiede di sapere:
come sia possibile che in un carcere di massima sicurezza si consegni un telegramma ad un detenuto in "isolamento" senza controllare e che il direttore non lo sappia;
come abbia potuto il Garante per i diritti dei detenuti leggere il "cambio di avvocato" da parte di Gatti come un suo "cenno di cedimento";
quali misure urgenti intenda assumere il Governo al fine di dare risposta ai numerosi dubbi che pesano sulla morte di Niki Aprile Gatti affinché la sua storia e la sua fine non vadano ad inserirsi in quel vastissimo spazio di "Misteri d'Italia";
a che punto si trovi l'inchiesta Premium, se ci siano stati rinvii a giudizio oppure archiviazioni;
se risulti da chi abbiano avuto gli organi di stampa la notizia errata secondo cui Gatti avrebbe ritagliato i propri jeans per usare le strisce ricavate e i lacci di scarpe per impiccarsi e, comunque, con cosa avrebbe potuto sfrangiarli;
se il Ministro in indirizzo non ritenga necessario, alla luce della truffa internazionale che configura la vicenda Telecom Sparkle-Fastweb, che ha rivelato un articolato puzzle che ruota attorno ad una serie innumerevole di ingenti flussi di denaro tra San Marino e Londra, Hong Kong e Isole Cayman, per poi affluire come un torrente in piena in conti ben coperti nelle filiali degli istituti di credito italiani, valutare e verificare la possibilità che vi possa essere un filo conduttore tra la vicenda "Premium", il centro di spionaggio di Telecom Italia, la morte di Niki Aprile Gatti e lo scandalo Telecom Sparkle-Fastweb, considerato che lo steso asse San Marino-Londra spunta in occasione di altre truffe telefoniche italo-europee quali Phuncards-Broker, Eutelia e l'inchiesta Premium per l'appunto;
se non ritenga opportuno, alla luce di quanto esposto in premessa, attivare le procedure ispettive e conoscitive previste dall'ordinamento, anche al fine di prendere in considerazione ogni eventuale sottovalutazione di significativi profili di accertamento per dare giustizia ad una madre, Ornella Gemini, e diradare le nebbie che avvolgono la misteriosa morte di un giovane di 26 anni.
(4-04216)
ATTO SENATO
INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 4/04196
Dati di presentazione dell'atto
Legislatura: 16
Seduta di annuncio: 468 del 06/12/2010
Firmatari
Primo firmatario: FLERES SALVO
Gruppo: IL POPOLO DELLA LIBERTA'
Data firma: 06/12/2010
Destinatari
Ministero destinatario:
·         MINISTERO DELLA GIUSTIZIA
Attuale delegato a rispondere: MINISTERO DELLA GIUSTIZIA delegato in data 06/12/2010
Stato iter:
IN CORSO
Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-04196
presentata da
SALVO FLERES
lunedì 6 dicembre 2010, seduta n.468
FLERES - Al Ministro della giustizia - Premesso che:
secondo quanto riportato dal sito Internet "Eco di Sicilia", dalla radio televisione "Tele90", dal sito Internet "Newz.it", dal settimanale indipendente "La Gazzetta Jonica", dal quotidiano on line "Mediterraneonline.it" e altri in data 18 novembre 2010, il signor Mainardi, 77enne, pensionato, è stato arrestato il 17 novembre 2010 perché accusato dei reati di cui agli articoli 495 (falsa attestazione o dichiarazione a un pubblico ufficiale sulla identità o su qualità personali proprie o di altri) e 99 (recidiva) del codice penale;
il signor Mainardi è stato ricoverato nel 2007 per ictus cerebrale e diabete mellito di tipo 2; nel 2008 è stato ricoverato per un altro ictus cerebrale ischemico con una lieve forma di emiparesi e nuovamente per una forma di diabete mellito di tipo 2; a febbraio 2010 è stato nuovamente ricoverato per un nuovo ictus collegato ad un'ulcera duodenale e di nuovo diabete mellito di tipo 2. Il signor Mainardi ha difficoltà nella deambulazione, il che, insieme alle malattie legate anche ai suoi 77 anni ed ai frequenti ictus, lo costringe ad assumere farmaci con cadenza giornaliera regolare;
presentandosi presso l'abitazione del signor Mainardi, stando a quanto riportano i quotidiani, i Carabinieri della Stazione di Taormina (Messina) lo hanno arrestato in esecuzione di un provvedimento emesso dall'Autorità Giudiziaria di Messina, recludendolo nella Casa circondariale di Messina Gazzi;
nonostante l'età avanzata ed il precario stato di salute, il signor Mainardi è stato incarcerato con una pena di 3 mesi in un carcere che soffre di gravi carenze dal punto di vista strutturale, funzionale, igienico e sanitario;
all'interrogante risulta che: il carcere di Messina Gazzi avrebbe un sottorganico di 149 agenti di Polizia penitenziaria; soffre di grave sovraffollato al punto che i singoli detenuti non godono dei 7 metri quadrati di spazio stabiliti dal Consiglio d'Europa e, in molti casi, nemmeno di 3 metri quadrati; le celle sono provviste di doccia (nei 12 metri quadrati in cui sono stanziati anche 6 detenuti) ed hanno la porta blindata piena per metà e il retino della finestra particolarmente spesso: la circolazione dell'aria e l'illuminazione sono assai limitate e alcuni detenuti riferiscono di aver avuto un netto abbassamento della vista; l'acqua è fredda anche in inverno; a causa dell'umidità e della muffa, i muri sono scrostati e il tetto cade a pezzi; tutto è marcio e un ambiente talmente insalubre è difficilmente immaginabile; impressionano il degrado, la sporcizia e l'assenza delle più elementari norme igieniche; il wc è a vista, con evidente lesione della privacy; la permanenza in cella arriva anche a 22 ore al giorno; tutti i detenuti lamentano la carenza di assistenza sanitaria; il medico del Sert, riferiscono i detenuti, si reca nel reparto solo una volta ogni tre mesi,
l'interrogante chiede di sapere:
di quali informazioni disponga il Ministro in indirizzo in merito alla vicenda descritta in premessa;
se risulti che attualmente, nell'ambito della Casa circondariale di Messina Gazzi, venga assicurato al detenuto un adeguato supporto medico e farmaceutico;
se risulti che al signor Mainardi venga garantito il rispetto dei diritti inviolabili, considerata la gravità delle sue condizioni di salute.
(4-04196)
ATTO SENATO
INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 4/04190
Dati di presentazione dell'atto
Legislatura: 16
Seduta di annuncio: 468 del 06/12/2010
Firmatari
Primo firmatario: VALDITARA GIUSEPPE
Gruppo: FUTURO E LIBERTA' PER L'ITALIA
Data firma: 06/12/2010
Destinatari
Ministero destinatario:
·         MINISTERO DELLA GIUSTIZIA
Attuale delegato a rispondere: MINISTERO DELLA GIUSTIZIA delegato in data 06/12/2010
Stato iter:
IN CORSO
Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-04190
presentata da
GIUSEPPE VALDITARA
lunedì 6 dicembre 2010, seduta n.468
VALDITARA - Al Ministro della giustizia - Premesso che:
la casa circondariale di via Poma a Mantova, una delle più vecchie della Lombardia, ha una capienza di 120 unità in termini di tolleranza ordinaria e versa da qualche tempo in condizione di emergenza per l'affollamento dei detenuti che al momento risultano essere 233;
le 59 celle, di cui 4 per il reparto femminile, sono tutte dotate di letti a castello per tre persone, ma alcune di esse arrivano a contenere anche 12 detenuti;
anche lo spazio riservato alla sala colloquio, a quella medica, alla cucina, alla lavanderia, al campetto sportivo e alla palestra non risulta sufficiente per la popolazione carceraria attualmente all'interno del carcere;
il numero degli agenti di sorveglianza è di 35 unità (più due dipendenti e due donne nella lavanderia), a fronte dei 96 funzionari di Polizia penitenziaria che dovrebbero essere in forza nella casa circondariale e molto spesso per sopperire alla mancanza di personale sono costretti a fare più turni;
il Sindaco di Mantova Nicola Sodano, in visita al carcere ad ottobre 2010, ha riscontrato che la struttura, anche strategicamente importante, perché collegata direttamente al Tribunale con un passaggio interno, è ormai inadeguata e che lo spazio è insufficiente ad ospitare tanti detenuti,
si chiede di sapere se risulti al Ministro in indirizzo quanto sopra esposto, e, in caso affermativo, se e in che modo intenda intervenire al fine del superamento dell'emergenza della casa circondariale di Mantova dovuta al sovraffollamento della popolazione carceraria, all'inadeguatezza delle condizioni igienico-sanitarie all'interno della struttura e, soprattutto, alla mancanza degli agenti penitenziari.
(4-04190)
 

Damiano Bellucci

 

 


Scritto da: Damiano Bellucci
(Leggi tutti gli articoli di Damiano Bellucci)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

184.73.107.18


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

3 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

10 Dal servizio di sentinella al sistema di videosorveglianza. Ma la tecnologia, da sola, non basta





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

4 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

5 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

6 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

7 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

8 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

9 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

10 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico


  Cerca per Regione