Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
"IO TI PROTEGGERO' OVUNQUE!" (formula di giuramento di ogni body guard di Dirigente Generale)


Polizia Penitenziaria -

Notizia del 06/03/2013

in Accadde al penitenziario

(Letto 7175 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


In questi giorno il Ministro della Giustizia Paola Severino ha fatto un tour delle carceri siciliane per vedere anzitutto lo stato strutturale degli Istituti e per esprimere la sua gratitudine agli uomini e alle donne della Polizia Penitenziaria per il prezioso lavoro che svolgono in favore della società, (la stessa società che li ripaga definendoli ancora oggi, a vent’anni dalla riforma: secondini n.d.r.). Un Ministro che ha destato profonde simpatie tra gli agenti della periferia dimenticata di questo Paese. Una piccola gratifica per chi ogni giorno, senza uomini né mezzi tira avanti la baracca.

Al seguito del Ministro un piccolo esercito di funzionari, Provveditore, Capo del Dipartimento, Capo del Cerimoniale, Segretari ecc. ma soprattutto un esercito di body guard dall’aria incazzata e minacciosa, con pantaloni militari mimetici, con baffi biondi ossigenati, o con vestiti un po’ larghi per nascondere l’arma d’ordinanza; attenzione, tutti nostri colleghi che momentaneamente non fanno servizio in sezione di fronte ai detenuti, ma stanno esercitando un compito altrettanto importante tutelare queste personalità, fare in modo che nessuno si avvicini a loro e tenere tutti a debita distanza. Uno sfolgorio di auricolari di gesti in codice, di occhiate torve a chi si avvicina a più di un metro dal Ministro, braccia aperte sulla folla che sembrano tante “autostart” davanti ai cavalli pronti per la corsa al trotto.

Questi nostri colleghi body guarda, talvolta per un giorno o due, mi fanno tanta tenerezza, sembra quasi che prima di entrare a far parte di questa elite di poliziotti abbiano pronunciato il solenne giuramento: Io ti proteggerò ovunque!!

Altrimenti non si spiega come mai nonostante il Ministro e il suo seguito si trovino in un Istituto dove il capo massimo della sicurezza è il Comandante di Reparto, un Commissario con tre stelle, talvolta un Ispettore, questi body guards continuino imperterriti ad affiancare il Ministro o gli altri funzionari cercando di tenere lontani il Comandante, il Direttore o altri colleghi graduati, padroni di casa, al seguito del corteo; non ci credete? Chiedetelo in giro ai colleghi che hanno assistito a queste scene mortificanti. Ma è possibile che il Ministro o gli altri funzionari al suo seguito non avessero sentito il bisogno di congedare momentaneamente questi body guards dicendo loro: andate a riposarvi, qui c’è il nostro Comandante di Reparto che si prenderà cura della nostra sicurezza, perché forse non avete capito che non stiamo in Via Roma, o al Corso Vittorio Emanuele, siamo dentro un carcere e dovete avere rispetto e anche un po’ di fiducia in chi vi lavora dentro 8 ore al giorno e si occupa a tempo pieno di sicurezza e non voi che ve ne occupate di tanto in tanto……

Purtroppo questo non è stato detto e quindi in molti casi abbiamo dovuto assistere a questi siparietti ovvero il body guarda “autostart” con dietro il Comandante che cerca di affiancarsi il Ministro, ma quelle braccia non si chiusero ed il povero Comandante restò indietro, provando una grande mortificazione. Si spera solo che gli addetti al cerimoniale possano redarguire, per il futuro, questi colleghi che nella foga del loro lavoro, dimenticano la gerarchia, ed in qualche caso anche la buona creanza.


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 39


W W il servizio scorte della polizia pen

Di  Gigi  (inviato il 19/03/2013 @ 15:04:01)


n. 38


MI COMPLIMENTO CON NUVOLA ROSSA,CHE PENSO NELLA NOSTRA AMMINISTRAZIONE SIA UN FIORE ALL'OCCHIELLO,CREDO PERSONA CHE SI DISTINGUA PER L'ELEVATA'CAPACITA' PROFESSIONALE SUL CAMPO,FORSE CON TANTE ALTRE PERSONE COME LUI AL COMANDO C NON SAREMMO CADUTI NEL DISASTRO IN CUI CI TROVIAMO.
SUI FATTI SUCCESSI CREDO CHE SAREBBE STATO OPPORTUNO DA PARTE DEL FUNZIONARIO RESPONSABILE DELLA SICUREZZA DARE CHIARE DISPOSIZIONI SULLA VISITA,VISTA LA POCA PROFESSIONALITA' DIMOSTRATA NEL SERVIZIO ALL'INTERNO DEL PENITENZIARIO,CHE SICURAMENTE NON AVREBBE COMPORTATO NESSUN RISCHIO,PER LE VARIE PERSONALITA PRESENTI ALLA VISITA,ANZI AVREBBE PERMESSO AI PADRONI DI CASA DI POTER INTERAGIRE CON GLI OSPITI AL FINE DI FARA PIENA LUCE SULLE CONDIZIONI DEL PENITENZIARIO,SCOPO PRINCIPALE DELLA VISITA.W NUVOLA ROSSA.

Di  ANTONIO SERVIZIO SCORTE POLIZIA PENITENZIARIA  (inviato il 19/03/2013 @ 01:16:52)


n. 37


Di solito chi fa questi commenti lavora poco all'interno degli Istituti o lavora al NTP e visto che è sacrificato, come voi dite, perchè non pensa di fare la domanda per uscire dal NUCLEO e andarsene al SAT??? Purtroppo i vostri commenti mi fanno sorridere e mi dicono che ho colpito nel segno. ---------E' uno che dice la verità che a volte può essere sgradevole, perchè la vita dell'agente al SAT è sgradevole, perchè mentre ad uno della scorta lo puoi fare lavorare 36 ore di seguito, se allo stesso lo metti di 1^ e poi gli dai il RIPOSO protesterà perchè l'accordo quadro non lo prevede........ Cara Rossella, in particolar modo, non so se sei una collega ma vedi che le sezioni femminili funzionano, fatti trasferire in un carcere dove c'è la sezione femminile, anzichè stare all'USPEV e sentenziare contro una voce nel deserto._________________________________________
E visto che ci sono, vorrei dire qualcosa sulle caserme Agenti, i colleghi dei nuclei si lamentano, cari colleghi noi sono decenni che ci lamentiamo e ci dormiamo, voi che fate vi lamentate giustamente per il degrado, e andate a dormire a vostre spese negli alberghi, non ho parole, cosa si fa pur di non far servizio in Istituto, e non dite che non è cosi. Vi lamentate ( a bassa voce, quasi in silenzio, non si sa mai se dovesse sentire il Coordinatore del N.T.P.) dei turni massacranti, doppi o tripli servizi, ma nessuno che rientri al S.A.T. preferite fare i serventi, ma fatemi il piacere.
Nuvola Rossa, pensi di aver fatto centro, no io dico che hai affondato una corazzata, sono tutte parole sante, e che la verità fa male a questi signori, e non vogliono sentirla, vai avanti a randellare.

Di  mario64  (inviato il 18/03/2013 @ 21:37:52)


n. 36


Carissimi colleghi, vedo che prendere le difese di una sparuta minoranza di agenti che o full time o part time fanno da balia a dirigenti generali e Ministri, vi fa stare bene. Lo fate con veemenza difendendo i pantaloni mimetici o i baffi ossigenati o, nonostante tutto, la mancanza di educazione di qualcuno che è autorizzato, secondo voi a stare una spanna sopra gli altri e a guardare i suoi colleghi dall'alto in basso, poichè anche all'interno di un carcere ci potrebbe essere un'aggressione nei confronti dell'Autorità - nonostante i colleghi presenti di quell'Istituto. Di solito chi fa questi commenti lavora poco all'interno degli Istituti o lavora al NTP e visto che è sacrificato, come voi dite, perchè non pensa di fare la domanda per uscire dal NUCLEO e andarsene al SAT??? Purtroppo i vostri commenti mi fanno sorridere e mi dicono che ho colpito nel segno. In quanto a Radio Carcere, è da tempo che si cerca di dare un volto a Nuvola Rossa, ipotizzando che lo stesso sia un Commissario, un Ispettore o un Sindacalista. Forse è una persona frustrata, forse è un arrampicatore sociale che vuole fare carriera, forse è un sindacalista represso....ma cosa cambia? E' uno che dice la verità che a volte può essere sgradevole, perchè la vita dell'agente al SAT è sgradevole, perchè mentre ad uno della scorta lo puoi fare lavorare 36 ore di seguito, se allo stesso lo metti di 1^ e poi gli dai il RIPOSO protesterà perchè l'accordo quadro non lo prevede........ Cara Rossella, in particolar modo, non so se sei una collega ma vedi che le sezioni femminili funzionano, fatti trasferire in un carcere dove c'è la sezione femminile, anzichè stare all'USPEV e sentenziare contro una voce nel deserto.

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 18/03/2013 @ 17:00:35)


n. 35


Caro Nuvola Rossa, ho sempre ammirato i tuoi commenti, però questo potevi evitarlo, discriminare chi tenta di fare del suo meglio, anche senza una idonea formazione, non porta certo all’innovazione di un corpo, invece di far capire che ognuno ha un compito preciso, ( come tutti i corpi di Polizia ) questo senza sminuire quelli che come me hanno lavorato 25 nei reparti detentivi.
Questi ragazzi che ogni giorno assicurano un servizio di “ tutela e scorta “ e non di “ body guard” come tu li hai definiti rischiano la vita, non hanno un comportamento propriamente professionali, ma questo non deve sminuire il valore e l'importanza di quello che fanno.
Forse Nuvola rossa non sa che, l’Autorità tutelata riconosce nel capo scorta il punto di riferimento,
( anche il Papa ha chiesto al suo capo scorta di far accedere due sacerdoti all’interno del corteo, eppure era accerchiato di Gendarmi e di Poliziotti ) .
Allora prima di buttare fango tra di noi, solo per dar corso a qualche capriccio di qualche sindacalista frustrato che presta servizio all’interno dei reparti detentivi, pensiamoci bene siamo tutti per lavorare e per rinnovare il Corpo.
Penso che i miei 33 anni di servizio, di cui 25 passati nei reparti detentivi diano una giusta giustificazioni alle mie affermazioni.


Di  LUI  (inviato il 18/03/2013 @ 14:58:11)


n. 34


Scusate.....il commento non era il 30 ma benzi il 29 comunque il pensiero non cambia ciao a tutti
Nardini

Di  Nardini Peppe  (inviato il 12/03/2013 @ 14:40:26)


n. 33


leggendo tutti i commenti riportati (rispettabilissimi) tranne alcuni offensivi, ma non condivisi, si rafforza in me il pensiero che noi della Polizia Pen. cerchiamo sempre qualcuno su chi abbattere le nostre frustrazioni, ricordate quando furono istituiti i nuclei traduzioni, le critiche che il personale a turno lanciava verso i colleghi del nucleo e le battute sui colleghi del nic e sui cinofili sui reparti a cavallo, ammettete almeno a voi stessi che chi riesce ad uscire dalle sezioni non è più visto come collega, fermo restando che anche i colleghi di quei nuclei- sezioni-reparti sopra citati a volte non hanno un comportamento propriamente professinale, ma questo non deve sminuire il valore e l'importanza di quei reparti dignitosi e rispettabili come i reparti detentivi. Buon lavoro a tutti e in modo particolare ai colleghi dei nuclei traduzione.

Di  antonello  (inviato il 12/03/2013 @ 10:45:21)


n. 32


Hooooooooooo .....è arrivato Batman "Commento 30" a senti Batman ma va fatte na Pippa....sai a noi Agenti Penitenziari quanto ci frega conoscere che è NUVOLA ROSSA ? Però ci interessa quello che scrive, e sai perchè ? Dice la verità e te PIPPA la verità ti fa male. quindi statte zitto e vai a farti na Pi..........a ok ciao bello
Nardini

Di  Nardini Peppe  (inviato il 11/03/2013 @ 23:04:58)


n. 31


Pippa di nome (finto) ma Pippa di fatto.........

Di  Ass. capo Simone Buonaiuto  (inviato il 11/03/2013 @ 21:53:48)


n. 30


MA VOI SAPETE CHI E'''' NUVOLA ROSSA (sig) E''''' UNO CHE PREDICA BENE E RAZZOLA MALE. SVEGLIA COLLEGHI SVEGLIA.

Di  PIPPA  (inviato il 11/03/2013 @ 16:51:57)


n. 29


Penso che i commenti 26 e 27 dicono lo specchio della verità, appena si parla di scorte, tutti alzano la cresta, cari colleghi "Body guards" il posto nessuno ve lo vuole toccare, ma noi che operiamo all'interno di un istituto penitenziario, volgliamo un pò di rispetto da parte vostra, nessuno vi tocca il vs orticello, dovete solo rispettare delle regole basilari quando entrate all'interno di un istituto. In tal caso se voi questa parola rispetto non sapete cosa significa allora è opportuno che il vs diretti superiori vi mandano a lavorare come da compito principale istituzionale " ALL'INTERNO DEL CARCERE" cosi sentirete un pò di puzza delle sezioni, sentirete i detenuti che vi chiamano continuamente, sentirete tutti i problemi che ci sono all'interno di un'istituto, sentirete cosa significa fare una notte ect ect. Allora dico, accettate questi commenti, accettate quello che scrive il collega NUVOLA ROSSA "PENSO CHE SIA UN COLLEGA" ma dice la verità, ricordo che in una visita fatta dal capo dipartimento, in Calabria, all'interno dell'istituto sono entrati cani e porci, la cosa bella è stata che il Proveditore non ha detto niente, però se un collega sbaglia il provveditore dice subito Comandante le faccia rapporto. VERGOGNAMOCI ciao a tutti
Nardini Peppe

Di  Nardini Peppe  (inviato il 11/03/2013 @ 14:35:13)


n. 28


E si......caro amico cozzolino, hai proprio ragione, quando si parla di scorte, l'esercito dell'uspev si sveglia immediatamente, vedi Arenula, un caposscorta, Lorena ect ect.......e incominciano a parla e sparla e dire tante Mingh........te, basta che qualcuno tocchi questo piccolo esercito distaccato in via Arenula, o al DAP, o al Prap, postazioni fisse presso Ministri o Autorità sottoposti a vigilanza, sucede un finimondo, allora dico, colleghi prima di parlare o scrivere Pensate Pensate Pensate, poi dico questo collega NUVOLA ROSA, a fin dei fine, non dice niente di male, DICE LA REALTA.
Un riflettore siciliano

Di  Un riflettore siciliano  (inviato il 10/03/2013 @ 15:41:21)


n. 27


Da tempo seguo questo blog che ritengo il migliore di tutti i siti della Polizia Penitenziaria, ma non capisco perchè quando si scrive sulle scorte il dibattito diventa infuocato, mentre se si scrive di argomenti ben più importanti i commenti sono pochissimi. Mahhhhh!

Di  gennaro cozzolino  (inviato il 09/03/2013 @ 22:22:10)


n. 26


Caro Arenula ora posteggiato all'UEPE, non so a quale commissario tu ti riferisca, ma ti assicuro che se ti riferisci a quel commissario che ti ha raccomandato qualche anno fa per farti venire a casa (lo sanno tutti....) credo che non abbia proprio bisogno di visibilità; sicuramente sono altri ad avere bisogno di visibilità: Commissari ruolo ordinario, sindacalisti a seguito del Ministro, giovani direttori e vice direttori, capiscorta che stanno incollati all'ex Ministro Alfano come un francobollo (anche se dietro il delfino di Berlusconi c'era una parete!!!!! Speriamo che Beppe Grillo faccia abolire questo privilegio per gli ex ministri della giustizia, così guadagniamo altre giovani leve per le carceri. Caro Arenula fattene una ragione, la rabbia che covi dentro destinala alla assistenti sociali dell'UEPE......

Di  ass. capo Ficcarra Giuseppe  (inviato il 09/03/2013 @ 22:18:47)


n. 25


leggerezza anche dei distacchi all'uspev, sadav, art 7 etc non solo delle assegnazioni caro nuvola rossa.. bravo bravo : - )

Di  Anna  (inviato il 09/03/2013 @ 14:37:39)


n. 24


Con le eresie che scrivi non puoi essere NUVOLA ROSSA, è un dialogo troppo demenziale. PUOI solo essere quel commissario a cui non è stata data la visibiltà che voleva, e non permettendoti di abbracciare il Ministro...te la prendi con la scorta. Non meriteresti neanche una risposta, Sei uscito anche fuori tema! che tristezza.

Di  arenula  (inviato il 09/03/2013 @ 12:26:16)


n. 23


Forse quelli poco informati sono quelli come il signor Arenula (lontano dalla puzza delle carceri) che non sanno che a causa della crisi e della non riparazione della auto blindate si ricorre al noleggio di macchinette non blindate. In questo caso va tutto bene. Si è passati dalla sicurezza a tutti i costi alle barzellette. E comunque è inutile che indagate su Nuvola Rossa, ormai quello è un BRAND e lo usano tutti. Piuttosto andate a protestare con il Ministro e i Dirigenti Generali che danno troppo potere a certi colleghi che non hanno rispetto della gerrachia perchè: vicino o re beatu cu c'è!!!!!!! Capisci amme....ex scorta ora posteggiato all'UEPE grazie alla leggerezza delle assegnazioni............fatte da qualcuno in largo luigi daga.....

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 09/03/2013 @ 09:18:02)


n. 22


concordo vivamente con AUGUSTO!!!!

Di  arenula  (inviato il 09/03/2013 @ 08:56:28)


n. 21


Grazie Lorena , ma nn capisco perche mi attribuisci la parola " commessari" un errore di battitura o altro...
x il commento n° 16 caro Nuvola no comment, ma ...Ubi maior minor cessat , mai locuzione fu più appropriata nel caso di specie. Augusto

Di  augusto  (inviato il 08/03/2013 @ 22:24:32)


n. 20


Nuvola Rossa ma questi body guard dall’aria incazzata e minacciosa l'hanno fatto tutti il "corso scorte" ? e se si dove ad Abbasanta per caso?

Di  vigilanza  (inviato il 08/03/2013 @ 21:21:09)


n. 19


Ma perché ridi nuvola rossa... Secondo me sei tu il commissario di cui parli. Te la stai troppo prendendo in prima persona. Perché c'è l'hai con le scorte.. Ma poi quale noleggio... Le auto blindate sono tutte di nostra proprietà.. Sei poco informato... Hai ragione se scrivi che abbiamo tantissime auto ferme per mancanza di fondi.. Ma quella è colpa della crisi. Non fare di tutta l'erba un fascio.. Se hai polemiche da fare, scrive direttamente al direttore dell'uspev.

Di  Arenula  (inviato il 08/03/2013 @ 20:46:15)


n. 18


Da quel che c'è scritto nell'articolo, il fatto è accaduto nella Sicilia di Camilleri, non sappiamo in quale Istituto Penitenziario sia accaduto, ma sappiamo che in Sicilia abbiamo un Dirigente Generale che si definisce " L'eroe dei sette venti " "quando conviene a Lui" Allora penso: perchè questo Eroe dei sette venti non è intervenuto ? Perchè questo Dirigente EROE che tutti vogliono "ma nessuno lo sopporta" non ha richiamato quanto meno i capiscorta. è no, quelli sono SUPER AGENTI, quindi, non si possono toccare, allora chi ha torto, ma si, sicuramente è sempre quel Commissario Comandante di Reparto, che deve stare a prendere la povere dietro tutto il corteo..................RIFLETTETE COLLEGHI.........MA DICO PURE RIFLETTI MINISTRO o CAPO DAP.
Un riflettore Siciliano

Di  Un riflettore Siciliano  (inviato il 08/03/2013 @ 20:24:05)


n. 17


Carissimi, concordo con voi che la colpa è di quel commissario che non si fa rispettare, ma spesso mi risulta che comportamenti irritanti da parte di componenti della scorta non vengono nemmeno sanzionati poichè altrimenti farebbero intervenire il "pezzo grosso" al quale fanno da balia. Quindi se per un attimo, anche "lorena" se questo è il vero nome e che sicuramente sarà una commissaria che si fa rispettare... ci mettiamo nei panni di quel commissario che avrebbe potuto fare il gradasso dettando ordini, bloccando chiunque ma che sicuramente in presenza di un Ministro, di un Capo del Dipartimento e di tanti alti papaveri avrebbe rischiato di prendersi un cazziatone del tipo: ma come si permette???? E quindi magari per evitare l'incidente diplomatico ha evitato... o no? L'importante è che voi 4 gatti delle scorte che giustamente vi nascondete dietro gli pseudonimi come faccio continuiate a difenderVi a spada tratta. Sappiate che un giorno dovrete fare un bagno di umiltà e rientrare a fare servizio nelle sezioni. Come mai non protestate quando fate la scorta con la auto a noleggio? Non ci sono problemi di sicurezza? ahahahahaha che ridere... ma fatemi il piacere...

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 08/03/2013 @ 17:25:17)


n. 16


Cari colleghi, perchè ci arrabbiamo per quel che scrive l'amico nuvola rossa? perchè subito ci infuriamo quando si parla di scorta? perchè non ragioniamo. Allora, la verità di solito sta a mettà; Le scorte ormai per istituzione esistono nel ns corpo, quindi credo che sia giusto parlarne, nel dir la verità, i colleghi che fanno servizio in questo delicato compito, sono leggermente montati, ma diciamo sempre la verità lo sono un po' tutti, allora quando questo personale si presenta all'interno di un Istituto sarebbe quanto meno delicato appena arrivati mettersi a disposione del Comandante di quel reparto dove loro vanno, inoltre, se loro non lo facessero, anche l'autorità scortata potrebbe intervinire dicendole, come di solito fanno " RAGAZZI ASPETTATEMI QUA" si perchè spesso e volentieri i signori scortati dipende dove vanno dicono le frasi che precedentemente ho scritto, se invece a parlar è il Comandante magari si prende un bel cazziatone da parte del Provveditore o del Direttore. allora ascoltate Nuvola rossa DICIAMO LA VERITA? E' UN BEL CAS.............o. Ciao
Giovanni Ingrao

Di  Giovanni Ingrao  (inviato il 07/03/2013 @ 22:10:59)


n. 15


Concordo in pieno con Lupo....

Di  peppe  (inviato il 07/03/2013 @ 19:50:39)


n. 14


siamo alle solite non vi rendete conto di quello che fate, ci azzanniamo e vero siamo solo guardia C.

Di  bomba o no bomba  (inviato il 07/03/2013 @ 19:45:17)


n. 13


hai ragione Augusto ma ti diro' che non tutti ma tanti che tu chiami commessari, non li sanno fare, non sanno cosa significa la parola "commissario"
saluti L.

Di  Lorena  (inviato il 07/03/2013 @ 17:24:33)


n. 12


E' vecchia la storia delle 100 euro al giorno detta forfettaria...ora si parte e si dorme in istituto dove la citta ne abbia uno ed abbia alloggi disponibile..la bolletta è un diritto..ed piu delle volte e di 22 euro...PERTANTO FINITELA DI TIRARE FUORI QUESTE FREGNACCE...
per il resto sarebbe bastato poco...cioe il capo scorta doveva dare disposizioni ben chiare e precise al restante personale addetto alla protezione....da cio che sembra o non le a date o non e stato in grado...di farsi rispettare pertanto non sarebbe un capo...per il resto....sto commissario poteva avvalersi di essere il responsabile della sicurezza della struttura e di esserne responsabile dell organizzazione INTERNA...bastava far notare al capo scorta alcuni passaggi ... se non lo ha fatto diventa un problema suo come ruolo ......SOLO LA TUTELA IN UNA STRUTTURA ISTITUZIONALE PERTANTO GIA BONIFICATA E SICURA SEGUE L AUTORITA....quindi cari colleghi se il capo scorta e di coccio....la colpa e del comandante

Di  lupo  (inviato il 07/03/2013 @ 15:46:38)


n. 11


Mi dispiace sentire colleghi diffamarsi a vicenda , ma possibile che dopo tanti anni ancora nn riusciamo a rispettare il lavoro degli altri che siano in prima linea con i detenuti o con le personalità a cui è stata assegnata una protezione!!! e poi Nuvola Rossa nn è da te un commento cosi "forse sarebbe stato giusto, che qualche commissario, lo stesso che tu critichi gli avrebbe stroncato la carriera a quel caposcorta" , magari qualche collega commissario la prende x buona e veramente mette in pratica " l'extrema ratio", ciao siate più buoni con voi e i vostri prossimi. Augusto

Di  augusto  (inviato il 07/03/2013 @ 15:17:06)


n. 10


CAPO che ma fatemi il favore.

Di  aggiraacapaaret.  (inviato il 06/03/2013 @ 22:52:45)


n. 9


E dimenticano anche la propria sede di appartenenza. Ma ben presto più di uno vi rientrerà in sede.

Di  ex-scorta  (inviato il 06/03/2013 @ 22:29:54)


n. 8


@un capo scorta
Mi capita spesso di fare anch'io questo tipo di servizio, hai perfettamente ragione, quando l'autorità entra in un Istituto di pena o una struttura della nostra Amministrazione, si segue a debita distanza lasciando che l'autorità sia libera di relazionarsi con i responsabili della struttura e varie autorità. Conoscendo il nostro ambiente, posso dire che spesso in questi servizi vengono impiegati dei colleghi che non hanno nessuna esperienza, e quando si trovano per un giorno a fare i body guard, se così vogliamo chiamarli,spesso non sanno come comportarsi, e altri invece credendo di essere i migliori, non si rendono conto di quanto sia ridicolo il comportamento come descritto da nuovola rossa.
Si è vero, per fare certi servizi bisogna fare dei corsi di formazione, questione di sicurezza ma anche di etica professionale.
Saluti

Paolo

Di  Paolo  (inviato il 06/03/2013 @ 21:58:26)


n. 7


Se un giorno dovesse visitare l'isituto dove faccio servizio e mi ricorderò di questo articolo lo farò leggere al Commissario...

Di  Alessandro  (inviato il 06/03/2013 @ 16:44:58)


n. 6


Caro un caposcorta, le lalline dalle uova d'oro le avete voi che quando seguite la vostra Autorità, avete dei bonus che si possono chiamare fatture a 33 euro, missioni forfettarie a 100 euro, quando va male buoni pasto, straordinari a go go. Lo so che a Roma siete precisi, direi quasi perfetti e non favorite gli amici, infatti gente che è stata buttata dalla periferia, subito dopo come l'araba fenice sono rinati e sono state distaccati in posti di comodo, capisci amme......... forse sarebbe stato giusto, che qualche commissario, lo stesso che tu critichi gli avrebbe stroncato la carriera a quel caposcorta che forse tu conosci bene e che combinava cazzate stando a fianco della personalità, capisci di nuovo amme. Ci vorrebbe un bagno di umiltà. Nuvola Rossa scrive la verità,, che sarà anche scomoda e sgradevole ma mi hanno detto che i tuoi colleghi bodi guard hanno davvero umiliato, con il loro comportamento, i colleghi che erano dietro al Ministro.

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 06/03/2013 @ 15:47:21)


n. 5


mi ha fatto sentire quasi il "magone" allo stomaco........purtroppo NOI che lavoriamo negli istituti siamo considerati di serie 'B' dai vertici e purtroppo anche dai "body guards" che FORSE prima hanno lavorato in qualche istituto e si sono dimenticati chi sono.

Di  Nik  (inviato il 06/03/2013 @ 10:42:22)


n. 4


Carissimo nuvola rossa, hai perfettamente ragione su tutto quello che scrivi!. La colpa é solo del sistema, che a fronte di numerosi incarichi di protezione affidati alla Polizia Penitenziaria non è stato mai fatto un misero corso di formazione per tale servizio. I colleghi che vengono impiegati per tali servizi, per quel giorno, sono comandati senza avere nessuna cognizione del servizio, Mandati allo sbaraglio , quindi, sembra quasi che per PROTEGGERE una Personalità, tutto è concesso ma non è proprio cosi. Chi organizza il servizio non sà proprio nulla come funziona, a volte viene considerato da qualche commissario, LA GALLINA DELLE UOVA D'ORO, quindi, viene favorito il collega AMICO, solo per fargli fare qualche ora di straordinario. Ti Possso assicurare che questo avviene solo nelle periferie.
Nella Sede centrale, quindi a Roma, questo servizio è sempre esistito, e per esperienza, ti posso assicurare che quando una Personalità entra in un Palazzo, o in un carcere, La protezione deve cessare perche è affidata alla stessa struttura, solo la tutela segue la Personalità. Con questo vorrei solo dire che LA COLPA di tutto è comunque e sempre la nostra Amministrazione che non Istruisce il Personale per questo Delicato Compito.

Di  un caposcorta  (inviato il 06/03/2013 @ 09:05:14)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.159.231.135


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione