Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Istituire la Polizia Penitenziaria di Stato e rottamare il DAP


Polizia Penitenziaria - Istituire la Polizia Penitenziaria di Stato e rottamare il DAP

Notizia del 01/08/2014

in Il Pulpito

(Letto 6134 volte)

Scritto da: Giovanni Battista De Blasis

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Nella fase istruttoria del disegno di legge Repubblica semplice, tra le tante norme contenute nella bozza di riforma della pubblica amministrazione, pare ce ne fosse una che prevedeva il riordino delle Forze dell’Ordine con l’assorbimento della Polizia Penitenziaria e del Corpo Forestale nella Polizia di Stato.

La notizia è circolata per qualche giorno tra gli addetti ai lavori ed è stata ripresa dagli organi di informazione, salvo poi essere smentita dal Premier Renzi, che ha negato l’inclusione di un tale provvedimento all’interno del decreto legislativo.
In realtà, sembrerebbe che un articolo del genere fosse davvero presente, ma che il parere negativo della Presidenza della Repubblica abbia indotto il Capo del Governo a espungerlo in corso d’opera.

Polizia Penitenziaria: nessun accorpamento al Ministero dell'Interno, Renzi smentisce le voci

Questa ipotesi è avvalorata dal fatto che nello smentire il provvedimento, durante la conferenza stampa, Renzi avrebbe aggiunto l’avverbio temporale “...per il momento”.

Non conosciamo i motivi che possono aver indotto il Presidente della Repubblica a porre il veto sull’operazione, ma siamo assolutamente convinti che, almeno per il momento, abbiamo perduto un’occasione.

Polizia Penitenziaria, Sappe: “Si a Direzione Generale Corpo presso Ministero dell’Interno, come Vigili del Fuoco”

Infatti, senza soffermarci troppo sull’anomalia tutta italiana di una sicurezza pubblica affidata a ben cinque Corpi di Polizia sparpagliati tra le competenze di cinque o sei ministeri (ai quali andrebbero aggiunte le polizie locali, provinciali e regionali, i vigili del fuoco e talune guardie forestali regionali), è innegabile la necessità di una razionalizzazione delle forze dell’ordine per migliorarne l’organizzazione e la gestione delle risorse.

Per far questo, è congetturabile l’istituzione di due soli Corpi di Polizia, uno a ordinamento civile ed uno ad ordinamento militare, interdipendenti e operativamente coordinati fra di loro.

A tal fine, lasciando intatta l’organizzazione e l’ordinamento militare dell’Arma dei Carabinieri, andrebbero disciolti i Corpi della Polizia di Stato, della Guardia di Finanza, della Polizia Penitenziaria e della Polizia Forestale per farli confluire in un unico Corpo di Polizia Nazionale riordinato e riorganizzato in specializzazioni e specialità secondo i rispettivi compiti istituzionali.

In altre parole, all’interno di un unico Corpo di circa duecentomila uomini e donne, potrebbero essere incardinate una serie di divisioni organizzate secondo esclusivi compiti istituzionali: Polizia giudiziaria, Polizia di sicurezza, Polizia investigativa, Polizia stradale, Polizia ferroviaria, Polizia tributaria, Polizia Penitenziaria, Polizia ambientale, Polizia di prevenzione, ecc. ecc.

Sulla questione rammento più di un’analisi che ha affermato come l’unificazione dei vari Corpi di Polizia realizzerebbe un risparmio di miliardi di euro per le casse dello Stato.

Del resto, non è difficile prevedere notevoli risparmi di spesa dalla razionalizzazione delle risorse, dei mezzi e delle infrastrutture e, soprattutto, dal dimagrimento delle burocrazie e dal ridimensionamento degli apparati.

Per guardare a casa nostra, ad esempio, potremmo lasciare in dote al Dap e al Ministero della Giustizia tutti quei Magistrati, Dirigenti e Funzionari superflui per il Corpo, così come tutti quegli impiegati civili che adesso sono solo funzionali alla Polizia Penitenziaria e alla sua amministrazione.
Oltremodo, potremmo anche dismettere tutti quei servizi (e i mezzi funzionali ad essi) di protezione, scorta e tutela di burocrati che orbitano intorno, sotto e sopra al Corpo di Polizia Penitenziaria.

E’ evidente, infatti, che il Corpo di Polizia Penitenziaria è “servente” rispetto al dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, laddove è costretto a svolgere una lunghissima serie di servizi connessi ai propri compiti istituzionali che potrebbero cessare con la confluenza in un unico Corpo di Polizia alle dipendenze del Ministero dell’Interno.

Immagino e presumo che la stessa cosa valga pure per i colleghi della Finanza, della Forestale e delle altre Forze dell’Ordine frastagliate in diverse amministrazioni.

Tra l’altro, come ho già avuto modo di sostenere in passato, potrebbero essere smantellati sia i provveditorati regionali dell’amministrazione penitenziaria che lo stesso Dipartimento di Largo Daga che, come qualcuno ha già proposto per il Dipartimento per la Giustizia Minorile, potrebbe cedere le sue funzioni residuali al Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria, con l’istituzione di una Direzione Generale dell’esecuzione penale.

Insomma, l’unificazione delle Forze di Polizia porterebbe con sé la ristrutturazione di un vasto settore della pubblica amministrazione, a tutto vantaggio delle finanze pubbliche e in perfetto stile spending review.

Dunque ...se non è questo il momento giusto per unificare le Forze dell’Ordine, allora non lo sarà mai.

 


Scritto da: Giovanni Battista De Blasis
(Leggi tutti gli articoli di Giovanni Battista De Blasis)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini
Andrea Orlando: il carcere di Sassari migliore della media nazionale, un carcere di qualità
Tre detenuti devastano una cella di Orvieto e feriscono un Poliziotto penitenziario
Porta hashish al figlio nel carcere di Viterbo ma viene scoperta dai cinofili della Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 19


mi sbaglio o era stata aperta una procedura di infrazione da parte della U.E. perché l'Italia era l'unico Stato membro ad avere 5 forze di polizia? E cosa aspettiamo ad uniformarci? O dobbiamo solo abbassare i pantaloni difronte alle sentenze pro detenuti come la famigerata Torregiani?

Di  Davide  (inviato il 17/08/2014 @ 18:23:56)


n. 18


di sicuro dal cilindro usciranno ,QUI; QUO :QUA. e a turno faranno capo e vice capo.

Di  Nuntereggo piu'  (inviato il 09/08/2014 @ 16:31:34)


n. 17


ancora nessun Capo del DAP da parte del Consiglio dei Ministri e lo sbando la fa da padrone in tutti i settori centrali e periferici.
le uniche linee guida presenti sono: SOPRAVVIVERE ...

Di  PoveriNoi!  (inviato il 08/08/2014 @ 19:54:36)


n. 16


Hai ragione ci vuole la gestione automatizzata del personale!!Il sindacato si dia una mossa in questo senso. Non se ne può più di una gestione improvvisata ed affidata a graduati incapaci , che ignorano completamente i criteri in base ai quali si organizzano i turni e che quindi fanno un pò come pare aloro, favorendo quelli che a loro stanno simpatici e danneggiando i restanti.Non è possibile continuare a lavorare in questo modo.!!SINDACATO MUOVITI PER FAVORE!Siamo nel 2015 eppure siamo nella più assoluta arretratezza rispetto ali altri ambienti lavorativi in Italia e nel mondo.Senza un'organizzazione del lavoro è impossibile immaginare un istituto penitenziario efficiente e rispettoso dei diritti e della dignità degli agenti che vi lavorano.

Di  Davide  (inviato il 07/08/2014 @ 16:23:03)


n. 15


Secondo me nel caso avvenisse un'unificazione dei vari corpi di polizia, si dovrebbe unificare il sistema di lavoro, si dovrebbe cioè adottare per l'intero personale un programma di gestione delle risorse umane come nelle aziende tipo Fiat ecc, programma che gestisce in automatico il personale a turno e non in modo da poter gestire la quotidianità e le emergenze evitando così che i vari operatori debbano andare incontro a turni massacranti, e al pestaggio dei diritti con inevitabili ripercussioni sulla sfera anche privata.
Il DAP può e deve farlo anche ora senza aspettare oltre.

Di  Anonimo  (inviato il 04/08/2014 @ 15:47:13)


n. 14


IL SAP HA INDETTO UNA PETIZIONE SULL'ARGOMENTO ..
DOVREBBERO "TUTTE LE FORZE DI POLIZIA INTERESSATE", FARE ALTRETTANTO.
CHE DIO CI ASSISTA!!!

Di  GIGI  (inviato il 04/08/2014 @ 12:01:43)


n. 13


Finché qualcuno che regna ai piani alti delle Politica, continuerà ad imporre i suoi “NIET” contro il cambiamento del sistema di governo del Corpo di Polizia Penitenziaria, per noi non ci sarà alcuna possibilità di avvicendamento nella direzione e nell’amministrazione diretta del Corpo. A conferma di ciò, a quasi venticinque anni dall’emanazione della 395/90 e a circa 14 dall’istituzione dei ruoli Direttivi e Dirigenziali del Corpo di Polizia Penitenziaria, ancora oggi siamo gestiti dai Dirigenti Penitenziari, (estranei al Corpo)che senza alcuna qualifica specifica, preparazione ne tanto meno competenza nella gestione di un Corpo di Polizia dello Stato,continuano ad amministrare impropriamente il 4° Corpo di Polizia del Paese,usando e sfruttando il Personale del Corpo,riducendolo ad un Corpo di inservienti.

Di  l'Ultimo degli Agenti  (inviato il 02/08/2014 @ 23:04:18)


n. 12


Con l'unificazione delle forze di polizia vedo due grossi ostacoli. Uno si sa é la nostra burocrazia ministeriale che farà di tutto per impedirla. L'altro sarà proprio il sindacato che non mi sembra pronto ad unirsi con gli altri sindacati esistenti nella polizia e nella forestale.Voi cosa ne pensate????

Di  Pasquale  (inviato il 02/08/2014 @ 22:27:18)


n. 11


Io vorrei aggiungere una cosa. Penso possa davvero motivare molti di noi se a questo Corpo sia dato un compito istituzionale di rilevanza esterna, cio' potrebbe sicuramente riaccendere entusiasmi e spirito di corpo. Diversamente, non cambierà proprio nulla,il personale è demotivato e sfiduciato, tanto che non ce ne uno che parli bene dell'amministrazione di cui appartiene, e appena puo', va via per la pensione minima. Accorpare si ma fare in modo che il Corpo non continui ad essere considerato l'ultimo del carro, un corpo di gente che apre e chiude solo porte.




Di  Poliziotto Penitenziario  (inviato il 02/08/2014 @ 22:19:41)


n. 10


Siamo in coma !! Elettrocardiogramma piatto!! Elettroencelofagria nn da segni!! Stacchiamo la spina !! Sara' meglio!!

Di  Marcoarianese  (inviato il 01/08/2014 @ 22:56:47)


n. 9


Sono favorevole alla umificazione delle forze di polizie,cosi non ci sarà più una dispersione di denaro pubblico ma sarà gestito in maniera più equilibrata.

Di  antonio  (inviato il 01/08/2014 @ 18:27:55)


n. 8


....ancora che si parla , si sparla, si commenta ed altro? ma le carceri le avete visto a come sono ridotte?? i detenuti che esclamano : che pacchia sta galera....e noi a fare i camerieri?
allora andiamocene proprio in quiescenza e malattia per stress da lavoro , visti i carichi e gli accorpamenti dei posti di servizio......ma chi si deve uccidere e per chi , a chi bisogna far fare carriera, a chi deve mostrarsi BELLO ED EFFICIENtE E SULLE SPALLE DI CHI ? Ma oggi gli educatori che cosa fanno? vanno in sezione aperte ? sembra che vanno sempre di meno a fare i colloqui, mandano gli assistenti volontari avantii e poi loro vannoa fare i professorini.....ma ci facciano il piacere.............................io me ne sto a casa.....

Di  assitente stanco  (inviato il 01/08/2014 @ 17:37:36)


n. 7


Come dissi " Pasquale Amitrano" alla fine del film "..."lo sai che vi dico....lo sai che vi dico...andatevene tutti a pijà 'n 'der culo"!!!!
Io me ne vado in PENSIONE.

Di  antonio  (inviato il 01/08/2014 @ 14:02:31)


n. 6


Possiamo aprire un dibattito sul tema.

Il transito tra le varie specializzazioni non dovrebbe essere un ostacolo, considerato che si tratterebbe di una unica Polizia.
Quindi chi ha acquisito delle specializzazioni, potrebbe continuare ad essere impiegato nei servizi che già svolge.
Partecipare attivamente nelle squadre catturandi ad esempio, visto che la "conoscenza" del detenuto è una nostra peculiarità.
Gli "altri", certi soggetti li vedono per poche ore, noi per necessità ne approfondiamo la conoscenza, il modo di pensare e di agire.
Oggi, transitare nelle varie Specialità della Polizia di Stato, non è impossibile.

Potremmo occuparci di attività, dove non siamo secondi a nessuno, anzi, possiamo tranquillamente insegnare.
Sicurezza attiva e passiva degli Istituti (in sezione ci vadano assistenti sociali ed Educatori);
Controlli sui pacchi, senza "pressioni" dell'Autorità dirigente.
Controlli su chi entra a qualsiasi titolo;
Controlli sul di lavoro ai semi liberi;
Potenziare l'attività di controllo degli UEPE;
Collaboratori e penititi;
Arresti e detenzione domiciliare;
Espatri e rimpatri.
E' evidente che, se una riforma deve esserci, ogni Sindacato ha il dovere di pretendere che sia strutturata ed attuata, con tutti i crismi e che al personale della Polizia Penitenziaria, sia riconociuta la professionalità che lo distingue.

Ripeto, secondo il mio modesto punto di vista, l'unico ostacolo e:

magnerebbero troppo poco.

Di  PASQUINO  (inviato il 01/08/2014 @ 12:33:43)


n. 5


Ottima analisi; la definirei Platonica ...
Ognuno faccia il suo mestiere e non quello degli altri.
Almeno così mi sembra di ricordare che Platone intendesse la Repubblica.
Solo una considerazione in proposito:
non è che così la polizia penitenziaria tornerebbe ad occuparsi solo ed esclusivamente della CUSTODIA perdendo quindi tutte quelle specializzazioni e servizi, spesso non istituzionali (in senso stretto, intendo), guadagnati con anni di sacrificio?
Non è che dobbiamo ringraziare il Presidente della Repubblica se ad oggi tutti gli agenti impiegati nei vari uffici del DAP, PRAP, UEPE, Case Circondariali, Tribunali, Interforze ... ecc. sono ancora al loro posto?
Mi dispiace, ma l'idea di accorpamento proposta, mi sembra un piccolo passo avanti per pochi (i funzionari, ad esempio) ed un grande passo indietro per la Polizia Penitenziaria (da ispettore a scendere!).

Di  Assisto ... inerme  (inviato il 01/08/2014 @ 10:20:54)


n. 4


e poi il potere dei Signorotti....

Di  abaticchio  (inviato il 01/08/2014 @ 10:12:05)


n. 3


E' evidente che la razionalizzazione ed il risparmio, che contestualmente comporterebbero: efficienza ed efficacia ha un unico ostacolo.

magnerebbero troppo poco.......

Di  PASQUINO  (inviato il 01/08/2014 @ 09:38:13)


n. 2


Analisi perfetta, da condividere in pieno ....

Di  Divide et Impera  (inviato il 01/08/2014 @ 08:55:39)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.146.179.146


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

5 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

2 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

3 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

4 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

5 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

8 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Cinque posti da procuratore DNA a Roma: concorrono anche Alfonso Sabella, Francesco Cascini e Calogero Piscitello


  Cerca per Regione