Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Istituzione del reato di omicidio stradale, il ministro Palma predica bene e razzola male.


Polizia Penitenziaria - Istituzione del reato di omicidio stradale, il ministro Palma predica bene e razzola male.

Notizia del 21/08/2011

in Cesare Cantelli

(Letto 2277 volte)

Scritto da: Cesare Cantelli

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Mi lasciano molto perplesso le prime esternazioni del Ministro Palma.

Intanto, non credo sia stata una buona presentazione per la Polizia Penitenziaria, la sua visita a Regina Coeli.

In primis perché ha fatto precettare due terzi del personale il giorno di ferragosto.
In secundis perché quello stesso personale ha dovuto fare "un culo così" nella settimana precedente la visita per presentare il carcere per quello che non è.
Un po’ come fece qualche tempo fa la Casellati che (a quanto riferisce Lamberto Pace sul Foglio) si è fatta stendere un blue carpet, sul quale tra l'altro sembrerebbe essere anche inciampata.
In quel di Regina Coeli, quindi, Nitto Palma ha riferito alla stampa una summa dei suoi programmi in tema di sistema penitenziario.
Innanzitutto, manco a parlare di amnistia, indulto e quelle cazzate lì...
(Tanto se c'è chi se n'è fregato anche degli appelli di Papa Wojtyla in tempo di giubileo, figurati quanto si può sentire obbligato, lui, dagli appelli di Napolitano).
Piuttosto, si potrà valutare la depenalizzazione di qualche reato.
Il piano carceri, poi, secondo il neo Guardasigilli, sta andando a gonfie vele.
Quisquilie, infatti, le osservazioni di qualcuno circa l'irrilevante constatazione che a distanza di due anni non è stata posta nemmeno una prima pietra.
Pinzellacchere, inoltre, le segnalazioni circa il fatto che anche laddove si arrivasse un giorno a vedere finite le nuove strutture, non ci sono gli agenti per aprirle.
In realtà, anche se le programmate assunzioni di personale dovessero reggere l'urto delle cesoie di Tremonti, qualcuno dovrebbe spiegare a Palma che non sono nemmeno sufficienti a compensare il turn over fisiologico e che, fra tre anni, potremmo essere sotto organico anche di diecimila unità: vale a dire che saremo costretti a chiudere le carceri vecchie... altro che aprire quelle nuove.
The last, but not the least, lo stesso Ministro Palma, qualche giorno dopo il party ferragostano di Regina Coeli e contraddicendo tutto quello che aveva affermato prima, si dice in sintonia con il collega Maroni (strano fatto visto che quando era Sottosegretario agli Interni non c'era tanto fealing tra i due...) per la presentazione in tempi brevi di un ddl co-firmato per l'istituzione del nuovo reato di "omicidio stradale".
Alla faccia della depenalizzazione dei reati!
Intendiamoci bene, non che io sia contrario concettualmente all’arresto di personaggi come quello che ha guidato ubriaco contromano sull'autostrada, causando quattro vittime, ma non si può predicare bene e razzolare male come ha fatto Palma.
Intanto andrebbe fatto un ragionamento sulla autonomia discrezionale della magistratura di emettere provvedimenti di custodia cautelare e di quanto sia opportuno che il potere esecutivo si intrometta con quello giudiziario.  Ma questo, francamente, ci interessa di meno.
La questione principale mi sembra, invece, quella sulle priorità.
O meglio, come amava dire il Ministro Flick, Nitto Palma dovrebbe prima stabilire "un ordine di priorità delle priorità".
In parole povere, se la priorità delle priorità (come sta dicendo da tempo anche il Presidente della Repubblica) è il sovraffollamento delle carceri, prima bisogna risolvere questo problema e poi (soltanto poi) vanno affrontati tutti gli altri problemi che riguardano le pene detentive e tutte le loro declinazioni.
E' per questa ragione che il Ministro Palma deve innanzitutto realizzare interventi urgenti, immediati e concreti che deflazionino il sovrappopolamento carcerario.
Non importa se questi si chiamino depenalizzazione, misure alternative alla detenzione, braccialetto elettronico, amnistia, indulto o quant’altro... in questo momento lo Stato ha il dovere di intervenire sull'emergenza penitenziaria.
Non possiamo più tergiversare sulla sofferenza delle persone private della libertà, continuando a toglierli anche la dignità, quella stessa dignità che, inevitabilmente, finiamo per perdere anche noi che in carcere ci lavoriamo.
Non possiamo più, e a maggior ragione non può il Ministro Palma, farci distrarre dagli umori dell'opinione pubblica che, ovviamente, non può che essere condizionata da quello che accade giorno per giorno, alternando richieste di clemenza a pretese di maggior rigore penale di fronte ad accadimenti di forte allarme sociale.
Lo Stato, e un Ministro che lo rappresenta, non può e non deve farsi condizionare da questo.
(P.S.
A proposito di braccialetti elettronici, è stata davvero sorprendente la sollecitudine con la quale l'ufficio stampa del capo del dap è sceso in campo in (presunta) difesa del Ministro Palma quando lo abbiamo tirato in ballo sullo scandalo dei 110 milioni di euro pagati alla Telecom senza usufruire del servizio: Ionta e il suo staff mass-mediatico hanno prontamente bacchettato il Sappe per aver "ingiustamente" coinvolto Palma in "un affare" che non lo riguarda.
Curioso il fatto che, secondo Ionta, il Ministero della Giustizia (e quindi il dap) non avrebbe niente a che fare con il braccialetto elettronico, apparecchio che serve per il controllo della detenzione domiciliare, misura alternativa alla detenzione e, a pieno titolo, rientrante nell'esecuzione penale esterna.
E pensare che quello stesso ufficio stampa si guarda bene dal prendere posizione in difesa dei poliziotti penitenziari quando questi vengono ingiustamente attaccati dai mezzi di comunicazione di massa...
Come dire: "l'ufficio è mio e me lo gestisco io..."
Buon pro’ vi faccia.)

 

Cesare Cantelli


Scritto da: Cesare Cantelli
(Leggi tutti gli articoli di Cesare Cantelli)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
E'' stato ritrovato il Poliziotto penitenziario scomparso venerdì
Carcere di Fuorni, Santi Consolo non mantine le promesse: la protesta dei Poliziotti penitenziari
Alcol e telefonino nel carcere di Mantova: erano in una cella occupata da detenuti Rom
Direttore del carcere di Busto Arsizio ammette le difficoltà: pochi Agenti ed educatori, ed è tornato il sovraffollaemento
Presidente Trump ritira l''ordine di ridurre le carceri private negli USA
Sindaco di Lucca: il carcere rimane quello, dal Ministero solo le solite proposte
I familiari delle vittime della Uno Bianca: loro hanno ucciso i nostri cari, che muoiano in carcere
Agenti penitenziari perquisiscono la sua cella e il detenuto rompe lo sgabello e ferisce due Poliziotti del carcere di Udine


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 3


Caro amico che ti firmi Ino Second, siccome odio quella parola anche se anagrammata, preferirei chiamarti Pippo ...
Allora caro Pippo, innanzitutto permettimi di dirti che credo sia meglio essere demagogo che ipocrita.
Poi, parafrasando irriverentemente JF Kennedy, invece di chiederti cosa potremmo fare noi per te, dicci cosa potresti fare tu per noi.
Salutassimo.

Di  Cesare Cantelli  (inviato il 21/08/2011 @ 17:48:19)


n. 2


Propongo a quelle persone come Cesare Cantelli una soluzione al sovraffollamento delle carceri visto che si annnulla anche la dignità delle persone detenute:
Perchè non vi portate qualche detenuto a casa vostra così gli ridate dignità e deflazionate il sovraffollamento?
Chiedetelo anche ai familiari delle vittime di queste persone cosa ne pensano.
Che damagogo signor cantelli!

Di  Ino Second  (inviato il 21/08/2011 @ 10:34:24)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.205.106.138


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Circolare del GOM: togliete le foto da Facebook, è in atto una schedatura dei Poliziotti

2 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

3 Giuseppe Simeone, sostituto commissario al Dap, 59 anni, stroncato da un infarto

4 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Diventa anche tu Capo del DAP!

7 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

8 C’era una volta la sentinella

9 Orlando e Consolo: pubblicate i dati reali del sovraffollamento

10 Italicum, Porcellum, Mattarellum e Consultellum





Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

7 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

8 Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria

9 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni

10 E'' stato ritrovato il Poliziotto penitenziario scomparso venerdì


  Cerca per Regione