Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Italicum, Porcellum, Mattarellum e Consultellum


Polizia Penitenziaria - Italicum, Porcellum, Mattarellum e Consultellum

Notizia del 15/02/2017

in L''Osservatorio Politico

(Letto 1305 volte)

Scritto da: Giovanni Battista Durante

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Il nuovo Governo Gentiloni si è insediato da poco, con il principale scopo di varare una riforma della Legge elettorale che consenta di andare al voto, senza creare instabilità successive.

Questo, però, non è l'obiettivo di tutti i partiti e gli schieramenti politici, soprattutto quelli minoritari, i quali, da un esito elettorale incerto e di equilibrato, sperano di trarne vantaggio facendo l'ago della bilancia:

un vecchio sistema, questo, tutto italiano che per tantissimi anni soprattutto nella prima Repubblica ha consentito a piccoli partiti di poter partecipare alla formazione dei vari governi democristiani e anche socialisti.

L'esigenza di una riforma della legge elettorale nasce dalla mancata approvazione  della riforma costituzionale.

L'Italicum è la legge elettorale voluta dal governo Renzi che, con l'abolizione del Senato elettivo, come lo conosciamo oggi, avrebbe dovuto funzionare solo per la Camera dei Deputati.

La mancata approvazione, da parte dei cittadini italiani con il referendum del 4 dicembre 2016, della riforma Costituzionale, ha lasciato in eredità due leggi elettorali diverse per Camera e Senato: da una parte l'Italicum e dall'altra il c.d. Consultellum, ciò che rimane del Porcellum (riforma Calderoli), dopo la sentenza della Corte Costituzionale del 4 dicembre 2013.

L'Italicum prevede che dei 630 seggi previsti per la Camera dei Deputati 618 provengano dai voti espressi sul territorio nazionale ed i restanti 12 da quelli degli italiani all'estero.

Dalle attuali 27 circoscrizioni si passerebbe a 20, una per ogni regione e le regioni verrebbero divise in collegi; ad ogni Collegio spetterebbe un determinato numero di seggi, in proporzione ai suoi abitanti.

Sono previste delle soglie di sbarramento, in base alla percentuale di voti ottenuti a livello nazionale: 12% se si tratta di una coalizione di liste, 8% se è una lista singola, 4,5% per una lista singola all'interno della coalizione.

Ciò che ha fatto maggiormente discutere di questo nuovo sistema elettorale è il premio di maggioranza, inviso ai partiti minori.

In base ai risultati elettorali si potrebbero determinare i seguenti scenari.

Intanto bisogna evidenziare che per l'attribuzione del premio di maggioranza bisogna ottenere il 37% dei voti.

Se la lista o coalizione di liste non ottiene il 37% si va al ballottaggio tra le due che hanno raggiunto il maggior numero di voti; se ottiene il 37% dei voti, ma meno di 340 seggi, vince e ottiene il premio di maggioranza.

Se raggiunge il 37% e 340 seggi vince senza premio di maggioranza.

Al Senato si dovrebbe invece andare a votare con il c.d. Consultellum, sistema elettorale proporzionale, le cui soglie di sbarramento sono pari al 2% per i partiti coalizzati e al 4% per quelli non coalizzati.

E' un sistema entrato in vigore in seguito alla sentenza della Corte Costituzionale del 4 dicembre 2013.

La Corte ritenne incostituzionale sia il premio di maggioranza, sia le liste bloccate senza preferenze.

Tali liste erano state approvate con la Legge Calderoli che, in seguito, lui stesso definì in una trasmissione di Porta a Porta «una porcata», da qui il termine Porcellum.

Le modifiche della Corte lasciarono in vigore una legge proporzionale pura, priva del premio di maggioranza e con la possibilità, per gli elettori, di esprimere una sola preferenza.

Renzi, nella recente riunione della direzione nazionale del PD, ha lanciato la proposta di partire dalla legge elettorale che porta il nome dell'attuale presidente della Repubblica.

La legge Mattarella fu approvata il 4 agosto del 1993, dopo il referendum del 18 aprile dello stesso anno. Fu introdotto un sistema elettorale misto, così composto:

• maggioritario a turno unico per la ripartizione del 75% dei seggi;

• recupero proporzionale dei più votati e non eletti per il Senato, attraverso un meccanismo di calcolo denominato scorporo, per il rimanente 25% dei seggi assegnati al Senato;

• proporzionale con liste bloccate per il rimanente 25% dei seggi assegnati alla Camera;

• sbarramento del 4% alla Camera.

Tale sistema riunì tre diverse modalità di ripartizione dei seggi: quota maggioritaria di Camera e Senato, recupero proporzionale al Senato, quota proporzionale alla Camera.

Tale proposta potrebbe essere la base di partenza, almeno da quanto si è appreso attraverso le reazioni della maggior parte dei partiti presenti in Parlamento, una buona base di partenza per giungere ad un accordo che vada oltre l'attuale maggioranza parlamentare.

 


Scritto da: Giovanni Battista Durante
(Leggi tutti gli articoli di Giovanni Battista Durante)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agenti con gastroenterite nella scuola di Cairo Montenotte: le analisi hanno appurato che era influenza
Movimento cinque stelle: il decreto di riforma dell''ordinamento penitenziario serve a smantellare il 4-bis, un regalo ai detenuti pericolosi
Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo
Record di sequestri di telefonini nelle carceri italiane. Aumento del 58 per cento nel 2017
Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione
Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà
Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi
Agenti intossicati a Cairo Montenotte: prime analisi confermano batteri nel filtro della cucina della scuola


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


Per amor di Dio è di Patria meglio lasciare perdere questi argomenti politichesi .
Oggi la politica si occupa solo di problemi legati al partito come attualmente nel PD
Poi c'è il movimento cinque stelle idem con patate , forza Italia idem con carciofi , NCD idem con patate e carciofi .
Mai una volta che riescano in qualcosa in riescono neanche di risolvere i loro problemi interni figurarsi se risolvono qualcosa di buono .
Sono un branco di lupi

Di  Anonimo  (inviato il 17/02/2017 @ 11:16:27)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.227.104.40


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Gratteri, Ardita, Stati Generali... fino ad oggi sono state ignorate tutte le proposte di riforma della Polizia Penitenziaria ...il 2018 sarà l’anno buono?

3 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

4 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

5 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

6 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

9 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

10 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia





Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

7 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione