Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
LA CALUNNIA di Botticelli


Polizia Penitenziaria - LA CALUNNIA di Botticelli

Notizia del 28/01/2011

in Cesare Cantelli

(Letto 6832 volte)

Scritto da: Cesare Cantelli

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


 

LA CALUNNIA di Botticelli
 
 
La scena si legge da destra di chi guarda: sul trono, Re Mida affiancato da due figure femminili (Sospetto e Ignoranza); in piedi, davanti al re, vestito di stracci, il Livore stringe il polso della Calunnia che trascina, del tutto indifferente, la propria vittima; Invidia e Frode le ornano i capelli. Alla loro sinistra, una vecchia, simbolo della Penitenza, rivolta verso la Verità, che è nuda.
 
Botticelli per il suo dipinto si è ispirato al dipinto di Apelle (celebre pittore della Grecia antica) che raffigurava La Calunnia.
La Calunnia  è un'immagine allegorica e il pittore greco la aveva dipinta per difendersi dalle calunnie di un collega invidioso. Un giovane, il calunniato innocente, è trascinato davanti a Re Mida seduto in trono alla destra del quadro. Il Re ha le orecchie d'asino del cattivo giudice ed è stretto tra due donne, l'Ignoranza e il Sospetto, che sussurrano false parole. Ha gli occhi abbassati e non vede la scena che ha di fronte, si affida pertanto alle sue cattive consigliere.
L'Odio, un uomo dallo sguardo tagliente e il gesto aggressivo, coperto da un abito logoro afferra per un braccio una bellissima donna, la Calunnia, che trascina per i capelli il calunniato, avvolto solo da un panno. La sua nudità è simbolo di innocenza. Due ancelle, l'Invidia e l'Inganno, acconciano i capelli della Calunnia con rose e un nastro bianco, travestendola con le immagini della purezza (le rose) e dell'innocenza (il nastro bianco).
Il gruppo è seguito da una vecchia arcigna, incappucciata in un manto nero, personificazione del Pentimento. Solo lei guarda la Verità, nuda e isolata da tutti gli altri (segno della sua incorruttibilità), che volge lo sguardo verso l'alto e indica il cielo dal quale solo può provenire la vera giustizia.
La scena si svolge in una loggia adorna di statue e bassorilievi. Tre arcate si aprono sulla quiete azzurra di un paesaggio marino; il loro ritmo cadenzato e solenne accentua la concitazione della scena in primo piano.
 

Cesare Cantelli


Scritto da: Cesare Cantelli
(Leggi tutti gli articoli di Cesare Cantelli)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotti Penitenziari aggrediti da un detenuto nel carcere di Busto Arsizio
Ndrangheta: boss impartiva ordini dal carcere de L’Aquila. 12 arresti
Torino IPM. Evasione sventata dalla Polizia Penitenziaria
Biella, agente di Polizia Penitenziaria Aggredito da un Detenuto
Evasione da Sollicciano: due dei tre evasi erano stati arrestati qualche giorno prima
Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento
Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata
Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


belliiiiiiiiiiiiiiiiiii!

Di  beatrice gagna  (inviato il 14/12/2011 @ 10:02:22)


n. 4


Perchè non facciamo un gioco ?
Proviamo ad indicare un sindacalista che possa rappresentare ciascun personaggio del quadro.
Secondo me ci avanzano pure le riserve...

Di  Marione  (inviato il 30/01/2011 @ 11:58:47)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.5.230


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

3 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

4 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

5 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

6 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

7 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

8 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

9 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

10 Diventa anche tu Capo del DAP!





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

5 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

6 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

7 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

8 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni

9 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

10 Bidognetti, il capoclan dei Casalesi, comunicava dal 41-bis con messaggi nascosti


  Cerca per Regione